Sicilia, stremata dal maltempo di questi giorni con ingenti danni, feriti e dispersi

Disagi nell’isola a causa della neve, temporali e raffiche di vento che, sabato e domenica, si sono abbattuti sul versante Sud Orientale, provocando la caduta di alberi, pali della luce e danni anche alle coltivazioni con centinaia di serre distrutte nella fascia da Pachino fino a Vittoria. I collegamenti marittimi con le Isole Eolie sono stati interrotti per due giorni e non è stato possibile raggiungere Ustica.

La Sicilia in ginocchio, è ciò che emerge in queste ore dai danni causati dal maltempo con freddo, neve e venti da uragano. A Palermo è venuta giù una palma storica in piazza Croci ed il monumento alle vittime della mafia ha oscillato pericolosamente. Tempestivi sono stati gli interventi dei vigili del fuoco a: Cefalù, Misilmeri, Bagheria, Carini e Capaci. Una violenta mareggiata ha colpito la frazione di Canneto a Lipari provocando l’allagamento di strade e danni alle abitazioni. Anche ad Acquacalda la violenza del mare ha raggiunto l’abitato di San Gaetano, dove i vigili del fuoco ed i volontari della protezione civile hanno ripulito con ruspe il lungomare da terriccio e sabbia. A Modica è caduto l’orologio dalla facciata della chiesa di San Giovanni, alcune strade sono state chiuse per precauzione e delle frazioni rurali sono rimaste senza luce. A Ragusa, molti alberi sono stati sradicati dal vento ed oltre 40 gli interventi della protezione civile. Alla stazione di Pozzallo un pezzo di cornicione ha colpito un ragazzo rimasto illeso, mentre a Paceco tre uomini, di cui uno grave, sono stati feriti dal tetto del palazzetto dello sport. Nel Catanese, questa mattina è stato rinvenuto il cadavere di uno dei 3 ragazzi trascinati con la auto in mare da un’onda anomala. A Sampieri, Comune di Scicli, il vento ha scoperchiato una stazione di servizio, mentre a Siracusa, i carabinieri del Comando provinciale hanno soccorso alcuni automobilisti in difficoltà nelle zone montane della provincia. Interventi dei militari anche per la caduta di alberi, tabelloni pubblicitari e pali e sospesa la circolazione ferroviaria fra Siracusa e Augusta, sulla linea Catania-Siracusa, per dei rami caduti sulla linea elettrica. Oggi scuole chiuse a: Ragusa, Siracusa, Augusta, Avola, Portopalo di Capo Passero e Noto.

RIPARTONO I “LABORATORI DIDATTICI DEL PANE” NELLE SCUOLE PRIMARIE DI CERVIA PROMOSSI DALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE CASA DELLE AIE

[AdSense-A]

La prima classe interessata nel 2017 è la 2ª A della Scuola Primaria “Carducci” di Castiglione di Cervia.

 

Riparte con l’anno nuovo la seconda parte del programma dei  “Laboratori didattici del pane” promossi all’Associazione Culturale Casa delle Aie Cervia. Sono 14 gli appuntamenti complessivi dell’anno scolastico 2016-2017, mirati a coinvolgere le seconde classi delle Scuole Primarie della realtà cervese e delle zone limitrofe del Primo, Secondo e Terzo Istituto Comprensivo. Le iniziative sono finalizzate a recuperare e a valorizzare le tradizioni romagnole legate al ” ciclo del pane”. Il periodo di svolgimento dei laboratori va dal 5 ottobre 2016 al 10 maggio 2017: Gli incontri si svolgono nell’arco della mattinata, a partire dalle ore 9.

Mercoledì 11 gennaio 2017 il laboratorio si svolgerà al mattino, in orario scolastico, nella Scuola Primaria Giosuè Carducci di Castiglione di Cervia e coinvolgerà la classe 2ª A.

Presenteranno ed animeranno l’iniziativa, all’interno della scuola,  Alfio Troncossi, esperto di tradizioni gastronomiche cervesi e romagnole e Marina Rosetti, nel suo ruolo di “sfoglina” ed appassionata del recupero e valorizzazione dei prodotti locali.

