UNICEF: missione del Goodwill Ambassador Ricky Martin in Libano per incontrare i bambini rifugiati siriani

Circa 1,1 milioni di siriani hanno cercato rifugio in Libano dall’inizio della crisi nel 2011, più della metà di loro sono bambini

Senza-titolo-13

3 giugno 2016 –Il cantante di fama mondiale e Goodwill Ambassador dell’UNICEF Ricky Martin ha effettuato una missione in Libano dove ha incontrato i bambini rifugiati fuggiti dal conflitto in Siria. Circa 1,1 milioni di siriani hanno cercato rifugio in Libano dall’inizio della crisi nel 2011, più della metà di loro sono bambini. I bambini rifugiati sono particolarmente a rischio di sfruttamento e abuso, con un gran numero di loro che, invece di frequentare la scuola, è costretto a lavorare. “Siamo nel sesto anno di una crisi che ha colpito la vita di milioni di bambini e delle loro famiglie. Si stima che 2,8 milioni di bambini nella regione non frequentino la scuola. Ho incontrato bambini che sono stati costretti a diventare capofamiglia per le loro famiglie, a lavorare fino a 12 ore al giorno”, ha detto Ricky Martin. “Il mondo deve fare di più per assicurarsi che questi bambini siano protetti dallo sfruttamento e che abbiano accesso ad ambienti protetti dove possono studiare e potersi realizzare”. Ricky Martin è rimasto molto colpito dalla storia di Batoul, una bambina di 11 anni di Homs, che deve lavorare in cambio di acqua e riparo. “Non vengo pagata con i soldi. Lavoro lunghe ore raccogliendo fave, ciliegie, patate”. Il deterioramento della situazione economica per i rifugiati siriani ha notevolmente aggravato il problema del lavoro minorile in Libano. Aggiungendo al disagio psicologico, che già colpisce molti dei bambini che hanno abbandonato la casa a causa del conflitto e della violenza, il travaglio collegato ad alcune delle peggiori forme di lavoro minorile come quello nei cantieri edili, che possono causare danni a lungo termine nello sviluppo e psicologico, nonché danni fisici. L’UNICEF, insieme ai suoi partner, cerca di affrontare le cause dirette del lavoro minorile lottando contro la povertà, fornendo istruzione gratuita e opportunità economiche per genitori e giovani in età da lavoro, e individuando i bambini coinvolti nelle peggiori forme di lavoro minorile, dando loro accesso ad altre opportunità come l’apprendimento. Durante i due giorni di missione, Martin è stato testimone di come l’UNICEF sta lavorando per fornire ambienti protettivi per i bambini e gli adolescenti, dove possono giocare e ricevere il sostegno di cui hanno bisogno per tornare a frequentare la scuola. Nella valle della Bekaa del Libano e ad Akkar, Martin ha partecipato ad attività ricreative per i bambini in gli spazi sicuri negli insediamenti informali. Inoltre, ha incontrato ragazze e ragazzi, a cui l’UNICEF sta dando formazione professionale e sostegno per l’apprendimento. L’UNICEF sta lavorando in stretta collaborazione con le istituzioni del Governo, così come i partner locali e internazionali, per soddisfare le esigenze di oltre 800.000 bambini vulnerabili che hanno cercato rifugio nel paese con particolare attenzione per la salute e la nutrizione, l’istruzione, la protezione dei bambini; l’acqua e servizi igienici. “Sono ispirato dal coraggio di questi bambini. Si stanno guadagnando le conoscenze e le competenze necessarie per contribuire alle loro famiglie, alle comunità e alle società quando raggiungeranno l’età adulta. Investire nel loro presente è un investimento per il futuro della regione”, ha detto Martin. Nel suo ruolo di Goodwill Ambassador dell’UNICEF dal 2003, Martin è stato un appassionato difensore dei diritti dei bambini, concentrando il suo impegno sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento, l’abuso e il traffico. Inoltre, l’UNICEF e la Ricky Martin Foundation hanno collaborato su dramma del traffico dei minori e del lavoro minorile.

178 siriani soccorsi a Siracusa, la metà sono minori

barcone._280xFreeAnche una bimba nata in mare tra i migranti approdati stamane in Sicilia.

Roma, 9 settembre –  Tra i  178 migranti soccorsi questa mattina al largo di Portopalo  – Siracusa ci sono 82 bambini e 41 donne. A bordo del barcone scortato da motovedette della Guardia costiera e arrivato in porto alle 7.10 di questa mattina, c’erano 178 profughi, tutti di origine siriana. Al momento si trovano presso la struttura del mercato ittico, in buone condizioni di salute. I soccorritori si sono trovati davanti anche una bambina nata durante la traversata, che è stata ricoverata insieme alla madre in osservazione presso l’ospedale di Noto. Secondo i medici sono entrambe in buone condizioni. I migranti hanno riferito di essere partiti il 30 agosto scorso e la piccola e’ venuta alla luce in mare.

