Spigaroli regala i segreti da grande chef

Ogni domenica fino a luglio 2016, “Pillole di cucina”: incontri gratuiti al Labirinto di Fontanellato con lo stellato e il suo staff. Una scuola sui classici italiani, dai risotti alle paste secche

image001Roma, 15 Aprile –  Si fa presto a dire “preparo un brodino”, ma non è affatto semplice. Quanti e quali tipi di carne utilizzare? Si parte con acqua fredda o bollente? E le verdure? Per non parlare del risotto: mantecare sì, ma come? E quanto a lungo? Le risposte a questi interrogativi sono custodite gelosamente dai grandi chef, che in anni di fornelli hanno raccolto preziosi accorgimenti che nessun libro di cucina può svelare. Ebbene: Massimo Spigaroli, stellato Michelin dell’Antica Corte Pallavicina, è pronto a regalarli. Lo fa ogni domenica dalle ore 17 insieme con il suo staff al Bistrot del Labirinto di Fontanellato (PR) durante gli incontri gratuiti “Pillole di cucina”. Una serie di appuntamenti dedicati a ricette italiane classiche, dalle paste alle conserve, ma anche più creative e veloci, come le insalate e i panini, dove il tocco dell’artista fa la differenza tra un gusto solito e noioso a un risultato sorprendente. In questi brevi e conviviali ritrovi, lo chef propone un piatto, spiega la scelta degli ingredienti adatti ad ottenere il massimo risultato e lo prepara passo passo, in una vera e propria scuola di cucina che si conclude con l’assaggio del risultato finale. Per poterlo poi ripetere a casa propria. Domenica 17 aprile 2016 si approfondiranno i trucchi per preparare il brodo, il 24 aprile sarà il turno dei risotti, il primo maggio tocca ai grani antichi, cereali da riscoprire in tutta la loro forza e genuinità, mentre la settimana successiva, l’8 maggio, toccherà all’appuntamento cucinare con le uova, tenendo conto che proprio Spigaroli tra i suoi piatti ormai cult, conta l’uovo a guscio bianco pochè su purea di patate dolci, con asparagi e caviale e croccante di Culatello, incantevole narrazione di gusti e texture. Il 15 maggio è in calendario un appuntamento molto pratico e casereccio, con tutti i segreti del pane fatto in casa, mentre il 22 maggio, dopo aver imparato a cucinare la base, toccherà ai panini gourmet, sfiziosità quanto mai adatte ai pic-nic del mese in corso. Si prosegue il 29 maggio con un incontro sulla pasta secca lunga e la domenica successiva, 5 giugno, la scuola di cucina tratterà la pasta secca corta. Il 12 giugno un grande classico dell’arte di Spigaroli, che dall’orto ha portato a tavola un mondo salutare e ricco di sapori: si parla infatti delle insalate con le verdure dell’orto,per scoprire che la materia prima conta, eccome, e che si può preparare un piatto gustoso anche senza esagerare con condimenti e calorie. Più “peccaminoso” l’appuntamento del 19 giugno, quando lo chef insegnerà come ottenere la frittura croccante e perfetta delle verdure. Il 26 giugno sarà dedicato a un approfondimento sulle conserve di verdura dell’orto, mentre il 3 luglio inizia la stagione ideale per le conserve di frutta. Il 10 luglio toccherà a un altro cavallo di battaglia emiliano: si parla di frutta sotto spirito e liquori.

I posti sono limitati, è consigliata la prenotazione telefonando allo 0521 1855372 oppure inviando una mail a ristorazione@fratellispigaroli.it.

La notte è giovane

Per tutto il 2016, l’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (PR), offre menu e pernottamenti a prezzi speciali alle coppie con meno di 50 anni in due

image001Parma, 7 gennaio – È sempre più chiaro che, per imparare a distinguere la qualità dei sapori e formare un gusto degno di questo nome, la prima regola è sperimentare fin da giovani. Ed è altrettanto evidente che – vuoi per la tanto menzionata crisi, quanto per una disponibilità economica non sempre elevata – chi non ha capelli bianchi in testa, spesso, non è nelle condizioni di permettersi esperienze gastronomiche da ricordare e notti da sogno. All’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (PR), i fratelli Spigaroli – anche se, come istituzione della cucina e dell’ospitalità italiane, sembrano esistere da sempre – sanno bene cosa significa essere di primo pelo e avere in tasca più sogni che denaro, con la prospettiva di rimanere ad appannare il vetro del ristorante, accontentandosi della visione, in mancanza di meglio. Ecco perché, ormai da tempo, il rinomato regno della tradizione culinaria emiliana sul Po riserva alle coppie under 50 – formate da persone che non superino i 50 anni di età in due – un menu speciale, offrendo la possibilità di consumare una cena a prezzo ridotto in un tempio enogastronomico della Bassa Parmense, seduti ai tavoli migliori, nella veranda – affacciata sull’argine del fiume – oaddirittura in cucina, dove solo i cuochi selezionati hanno normalmente accesso. Il menu prevede 5 portate e comprende i vini abbinati suggeriti dal sommelier della corte. Ora e per tutto il 2016, l’iniziativa 50 in Due si estende però anche all’altra faccia dell’Antica Corte Pallavicina, quella che si appoggia sul cuscino e riposa in una camera esclusiva, completamente circondata dalla natura fluviale e cullata dalla melodia dell’acqua che scorre incessantemente. Alle coppie che – considerata la somma delle età dei due singoli – non superano i 50 anni di età e che desiderino cenare presso il ristorante Antica Corte Pallavicina con il menu 50 in 2, viene offerta la possibilità di pernottare – ogni giorno, esclusi il sabato e i prefestivi – in una delle 11 eleganti camere del Relais. Per mantenere il carattere di eccezionalità dell’esperienza, solo due camere e due tavoli sono stati destinati alla proposta. Prenotazione obbligatoria, al numero 0524 936539. La promozione in camera è da intendersi legata a quella al ristorante.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com