Milano, sparatoria in Tribunale. Pisapia: “Cordoglio per le vittime del folle gesto”

“Grazie a Forze dell’Ordine e Carabinieri per l’arresto dell’omicida”lo ha affermato il sindaco di Milano sconvolto per la morte di quattro persone tra cui il giudice Ciampi a seguito della sparatoria avvenuta stamane  al Palazzo di Giustizia
spari_tribunale_milano_1_pisapia_fotogrammaMilano, 9 aprile  – “Cordoglio mio e di tutta la città per le vittime della tragedia che si è consumata all’interno del Palazzo di Giustizia di Milano. Una notizia che ha sconvolto tutti noi. Ringrazio tutte le Forze dell’Ordine intervenuti sul posto e i Carabinieri che hanno arrestato il responsabile del folle gesto. Sono vicino alle famiglie delle vittime, tra cui il giudice Fernando Ciampi che conoscevo personalmente e che ho sempre apprezzato per la sua professionalità e umanità. La mia vicinanza a tutta la magistratura, all’avvocatura e ai lavoratori di Palazzo di Giustizia”. Lo ha dichiarato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia  a seguito del grave attentato al Tribunale di Milano dove hanno perso la vita quattro persone tra cui  il giudice Fernando Ciampi e l’avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani. La terza vittima è Giorgio Erba, oltre a Davide Limongelli gravemente ferito.  Questa mattina intorno alle ore 11 un uomo, individuato come Claudio Giardiello, 57 anni, residente a Brugherio nell’hinterland milanese ma nato in provincia di Avellino a Fontanarosa, imputato per bancarotta fraudolenta nell’ambito del processo dell’Immobiliare Magenta, ha fatto irruzione nel Palazzo di Giustizia milanese sparando in prima battuta nella stanza del giudice Ciampi, quindi si è diretto verso l’aula e ha rifatto fuoco sparando all’avvocato e verso i suoi coimputati che lui riteneva ‘causa’ dei suoi guai. A quanto emerge dalle indagini l’omicida si sarebbe nascosto per mezz’ora all’interno del Palazzo di Giustizia, poi è stato inseguito per un’ora ed infine arrestato dai carabinieri della compagnia di Monza a Vimercate dopo essere fuggito con una moto.

Usa, sparatoria in un parco: tra i feriti un bimbo di tre anni. E’ grave

CT shooting03.JPGE’ caccia ai responsabili degli spari che hanno ferito 13 persone ieri sera a Chicago. Gravi le condizioni di cinque di loro, tra cui un bambino ferito alla testa

Roma, 20 settembre – Giovedì sera poco dopo le 22 qualcuno ha sparato colpi d’arma da fuoco in un parco di Chicago. Gli spari hanno ferito 13 persone, tra cui due adolescenti ed un bimbo di soli tre anni. Quest’ultimo, colpito alla testa, versa in gravi condizioni insieme ad altri quattro adulti. Sul posto è intervenuta la polizia che sta svolgendo indagini. Tra le prime dichiarazioni dei testimoni presenti, quella dello zio del piccolo ferito gravemente : “Hanno centrato il palo della luce vicino a me. Vanno in giro ogni notte cercando gente a cui sparare, è una gang”, ha detto l’uomo al ‘Chicago Sun Times’, spiegando di aver visto alcuni uomini con i capelli lunghi stile rasta che sparavano verso il campo di basket del parco da un’auto grigia, allontanandosi poi verso un altro punto del parco.  Proprio ieri erano state pubblicate le statistiche dell’Fbi secondo le quali Chicago è diventata nel 2012 la città con più omicidi d’America, battendo per la prima volta New York . Nella città l’anno scorso ci sono stati 500 morti ammazzati, in aumento rispetto ai 431 del 2011.

 

New York, sparatoria in strada: morto bimbo di un anno

NypdColpito da una pallottola vagante mentre si trovava nel passeggino in una via di Brooklyn con i genitori. 

Roma, 2 settembre – Dramma a New York, dove un bambino di un anno è morto per strada durante una sparatoria. il piccolo Antiq Hennis è stato colpito da una pallottola vagante mentre si trovava nel passeggino in una via di Brooklyn con i genitori. Secondo la polizia sarebbero stati esplosi almeno 4 colpi d’arma da fuoco, uno dei quali forse diretto al padre della vittima. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com