Coordinano l’attività dei laboratori e collaborano attivamente alla loro gestione Miriam Montesi e Mario Stella.

Il “laboratorio” costituisce l’occasione per ricostruire l’intero ciclo del pane partendo dalla semina del grano nei campi, alla mietitura, alla trebbiatura, alla macinazione del grano per ricavare la farina. Questa costituisce la materia prima per poi andare alle fasi di preparazione dell’impasto del pane, all’utilizzo della gramola (in dialetto grâma), alla cottura nel forno, fino al consumo del pane e alla sua conservazione.

Il ciclo del pane che viene rievocato, e dimostrato praticamente con il coinvolgimento dei bambini, è quello della tradizione romagnola della prima metà del Novecento.

 

Oltre ai laboratori didattici legati al ciclo del pane, nell’anno scolastico 2016-2017, sono in programma 14 “Laboratori di cucina romagnola” riservati alle Scuole primarie di Cervia.

A questi si aggiungono anche 9 “Laboratori di cucina romagnola” rivolti all’Istituto Alberghiero (IPSEOA), sia alle Aie che nei locali dell’Istituto.

I laboratori si svolgono con la collaborazione attiva della gestione del Ristorante della Casa delle Aie che fa capo ai fratelli Battistini. Le iniziative hanno anche il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cervia.

L’organizzazione dei laboratori è gratuita per le scuole.

“Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole” alla sua terza edizione

[AdSense-A]

 

Dal 24 al 29 ottobre torna nelle scuole di ogni ordine e grado l’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) attraverso la Direzione Generale per lo Studente e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), con il Centro per il libro e la lettura.

senza-titolo-10

Come ogni anno invitiamo dirigenti scolastici e insegnanti a dedicare alla lettura ad alta voce una o più giornate nell’ultima settimana di ottobre. Obiettivo del progetto è quello di avvicinare il bambino/ragazzo alla lettura, in una modalità aperta, slegata dal programma di studio. Tra le responsabilità che ognuno di noi ha verso i più giovani c’è l’obbligo di leggere loro ad alta voce; leggere cose che possano apprezzare, dare voce alle parole scritte in maniera interessante e continuare a farlo anche quando essi siano in grado di leggere autonomamente.  Il tempo della lettura ad alta voce è il tempo dell’immaginazione, il tempo senza telefonino, quando tutte le distrazioni sono messe da parte. Qualsiasi oggetto di lettura può rappresentare una passerella che traghetti il bambino/ragazzo dalla dimensione di non-lettore a quella di lettore, condizione nella quale ogni lettura che troverà interessante lo farà avanzare sempre più su, nel percorso graduale e continuo dell’alfabetizzazione. Pertanto gli insegnanti sceglieranno le opere da leggere in maniera autonoma e in base all’ordine scolastico di competenza, avvalendosi eventualmente delle bibliografie suggerite dal Centro per il libro sui
temi proposti per l’attuale edizione:

  • Legalità (tema principale)
  • William Shakespeare (IV centenario della morte)
  • Miguel de Cervantes (IV centenario della morte)
  • Ludovico Ariosto (V centenario de ‘L’Orlando furioso’)
  • Road Dhal(I centenario della nascita)

A breve comunicheremo le modalità di partecipazione all’iniziativa e daremo tutte le informazioni utili per organizzare letture ad alta voce anche con lettori d’eccezione volontari.

Riscaldiamo la voce: ritorna Libriamoci! www.libriamociascuola.it

Concorso video per le scuole sulla cultura del dono

Consiglio Giovani e Sportello Eurodesk informano

Senza-titolo-6

Roma 21 Maggio – L’Istituto Italiano della Donazione (IID), in collaborazione con MIUR, promuovono il contest “Donare, molto più di un semplice dare – racconta la tua idea di DONO” destinato agli studenti delle classi delle scuole medie inferiori e superiori.

Sia i singoli studenti che le loro classi sono chiamati a realizzare un video, della durata di un minuto, che abbia per oggetto la propria idea di Dono, inteso come gratuità, reciprocità, produttore di legami e relazioni, declinabile in tutte le sue forme (dono di denaro, di tempo, di sangue, ecc.).

