La città in tasca, Cultura, spettacolo, gioco con i bambini e i ragazzi di Roma

[AdSense-A]

 

La manifestazione, giunta alla sua XXII edizione, è realizzata con il contributo di Roma Capitale, in collaborazione con la SIAE, è inserita nell’edizione 2016 dell’Estate Romana

Senza-titolo-7

Sino all’11 settembre, tutti i giorni dalle 17,00 alle 23,00 torna con l’Estate Romana – al Parco degli Scipioni in via di Porta Latina, 10 – La città in tasca, Cultura, spettacolo, gioco con i bambini e i ragazzi di Roma, organizzata dall’Arciragazzi Comitato di Roma e oggi alla Sua XXII edizione. La manifestazione è realizzata con il contributo di Roma Capitale, in collaborazione con la SIAE, è inserita nell’edizione 2016 dell’ESTATE ROMANA: “Roma, una Cultura Capitale”; ed è riconosciuta come Festival di particolare interesse per la vita culturale della Città per il periodo 2014/2016.         

L’EVENTO – In questo scorcio di fine estate, sino all’11 settembre, torna al Parco degli Scipioni, con un ricchissimo programma di teatro, musica, cinema, danza, laboratori, letture e tantissimi giochi,  “La Città in Tasca”, il festival organizzato da Arciragazzi di Roma con il contributo di Roma Capitale, dedicato ai bambini dai 3 ai 12 anni,  giunto alla 22^ edizione. Come sempre molte novità. A cominciare dal bando con cui l’Associazione si è rivolta a giovani artisti per selezionare l’immagine della manifestazione di quest’anno: ha vinto l’illustrazione della giovane Cristina Basile.

 IL TEATRO – Tutti i giorni, dalle 17.00 alle 23.00, bambini e genitori potranno scegliere fra numerose proposte,  ludiche e culturali, tutte di grande qualità. Il teatro è quest’anno grande protagonista della manifestazione con ben 27 spettacoli di teatro di figura e di attore. Alcuni sono frutto di una ricerca artistica raffinata come “Trucioli” di Coppelia Theatre, spettacolo di microteatro da camera e marionette da polso. Altri propongono temi di attualità come “Un dito contro i bulli” della Compagnia Anfiteatro, uno spettacolo ispirato a “Il dito magico” di Roald Dahl. Oppure “Diario di bordo – Le avventure di un bastimento carico di uomini” della Compagnia L’Asina sull’Isola, per i bambini  più grandi,  che affronta il problema dei migranti. Per l’anniversario della morte di Shakespeare non poteva mancare “Sogno di una notte di mezza estate” della Compagnia T.E.A. con marionette a bastone. La tradizione più avvincente sarà invece presente con“Storie dei Paladini di Francia” con i “pupi” della Compagnia Vaccaro – Maugeri di Siracusa. Anche quest’anno La Città in Tasca ospiterà una prima assoluta prodotta da Arciragazzi Roma, Associazione Culturale Carpet e Associazione Culturale Pescatori di Poesia, che presentano “Lupetto & Rosso Cappuccetto – Tuttaunaltrafavola”. Da un’idea di Anna Maria Berardi, Alessia D’Anna, Simone Fraschetti e Riccardo Sinibaldi hanno creato uno spettacolo che propone una divertente lettura completamente rivisitata della celebre favola. Il Concerto del Coro Cantering, diretto dal M.° Ludovico (Dodo) Versino, presenterà canti popolari da tutto il mondo o quasi. Il Gruppo “SharabBallo”, diretto da Antonella Potenziani e Giovanni Tribuzio concluderà la manifestazione con uno spettacolo interattivo di danze popolari e musica dal vivo salentine, che coinvolgeranno bambini e genitori in pizziche, tammurriate, saltarelli e tarantelle.

LA BIBLIOTECA – La Biblioteca de La Città in Tasca offre come sempre uno spazio per sfogliare i libri a disposizione  e organizza con Il Semaforo blu una serie di incontri con autori e letture animate. Letture animate anche dell’Apelettura delle Biblioteche di Roma e diBibliolibrò, letture itineranti su furgoni coloratissimi pieni di libri bellissimi.

I LABORATORI – Anche i laboratori propongono alcune novità e danno spazio a giovani talenti come Cristiano Quagliozzi che con “Tutti sulla stessa barca” costruirà una grande arca con materiali di riciclo e inviterà i bambini a farvi salire personaggi da loro modellati affrontando anche qui il tema dell’accoglienza e dell’immigrazione. Milena Scardigno (Mila Gno’) nel Cantiere della Street Art realizzerà con i bambini una o più istallazioni per arricchire il Parco degli Scipioni, mentre i bambini potranno costruire anche quest’anno con Roberto Capone coloratissimi animali giganti. La Città delle Artingioco è ormai un must dei laboratori de La Città in Tasca: questa volta si giocherà con la luce e i colori degli Impressionisti. La musicista francese Claire Chevrolet , con il metodo e i materiali Orff, proporrà ai bambini un approccio ludico alla conoscenza della musica. Un’altra novità aspetta i bambini a La Città in Tasca: Il Villaggio Digitale, realizzato da un artigiano, Alvaro Romei, e da un ingegnere, Alberto Ferrara. Una città ideale dove si impara a … risparmiare energia.

