“Noi Supereoi”, il film che racconta gli eroi di tutti i giorni

[AdSense-A]

In Italia l’avventuroso film documentario girato in Montenegro, Kosovo, Albania, Bosnia, Croazia e Slovenia

goglio

Sarà presto distribuito in tutta Italia, nel circuito di “Amore con il Mondo”, che conta più di 20 emittenti a carattere regionale e nazionale il film documentario “Noi Supereroi“. Si tratta di un documentario-reality avventuroso e suggestivo che ci porta a vivere i grandi spazi delle foreste in Montenegro e delle praterie in Kosovo, dalla sabbia delle spiagge dorate in Albania ai paesi della Bosnia abitati solamente da pastori, dal fascino di Sarajevo alla magia di assistere al sorgere del sole sull’incantevole ponte di Mostar. Un film che ci porta ad osservare lo splendore dei maestosi scenari naturali ma anche le drammatiche testimonianze dei recenti orrori che hanno infierito su queste terre grazie ad un team che, a bordo di fuoristrada, attraversa 6 paesi come Albania, Kosovo, Montenegro, Bosnia, Croazia e Slovenia. A volte ci ritroviamo fuoristrada, a volte perdiamo orientamento oppure quel cammino è chiuso e non c’è via di uscita, bisogna trovare il modo di andare oltre o di tornare indietro per prendere una nuova via. Una vera e propria metafora della vita quotidiana che ci sembra dire: non c’è bisogno di compiere imprese straordinarie perché anche la vita più semplice è di per se impegnativa e richiede carattere, forza, energia, reazione e attenzione, caratteristiche solitamente associate ad un supereroe. Il mito dell’eroe viene partorito nelle leggende mitologiche e tramandato dalle narrazioni epiche e storiche di gesta gloriose: avventurieri, condottieri, combattenti ed esploratori. Poi, in era del XX secolo, le tecnologie grafiche, televisive e cinematografiche hanno trasmesso, come un virus benefico, la figura più potente del Supereroe. Una specie di protettore divino dotato di facoltà extra-normali di tutti i generi: dalla supervista alla invulnerabilità, dal volo all’immortalità fino ad arrivare alla frazionatura di decine, centinaia di Supereroi ciascuno con il dono di un superpotere. Alcuni hanno sfruttato le proprie qualità per combattere un male a volte invisibile, a volte apparentemente invincibile, altri per aiutare, proteggere, creare, difendere e rendere giustizia ai grandi malesseri sociali, ai grandi torti, alle grandi discriminazioni. “E’ bello pensare che possano esistere queste figure ed è ancora più bello renderci conto che magari esistono davvero nella vita di tutti i giorni e in ciascuno di noi” spiega Paolo Goglio, autore regista e interprete del film “Noi Supereoi”,  introducendo la tematica che fa da motivo conduttore alla sceneggiatura. Vivere non è da tutti: lavorare, crescere, studiare, fare famiglia e mettere casa, arredarla, gestirla, pulirla, cucinare, gestire e pagare, mantenere e lottare, combattere ogni giorno la stanchezza, lo sconforto e le difficoltà, curare il proprio benessere, sconfiggere il malessere, affrontare quotidianamente ostacoli e problemi per avere, ogni tanto, generiche gratificazioni in un mondo che sembra orientato solamente a coltivare ed ingigantire le problematiche” “Portare la bandiera di “Amore con il Mondo” al cielo dei Balcani Occidentali è stato un pò come unificare le ferite di questi paesi e trasformarle in un messaggio di pace per le nuove generazioni. A volte ci sentiamo piccoli, inutili, ma ciascuno di noi è come un piccolo seme in una grande prateria: quando crescendo diventeremo  dei fiori, la prateria avrà un nuovo colore e noi stessi daremo vita a dei nuovi semi…”  conclude Goglio. Il film, realizzato in collaborazione con Francesco Meriani Merlo, titolare di Istrialand e con la partecipazione di giovani comparse, è destinato alle televisioni e sarà presto distribuito in tutta Italia nel circuito di “Amore con il Mondo” che conta più di 20 emittenti a carattere regionale e nazionale.

Gli artisti del Premio Arte Laguna al Festival Art Stays in Slovenia

[AdSense-A]

Venerdì 8 Luglio

Senza-titolo-9

Dal Premio Arte Laguna al Festival Art Stays! Gli artisti Daphna Weinstein e Zazzaro Otto saranno presenti con le loro opere nella grande mostra, POLITIC(S), che si estende su tre piani di un Monastero Domenicano recentemente ristrutturato a Ptuj, Slovenia, e che aprirà al pubblico venerdì 8 Luglio.  Gli artisti sono stati selezionati dalla direzione artistica del Festival sloveno nell’ambito del 10° Premio Arte Laguna e le loro opere saranno visibili fino al 5 Settembre. Le piazze e gli edifici della più antica città slovena ospiteranno mostre, performance, workshop, proiezioni e numerosi eventi rappresentativi della produzione artistica più contemporanea. Oltre 100 artisti saranno presentati durante il festival, insieme alle forme più diverse di arte contemporanea. La 14° edizione del festival si intitola POLITIC(S), il tema di quest’anno è infatti l’”arte politica”.