Sono previsti tre premi: premio Giuria tecnica, premio Giuria popolare e premio IID. Le scuole vincitrici riceveranno un riconoscimento economico. La premiazione si terrà durante la celebrazione del DonoDay 2016, il 4 Ottobre prossimo.

I progetti potranno essere inviati entro e non oltre il 15 Giugno 2016. Per maggiori informazioni consultare il sito http://www.istitutoitalianodonazione.it/it/donoday/new-2016/new-2016/programma2016

Fonte: Eurodesk Italy – www.eurodesk.it

 

UNICEF: ogni giorno almeno 4 ospedali o scuole vengono attaccati o occupati da gruppi armati

Gli attacchi contro le scuole e gli ospedali rappresentano una delle sei gravi violazioni contro i bambini identificate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

unicef-ospedali-occupati-terroristi

19 maggio 2016 – Secondo un’analisi dell’UNICEF, lanciata a poche ore da World Humanitarian Summit, in media ogni giorno 4 scuole o ospedali sono attaccati o occupati da gruppi e forze armate.

Gli attacchi contro le scuole e gli ospedali rappresentano una delle sei gravi violazioni contro i bambini identificate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. L’ultimo Rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite sui Bambini e i conflitti armati ha documentato oltre 1500 episodi di attacchi o di utilizzo per scopi militari di scuole e ospedali nel 2014, tra cui:

–          In Afghanistan 163 suole e 38 strutture sanitarie sono state attaccate;

–          In Siria sono stati registrati 60 attacchi a strutture scolastiche, 9 casi di scuole utilizzate per uso militare e 28 attacchi a strutture sanitarie;

–          In Yemen, 92 scuole sono state utilizzate per fini militari da gruppi e forze armate;

–          In Sud Sudan, si sono verificati 7 attacchi a scuole e 60 episodi di utilizzo delle scuole per scopi militari;

–          Nello Stato della Palestina, sono stati 543 gli attacchi che hanno distrutto o danneggiato le strutture sanitarie e 3 sono gli attacchi documentati a scuole di Israele.

–          In Nigeria, secondo le autorità dell’istruzione nel Nordest del paese, 338 scuole sono state distrutte o danneggiate tra il 2012 e il 2014;

Questi dati vengono diffusi subito dopo i recenti attacchi alle strutture e al personale medico e scolastico – come le scuole bombardate in Yemen e l’ospedale colpito ad Aleppo, in Siria lo scorso 27 Aprile, in cui sono morte almeno 50 persone, compreso uno degli ultimi pediatri della zona.

“I bambini vengono uccisi, feriti e resi disabili in modo permanente nei luoghi in cui dovrebbero essere protetti e al sicuro”, ha dichiarato Afshan Khan, Direttore dei Programmi di Emergenza dell’UNICEF. “Gli attacchi contro le scuole e gli ospedali durante un conflitto sono in allarmante e terribile crescita. I colpi diretti e intenzionali a queste strutture e al personale medico e scolastico sono crimini di guerra. I Governi e gli altri attori devono proteggere le scuole e gli ospedali secondo le leggi del diritto internazionale e le leggi del diritto internazionale umanitario, e gli Stati devono sottoscrivere il proprio impegno nella Dichiarazione sulle Scuole Sicure*.” Lo scorso anno, il sistema di monitoraggio delle Nazioni Unite ha documentato anche il cosiddetto “double-tap”, o anche “triple-tap”, attacchi a strutture sanitarie nelle quali i civili vengono attaccati, anche durante l’arrivo sul luogo dei primi soccorritori. Oltre gli attacchi agli edifici, il conflitto ha avuto conseguenze di vasta portata anche sull’istruzione dei bambini e sul sistema sanitario. In Siria, per esempio gli attacchi agli ospedali e la sottrazione di kit e equipaggiamenti medici dai convogli di aiuti, le restrizioni alle evacuazioni mediche, e l’uccisione di personale medico sono la causa per cui, nelle aree colpite dal conflitto, l’accesso alle strutture sanitarie per i civili diventa giorno dopo giorno sempre più scarso. “I bambini vengono rapiti dalle scuole in circostanza terribili in paesi come Nigeria e Sud Sudan, mentre altri subiscono violenza o vengono reclutati e utilizzati come bambini soldato”, ha continuato Khan.