LA RE BOAT ROMA RACE – Infine i fedelissimi appassionati della Re Boat Roma Race, anche quest’anno saranno accolti al Parco degli Scipioni per costruire imbarcazioni sempre più folli che parteciperanno poi alla tradizionale regata al Laghetto dell’Eur, domenica 18 Settembre 2016. Chi vuole partecipare con i bambini e i ragazzi; chi si sente una famiglia sportiva, unita e socialmente attiva; chi da sempre con gli amici affronta le sfide più pazze e divertenti; chi fa parte di una associazione sportiva e vuole provare la forza del gruppo; chi si sente staff vincente in un’azienda di successo; chi vuole coinvolgere, aggregare e motivare i ragazzi con disagio e disabilità…

 … può creare il Suo Green Team, iscriversi e costruire la Sua imbarcazione riciclata presso Il cantiere delle Re Boat e partecipare alla VII edizione della Re Boat Roma Race, la regata più folle e colorata di fine Estate. L’Apertura del cantiere sarà prevista con tutor dalle ore 17.00 alle ore 21.00 circa e senza tutor dalle ore 21.00 fino alle ore 23.00 circa.

GIOCHI E VISITE GUIDATE – Ovviamente giochi a volontà: da tavolo in biblioteca, e di movimento nello spazio giochi attrezzato. Infine presso la reception della manifestazione si potranno inoltre prenotare visite guidate al Museo delle Mura, al Colombario di Pomponio Ylas e alle Tombe degli Scipioni.

Torna “La città in tasca”: da domani al Parco degli Scipioni cultura, spettacolo, gioco con i bambini e i ragazzi di Roma

[AdSense-A]

 

La manifestazione, giunta alla sua XXII edizione, è realizzata con il contributo di Roma Capitale, in collaborazione con la SIAE, è inserita nell’edizione 2016 dell’Estate Romana

Senza-titolo-3

Dal 27 agosto al 13 settembre, tutti i giorni dalle 17,00 alle 23,00 torna ancora una volta con l’Estate Romana – al Parco degli Scipioni in via di Porta Latina, 10 – La città in tasca, Cultura, spettacolo, gioco con i bambini e i ragazzi di Roma, organizzata dall’Arciragazzi Comitato di Roma e oggi alla Sua XXII edizione. La manifestazione è realizzata con il contributo di Roma Capitale, in collaborazione con la SIAE, è inserita nell’edizione 2016 dell’ESTATE ROMANA: “Roma, una Cultura Capitale”; ed è riconosciuta come Festival di particolare interesse per la vita culturale della Città per il periodo 2014/2016.

L’EVENTO – In questo scorcio di fine estate, dal 27 agosto all’11 settembre, torna al Parco degli Scipioni, con un ricchissimo programma di teatro, musica, cinema, danza, laboratori, letture e tantissimi giochi,  “La Città in Tasca”, il festival organizzato da Arciragazzi di Roma con il contributo di Roma Capitale, dedicato ai bambini dai 3 ai 12 anni,  giunto alla 22^ edizione. Come sempre molte novità. A cominciare dal bando con cui l’Associazione si è rivolta a giovani artisti per selezionare l’immagine della manifestazione di quest’anno: ha vinto l’illustrazione della giovane Cristina Basile.

IL TEATRO – Tutti i giorni, dalle 17.00 alle 23.00, bambini e genitori potranno scegliere fra numerose proposte,  ludiche e culturali, tutte di grande qualità. Il teatro è quest’anno grande protagonista della manifestazione con ben 27 spettacoli di teatro di figura e di attore. Alcuni sono frutto di una ricerca artistica raffinata come “Trucioli” di Coppelia Theatre, spettacolo di microteatro da camera e marionette da polso. Altri propongono temi di attualità come “Un dito contro i bulli” della Compagnia Anfiteatro, uno spettacolo ispirato a “Il dito magico” di Roald Dahl. Oppure “Diario di bordo – Le avventure di un bastimento carico di uomini” della Compagnia L’Asina sull’Isola, per i bambini  più grandi,  che affronta il problema dei migranti. Per l’anniversario della morte di Shakespeare non poteva mancare “Sogno di una notte di mezza estate” della Compagnia T.E.A. con marionette a bastone. La tradizione più avvincente sarà invece presente con“Storie dei Paladini di Francia” con i “pupi” della Compagnia Vaccaro – Maugeri di Siracusa. Anche quest’anno La Città in Tasca ospiterà una prima assoluta prodotta da Arciragazzi Roma, Associazione Culturale Carpet e Associazione Culturale Pescatori di Poesia, che presentano “Lupetto & Rosso Cappuccetto – Tuttaunaltrafavola”. Da un’idea di Anna Maria Berardi, Alessia D’Anna, Simone Fraschetti e Riccardo Sinibaldi hanno creato uno spettacolo che propone una divertente lettura completamente rivisitata della celebre favola. Il Concerto del Coro Cantering, diretto dal M.° Ludovico (Dodo) Versino, presenterà canti popolari da tutto il mondo o quasi. Il Gruppo “SharabBallo”, diretto da Antonella Potenziani e Giovanni Tribuzio concluderà la manifestazione con uno spettacolo interattivo di danze popolari e musica dal vivo salentine, che coinvolgeranno bambini e genitori in pizziche, tammurriate, saltarelli e tarantelle.

LA BIBLIOTECA – La Biblioteca de La Città in Tasca offre come sempre uno spazio per sfogliare i libri a disposizione  e organizza con Il Semaforo blu una serie di incontri con autori e letture animate. Letture animate anche dell’Apelettura delle Biblioteche di Roma e diBibliolibrò, letture itineranti su furgoni coloratissimi pieni di libri bellissimi.