INAUGURAZIONE: Venerdì 8 luglio, ore 18
SPAZIO: Monastero Domenicano, Muzejski trg 11, 2250 Ptuj
ARTISTI: Daphna Weinstein (Tel Aviv | Israele 1971); Zazzaro Otto (Reggio Emilia | Italia 1988)

ONAV Lombardia: prosegue il tour dedicato ai grandi vini internazionali

Nuova tappa a Milano per i bianchi di Slovenia

Senza-titolo-6

Roma, 09 Giugno  – Nuovo appuntamento con ONAV Lombardia. Sarà come di consueto lo Star Ritz Hotel di Milano (Via Spallanzani 40) ad ospitare il prossimo banco d’assaggio dedicato a soci ONAV e wine lovers di ogni provenienza. Imperdibile il 15 giugno l’evento “I GRANDI BIANCHI DI SLOVENIA”, realizzato con la prestigiosa rivista slovena REVIJA VINO. Un’occasione unica per scoprire una delle nazioni bianchiste per eccellenza: la Slovenia. In degustazione vini bianchi, bollicine ed i favolosi ice wines prodotti nelle tre regioni viticole del Paese:

PRIMORSKA (Litoranea), la zona confinante con l’Italia dove viticoltura risente dell’influsso del mare e delle Alpi che si suddivide a sua volta in quattro zone: Goriška Brda (Collio sloveno), Vipavska Dolina (Valle del Vipaca o Vipacco), Kras (Carso sloveno) e Koper (Capodistria).

PODRAVJE, a ridosso di Ungheria e Austria, è l’area attraversata dal fiume Drava e presenta  vini con caratteristiche simili a quelli austriaci per struttura, cultivar e vinificazione.

POSAVJE, territorio confinante con la Croazia, dove si producono i famosi LEDENO WINES, gli Ice Wine sloveni.

Gli eno-appassionati potranno apprezzare in questa occasione tanti vini da vitigni internazionali e da varietà locali, quali Rebula, Zelen, Pinela, Sipon e Vitovska.  Un evento davvero speciale che vedrà anche la presenza di alcuni dei più importanti viticoltori sloveni , quali Movia, Ščurek, Simčič e Guerila, nomi ormai noti ed apprezzati anche dalla critica internazionale.

Primavera a Catez: soggiorno in castello e relax termale nel più grande parco acquatico outdoor

La primavera 2016 è arrivata e le Terme Catez si riconfermano come il polo termale sloveno più attento alle diverse esigenze di soggiorno dei suoi ospiti: con il pacchetto “Primavera in Castello”, infatti, è possibile pernottare presso il castello medievale situato a Mokrice, piccolo paesino all’estremo Est della Slovenia, e godere del relax termale offerto presso le strutture situate a Catez ob Savi, tra cui il parco acquatico outdoor con acqua termale più grande d’Europa, che aprirà il 27 aprile.

TermeCatez_Castello-Mokrice_paesaggioRoma, 22 Aprile – Se siete alla ricerca di una vacanza romantica ma che allo stesso tempo vi possa garantire piacevoli pause di relax e momenti di puro divertimento, Terme Catez ha pensato ad un’offerta turistica completa presso il castello medievale Golf Grad Mokrice****, struttura adibita oggi a lussuoso albergo quattro stelle e rinomata anche come esclusiva location per cerimonie e matrimoni. La location sorge tra i boschi centenari dei monti Gorjanci, è circondata da un campo da golf a 18 buche ed è distante poche decine di km in macchina dalle capitali Zagabria (HR) e Lubiana (SLO). È in questa pittoresca località all’estremo Est della Slovenia che gli ospiti potranno soggiornare usufruendo del pacchetto “Primavera al Castello” (valido fino al 30 luglio): l’offerta prevede un pernottamento in camera doppia con colazione e numerose proposte benessere presso le strutture termali che compongono il polo più grande della Slovenia a Catez ob Savi (distante soli 5 minuti in macchina da Mokrice). Oltre a bagni illimitati ed accessi gratuiti presso le piscine e le saune degli alberghi Catez e Terme, gli ospiti hanno libero accesso anche ai due mondi del benessere e del divertimento che hanno reso noto a livello internazionale il centro termale delle Terme Catez : si tratta della Riviera Termale Invernale, uno spazio coperto di 2.300 mq piscine per tutti i gusti e divertenti attrazioni e della Riviera Termale Estiva, il più grande parco acquatico della Slovenia con più di 10.000 mq di superfici acquatiche termali con temperature variabili dai 26 ai 36°C e con attrazioni adatte al divertimento di grandi e piccini. Quest’ultima struttura aprirà i battenti il 27 aprile 2016 e darà l’inizio ad una stagione indimenticabile di bagni, giochi acquatici e relax termale.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.terme-catez.si/it o chiamare il +386 (0)7 49 36 700.

