Cava de’ Tirreni: sabato incontro con Alessandro Cecchi Paone

[AdSense-A]

Tema dell’incontro è “Il ruolo della bellezza nelle relazioni sociali” con particolare attenzione al mondo dei social.

 

paone

Sabato 19 novembre alle ore  presso l’Hotel Victoria Maiorino di Cava De’ Tirreni si terrà l’incontro con il famoso giornalista Alessandro Cecchi Paone dal titolo:”“Il ruolo della bellezza nelle relazioni sociali”.

Un argomento quanto mai attuale. In un mondo dove i canoni estetici si mescolano e si confondono, dove buona parte della società ha perso di vista il significato dell’essere a dispetto dell’apparire.

Un dibattito che non mancherà di creare spunti interessanti. La bellezza nel mondo dei social è quanto mai importante, ciò non vuol dire che rincorrere la tendenza del momento sia un fattore positivo, anzi. Siamo abituati ad imbatterci in profili che cercano di essere quanto mai performativi, col rischio di presentare al mondo di internet persone che forse nemmeno esistono.

Saranno questi temi trattati nel dibattito con Cecchi Paone che illustrerà come i canoni estetici e di bellezza siano cambiati nel tempo e come questi abbiano risentito della pesante influenza dei social network.

Un appuntamento da non perdere per chi vorrà scoprire di più sia sul mondo della bellezza che quello di internet e dei social.

 

Boom per CarAffinity.it: oltre 100.000 Annunci per il Social degli Annunci Auto

Maurizio Zorzetto: “noi chiediamo un’iscrizione obbligatoria e questo rappresenta un grande risparmio di tempo per i concessionari, ma soprattutto per il privato”.

ImageProxyRoma, 4 aprile 2016 – È ormai un vero e proprio successo per carAffinity, la startup italiana dedicata alla compravendita di auto nuove e usate. Il social aperto poco più di cinque mesi fa conta già più di 100.000 annunci di vendita auto, 200.000 utenti e 5.000 concessionari registrati per un totale di oltre 100.000 annunci auto disponibili (www.caraffinity.it), una quantità di utenti registrati che è sinonimo e garanzia della qualità del progetto. Rispetto ad altri siti concorrenti è infatti obbligatorio registrarsi su carAffinity per poter vedere completamente gli annunci. Come ha sottolineato Maurizio Zorzetto, amministratore delegato di carAffinity all’Internet Motors svoltosi a Milano il 17 marzo scorso “a differenza di tutti gli altri marketplace italiani e non noi chiediamo un’iscrizione obbligatoria e questo rappresenta un grande risparmio di tempo per i concessionari, ma soprattutto per il privato”. Il progetto di carAffinity è sicuramente molto ambizioso, la volontà è infatti quella di guadagnarsi un ruolo da protagonista in un mercato, quello della compravendita di auto usate e nuove altamente competitivo ma ha tutte le carte in regola per avere successo grazie all’esperienza del team e alla solidità garantita da quattro gruppi di investitori: Andena, Bincot, Private Equity e Vela Imprese. La mission di carAffinity è proprio quella di differenziarsi dai portali concorrenti il cui modello di business è basato sulla vendita di abbonamenti ad autosaloni e concessionari focalizzandosi sulla profilazione di ogni singolo utente in modo da sottoporgli contenuti realmente centrati sulle sue necessità ed i suoi interessi. Oltre al portale di ricerca auto e vendita dell’usato carAffinity mette a disposizione della sua community, costantemente ingaggiata attraverso i principali social network, un magazine che quotidianamente informa i propri lettori attraverso schede tecniche altamente informative sui modelli di punta dei maggiori marchi, sulle ultime novità provenienti da fiere e saloni e sui nuovi modelli rilasciati in commercio, fornendo un servizio a 360° per tutti gli appassionati di motori. Oltre alle versioni desktop e mobile del sito web è stata lanciata anche l’innovativa applicazione carAffinity che garantisce una user experience gratificante già dal primo utilizzo. La semplicità dell’interfaccia nasconde però una complessa struttura tecnologica che rende possibile la somministrazione di contenuti customizzati per ogni singolo utente. CarAffinity nasce nel 2015 dalla collaborazione di un gruppo di imprenditori italiani attualmente competenti nel management societario e nello sviluppo di startup tecnologiche e innovative. Il consiglio di amministrazione è attualmente composto da Francesco Gori, Guido Carissimo e Maurizio Zorzetto, precedentemente direttore generale di un altro importante player dell’automotive, Autoscuot24, e fondatore di Meetic Italia. Per visionare gli annunci di auto nuove e usate basta andare sul sito web www.CarAffinity.it, dove è possibile trovare anche articoli e notizie sul mondo delle auto.