I LABORATORI – Anche i laboratori propongono alcune novità e danno spazio a giovani talenti come Cristiano Quagliozzi che con “Tutti sulla stessa barca” costruirà una grande arca con materiali di riciclo e inviterà i bambini a farvi salire personaggi da loro modellati affrontando anche qui il tema dell’accoglienza e dell’immigrazione. Milena Scardigno (Mila Gno’) nel Cantiere della Street Art realizzerà con i bambini una o più istallazioni per arricchire il Parco degli Scipioni, mentre i bambini potranno costruire anche quest’anno con Roberto Capone coloratissimi animali giganti. La Città delle Artingioco è ormai un must dei laboratori de La Città in Tasca: questa volta si giocherà con la luce e i colori degli Impressionisti. La musicista francese Claire Chevrolet , con il metodo e i materiali Orff, proporrà ai bambini un approccio ludico alla conoscenza della musica. Un’altra novità aspetta i bambini a La Città in Tasca: Il Villaggio Digitale, realizzato da un artigiano, Alvaro Romei, e da un ingegnere, Alberto Ferrara. Una città ideale dove si impara a … risparmiare energia.

LA RE BOAT ROMA RACE – Infine i fedelissimi appassionati della Re Boat Roma Race, anche quest’anno saranno accolti al Parco degli Scipioni per costruire imbarcazioni sempre più folli che parteciperanno poi alla tradizionale regata al Laghetto dell’Eur, domenica 18 Settembre 2016. Chi vuole partecipare con i bambini e i ragazzi; chi si sente una famiglia sportiva, unita e socialmente attiva; chi da sempre con gli amici affronta le sfide più pazze e divertenti; chi fa parte di una associazione sportiva e vuole provare la forza del gruppo; chi si sente staff vincente in un’azienda di successo; chi vuole coinvolgere, aggregare e motivare i ragazzi con disagio e disabilità…

… può creare il Suo Green Team, iscriversi e costruire la Sua imbarcazione riciclata presso Il cantiere delle Re Boat e partecipare alla VII edizione della Re Boat Roma Race, la regata più folle e colorata di fine Estate. L’Apertura del cantiere sarà prevista con tutor dalle ore 17.00 alle ore 21.00 circa e senza tutor dalle ore 21.00 fino alle ore 23.00 circa.

GIOCHI E VISITE GUIDATE – Ovviamente giochi a volontà: da tavolo in biblioteca, e di movimento nello spazio giochi attrezzato. Infine presso la reception della manifestazione si potranno inoltre prenotare visite guidate al Museo delle Mura, al Colombario di Pomponio Ylas e alle Tombe degli Scipioni.

Al via il Maggio dei Libri

Dal 23 aprile al 31 Maggio 

Slider1Roma, 20 Aprile – È partito il conto alla rovescia! Fra pochi giorni inizia il Maggio dei Libri, la campagna nazionale giunta alla sesta edizione promossa dal Centro per il libro e la lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO. La campagna si avvale inoltre del supporto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.  Anno dopo anno, il Maggio dei libri ha visto crescere la rete di sostenitori e collaboratori, a riprova di quanto sia diffusa e condivisa la consapevolezza della crucialità della lettura nella crescita e formazione, a tutte le età. Tra gli accordi di partnership e collaborazione per questa edizione: SIAE – Società Italiana degli Autori e degli Editori, Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, Poligrafico dello Stato, Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Società Dante Alighieri, UniCoop Tirreno, Librerie Coop, Librerie Feltrinelli, Messaggerie, British Council, Circolo dei lettori e altri in corso di definizione. Con cinque anni di successi alle spalle, conseguiti fin dalla prima edizione nel 2011, il Maggio dei libri punta a valorizzare il contributo imprescindibile della lettura per la crescita personale di ogni singolo cittadino come anche per lo sviluppo culturale e civile di tutto il Paese. Accolto ogni anno con entusiasmo e partecipazione, il Maggio dei Libri è un appuntamento atteso, abituale e diffuso in tutta Italia, in programma dal 23 aprile, Giornata mondiale UNESCO del libro e del diritto d’autore, al 31 maggio: il claim istituzionale che accompagna questa edizione è Se son libri fioriranno, insieme agli altri messaggi e visual Se leggo vivo più di 7 vite, Liberi di leggere e Il libro porta consiglio.

I FILONI TEMATICI

La primavera dei libri quest’anno porta con sé una bella novità: prospettive nuove per declinare il valore della lettura, attraverso alcuni filoni chiave che scandiscono la grande varietà di contenuti negli eventi in corso di organizzazione. Il primo è Shakespeare 400: ad aprile ricorrono i 400 anni dalla morte del Bardo e, in collaborazione con il British Council, si stanno organizzando diverse iniziative nelle scuole, in sedi istituzionali e in location inedite. Il secondo riguarda la biblioterapia, per migliorare la conoscenza di se stessi. Il terzo filone è costituito dalle Little Free Library, quelle casette in legno che custodiscono libri in libera consultazione e che spuntano come per magia nelle strade o nei parchi: quest’anno approdano anche al Maggio dei libri con il motto Prendi un libro, porta un libro! e, durante la campagna, ci sarà il primo censimento ufficiale di tutte quelle attive in Italia. Protagoniste di sempre, inoltre, sono le biblioteche (www.biblioraising.it) e le scuole, che sono all’opera per organizzare eventi coinvolgenti in nome della passione per la lettura.