L’Alpe-Adria-Trail dal Grossglockner al mare

Dai piedi del maestoso Grossglockner fino alle azzurre acque del mare con incantevoli panorami su di un’equilibrata combinazione di spettacoli naturali, corsi d’acqua, torrenti e laghi alpini, un affascinante mondo animale e vegetale e infine il vasto orizzonte dell’Adriatico. 

copyright_Karnten_Werbung_E24-Soca_Slowenien-Tourismus21 Aprile – Dai piedi della più alta vetta austriaca, il Grossglockner (3.798 m) fino al mare Adriatico. In 43  tappe, ognuna delle quali si snoda per circa 17 chilometri, si attraversano i paesaggi di Carinzia, Friuli e Slovenia. In tutto circa  750 km da nord a sud, accompagnati da un clima temperato che promette tante ore di sole, temperature piacevoli e stupendi panorami dalle Alpi all’Adriatico. Presso ogni località di tappa, si trova un Alpe-Adria-Trail-Infopoint: una piattaforma con tre colonne che forniscono informazioni sulle rispettive località. Telefonando al centro prenotazioni Alpe-Adria-Trail o facendo una ricerca sul sito web www.alpe-adria-trail.com, gli appassionati di trekking possono prenotare il proprio itinerario preferito. Si può scegliere fra diversi pacchetti, oppure farsi consigliare per organizzare il proprio itinerario personalizzato. L’Alpe-Adria-Trail è ben descritto anche da due guide dettagliate, reperibili nelle librerie di lingua tedesca, contenenti consigli e informazioni preziose per programmare il trekking. Nel 2016 la casa editrice Bradt Verlag pubblicherà anche la prima guida escursionistica in lingua inglese, dedicata all’Alpe-Adria-Trail. La app gratuita dell’Alpe-Adria-Trail è uno strumento ideale, utile per programmare l’itinerario da casa e anche come guida lungo il percorso.

La via è la meta.

La meta geografica dell’Alpe-Adria-Trail è Muggia, poco a sud di Trieste, che un tempo era il porto principale della marineria austriaca. Questo trekking segue l’acqua nelle sue forme più diverse, dai ghiacci eterni del Grossglockner ai fiumi, dalle cascate ai laghi e al mare. Sono sentieri che esistono da sempre, ma che ora sono stati cartografati nel loro insieme. Chi non può o non vuole percorrere l’intero itinerario, può decidere di seguire alcune delle tappe più belle del “giardino dell’Eden”, che hanno in comune panorami paradisiaci, fantastici scenari naturali, laghi balneari luccicanti al sole, maestose cime di roccia e ghiaccio e infine le acque azzurre dell’Adriatico.

Il primo passo

Le prime otto tappe in Carinzia attraversano l’idillica valle Mölltal circondata da un incantevole scenario alpino con cime di 3000 metri. Si parte in mezzo al Parco Nazionale Alti Tauri, ai piedi del Pasterze, il più vasto ghiacciaio austriaco. Il Trail prosegue quindi per Heiligenblut e Grosskirchheim. Qui s’incontrano i mulini di Apriach, testimoni della vita di privazioni che conducevano i contadini nel periodo dal XVII al XX secolo. Lungo il percorso si trova anche la medievale Gmünd, cittadina degli artisti. La Millstätter Alpe è fra le zone escursionistiche più belle della Carinzia, sia per le sue cime dolci e arrotondate, sia per la vista meravigliosa sul sottostante lago Millstätter See, il terzo maggior lago della Carinzia. Ci troviamo in mezzo al dolce paesaggio del Parco della Biosfera dei monti Nockberge, attraversato dalle tappe 15 e 16, con la famosa stazione termale di Bad Kleinkirchheim. Arriach si vanta di essere il punto geografico centrale della Carinzia. Da qui parte la tappa che conduce in cima all’Alpe Gerlitzen. Con una magnifica vista sul lago Ossiacher See, si prosegue per l’ultima tappa che si snoda interamente in territorio carinziano, da Velden sul lago Wörthersee fino alla Baumgartnerhöhe, a poca distanza dal lago Faaker See. Poco prima dell’arrivo si raggiunge la rocca di Finkenstein, che ospita un’arena per concerti, spettacoli teatrali e… incantevoli tramonti.

Incontri con la Slovenia.

