Palermo, la raccolta differenziata premiata con scontrini per il trasporto pubblico

Brancaccio, la raccolta differenziata comprende anche toner e cartucce per stampanti ed un premio, per la collaborazione dei cittadini, in buoni per biglietti del trasporto pubblico. Attenzione anche ai furbi, 527 controlli degli agenti di tutela, decoro e vivibilità urbana con 231 sanzioni elevate da gennaio.

La lotta per un mondo più pulito non si ferma e l’esempio arriva da Brancaccio, un piccolo quartiere di Palermo, dove far del bene all’ambiente è tradotto in agevolazioni per i cittadini. Il centro comunale di raccolta della differenziata ha introdotto tra i rifiuti da smaltire, anche i toner e le cartucce delle stampanti utilizzati a casa. È il risultato di una convenzione gratuita della Rap, l’azienda comunale che gestisce i rifiuti, siglata con la U.Gri s.n.c. di Carini per smaltire questo tipo di rifiuti e sono stati raccolti già i primi 80 chilogrammi di toner e cartucce. In viale dei Picciotti, da inizio febbraio ad oggi, sono stati registrati tra gli 80 e i 100 accessi al giorno, il doppio rispetto allo stesso periodo del mese precedente.

Una crescita confermata anche dalla quantità di rifiuti speciali raccolti: 80 tonnellate a gennaio e più di 100 il 19 febbraio. Per la collaborazione dei cittadini, degli scontrini da convertire in biglietti del trasporto pubblico, di cui nelle prime due settimane di questo mese ne sono stati rilasciati 2.150, con una media di 180 al giorno. “La piena fruizione del centro di raccolta – dice l’amministratore unico della Rap, Giuseppe Norata – ci dà la conferma che il sistema dei centri comunali di raccolta a Palermo, che saranno non meno di 20, può dare una svolta per la pulizia della città”. Importante anche la lotta agli incivili, in sette giorni la polizia municipale ha effettuato 109 controlli con un bilancio di 48 sanzioni. Gli agenti in borghese, a bordo di mezzi civetta, hanno pizzicato 21 persone, mentre abbandonavano rifiuti indifferenziati senza rispettare gli orari previsti, che sono state multate con una sanzione di 166,67 euro.

Le cartucce per stampanti sono più costose dello Chanel n. 5: tutti i consigli pratici per risparmiare

 

[AdSense-A]

Il mercato delle cartucce per stampanti in Italia rappresenta una buona percentuale del mercato IT (Tecnologia) e sviluppa un fatturato globale di 1094 miliardi di euro.

Le cartucce per stampanti rappresentano circa il 30% dei costi di cancelleria di un’azienda e pesano spesso anche sul bilancio di tante famiglie che hanno una stampante collegata al PC di casa. Il mercato delle cartucce per stampanti in Italia rappresenta una buona percentuale del mercato IT (Tecnologia) e sviluppa un fatturato globale di 1094 miliardi di euro. Se poi analizziamo le spese all’interno delle aziende, ci accorgiamo di come i costi di stampa hanno raggiunto il 30% delle spese di cancelleria varia. Particolare da non sottovalutare la maggior parte delle cartucce per stampanti ink jet sono più costose di un famosissimo profumo di lusso. Abbiamo infatti confrontato i prezzi delle cartucce per ink jet più vendute in Italia e le sorprese non sono mancate.Facendo un calcolo, molto semplice, del costo delle cartucce suddiviso il contenuto espresso in millilitri, abbiamo scoperto che la maggior parte delle cartucce hanno un costo superiore al famosissimo profumo Chanel n. 5. Esiste un sistema per risparmiare sulle cartucce per stampanti? Lo abbiamo chiesto a Bruno Mutti, imprenditore e blogger di targetsas.it  esperto di tematiche inerenti l’ufficio, che ci ha stilato una lista di 5 consigli per risparmiare fino al 70% sui consumi e sui costi della stampa.

  1. Acquistare la cartuccia in versione alta capacità. I brands più conosciuti vendono le cartucce in versione standard e alta capacità ma se fate il calcolo del loro prezzo suddiviso per il contenuto espresso in millilitri vi accorgerete che quelle ad alta capacità sono nettamente preferibili (e più economiche)
  2. Acquistate quando è possibile le confezioni multiple o chiamate anche multipack. Sono confezioni che contengono 2/3 cartucce e sono molto scontate rispetto al loro codice singolo.
  3. Acquistate la cartuccia in versione compatibile. O meglio, provatela, testatela e se funziona senza nessun problema, avete fatto un ottimo risparmio.
  4. Sostituite il carattere Times New Roman con il font Spranq eco sans che trovate facendo una semplice ricerca su google. Questo carattere è studiato appositamente per risparmiare anche il 10% di inchiostro
  5. Fate sempre un’anteprima di stampa evitando così di stampare inutilmente pagine che non servono.

L’infografica completa della guida su come risparmiare sulla cartucce per stampanti è scaricabile al link www.targetsas.it/documenti/cartucce-info.pdf

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com