Innovazione digitale: Web e Social Media hanno modificato il Marketing

Delia Caraci: “I tempi richiedono che ogni approccio deve essere reso unico, con metodologie flessibili e disegnate sul cliente, offrendo servizi accessibili e pensati per arricchire il potenziale di competenze e capacità all’interno dell’organizzazione”

ImageProxyMilano 21 dicembre 2015 – Web e social media hanno modificato le leve tradizionali del marketing e l’informazione si è fatta sempre più digitale. Gli effetti? Alle imprese sono richieste competenze nuove e diversificate. Il che comporta la necessità di un supporto specialistico con cui coordinare i processi d’innovazione per individuare le opportunità offerte dal digitale, mettendo a punto nuovi modelli di business e nuovi modelli organizzativi. Le aziende del settore, a causa di questi continui cambiamenti si vedono costretti a riconfigura le loro offerte ed i loro servizi in modo da offrire una risposta efficace a queste necessità, magari anche con servizi di advisory a supporto della trasformazione digitale per aziende e professionisti. “In base alla mia esperienza posso affermare che c’è un grande bisogno di mettere a disposizione delle aziende, che vogliono essere al passo con i tempi, competenze sui modelli strategici della comunicazione con due modalità differenti ma complementari, la consulenza ed il coaching, in modo da rispondere ai bisogni ed ai trend in continuo cambiamento” dichiara Delia Caraci, responsabile di Digitalsfera, società di consulenza e formazione digitale. “Noi ad esempio abbiamo ridisegnato i nostri servizi strutturandoli in 5 macro-aree chiave: Branding per l’organizzazione strategica degli strumenti comunicativi (online e offline), Social Media Marketing per essere presenti online con adeguati profili aziendali, PR Online per coordinare lo sviluppo del proprio brand, Blogger e Content Curation per sviluppare articoli professionali ed infine Consulenza specialistica in SEO, Web Advertising, Analytics” dichiara ancora Delia Caraci. “I tempi richiedono che ogni approccio deve essere reso unico, con metodologie flessibili e disegnate sul cliente, offrendo – anche a realtà di piccole dimensioni – servizi accessibili e pensati per arricchire il potenziale di competenze e capacità all’interno dell’organizzazione, accompagnando il management nel processo di innovazione imprenditoriale: sono necessarie competenze innovative, modelli di pensiero, passione ed energia per creare un nuovo approccio alla comunicazione digitale di ogni azienda” conclude la rappresentante di Digital Sfera.

“Piacere, Milano” il turismo durante Expo diventa collaborativo

Majorino, D’Alfonso e Del Corno: “Milano amplia la sua già ricca e variegata offerta di ospitalità e punta sull’accoglienza intesa come condivisione di luoghi, esperienze e emozioni”.