Con le tappe successive del trekking Alpe-Adria-Trail, gli escursionisti abbandonano il territorio austriaco per entrare in Slovenia e arrivare a Kranjska Gora, stazione sciistica di Coppa del Mondo. Il percorso segue quindi in gran parte il fiume Soča, che in italiano si chiama Isonzo, e attraversa il parco del Triglav, in mezzo alle Alpi Giulie, l’unico parco nazionale della Slovenia. Con un po’ di fortuna qui s’incontrano vari animali selvatici: stambecchi, camosci, cervi, galli cedroni e altri. Per la strada alpina più alta della Slovenia, si passa per Vršič raggiungendo Bovec, la zona sciistica più alta della Slovenia e anche celebre stazione di sport acquatici. Ci si trova qui nella incontaminata valle dell’Isonzo (Sočatal), premiata con L’EDEN-Award 2008. Si tratta di un vero gioiello naturale, racchiuso nel parco nazionale, ricco di attrazioni naturalistiche, cascate, grotte e solitarie valli laterali. In questa valle arriviamo a Caporetto (Kobarid) e Tolmino, paesi legati alle memorie della Prima Guerra Mondiale. La valle deve gran parte della sua bellezza alle acque azzurre e trasparenti del fiume, che nasce da una fonte carsica presso Trenta, nella Slovenia nord-occidentale. È uno spazio straordinario per gli amanti della canoa e dei pescatori che a volte catturano magnifici esemplari di trota marmorata, un pregiato salmonide d’acqua dolce. Man mano che si avanza lungo l’Isonzo verso sud, il paesaggio si fa sempre più dolce. A ovest, il Trail attraversa la zona di Goriška Brda, dove per tradizione da secoli si pratica la viticoltura. La favorevole posizione di queste colline è l’ideale per la produzione di vini premiati a livello internazionale. Al termine del Trail, nel Carso a est di Trieste, vale la pena visitare un monumento culturale famoso in Europa e nel mondo: il centro ippico e allevamento di cavalli di Lipizza, fondato nel 1580 dall’arciduca Carlo II.

La luce dell’Adriatico.

Nel Collio si attraversa per la prima volta il confine italiano e già si respira l’atmosfera serena del Mediterraneo mentre si entra nell’antica città di Cividale del Friuli, che fu fondata da una popolazione celtica e in seguito conquistata da Giulio Cesare. Nel medioevo fu capitale del primo ducato longobardo in Italia. Dal giugno 2011 Cividale è inclusa nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Da qui può già cominciare il viaggio attraverso i sapori d’Italia: chi decide di percorrere questa tappa, dovrebbe avere nello zaino una buona guida gastronomica e mettere in programma una visita alle aziende di produzione del Collio, famose per l’eccellente qualità dei vini, severamente controllata e garantita da oltre quarant’anni. La località più importante di questo affascinante paesaggio collinare è Cormòns, una meravigliosa cittadina in stile asburgico, dove vale la pena di visitare sia le chiese, sia le numerose cantine vinicole. La tappa successiva ci porta attraverso il Carso, un altopiano calcareo emerso dal mare circa 30 milioni di anni fa, dove spesso la bora soffia con violenza. È un paesaggio aspro e affascinante. A Duino, dove Rainer Maria Rilke scrisse le famose Elegie Duinesi, raggiungiamo il mare. Ancora pochi chilometri e finalmente si arriva alla meta: il porto di Muggia. Questa idillica cittadina marinara è caratterizzata dall’inconfondibile stile di Venezia. Ascoltando il rumore leggero che fanno gli alberi delle barche a vela nel porto e respirando l’aria salmastra dell’Adriatico, si cena con ottimo pesce di mare in uno degli eccellenti ristoranti, godendo una vista magnifica sul pittoresco golfo di Trieste disteso come in sogno davanti a noi. Fino al 1918, Trieste era il porto principale dell’impero austroungarico. La rettangolare Piazza dell’Unità d’Italia, affacciata sul mare, è chiusa su tre lati da fastosi edifici in stile neoclassico.

Variante breve del Trail: Giro delle 3 Nazioni.

Chi non ha tempo di percorrere l’intero Trail, ma non vuole rinunciare alle emozioni di un trekking attraverso tre nazioni, può scegliere la variante breve dell’Alpe-Adria-Trail: con il Giro delle 3 Nazioni in sette tappe giornaliere si percorrono 130 km attraverso Carinzia, Slovenia e Friuli. Il punto di partenza carinziano si trova alla Baumgartner Höhe, presso il lago Faaker See, da dove si prosegue per Warmbad Villach, attraverso il Parco Naturale del Dobratsch per Nötsch e Feistritz. Quindi si punta verso l’Italia attraverso la Val Canale e i paesi di Valbruna e Tarvisio. Oltre al famoso santuario di Monte Santo di Lussari, si toccano i laghi di Fusine e si passa ai piedi del Mangart, una delle vette più alte delle Alpi Giulie. Proseguendo si entra in Slovenia a Kranjska Gora, stazione di sport invernali famosa a livello internazionale, da dove si parte per superare la catena delle Caravanche e ritornare al punto di partenza in Carinzia.

 

Per informazioni o prenotazioni: www.alpe-adria-trail.com

Informazioni per il pubblico: www.carinzia.at

Ponte del 25 aprile: in Slovenia vacanza originale in palafitta con accesso alle terme

La società Terme Catez con una struttura, tra le più caratteristiche del polo termale sloveno, è disposta sul laghetto artificiale adiacente all’area campeggio e ai due mondi del benessere e del divertimento, la Riviera Termale Invernale e quella Estiva, dove si può accedere gratuitamente scegliendo di soggiornare in palafitta.