Il primo World Humanitarian Summit si terrà il 23 e il 24 maggio ad Istanbul. I leader a livello globale si confronteranno su come rispondere effettivamente alle più grandi emergenze umanitarie e come organizzare una migliore risposta per le sfide future.

Gara Nazionale di Asso della Grammatica: Vincono le scuole “Pascoli” di Catanzaro e la “De Gasperi” di Corato (BA)

Dopo un lungo percorso, con la finale di Catania si è conclusa la sesta edizione delle Olimpiadi nazionali Asso della grammatica

ImageProxy-(2)Catanzaro, 18 maggio 2016 – Ben 510 alunni di tutte le scuole italiane si sono sfidati sui quiz realizzati da Formac Educational e dall’Università di Catania per lo strumento di didattica ludica “Chi è l’asso? La grammatica è un gioco” Una sfida a colpi di verbi e aggettivi, un gioco da tavolo creato specificatamente per l’apprendimento della grammatica italiana nelle scuole secondarie di ogni ordine e grado con quiz di grammatica italiana e relative soluzioni sulla morfologia, sulla sintassi, aggettivi, verbi, figure retoriche e su molti altri elementi della nostra lingua. Così la squadra della scuola media “Giovanni Pascoli” di Catanzaro, seguita dalle professoresse Maria Manuela Morelli e Lia Gregorace, ha sfidato le squadre del Lazio e della Puglia. Una appassionante gara che ha  trasformato un traguardo impegnativo in un gioco divertente, e alla fine la Pascoli si è aggiudicata la finale della categoria Junior. I dati della manifestazione sottolineano il consolidarsi dell’esperienza e la crescita dell’interesse di scuole e alunni verso l’iniziativa che alla fine di fatto premia le eccellenze, ma che lungo tutto il suo percorso coinvolge tutti gli alunni, anche i meno motivati, in una sfida a imparare in dimensione ludica e competitiva argomenti ostici come le regole della nostra lingua. Prezioso il contributo del comitato scientifico, presieduto dalla Prof.ssa Rosaria Sardo della cattedra di Grammatica italiana dell’Università di Catania, e composto dalle professoresse Matilde Cucinotta, Grazia Consoli, Enza Quattrocchi, Maria Scalogna, Loredana Smario, Lucia Cocola e Daria Motta. Hanno aderito alla competizione anche scuole della Lombardia, del Veneto, della Toscana, dell’Abruzzo, dell’Emilia Romagna e della Calabria e, al termine della manifestazione, la Formac ha premiato tutti i partecipanti con medaglie ricordo, le scuole di provenienza con targhe ricordo e le squadre vincenti con coppe, targhe, medaglie. Questa la classifica finale degli “Assi della Grammatica 2016”   Nella Sezione MINI (scuola primaria): 1° qualificato: IC Tattoli-De Gasperi di Corato (BA), Puglia; 2° qualificato: IC De Amicis di Succivo (CE), Campania; 3° qualificato: IC Giovanni Paolo II di Capo d’Orlando (ME), Sicilia.   Nella sezione JUNIOR (scuola secondaria di primo grado): 1° qualificato: IC Pascoli – Aldisio di Catanzaro (CZ), Calabria; 2° qualificato: IC Via D’Avarna di Roma, Lazio; 3°qualificato: IC S. Vito dei Normanni di San Vito dei Normanni (BR), Puglia. Nella sezione SENIOR (scuola secondaria di secondo grado): 1° qualificato: IIS POLO 3 FANO LICEO APOLLONI di Fano (PU), Marche; 2° qualificato: LICEO V.EMANUELE III di Patti (ME), Sicilia; 3°qualificato: IST. MARIANO IV di Oristano (OR), Sardegna.