piacere mioanoMilano, 21 marzo  – Proporre ai milanesi un ruolo da protagonisti dell’ospitalità verso i visitatori in arrivo nel capoluogo lombardo: nasce con questo obiettivo “Piacere, Milano”,  progetto di turismo collaborativo, social eating e narrazione partecipata della città che supporta e integra il concetto di ospitalità classica attraverso forme non tradizionali e che affida ai milanesi un ruolo da protagonisti nell’accoglienza per Expo 2015. “Questa iniziativa è l’occasione per ribadire che Milano è  una cittá di incontro e relazione, attrattiva e accogliente verso tutti ma  anche orgogliosa del proprio patrimonio di storia e cultura. Oggi si amplia la già ricca e variegata offerta di ospitalità con un progetto partecipativo che punta sull’accoglienza intesa come condivisione di luoghi, esperienze e emozioni. Un progetto che apre le case dei milanesi ai turisti che verranno a Milano per Expo e crea, così occasioni di incontro davvero inusuali che testimoniano la capacità di apertura e accoglienza della nostra città. Allo stesso modo si creano itinerari non previsti in nessuna guida poiché nascono direttamente dai luoghi del cuore che ogni milanese vive, frequenta e porta con sé. I turisti che avranno l’opportunità di essere guidati dai milanesi, a loro volta sapientemente ‘formati’ da dieci testimonial di eccellenza, scopriranno un inedito modo di vivere la città grazie ad un percorso sentimentale che li condurrà nelle strade della Milano del cuore facendo vedere loro, con altri occhi, una città contemporanea, inclusiva, aperta ed ospitale. Questa è la città e l’Expo che vorremmo”. Così gli assessori  Franco D’Alfonso (Commercio e Turismo), Filippo Del Corno (Cultura)  e Pierfrancesco Majorino  (Politiche Sociali)  hanno commentato la presentazione dell’iniziativa Piacere. Presentato dall’agenzia di comunicazione Clinc, dalle cooperative sociali La Cordata e Spazio Aperto Servizi e dal gruppo Altavia, “Piacere, Milano” si propone di affidare ai cittadini il compito di essere “ambasciatori” di Milano durante EXPO 2015 e anche dopo la fine della manifestazione, diventando patrimonio stabile della città e dei milanesi. Il progetto punta su una nuova idea di accoglienza diffusa, social e partecipativa, basata sui valori delle relazioni interper-sonali, della condivisione e della convivialità tra la cittadinanza e i turisti. Il progetto è stato realizzato anche grazie alla sponsorizzazione da parte di Coop Lombardia e alla collaborazione con il media partner Radio Popolare. “Piacere, Milano” affida ai cittadini il compito di essere “ambasciatori” di Milano. Infatti il progetto, che si articolerà in una serie di appuntamenti in varie zone della città, ha il proprio fulcro in tre a-zioni principali che chiamano alla mobilitazione i milanesi: offrirsi di ospitare a cena visitatori e turisti secondo la più genuina e gratuita filosofia del social eating (Indovina chi invito a cena); proporsi come narratori della città per un giorno (Milano siamo Noi); contribuire alla creazione di una mappatura social delle storie e dei percorsi che resterà a di-sposizione di chi vuole conoscere l’anima autentica, inclusiva e ospitale di Milano (La Mappa).   Nel dettaglio, Indovina chi invito a cena offre ai milanesi l’opportunità di candidare la loro abita-zione per ospitare a cena turisti e visitatori. La condivisione gratuita della tavola sarà l’occasione per raccontare la vita a Milano da un punto di vista soggettivo, fatto di storie vissute, punti di ri-ferimento e legami sentimentali con i quartieri di provenienza. Con Milano siamo Noi, per tutta la durata di EXPO i milanesi potranno segnalare sulla piattaforma web di Piacere, Milano (www.piaceremilano.it), punto d’incontro virtuale tra domanda e offerta di accoglienza, la loro disponibilità a essere narratori di Milano per un giorno, facendo da ciceroni ai visitatori nelle strade della “loro” città. Si tratterà di percorsi che privilegeranno il vissuto personale e di quartiere, in modo da permettere la scoperta di vie, luoghi e atmosfere che normalmente sfuggono alle sintesi più impersonali delle normali guide. Inoltre, questa trama relazionale di itinerari ed esperienze di accoglienza che si accumulerà sul ter-ritorio cittadino nei mesi di EXPO 2015 confluirà in un progetto più ampio, che guarda oltre l’oriz-zonte temporale dell’Esposizione Universale, che prevede la creazione di una narrazione parteci-pata della città in una mappa social, multimediale e geolocalizzata – consultabile sia online sia da smartphone e tablet attraverso la app. di Piacere, Milano – di storie e percorsi, utile a chi vuole conoscere una Milano aperta al mondo, moderna e lontanissima dai percorsi turistici più ovvi. Non a caso, il primo evento pubblico del progetto Piacere, Milano, inserito nel cartellone ufficiale di Expo in Città per il prossimo 29 marzo, sarà “Tutta mia la città” e vedrà diversi personaggi rappresentativi del mondo delle arti, della scienza e dello spettacolo milanese impegnati nel loro quartiere del cuore a raccontarlo attraverso il loro vissuto personale nel corso di una passeg-giata in compagnia.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com