TermeCatez_GolfoDeiPirati_231 Marzo – Il più grande polo termale della Slovenia ha sede a Catez ed è conosciuto non solo per le sue importanti dimensioni ma soprattutto per la svariata offerta soggiorno che vanta alloggi davvero originali, da scoprire e provare durante tutto l’anno, magari approfittando del prossimo ponte del 25 aprile e delle temperature più miti. Tra le strutture più caratteristiche spicca il Golfo dei Pirati, un complesso di 20 casette galleggianti che ricordano le antiche palafitte e all’interno delle quali è possibile trascorrere una vacanza insolita insieme alla propria famiglia o agli amici. Le casette possono ospitare fino ad un massimo di 5 persone, sono tutte costruite con materiali naturali e collegate tra loro e con la terraferma tramite un ponte in legno; oltre ai comfort interni (angolo cucina, tavolo da pranzo, letto matrimoniale e letti supplementari, piccolo frigorifero, etc.), le palafitte offrono anche un comodo terrazzo con tavolino e sdraio dove ci si può godere il tramonto del sole che si adagia sullo specchio d’acqua.

TermeCatez_RivieraTermaleEstivaI pasti possono essere consumati presso il ristorante del polo termale “Dal Capitano” oppure in uno dei tanti locali che sorgono nei dintorni di Catez. Inoltre, scegliendo il soggiorno presso il Golfo dei Pirati gli ospiti possono accedere gratuitamente a due mondi del benessere e del divertimento: si tratta della Riviera Termale estiva, il più grande parco acquatico della Slovenia con più di 10.000 mq di superfici acquatiche termali con temperature variabili dai 26 ai 36°C e con attrazioni adatte al divertimento di grandi e piccini e della Riviera Termale Invernale, uno spazio coperto di 2.300 mq piscine per tutti i gusti e divertenti attrazioni. Per chi invece preferisce una vacanza “tradizionale” con soggiorno in albergo può scegliere il pacchetto proposto dall’Hotel Terme****, che offre bagni illimitati nelle piscine dell’albergo, accesso alla sauna ed allo studio fitness, ingresso gratuito alla Riviera Termale Invernale o Estiva, entrata al Casinò e programma di animazione.

TermeCatez_GolfoDeiPirati_internoEntrambi i pacchetti sono disponibili per tutta la primavera e fino a luglio 2016.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.terme-catez.si/it o chiamare il +386 (0)7 49 36 700.

Relax termale, massaggio di coppia e ballo romantico, gli ingredienti del San Valentino alle Terme Catez

Per chi è alla ricerca di una destinazione europea ma non distante dall’Italia dove vivere un soggiorno romantico e rigenerante

ImageProxyRoma, 7 febbraio – Il weekend di San Valentino è per molte coppie la prima occasione dell’anno per staccare dalla routine quotidiana e godersi alcuni giorni di relax con la propria dolce metà. Per chi è alla ricerca di una destinazione europea ma non distante dall’Italia dove vivere un soggiorno romantico e rigenerante, le Terme Catez sono la soluzione adatta. Facilmente raggiungibile in macchina percorrendo l’autostrada A4, il polo termale più grande della Slovenia e aperto 365 giorni l’anno, accoglie i suoi ospiti offrendo numerose tipologie di soggiorno e pacchetti sempre rinnovati. Per il weekend di San Valentino, da venerdì 12 a domenica 14 febbraio 2016, le Terme Catez dedicano a tutti gli innamorati dei trattamenti di coppia a condizioni molto vantaggiose presso il Centro Spa & Wellness dell’hotel Catez***, un’area totalmente dedicata al benessere in cui sorgono ben 6 stanze massaggio dove rilassarsi singolarmente o in coppia scegliendo tra numerose tipologie di massaggio (con pietre vulcaniche, indiano, ice touch e all’olio di rosmarino).