ASPETTANDO IL MAGGIO DEI LIBRI

In una sorta di ideale e appassionante rincorsa verso l’inizio della campagna, alcune iniziative imperdibili entrano già nell’atmosfera del Maggio dei libri. Come Caro Alberto, mi ricordo di te (Roma, Casa Moravia, fino al 17 maggio), ciclo di appuntamenti per ricordare Moravia nei suoi spazi privati, attraverso le parole e le immagini degli amici: Flaminia Petrucci Siciliano e Lorenzo Pavolini hanno iniziato il 5 aprile, seguiranno Lorenzo Capellini e Nour Melehi (19 aprile),Antonio Debenedetti e Marco Cubeddu o Simonetta Sciandivasci (3 maggio) e a chiudere Mario Andreose e Sandra Petrignani (17 maggio). Altra grande anteprima è la festa al Circolo dei lettori a Torino, il 20 aprile: Sant Jordi. A Night in Barcelona, con gli underwater visuals, per respirare sotto il livello del mare; il rosso delle rose, nate, secondo leggenda, dal sangue del drago ucciso da Sant Jordi; il sound in perfetta modalità barceloneta con Sheesma, Ramon Moro,Sheesma e Mark Piñol. Ci si sposta in Sicilia il 22 aprile per #Storie sotto il Vulcano. Festeggia la giornata mondiale del libro in littorina (Catania e dintorni), che vede circa 150 scuole medie e superiori di 32 Comuni dell’area etnea coinvolte in un viaggio intorno al vulcano con studenti, docenti, lettori e 150 messaggeri che a bordo della littorina promuovono la lettura. Infine, il bookcrossing del progetto Libera Biblioteca PG Terzi Diffusa (Roma), che prevede la distribuzione (e il mantenimento) di cassette di libri in libero scambio, posizionate in ambulatori medici, sale d’attesa di studi professionali, negozi… A marzo ha superato quota 50 (tra I, II, V, VIII e XI Municipio di Roma) ottenendo anche il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Municipio Roma Il, della Direzione del Municipio Roma I, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma e dell’Istituzione Biblioteche di Roma.

LIBRI IN FESTA IL 23 APRILE

La fucina della creatività è in fermento, soprattutto per il 23 aprile, Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore, con tante iniziative per vivere a tutto tondo la passione per la lettura. A cominciare da Il Maggio dei libri a Explora! (Museo Explora, Roma): il Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con Explora – Il museo dei bambini di Roma, presenta una doppia iniziativa di lettura, per i bambini dai 3 ai 6 anni la mattina alle 11 con le filastrocche e i libri di Gianni Rodari e il pomeriggio per i più grandi dai 6 ai 10 anni con la raccolta Fiabe Italiane di Italo Calvino. E per festeggiare i libri e chi li scrive, il Centro propone – in collaborazione con SIAE – Società Italiana degli Autori e degli Editori, il ciclo di appuntamenti Il diritto di essere autore: incontri in contemporanea nelle scuole di alcune città per riflettere insieme agli scrittori sull’importanza di tutelare i prodotti della creatività. Ci sono poi diversi appuntamenti che, seguendo il primo filone tematico, sono dedicati al Bardo inglese: ad esempio, con Shakespeare Pop (Biblioteca Salaborsa, Bologna), si indagano le origini dell’immensa popolarità del drammaturgo e della sua influenza sulla cultura popolare contemporanea; Shakespeare after Shakespeare(Circolo dei lettori, Torino) propone invece sei spettacoli teatrali immaginando il destino di altrettanti eroi shakespeariani dopo che è calato il sipario; o ancoraLungo il percorso arabo-normanno di Palermo “I leggiadri versi del Bardo”(Cassaro Alto – Percorso Arabo –Normanno, Palermo), performance di cittadini e turisti che all’interno di alcuni negozi leggono a voce alta una poesia di Shakespeare estratta a sorte. Sempre il 23 aprile, la festa dei libri prosegue con Aspettando Andrea Vitali (Piazzalunga Cultura Suzzara, Suzzara – Mantova), maratona di lettura a voce alta dal suo libro La ruga del cretino; a Liberspazio (Piano di Sorrento – Napoli) protagonisti sono i bambini delle elementari, per giocare a fare gli editori, le bancarelle di libri usati e le letture animate, accompagnate da spettacoli e performance teatrali; con la XIV Settimana della lettura “Leggere per crescere”(San Giorgio delle Pertiche – Padova) la Biblioteca comunale organizza un corteo bibliofilo nel centro storico, un flash mob e letture per bambini e ragazzi. Quest’anno, inoltre, il Maggio dei libri incontra il Premio Scriviamoci: promosso dal Centro per il libro e la lettura in collaborazione con la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori e degli Editori, nella sua seconda edizione lancia una sfida di immaginazioneagli studenti delle scuole superiori di tutta Italia e di quelle italiane all’estero con la traccia 20 ANNI NEL 2020. Racconta come sei, racconta come sarai. “Inventa una situazione in cui, tra qualche anno, mettendo in ordine le tue cose, troverai un oggetto della tua adolescenza: un cellulare, un diario scolastico, una foto, il biglietto di un concerto. Prendi spunto da questo episodio per riflettere su come sei ora e su come potresti diventare”. I migliori racconti e aforismi saranno selezionati dalla Fondazione Bellonci e pubblicati sull’agenda Scriviamoci 2016/2017pubblicata da Giulio Perrone Editore e che sarà presentata il prossimo 14 maggio al Salone Internazionale del Libro di Torino, partner del Maggio dei libri. Sempre al Salone e in occasione della campagna, sono in programma il 12 maggio un incontro nazionale sul valore formativo della lettura con gli insegnanti e il 13 maggio il V incontro delle Città del libro. Attraverso declinazioni sempre nuove della passione per la lettura e con progetti creativi, l’edizione 2016 ribadisce la propria ispirazione originaria, alla base dei suoi successi anno dopo anno: portare i libri fuori dai loro contesti tradizionali per dimostrare che sono di casa in ogni luogo. In un’ottica di lettura condivisa, che favorisca l’interazione fra tipologie di pubblico diverse e coinvolga quanti più luoghi possibili della “quotidianità”, la campagna invita a organizzare eventi non solo in librerie, biblioteche, scuole e spazi istituzionali, ma anche nei locali pubblici, nei cinema, nei negozi, sugli autobus, nelle palestre, parchi, ristoranti e ovunque detti la fantasia. Al termine della campagna, ai migliori progetti (suddivisi nelle categorie: biblioteche, scuole, associazioni culturali, strutture carcerarie, librerie) sarà assegnato il premio Il Maggio dei Libri 2016.