Sbarchi, altri 200 migranti: 133 sulle coste calabresi

resizerTra Roccella Ionica e Catania altri 200 profughi approdano sulle coste italiane alla ricerca di salvezza: quasi tutti siriani e somali.

Roma, 1 settembre – Sono stati intercettati dalla Guardia Costiera, all’alba di stamani nelle acque di Capo Spartivento (Rc), i 133 migranti di nazionalità siriana e somala, in viaggio da 5 giorni in condizioni estreme. Tra loro 21 donne, 28 minori e 4 adulti, che avevano manifestato bisogno di assistenza, sono stati trasferiti sulla vedetta della Capitaneria di Porto sbarcata alle 5,45 nel porto di Roccella Jonica. I restanti, tutti uomini, rimasti sul motopesca che li trasportava e scortati dalla Guardia di Finanza, appena sbarcati a Roccella Ionica Continue Reading

Immigrati, ancora sbarchi in Sicilia: neonato partorito a bordo

Sbarchi in Sicilia.Bimba siriana nata quattro giorni fa durante la navigazione: mamma e figlia stanno bene. 

Siracusa, 28 agosto – Non si fermano gli sbarchi di migranti sulle coste italiani. Due barconi sono stati soccorsi nelle ultime 24 ore a Siracusa, per un totale di 504 profughi. Il primo, arrivato questa mattina con a bordo 194 siriani, tra i quali circa 50 bambini, è stato avvistato a 12 miglia da Capo Muro di Portco. I migranti presentavano evidenti segni di disidratazione e hanno dichiarato di essere in mare da dieci giorni. Altri 191 sono stati soccorsi all’alba a Porto Grande di Siracusa. A bordo anche una donna siriana che ha partorito la sua bambina durante la navigazione, quattro giorni fa. Mamma e figlia stanno bene. Sono state trasportati al Pronto soccorso dell’ospedale Umberto I dove i sanitari hanno potuto accertare le condizioni di salute. Continue Reading

Raffica di sbarchi in Sicilia: oltre 300 migranti dalla scorsa notte

sbarchi-300x225La Sicilia come porta dell’Europa in cerca di salvezza: Lampedusa, Catania, Siracusa e Agrigento prese d’assalto da decine di migranti

Roma, 19 agosto – Sono oltre 300 i migranti sbarcati in Sicilia nelle ultime ore a partire dalla notte appena trascorsa. Punti di approdo Lampedusa, Catania, Siracusa e Agrigento, luoghi dell’isola sempre più porta per l’Europa in un momento di grave instabilità politica nella maggior parte dei paesi che affacciano sul mediterraneo. A Catania circa 100 persone di nazionalità siriana ed egiziana sono stati portati al sicuro nella tarda mattinata. Viaggiavano su un barcone al largo di Aci Castello e tra loro ci sono anche 17 donne e 11 bambini. Durante la notte sulla costa di Siracusa circa 150 migranti sono sbarcati senza che se ne accorgesse la Guardia Costiera. Tutti di origine siriana sono scappati e per ora ne sono stati individuati solo 90. Continue Reading

Sbarco di 120 migranti a Catania finisce in tragedia: annegano 6 ragazzi

2477681860Tentavano di raggiungere la riva a nuoto, annegano in 6 a pochi metri da terra.

Roma 10 luglio – Tragico bilancio per 120 migranti che hanno cercato stamane all’alba di raggiungere la riva, sulla costa catanese in zona lungomare Plaia. Il peschereccio con cui erano arrivati si era arenato a 15 metri dalla riva, unica possibilità per toccare terra è stata quella di nuotare. Ma per 6 tra loro, tutti ragazzi ed un minore che non sapevano nuotare, non c’è stato nulla da fare, sono annegati in un canale profondo alcuni metri prima della battigia. Continue Reading

Calabria . Continua sbarco immigrati : a Crotone nave carica di siriani

zcVYnplgPUyAT9gUK2Leld0D9G7BY6dlfKRs68bz9rs=--Sulle coste della  locride ed al largo di Crotone flussi di migranti di diverse nazionalità in cerca di una via di fuga

Roma, 31 luglio  – Al largo di Crotone una nave con 102 migranti di nazionalità siriana è stata intercettata dalla Guardia di Finanza due giorni fa. L’imbarcazione, un peschereccio di 17 metri, avvistato in un primo momento  dal Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto a 170 miglia dalla costa ionica in acque internazionali, è stato poi agganciato alle 2.20 della notte da un guardacoste della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Crotone in acque territoriali. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com