TermeCatez_Hotel Terme_saunaAgli innamorati, inoltre, è riservata una stanza completamente dedicata dotata di jacuzzi, bagno turco, sauna, sala massaggio e letto per il relax dove poter passare una dolce pausa benessere. È all’interno di questo paradiso che durante il weekend di San Valentino sarà possibile godere di un massaggio rilassante di 40’ alla schiena, collo e décolleté con oli essenziali e di un’ora di sauna o whirpool. Per il soggiorno è possibile scegliere tra tre diverse sistemazioni: presso l’hotel Terme**** è possibile prenotare il pacchetto “Vacanze d’inverno” da 2 notti e 3 giorni (comprensivo di trattamento di mezza pensione, bagni illimitati nelle piscine termali dell’albergo, accesso alla sauna ed allo studio fitness, 2 entrate al giorno nella Riviera Termale Invernale, 1 entrata al giorno per persona nelle piscine termali dell’hotel Catez, bagno notturno nelle piscine dell’albergo Terme, entrata al Casinò e ricco programma di animazione) e con il quale si può contare anche su uno sconto sui massaggi. L’hotel Toplice**** propone il pacchetto “Thailandese”, 2 notti e 3 giorni con trattamento di mezza pensione, accesso allo studio fitness dell’hotel, 2 entrate al giorno a persona presso la Riviera Termale Invernale, massaggio alla schiena con oli aromatici (30’ a persona) presso il centro thailandese Thai, programma di animazione, entrata al Casinò e 10% di sconto su trattamenti nel centro Spa & Wellness. Infine, l’hotel Catez*** offre un soggiorno di coppia che comprende 2 notti e 3 giorni con trattamento di mezza pensione, bagni illimitati nelle piscine dell’albergo Catez, 1 entrata illimitata al giorno alla Riviera Termale Invernale, un ricco programma di animazione ed ingresso al Casinò. Ad aumentare l’atmosfera romantica di questa fuga d’amore, il ballo di San Valentino organizzato sabato 13 febbraio presso l’albergo Terme. La partecipazione è completamente gratuita per chi decide di soggiornare nello stesso albergo mentre prevede dei supplementi minimi per chi pernotta all’Hotel Catez o Toplice.

Tutti i dettagli sulle offerte sono disponibili al seguente link: http://www.terme-catez.si/it/catez/offerta-speciale/san-valentino-a-catez/ Per ulteriori informazioni visitare il sito www.terme-catez.si o chiamare il +386 (0)7 49 36 700.

UNICEF: collaborazione con il Governo della Slovenia per i bambini rifugiati e migranti

Marie-Pierre Poirier: “I bambini hanno bisogno di posti e tempi per giocare, riposare e riprendersi dopo viaggi molto difficili, hanno bisogno di cibo adatto alla loro età  di riparo dal freddo inverno e di calore”

UN0770620 gennaio 2016 – Con fino a 3.000 rifugiati e migranti che ogni giorno passano per la Slovenia, l’UNICEF e il governo della Slovenia hanno annunciato una partnership per migliorare la protezione e la cura dei bambini migranti e rifugiati.”Nonostante la stragrande maggioranza dei rifugiati e dei migranti trascorrano un breve periodo di tempo in Slovenia, prima di spostarsi, le esigenze umanitarie continuano a rimanere rilevanti – in particolare per i gruppi vulnerabili, compresi i bambini”, ha detto Boštjan Šefic, Segretario di Stato presso il Ministero dell’Interno e Coordinatore per la Risposta alla questione dei rifugiati in Slovenia. “Ecco perché stiamo collaborando con l’UNICEF per rafforzare i servizi di sostegno ai bambini e alle famiglie che continuano i loro spostamenti attraverso la Slovenia ed altrove”. Nonostante gli interventi del governo per fornire riparo e servizi essenziali alle persone che si spostano, i sistemi di assistenza sono sotto stress a causa dell’ampiezza della crisi. L’UNICEF mira a rafforzare e ad aumentare in proporzione servizi di protezione dell’infanzia in Slovenia, a formare i lavoratori coinvolti in prima linea, a distribuire materiali invernali, portando avanti attività di promozione dell’igiene.”I bambini migranti e rifugiati sono soprattutto e prima di tutto i bambini – hanno bisogno di posti e tempi per giocare, riposare e riprendersi dopo viaggi molto difficili, hanno bisogno di cibo adatto alla loro età  di riparo dal freddo inverno e di calore. L’UNICEF sta collaborando con il governo sloveno e altri partner per dare ai bambini le cure necessarie durante lungo il viaggio verso la loro destinazione”, ha dichiarato Marie-Pierre Poirier, Coordinatore speciale UNICEF sulla crisi dei Rifugiati e dei Migranti in Europa. L’UNICEF e l’ONG partner in Slovenia Slovenska filantropija si concentreranno sui seguenti interventi chiave:

 • Stabilire spazi a misura di bambini e famiglie: in queste aree sicure i bambini potranno riposare, studiare, ricevere un primo sostegno psicosociale, informazioni e altre forme di sostegno sociale se necessario. In questi spazi riscaldati i bambini riceveranno vestiti caldi, scarpe e coperte. Questi Spazi saranno il primo passo verso Hub di supporto a bambini e famiglie, che permetterà all’UNICEF, in collaborazione con l’UNHCR e il Movimento della Croce Rossa, di offrire servizi più integrati e protezione per le famiglie che si spostano.

 • Facilitare la formazione sulla protezione dei bambini e il rafforzamento delle competenze degli operatori sociali, del personale coinvolto in prima linea e dei volontari che lavorano nei centri di transito.

• Stabilire un’area pulita e sicura per madre e bambino, in cui sarà possibile cambiare e allattare i bambini. Le madri riceveranno anche kit igienici per loro e i loro bambini.

• Supportare una campagna di promozione dell’igiene – declinata nelle lingue della popolazione migrante – in tutti i punti di accoglienza, di transito e di trasferimento delle persone che si spostano lungo la rotta migratoria, anche con il supporto di kit igienici.