Il compito di coordinare le migliaia di iniziative attese spetta al sito ufficiale della campagna www.ilmaggiodeilibri.it, rinnovato con una nuova veste grafica. Le adesioni sono aperte e partecipare è semplice quanto fare click: su “Inserisci la tua iniziativa” dal sito del Maggio dei libri o direttamente sulla piattaforma che raccoglie tutte le iniziative legate al Maggio dei libri 2016, all’indirizzo http://risorse.cepell.it/ilmaggiodeilibri/.

SIAE: Dopo Sue Pressioni Web Radio Italiane Fatte Fuori da Radionomy

Radionomy in questi anni ha stipulato accordi internazionali con le società di gestione dei diritti d’autore

ImageProxyRoma, 5 aprile 2016 – Radionomy non permette più la creazione di nuove radio localizzate in Italia e a quelle create già da tempo è stata disabilitata la pagina e il player, inoltre le web radio italiane sono state rimosse dall’elenco delle 57mila radio che utilizzano la piattaforma che lo scorso dicembre è stata acquistata dalla francese Vivendi. Fondata nel 2008, Radionomy ha sviluppato una piattaforma digitale che permette alle web radio di trasmettere i loro programmi e monetizzare la loro audience. Questa azienda di origine belga possiede anche il lettore audio Winamp, la tecnologia streaming Shoutcast e controlla TargetSpot, la piattaforma di pubblicità audio digitale presente negli Stati Uniti e in Francia. Nella giornata di venerdì, gli editori italiani che si sono visti rimuovere le proprie stazioni radio, hanno prima pensato ad un pesce d’aprile e poi hanno chiesto assistenza nel forum di Radionomy senza però ricevere alcuna risposta. Nel tardo pomeriggio un moderatore del forum ha scritto che il problema è generato dalla SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori). Sembra che Radionomy abbia ricevuto pressioni per rimuovere tutte le radio italiane e che le disabiliterà del tutto se a breve non arriverà ad un accordo con la SIAE. Di fatto però nessuna delle radio disabilitate ha ricevuto comunicazioni ufficiali da parte di Radionomy. Radionomy in questi anni ha stipulato accordi internazionali con le società di gestione dei diritti d’autore. In particolare, ha siglato un accordo con la società francese SCPP (Société civile des producteurs phonographiques) alla quale paga i diritti per le sue web radio che sono localizzate in 41 stati, incluso il Regno Unito. Agli editori italiani, incalzati dalla SIAE, Radionomy ha sempre risposto che non devono pagare nulla in quanto i diritti sono tutti a carico di Radionomy. La questione dei diritti è molto complicata. Internet per sua natura è extraterritoriale. Non ha senso parlare di radio italiana o straniera, se non in funzione della nazionalità dell’editore. Inoltre, a differenza delle radio FM, le web radio possono essere ascoltate in ogni angolo del pianeta grazie alla disponibilità di una connessione internet. Bisogna anche dire che molte web radio sono amatoriali e quindi non hanno alcun introito oltre ad essere spesso ascoltate solo da alcune decine di utenti contemporanei. La SIAE versa in profondo dissesto a causa dell’elevato costo del personale, del fondo pensioni e del suo patrimonio immobiliare. È da anni in perdita. 27 milioni di euro nel solo 2013 e 26 nel 2014. Il bilancio SIAE riporta debiti per oltre 900 milioni di euro che non ha distribuito ai detentori dei diritti come da suo oggetto sociale. SIAE gode storicamente di un monopolio garantito per legge e nonostante questo è in passivo a causa dell’inefficienza rispetto agli equivalenti enti di paesi esteri che non prevedono un simile monopolio, come il Regno Unito. La conservazione del regime di esclusiva in capo alla SIAE impedisce la creazione in Italia di soluzioni più efficienti di tutela e gestione dei diritti d’autore e dei diritti connessi. Un simile monopolio, tra gli stati membri dell’Unione Europea, trova un analogo solo nella Repubblica Ceca. Il Parlamento Europeo ha definitivamente legiferato in materia di concorrenza per quanto concerne la gestione del diritto d’autore nella UE. La Direttiva prevede che ci possano essere più enti per la tutela dei diritti d’autore e che ogni autore possa decidere di aderire ad uno o più enti. Come si relazionerà SIAE con concorrenti nazionali ed esteri ora che ce lo chiede l’Europa?

ExpoinCittà. Il 23 e 24 ottobre a Milano un convegno nazionale verso “Un patto per la musica live nelle città del futuro”

Da oggi on line il sito per l’accreditamento degli operatori ai lavori del Convegno

