Le donne di Puccini a Siena in Scena 2016

Le donne di Puccini a Siena in scena il 19 maggio ore 21.00

Senza-titolo-21

Roma, 7 Giugno – Sarebbero  state di gradimento al  grande Giacomo Puccini  le tre artiste che eseguiranno le sue più famose aree accompagnate  dal M° Alessandro  Manetti, fiorentino, diplomato al  Conservatorio “Luigi Cherubini” sotto la guida del M° Roberto Caglieri, con il massimo dei voti.

Silvia Pantani  inizia a studiare pianoforte da piccola, ma presto capisce, anche grazie al suo maestro di pianoforte Giovanni Giannini, che la sua vera passione è il canto. Subito dopo ci saranno degli incontri importanti con grandi maestri e interpreti della lirica come Mirella Freni, Renato Bruson, Paolo Washington, Lucetta Bizzi, Donata d’Annunzio Lombardi, Leo Nucci e Ines Salazar che le faranno capire come gestire questo delicato strumento che è la voce e il canto lirico.

Silvana Froli studia canto sin dalla tenera età per perfezionarsi con artisti del calibro di Katia Ricciarelli, Paolo Washinton e Susanna Rigacci. Dotata naturalmente di voce di soprano, ha basato la sua formazione vocale sullo studio sistematico privilegiando la ricerca personale, avvalendosi dei preziosi consigli ricevuti da importanti cantanti frequentate in ambito teatrale.

Silvia Pacini si caratterizza da subito con i caratteri del soprano spinto e ultimato gli studi affronta ruoli da protagonista nelle seguenti opere: Ballo in Maschera, Nabucodonosor, Macbeth, Messa da requiem di G.Verdi, Adriana Lecouvreur di F.Cilea, Tosca, Suor Angelica, Manon Lescaut, Fanciulla del West , Turandot (principessa) di G.Puccini, Cavalleria Rusticana, Iris di P.Mascagni, Gotterdammerung di R. Wagner. Ha calcato le scene teatrali in Italia e all’estero fra i quali il Royal opera Canada di Toronto lo Stadt Oper di Praga diretta dal M°Baremboin, il Musik Halle di Amburgo Comische Opern di Berlino S.Francisco Opera, Bellini di Catania e ultimamente il Musikverein di Vienna. Attualmente impegnata in intensa attività concertistica e operistica in Italia e all’estero.

 

“Siena in Scena 2016” il 24 aprile arriva “Tuballoswing “

Lo swing  nato negli anni trenta negli USA, dopo un lungo predominio del Jazz  tradizionale e dopo la depressione del ’33, fa ancora ballare. 

Tuballo-Swing-03SIENA 22 Aprile- La manisfestazione “Siena in Scena 2016”  con il suo ricco cartellone  offre ben 36 spettacoli. Un viaggio dal musical alla lirica, dalla prosa alle più belle colonne sonore della cinematografia, alla musica classica, jazz, gospel, swing, pop, rock. Diverse espressioni artistiche legate da un unico filo conduttore: la città, che farà da scenografia ad ogni spettacolo con i suoi spazi aperti e pubblici. Non solo piazza del Campo, ma anche il Tartarugone di piazza del Mercato, le altre piazze del centro, le fonti storiche. Il progetto artistico, ideato da Fabbrica d’Opera,  testimonia la voglia di una cultura nuova per un pubblico nuovo, abbinando innovazione e tradizione, lavoro di squadra tra il pubblico ed il privato. Per la Danza il 24 aprile apre la serie degli eventi 2016 “Tuballoswing”, alle ore 15, al Tartarugone con musica dal vivo ed uno strepitoso corpo di ballo, che insegnerà ed aiuterà chi desidera ballare. “Tuballoswing ” è l’abbreviazione di “TUtti BALLano SWING”. Lo swing  nato negli anni trenta negli USA, dopo un lungo predominio del Jazz  tradizionale e dopo la depressione del ’33, fa ancora ballare. Tra i più conosciuti sicuramente Fred Astaire e Ginger Roger, instancabili partner che sembravano librarsi nell’aria mentre ballavano classici dello swing. Sarà stato perché lo swing era ballabile, orecchiabile, romantico  che ben presto si diffuse oltreoceano e anche in Italia, dove già prima della guerra aveva vissuto la sua primavera in una forma tutta nostrana, con parole italiane. Nasceva lo swing italiano, forma che impazzò ancora di più nell’immediato dopoguerra dopo l’arrivo degli americani. Oggi lo swing, come molte mode, sta rivivendo la sua seconda giovinezza e le musiche e i balli swing stanno riempiendo di nuovo le sale da ballo e gli spazi improvvisati per soddisfare gli appassionati. Una musica che si porta bene i suoi  anni,  e sarà bello, coinvolgente e colmo di atmosfera sentire queste note vibrare nella splendida Siena, dove per una volta tutti  potranno essere i mitici  Ginger Rogers e Fred Aster.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com