Nell’ambito della Campagna “Bambini in pericolo-Non è un viaggio. E’ una fuga” l’UNICEF Italia ha lanciato la petizione “Indignamoci!” per i diritti dei bambini migranti e rifugiati. E’ possibile è possibile aderire on-line  www.unicef.it/indigniamoci.

Sostieni la campagna UNICEF “AIUTA I BAMBINI IN PERICOLO” con donazioni su www.unicef.it/bambininpericolo

E’ possibile donare anche tramite:

– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia,

– telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000

 

–  bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051.

A Catez per la remise en forme termale dopo le feste

Proposte benessere stagione 2016

OLYMPUS DIGITAL CAMERA14 Gennaio – Terme Catez, il più grande polo termale di tutta la Slovenia a soli 200 km da Trieste, propone presso le sue tre strutture ricettive di Catez ob Savi, degli speciali programmi dedicati al relax e alla remise en forme dopo gli eccessi delle feste. Tutti i pacchetti soggiorno includono l’accesso illimitato alle piscine degli hotel e l’ingresso giornaliero alla Riviera Termale Invernale, uno spazio coperto di oltre 2.300 mq con attrazioni sia per i grandi che per i più piccini dove sorgono ampie piscine ed un parco con otto diverse tipologie di saune, piscine rinfrescanti e rilassanti e solarium abbronzanti. Inoltre, scegliendo l’Hotel Terme**** si ha accesso alla sauna e allo studio fitness dell’albergo, mentre l’Hotel Catez*** e l’Hotel Toplice**** propongono sedute rilassanti con massaggi corpo classici e thailandesi con oli aromatici. >> Hotel Terme**** (Catez) Topliška cesta, 35 – 8251 Čatež ob Savi, Slovenia +386 (0)7 49 35 000 – +386 (0)7 49 36 700 [email protected][email protected] Presso l’Hotel Terme****, albergo di recente ristrutturazione dotato di 212 camere e 12 appartamenti, sorge il “Centro Salute & Bellezza”, struttura che garantisce la giusta risposta a tutte le richieste in materia di benessere. All’interno del centro, aperto ogni giorno dalle ore 8.00 alle 21.00, spicca l’area dedicata ai bagni romano-irlandesi, un percorso di 120 minuti composto da 11 step (doccia, sauna romana secca, percorso acqueo, relax in Whirlpool, bagno irlandese a vapore, raffreddamento in piscina con acqua a 18°, coccole in Whirlpool, peeling corpo rinfrescante, bagni nella piscina ai minerali, doccia, riposo su letto ad acqua) da fare singolarmente, in coppia o in gruppi di max. 6 persone per abbandonarsi ad un relax totale. Gli amanti del rilassamento in acqua possono invece trovare nel programma antistress Watsu la terapia giusta per mitigare i dolori e migliorare la flessibilità delle articolazioni e della schiena. Il listino di trattamenti offerti ogni giorno dai professionisti del benessere del centro è ricco e, oltre ai massaggi classici comprende massaggi rilassanti, plantari, ayurveda, tui-na, linfodrenaggio e aromaterapia clinica. Tra i trattamenti corpo più particolari rientra quello al caffè verde, quello disintossicante alle alghe, l’anti-age peeling con frutta tropicale e il peeling corpo con sale marino che è possibile anche declinare in programmi della durata da uno a sette giorni. A completare l’offerta anche una zona saune, una piscina interna con acqua termale (dai 70 cm ai 1,70 m di altezza) ed una esterna con acqua calda termale e un’area fitness con attrezzi.

TermeCatez_Hotel Terme_saunaHotel Catez*** (Catez) 

Oltre a custodire il Centro Salute, uno dei più riconosciuti centri medici della Slovenia per la cura e la riabilitazione con ambulatori specialistici di fisiatria, ortopedia, neurochirurgia e reumatologia, l’Hotel Catez riserva ai suoi ospiti infinite opportunità di relax presso il “Centro Spa & Wellness”. All’interno del moderno reparto sorgono ben 6 stanze massaggio dove rilassarsi singolarmente o in coppia scegliendo tra numerose tipologie di massaggio: con pietre vulcaniche, indiano, ice touch e all’olio di rosmarino, in assoluto il più richiesto grazie all’utilizzo di questa speciale essenza che distende contemporaneamente corpo e mente. Gli innamorati, inoltre, possono passare una dolce pausa benessere nella stanza a loro dedicata e dotata di jacuzzi, bagno turco, sauna, sala massaggio e letto per il relax. Il centro propone programmi benessere per soggiorni prolungati anche fino a 10 giorni e dedica ai suoi ospiti un’ampia zona saune (finlandese, bagno turco, ad infrarossi) e una sala solarium. Molto ben strutturato è il reparto estetica all’interno del quale, oltre ai trattamenti classici, alla manicure e pedicure e al make-up realizzati avvalendosi dei prodotti professionali delle linee Pevonia Botanica, Perron Rigot e O.P.I., si può anche contare sulla professionalità di esperti chirurghi plastici ed estetici per interventi non invasivi. Tra questi rientrano sedute di botulino, riempitivi dermici (filler), peeling chimico, mesoterapia, rassodamento della pelle con radiofrequenze, APL Laser, schiarimento della pelle e molto altro ancora. L’ambulatorio estetico, condotto dalla Dottoressa Tea Jedlovčnik Štrumbelj, è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 16.00.