PANORAMICA DUOMO RIMilano, 18 settembre 2015 – In occasione degli MTV Europe Music Awards che si terranno a Milano il prossimo 25 ottobre  nell’ambito del Palinsesto ExpoinCittà, e che coinvolgeranno numerosi operatori della filiera musicale, a Palazzo Reale si svolgerà il 23 e 24 ottobre un convegno nazionale intitolato “MUSICA VIVA. Un patto per la musica live nelle città del futuro”. L’intento è quello di mettere a confronto le buone pratiche sviluppate a livello locale, nazionale e internazionale volte alla valorizzazione e alla semplificazione normativa del comparto musicale e far convergere le diverse istanze di rinnovamento che si stanno attivando nel paese nel settore della musica live. Il convegno, promosso da Comune di Milano ed ExpoinCittà in collaborazione con SIAE e MTV Italia, coinvolgerà molti soggetti, sia pubblici che privati, tra i quali rappresentanti del Governo, del Parlamento, di enti locali, di associazione di Imprese e categoria, e tanti altri rappresentanti della filiera della musica live. Tra questi i due partner speciali saranno SIAE nel quadro della più ampia Convenzione con il Comune di Milano che prevede il sostegno alla promozione e valorizzazione della musica dal vivo e del diritto d’autore e MTV, da sempre intenta a promuovere la musica live e la sua industria in tutto il mondo. Hanno già confermato la loro presenza il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini e i rappresentanti di SIAE, ANCI, A.G.I.S., Federculture. “Il nostro Paese ha bisogno di condividere le buone pratiche legate alla semplificazione delle procedure per gli spettacoli dal vivo, partendo da quelle sviluppate nel Comune di Milano come lo Sportello Manifestazioni ExpoinCittà, il Modulo Unico di Autorizzazione e la Convenzione SIAE – dichiara l’Assessore alla Cultura Filippo del Corno –. Ci aspettiamo che la condivisione di progetti e proposte porti verso la sottoscrizione di un patto condiviso da tutti gli attori del settore, che sia propedeutico a una nuova legge sistemica sulla musica dal vivo con un riequilibrio di normative e competenze tra il Ministero degli Interni, del Lavoro e dei beni e delle attività culturali e del turismo”. Il convegno, che si svolgerà su due giornate, ha una modalità di accesso a invito o previo accreditamento sul sitowww.comune.milano.it/musicaviva , on line a partire da oggi. Il convegno è riservato a operatori nel settore della produzione e della promozione della musica live in Italia. Ulteriori informazioni sul convegno, i suoi obiettivi, i temi trattati, le modalità di lavoro dei tavoli e le modalità di accreditamento sono disponibili sempre sul sito www.comune.milano.it/musicaviva. Mediapartner del convegno le testate Zero e Rockit. Il 23 e il 24 ottobre, collateralmente al convegno, sono previsti in città altri momenti di incontro come Linecheck a cura di Elita e RDN Promotion e la programmazione speciale della Music Week a cura di MTV.

Foodblogger Social Night

Sabato 12 settembre vieni a Testaccio, fai la spesa serale nel mercato, vai nel tuo ristorante o locale preferito oppure scegline uno nuovo da provare, mangia, bevi, scatta e posta le tue foto sui tuoi account Facebook, Twitter o Instagram e diventa anche tu protagonista del più grande racconto social del cibo mai fatto prima.

