Connect with us

Diritti umani

Yemen: 3.600 scuole chiuse a causa del conflitto

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

L’UNICEF riporta a scuola 200mila bambini

862261-reuters_yemen_children_Febx-1427866770-946-640x48024 luglio 2015- Il conflitto in corso in Yemen sta avendo un impatto devastante sul sistema scolastico del paese – e sulle possibilità di milioni di bambini di accedere all’apprendimento. Mesi di continui bombardamenti e di combattimenti in strada hanno costretto più di 3.600 scuole a chiudere; almeno 248 scuole sono state direttamente danneggiate; altre 270 stanno ospitando sfollati e 68 sono occupate da gruppi armati. Per fare  in modo che i bambini non perdano completamente la loro istruzione, l’UNICEF sta sostenendo classi di recupero per oltre 200.000 studenti – che rappresentano solo una parte degli 1,8 milioni di bambini la cui frequenza scolastica è stata interrotta per almeno due mesi . Le classi di recupero per studenti del grado 9 e 12 che devono sostenere gli esami nazionali dovrebbero iniziare a metà agosto per consentire di avere lo School Certificate (per il ciclo delle elementari e per quello della scuola secondaria). “Dare ai bambini dello Yemen una formazione è di fondamentale importanza per il proprio futuro e quelle delle loro famiglie e comunità”, ha detto Julien Harneis, Rappresentante UNICEF in Yemen. “Stiamo facendo tutto il possibile perché  i bambini  tornino a scuola, in modo che essi non perdano completamente la loro istruzione. Esortiamo le parti in conflitto a rispettare la sicurezza delle scuole, in modo da dare ai bambini la possibilità di imparare”, ha aggiunto. Il Ministero dell’Istruzione sta aiutando a mobilitare gli insegnanti necessari, alcuni dei quali sono fuggiti alle violenze. Se le scuole sono danneggiate, o sono state utilizzate da sfollati o gruppi armati, saranno realizzati spazi di apprendimento temporanei come tende. Dall’inizio del conflitto, l’UNICEF sta lavorando con i partner per facilitare l’integrazione degli alunni le cui famiglie sono state sfollate in modo che possano sostenere esami in tutte le scuole dove la situazione della sicurezza lo permetta. L’UNICEF sta anche fornendo risorse per l’insegnamento e l’apprendimento, tra cui quaderni, matite e cartelle per la scuola agli studenti, visto che il reddito di molte famiglie è stato duramente colpito, mentre i mercati sono stati distrutti o sono chiusi, il che rende difficile per gli studenti avere i materiali di cui hanno bisogno. L’apertura del prossimo anno scolastico è prevista per il 5 settembre, ma molto dipenderà dalla situazione della sicurezza.  “Ho visto i bambini cercare di scrivere per terra perché vogliono imparare tanto”, ha detto Jameelah Sailan,  Responsabile degli Insegnanti della Scuola Arwa Girls nel Governatorato di Sa’ada “Molti genitori sono preoccupati per i loro figli fuori sulla scuola. Sperano solo la guerra finisca in modo che la vita possa tornare alla normalità ed i loro bambini possano continuare ad andare a scuola e avere un futuro luminoso “, ha aggiunto Sailan.  Prima del conflitto, il tasso netto di iscrizione scolastica nello Yemen era pari a 79%, mentre 2 milioni di bambini in età scolare non frequentavano la scuola a causa di povertà,  discriminazione, apprendimento di scarsa qualità e conflitto. L’UNICEF chiede  11 milioni di dollari per sostenere: la riabilitazione delle scuole danneggiate; i kit per l’insegnamento; la formazione degli insegnanti e degli operatori comunitari da coinvolgere nel sostegno psicosociale;  per portare avanti la campagna “Back-to-School”.

È possibile sostenere i progetti dell’UNICEF con una donazione tramite:

– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia,

– carta di credito online sul sito www-unicef.it,

– oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000

– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051.

Per maggiori Informazioni: Ufficio Stampa: tel.: 06/4780346/233 e 334/1196798;  e-mail: press@unicef.it;

Print Friendly, PDF & Email