TermeCatez_MassaggioHotel Toplice**** (Catez) 

E’ all’interno dell’Hotel Toplice che sorge il centro massaggi thailandese THAI, un mondo del benessere dove si viene subito avvolti da una magica atmosfera asiatica. Gli oltre 20 tipi di massaggi proposti sono svolti esclusivamente dalle sapienti mani di massaggiatrici tailandesi e sono particolarmente indicati per attenuare i dolori alle articolazioni, ai muscoli e il mal di testa, per eliminare lo stress, il sovraccarico e il malessere, migliorare la circolazione e il flusso d’energia, combattere l’insonnia e disintossicare efficacemente il corpo. Il centro è aperto ogni giorno dalle ore 9.00 alle 21.00.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.terme-catez.si o chiamare il +386 (0)7 49 36 700.

Relax termale e tipicità stagionali, il weekend di San Martino in Slovenia

Il weekend del 13-14-15 novembre la società Terme Catez ha organizzato, presso il suo albergo Hotel Terme****, un soggiorno ricco di attività per festeggiare insieme ai suoi ospiti il vino novello e le tipicità stagionali

OLYMPUS DIGITAL CAMERACatez, 9 novembre – Nella verde Slovenia la festa di San Martino è da sempre una delle più sentite: sono molte, infatti, le regioni vitivinicole che caratterizzano il Paese e le cui produzioni sono conosciute ed apprezzate anche all’estero. Per il weekend del 13-14-15 novembre la società Terme Catez ha organizzato un soggiorno ricco di attività per festeggiare insieme ai suoi ospiti il vino novello e le tipicità stagionali. Circondato dalle colline della Dolenjska, il polo termale con sede a Catez (200 km da Trieste) propone presso l’Hotel Terme**** il pacchetto “Rilassamento completo” che, oltre a regalare piacevoli esperienze benessere, vuole far conoscere ad adulti e bambini le bellezze del territorio circostante divertendosi in compagnia. Le giornate sono scandite da un coinvolgente programma d’animazione, completamente gratuito, che prevede passeggiate nei dintorni con raccolta di frutti autunnali, laboratori creativi in tema con la stagione, concerti, gare di ballo e molto altro ancora. Approfittando del pacchetto gli ospiti hanno l’opportunità di rilassarsi totalmente presso la piscina, l’area saune e fitness dell’albergo oltre alla possibilità di usufruire di un massaggio ed un peeling gratuito a persona presso il “Centro Salute & Bellezza”. A loro disposizione anche l’area piscine dell’albergo Catez e gli oltre 1.200 mq di superfici acquatiche termali della Riviera Termale Invernale. A completare la ricca offerta soggiorno alcune “coccole” gastronomiche come un buffet di tè e dolci per la merenda pomeridiana. Infine, i più romantici possono scegliere di rendere il soggiorno indimenticabile prenotando una cena a lume di candela presso il ristorante MM (soli 35 euro per 2 persone). L’intero programma d’animazione è disponibile al seguente link: http://www.terme-catez.si/media/weekend.del.vino.novello.dal.13.al.14.novembre.2015.pdf

Terme Catez

Nate nel 1925, data della fondazione del primo hotel del complesso, oggi con circa 12.000 m2 di sole superfici acquatiche le Terme Catez d.d. sono il più grande e rinomato complesso termale d’Europa, grazie anche al più esteso centro di cura termale naturale dotato di ambulatori specialistici di fisiatria, ortopedia, neurochirurgia e reumatologia. Oltre al polo centrale con sede a Catez, cittadina a 180 km dall’Italia, la società gestisce strutture anche nelle cittadine slovene di Mokrice, Portorose e Capodistria per garantire un’offerta completa che si compone di: programmi sanitari, trattamenti benessere, proposte sportive e ricreative per tutte le età (parco acquatico, golf, casinò), numerose possibilità di soggiorno (hotel, campeggio, appartamenti, castello, villaggio indiano, palafitte), servizi di ristorazione e congressuali. Curata da uno staff di 420 dipendenti, la variegata proposta turistica di Terme Catez attira turisti internazionali e, facendo riferimento all’Europa, l’Italia rappresenta il primo mercato estero. Nel 2014 la società Terme Catez d.d. ha realizzato il 7,1 % di pernottamenti relativamente al totale di tutta la Slovenia e ha coperto il 24,1 % degli ingressi rilevati dall’Associazione Terme Slovene, realtà di cui fa parte insieme ad altri 14 centri.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]