LOCANDINA A3Roma, 10 settembre, 2015- E’ questo l’invito con il quale prende il via la prima edizione di Foodblogger Social Night,  evento innovativo ideato da Marco Panella, promosso da Artix con il supporto di Roma Capitale nell’ambito dell’Estate Romana 2015, in collaborazione con il CAR-Centro Agroalimentare Romano, il Dipartimento di Comunicazione dell’Università La Sapienza, il Co.Ri.De e la Siae. Foodblogger Social Night è il primo evento pensato per far diventare l’Estate Romana protagonista assoluta sul palcoscenico mondiale dei social network con una performance dedicata alla narrazione per immagini del cibo e dei suoi riti. Foodblogger Social Night con i linguaggi virali ed emozionali della foodphotography, del foodwriting e del foodblogging, trasforma un intero ambiente urbano in un contesto corale dove il pubblico è protagonista di una produzione creativa, culturale ed estetica per l’universo rete; un evento corale di cui chiunque potrà essere partecipe, semplicemente mettendo in rete le proprie immagini di cibo con il tag #foodbloggersocialnight. Di questa esplosione creativa ed estetica, Testaccio – con il suo mercato, i suoi ristoranti ed i suoi locali – sarà il cuore vivo e vitale e, dalle 20.00 alle 24.00 del 12 settembre, diventerà un vero e proprio set a cielo animato dalla ricerca delle immagini del mangiare e bere da scattare e postare in tempo reale. Dentro il mercato rionale di Testaccio – aperto in via straordinaria sino alle 24.00 – ci sarà la cabina di regia della serata, con grandi schermi sui quali seguire in diretta le immagini postate dal rione, accompagnati dalla live music di Luca Chiaraluce – polistrumentista in questa occasione al contrabbasso che insieme ai suoi compagni di viaggio Ginevra Rossi (voce), Olivier Berney (tromba), Mauro Andreoni (pianoforte), Fabrizio Andreozzi (batteria) proporrà al pubblico un menù musicale nel quale musica jazz, cibo e vino si fondono in una connessione armoniosa tra i vari elementi gusto-olfattivi di cibo e vino e le strutture di base di  brani jazz, latin e bossanova –  e dalla proiezione del documentario Roma. La cucina svelata. Testimonial  d’eccezione della serata sarà Andy Luotto – attore, cuoco e food performer –  che, sul filo dell’ironia, realizzerà incursioni semiserie nel mercato, nelle strade e nei locali del rione, alla ricerca di storie, personaggi ed immagini del cibo da raccontare da par suo e condividere  in diretta via Periscope. “Foodblogger Social Night mette in connessione l’intero sistema commerciale dell’accoglienza del rione e trasforma Testaccio in Testaccio Food Quarter – dichiara Marco Panella, ideatore di Foodblogger Social Night  – mutuando l’esempio di rinnovamento urbano realizzato con successo a Londra tra il 2005 ed il 2008  con protagonisti i mercati di Borough, Broadway e Exmouth, che dimostra come innovare ruolo, funzioni, estetica e modalità commerciali dei mercati rionali possa diventare il volano per una trasformazione urbana veloce, rispettosa della socialità, innovativa nel linguaggio, aperta alle dinamiche commerciali contemporanee e che riallinei gli orari dell’offerta commerciale con gli orari della vita delle persone. Foodblogger Social Night è un format innovativo, dal punto di vista dei contenuti, del linguaggio, dei luoghi e delle ambizioni. Per la prima volta a Roma, un mercato rionale diventa il centro di un dialogo con la città che lo circonda e, con la sua storica vocazione al cibo ed all’ospitalità,  rende questo dialogo un sistema – food quarter, appunto – e lo fa diventare un fatto culturale alimentato dalla creatività spontanea del racconto per immagini del cibo, uno dei driver per eccellenza dei più diffusi social network”. “La passione e l’interesse che milioni di persone al mondo manifestano nel pubblicare in rete immagini del cibo e della sua convivialità – dichiara ancora Marco Panella – è semplicemente la prosecuzione della esigenza sociale di condivisione – di cui il cibo, la sua preparazione e le sue tavole sono da sempre testimoni –  nella forma contemporanea della partecipazione che, piaccia o meno, è sempre più quella della partecipazione in rete sulle varie piattaforme dei social network. Testaccio è perFoodblogger Social Night l’inizio di un percorso che si annuncia lungo ed avvincente, visto che già oggi abbiamo richieste di replicare in altre città l’evento perché, come si intuisce già oggi e come sarà chiaro a tutti dopo il 12 settembre, il racconto del cibo non sarà più uguale a prima”.“Oggi i mercati hanno bisogno di interventi che aiutino a rivitalizzare la loro funzione riportandoli al centro del tessuto economico e sociale della città – dice l’assessore a Roma Produttiva, rapporti con le associazioni dei consumatori e Città Metropolitana Marta  Leonori. Testaccio e il suo mercato sono dei  social network naturali, con una vocazione speciale all’incontro e alla sperimentazione e i nuovi linguaggi della comunicazione possono aiutarci a raccontare questo mondo, il cibo, i prodotti di eccellenza, e a farli conoscere anche alle generazioni più giovani”.“Il Centro Agroalimentare Roma ribadisce l’importanza di una stretta e continua collaborazione con i mercati rionali che, ancora oggi, sono canale prioritario di distribuzione di prodotti agroalimentari di qualità che, soprattutto a Roma, raggiungono una capillarità tale da poter soddisfare i bisogni di una città così grande.  Anche per questo, abbiamo voluto creare il marchio “Cuor di Car”, che punta sia a migliorare i livelli qualitativi dell’offerta di frutta e verdura fresca degli oltre 140 mercati rionali romani, sia ad irrobustire i legami di convenienza e fidelizzazione di tutti i soggetti della filiera. Iniziative come Foodblogger Social Night che vanno nella direzione di rendere un’immagine contemporanea dei mercati rionali, sono la strada da percorrere per creare una sinergia preziosa tra la produzione virtuosa dell’agroalimentare qualità, la capillare filiera commerciale dei mercati rionali e l’innovazione della comunicazione con la quale questa si rivolge alla città” dichiara Massimo Pallottini, direttore generale del CAR. Sull’innovazione del linguaggi si sofferma Mario Morcellini, direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università La Sapienza, che sottolinea come “Il cibo solleciti la sensibilità dei moderni dal punto di vista culturale, percettivo e persino di costruzione di uno stile di vita personal (cibus symbol), consenta di descrivere e valorizzare un contesto in cui, nella struttura profonda del paese, si può già scorgere un processo di rinvigorimento dei livelli di fiducia nella comunità, nelle dimensioni del locale, nell’eccellenza e nella qualità delle filiere produttive e distributive.  Tutto questo fa intravvedere nel cibo una dimensione tutt’altro che banalmente materialistica: persino il Made in Italy cessa di essere, in quest’ottica, un puro esercizio di marketing e diventa bandiera identitaria e di condivisione di una comunità di destino. È per questo che la sua sinergia con i linguaggi della modernità comunicativa e con lo stile narrativo dei social network risulta più che naturale e in grado di restituire il perduto senso della comunità e dello stare insieme, dentro e fuori le maglie della Rete.”L’importanza dei mercati rionali nel riequilibrio dell’economia cittadina, è invece ribadita da Franco Gioacchini, presidente del Coride, consorzio di servizi di cui aderiscono oltre 1.000 soci, molti dei quali operatori dei mercati rionali “Testaccio – dichiara Gioacchini – è uno degli esempi più riusciti di innovazione strutturale della rete mercatale romana. Un luogo al passo con i tempi e con le esigenze dei consumatori di trovare un’offerta ampia e di qualità in tutti i settori merceologici, un mercato che riesce ad attrarre clienti ben oltre la ristretta cerchia dei 10 minuti a piedi di distanza e che riceve visitatori da un ampio quadrante della città oltre che –  come accade con i mercati storici nelle più importanti città europee – turisti che vengono qui per vivere l’esperienza del comprare e del mangiare in un mercato di qualità.  Essere il cuore pulsante di Foodblogger Social Night, è per il mercato Testaccio il segno concreto della scelta irreversibile di continuare il suo percorso di qualità e di essere interlocutore commerciale per tutta la città di Roma”.

L’Aquila, il 6 settembre risuona il jazz

Il Comune dell’Aquila affiancato dal MIBACT, SIAE e Puglia Sounds con la direzione artistica di Paolo Fresu dedicano una maratona di Jazz per la ricostruzione de l’Aquila 

