UNICEF/Iraq: a causa delle violenze 2 milioni di bambini non vanno a scuola

By 30 ottobre 2015Diritti umani

Oltre 5,300 nel paese – circa 1 su 5 – non possono essere utilizzare perché sono state distrutte, danneggiate, utilizzate come rifugi per famiglie sfollate


unicef30 ottobre 2015 –In questa settimana si conclude l’inizio scaglionato dell’anno scolastico, ma circa 2 milioni di in tutta la nazione non frequentano la scuola. Altri 1,2 milioni tra i 5 e i 14 anni rischiano di abbandonarla. Oltre 5,300 scuole nel paese – circa 1 su 5 – non possono essere utilizzare perché sono state distrutte, danneggiate, utilizzate come rifugi per famiglie sfollate o per scopi militari dalle parti in conflitto. Solo lo scorso anno sono stati registrati 67 attacchi a scuole o personale scolastico. Tra le scuole ancora utilizzabili, migliaia sono oberate di alunni, con classi che accolgono anche 60 studenti, con due o tre turni al giorno. Questo ha ridotto significativamente per ogni bambino il numero di ore dedicate all’apprendimento. Nel nord dell’Iraq, circa 14.000 insegnanti sono stati costretti a fuggire a causa delle violenze. Le continue violenze hanno avuto impatti negativi sull’accesso all’istruzione dei . Circa un milione di sono sfollati, il 70% di questi ha già perso un intero anno scolastico. “L’impatto dei conflitti, delle violenze e degli spostamenti sull’istruzione in Iraq non rappresentano solo un cortocircuito devastante”, ha dichiarato Peter Hawkins, Rappresentante dell’ in Iraq. “Un gran numero di – quelli nelle comunità ospitanti, quelli sfollati dalle proprie case, i rifugiati dalla – continuano a subire importanti interruzioni del loro percorso scolastico, mettendo l’Iraq a rischio di perdere un’intera generazione a causa del conflitto. E’ tremendo vedere e insegnanti nel paese percorrere grandi distanze, spesso rischiando le proprie vite, per raggiungere le scuole”. Lo scorso anno, come parte della risposta generale alla crisi in Iraq, l’UNICEF e i suoi partner hanno garantito accesso all’istruzione a circa mezzo milione di .

in Iraq l’UNICEF ha:

–          costruito 40 nuove scuole e disposto nel paese 141 classi prefabbricate;


–          stabilito 1.585 spazi temporanei per l’apprendimento, dando così la possibilità a 220.000 bambini sfollati di continuare il proprio percorso scolastico;

–          ha distribuito materiale scolastico (materiali di cancelleria, quaderni, zaini e altro) ad oltre 200.000 bambini;

–          ha distribuito materiali per la prevenzione del colera (libri, poster e volantini) in 5.000 scuole.

L’UNICEF, in Iraq, è impegnato ad ampliare l’accesso dei bambini all’istruzione. Per continuare a rispondere ai loro bisogni nel settore dell’istruzione, l’UNICEF chiede 68 milioni di dollari entro la fine dell’anno, di questi, 12 milioni sono urgentemente necessari.

Sostieni la campagna UNICEF “Non è un viaggio. E’ una fuga. AIUTA I BAMBINI IN PERICOLO” con

donazioni su www.unicef.it/bambininpericolo

Lascia un commento