image001L’ Aquila, 2 settembre 2015- Domenica 6 settembre è la data scelta per la grande mobilitazione di tutto il jazz italiano per animare con i suoni del jazz il centro storico della città in ricostruzione e contribuire nell’opera di sensibilizzazione indirizzata ad accelerare i tempi della ricostruzione dell’Aquila. Fortemente voluta dal Ministro Dario Franceschini, dal Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e dal musicista e direttore artistico Paolo Fresu, e grazie al sostegno della Società Italiana degli Autori ed Editori, con il contributo di Puglia Sounds, l’iniziativa vede coinvolti 600 jazzisti per 100 concerti in sole 12 ore. Una giornata che passerà alla storia come il momento jazzistico più ricco e importante che abbia mai avuto il nostro Paese. “La lunga maratona di musica che si terrà il 6 settembre a L’Aquila, dichiara il Ministro Dario Franceschini, oltre a confermare l’impegno del Ministero per i beni e le attività Culturali e del Turismo nei confronti del panorama nazionale del jazz, dimostra un sostegno concreto degli artisti alla ricostruzione civile, sociale e culturale dell’Aquila. Ringrazio i tanti musicisti che quest’anno hanno deciso di portare la musica jazz nel centro dell’Aquila, continuando a tenere accesi i riflettori su di una città che da sei anni attende il recupero del proprio centro storico duramente colpito dal sisma”. “Un evento, ha dichiarato il Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, destinato a diventare una data storica, dal momento che vede la presenza simultanea dei maggiori artisti jazz del panorama nazionale ed internazionale, in una location del tutto particolare, ovvero il centro storico dell’Aquila che, con le sue ferite e le sue gru, sta credendo con tutte le sue forze, nel ritorno alla vita. Ringrazio il Ministro Franceschini che, dopo il Buskers Festival dello scorso anno, ha voluto regalare alla Città dell’Aquila un evento altrettanto straordinario, per il quale c’è già grandissima attesa. Un inno alla rinascita e alla cultura, vera vocazione e simbolo di questa città.“Il jazz italiano per L’Aquila”, dichiara Paolo Fresu, si presenta come il più grande evento jazzistico mai organizzato nel nostro Paese. Con oltre 600 musicisti provenienti da tutta l’Italia e 100 concerti che coinvolgeranno tutta la ricca realtà del nostro jazz. Questa grande mobilitazione non ha il solo significato di sensibilizzare sui tempi della ricostruzione ma anche quello di contribuire alla cicatrizzazione del tessuto sociale e architettonico della città oltre che rappresentare la vitale e creativa realtà del jazz italiano. Grazie alla musica e alla presenza, si spera numerosa, dei molti che vorranno venire all’Aquila per sentire e condividere la solidarietà.”“SIAE è da sempre vicina a L’Aquila. Siamo felici e orgogliosi di sostenere questa grande manifestazione di solidarietà, che coinvolge il meglio della musica jazz italiana, e di dare il nostro contributo concreto per la rinascita culturale di questa meravigliosa città”, dichiara Filippo Sugar, Presidente designato SIAE. La maratona musicale prenderà avvio alle ore 12,00 per terminare intorno alla mezzanotte. L’impegnativo allestimento della manifestazione, nei luoghi decentrati e sul palco centrale di Piazza Duomo, sarà curato dal Comune dell’Aquila. Infatti, sarà la città la vera protagonista, con circa 20 diverse postazioni disseminate lungo un percorso a stretto contatto con i cantieri della ricostruzione e attraverso la suggestiva e drammatica vicinanza con i luoghi, i palazzi ed i monumenti che lentamente stanno iniziando a rivivere. Il percorso musicale, indicato man mano dalle marching band, comprenderà la Basilica di San Bernardino, la Chiesa di San Giuseppe Artigiano, il Chiostro di San Domenico, i Portici di Via San Bernardino, Piazza dei Gesuiti, Via del Castello, Largo Tunisia, l’interno e l’esterno del nuovo Auditorium, Piazza Chiarino, Via Borgo Rivera, la Fortezza, la Fontana delle 99 Cannelle e molti altri piccoli luoghi dove avverranno degli happening improvvisati; il tutto si concluderà in Piazza Duomo per il concerto serale a partire dalle ore 20,00.

ExpoinCittà. Pisapia: “Un format unico e una scommessa vinta. Milano corre”

Oltre 5 milioni di partecipanti agli eventi in programma, oltre 40 mila appuntamenti in palinsesto di cui oltre 21 mila già svolti.

1438610526_expo-pisapiaMilano, 4 agosto 2015 – “ExpoinCittà compie tre mesi e per il Comune e la Camera di Commercio è una scommessa di squadra vinta. I numeri parlano confermando la validità di un progetto innovativo e una storia di successo: ad oggi oltre 5 milioni di partecipanti agli eventi in programma, oltre 40 mila appuntamenti in palinsesto di cui oltre 21 mila già svolti. Per agosto sono in calendario 5.622 appuntamenti, inclusi i Campionati del mondo di canoa all’Idroscalo. La SIAE, partner di ExpoinCittà, certifica inoltre una crescita marcata per gli spettacoli dal vivo, con un + 28,90% di partecipanti e +43,51% di spesa al botteghino. Eventi anche stranieri non solo nel centro della città ma anche in altre zone e Comuni del territorio metropolitano. Un nuovo partner, easyJet, in aggiunta a Edison, Intesa SanPaolo e Vodafone, che aumenta il tasso di internazionalizzazione. Il modello Milano dimostra ancora una volta di essere vincente. Milano va. Anzi corre”. Lo ha dichiarato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia in occasione della conferenza stampa “ExpoinCittà – Lo stato dell’arte” svoltasi oggi in Expo Gate. “ExpoinCittà è un format unico nel panorama italiano, sperimentato per il futuro di Milano e di altre città che vorranno mettersi in gioco come abbiamo fatto noi. Teatri, musei, luoghi conosciuti e meno conosciuti, parchi e giardini luoghi pubblici e privati sono diventati palcoscenici speciali degli eventi. Nuove iniziative, legate al tema di Expo, hanno preso vita. Nuove applicazioni tecnologiche aiutano a seguire con più facilità i percorsi culturali, scientifici e sportivi proposti.  Il termometro della scommessa vinta sono l’allegria e lo stupore sui volti delle tante persone che in questi mesi girano per i quartieri vecchi e nuovi di Milano alla scoperta di quanto di bello e di nuovo la città ha deciso di regalare loro”, ha concluso il Sindaco Pisapia.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com