UNICEF su terremoto Ecuador: 120.000 bambini ora non hanno accesso alla scuola

Il numero dei bambini colpiti dal terremoto ha raggiunto i 250.000

ecuador-terremoto27 aprile 2016 – Secondo l’UNICEF oltre 280 scuole sono state distrutte dal terremoto che ha colpito l’Ecuador lo scorso 16 aprile e 120.000 bambini non hanno al momento accesso all’istruzione. “L’istruzione è un’ancora di salvezza per i bambini che affrontano traumi e distruzione”, ha dichiarato Gran Leaity, Responsabile UNICEF in Ecuador. “Dà ai bambini un senso di normalità, degli obiettivi e li aiuta nel loro recupero psicologico”. L’UNICEF sta supportando il Governo per ridare ai bambini l’opportunità di tornare a studiare, in particolar modo nelle aree più colpite di Muisne, Pedernales, Jama e in alcune zone di Portoviejo, Manta e Chone. L’UNICEF costruirà 50 spazi temporanei per l’apprendimento per 20.000 bambini e distribuirà 700 kit per le scuole con materiali di cancelleria utili per 60.000 bambini. Mentre le agenzie governative e quelle umanitarie continuano a verificare i danni causati dal terremoto, i primi dati indicano che circa 2.000 edifici sono stati danneggiati o distrutti e circa 30.000 persone vivono in rifugi. Il timore di scosse di assestamento sta spingendo le persone a dormire in strada, esposti alle dure piogge che sono molto comuni durante questa stagione. L’UNICEF e i suoi partner hanno bisogno di 23 milioni di dollari per rispondere immediatamente ai bisogni dei bambini per i prossimi 3 mesi nei settori di acqua, servizi igienico sanitari, istruzione, protezione sociale, salute e nutrizione.

Per maggiori informazioni e donazioni: Sito-web: www.unicef.it

Concorso per le scuole “Classe turistica. Festival del turismo scolastico”

Consiglio Giovani e Sportello Eurodesk informano

Concorso per le scuole “Classe turistica. Festival del turismo scolastico”Cori, 8 Aprile – Il Touring Club Italiano, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Provincia Autonoma di Trento, ha bandito la decima edizione del Concorso nazionale “Classe Turistica. Festival del turismo scolastico”, rivolto alle prime 4 classi delle Scuole Secondarie di II grado, statali e paritarie italiane, e alle prime 4 classi delle scuole Medie Superiori di lingua italiana di Istria, Fiume e Dalmazia. Scopo del concorso è accrescere la consapevolezza delle finalità formative del viaggio di istruzione, nonché proporre un turismo sostenibile attento alle realtà territoriali e teso a valorizzazione e tutelare il patrimonio culturale e ambientale. Il concorso richiede la produzione di un video che rappresenti concretamente un’esperienza di turismo sostenibile sul proprio territorio o durante il viaggio di classe. Il modulo di iscrizione dovrà essere compilato online entro il 15 Aprile 2016, mentre i video dovranno pervenire, su supporto multimediale, entro il 31 Maggio 2016.

Maggiori informazioni su http://www.classeturistica.it/

 

Fonte: Eurodesk Italy – www.eurodesk.it

 

Racconta il tuo Sport Concorso per le scuole

Consiglio Giovani e Sportello Eurodesk informano

CONCORSO PER LE SCUOLE RACCONTA IL TUO SPORTCori, 4 Aprile – L’ACSI Nazionale – Associazione di Cultura, Sport e Tempo Libero, con l’intento di promuovere fra i ragazzi la cultura in ambito sportivo, che interessi ogni tipo di sport, ha bandito il X Premio Nazionale di Narrativa “Racconta il tuo sport” riservato alle scuole elementari e medie inferiori. Le classi potranno partecipare esclusivamente con un lavoro collettivo (lunghezza max 3 cartelle) dell’intera classe che abbia come argomento il tema “Racconta il tuo Sport”. La giuria, che sarà resa nota al momento della premiazione, composta di scrittori, insegnanti, giornalisti, ecc., formerà una graduatoria per ogni sezione alla quale verranno assegnati i seguenti premi: 1° premio € 2.000,00; 2° premio € 1.500,00; 3° premio € 1.000,00.

Verranno inoltre assegnate coppe, targhe, medaglie, ecc. Per le adesioni c’è tempo fino al 12 Aprile 2016. Maggiori informazioni su http://www.istruzione.it/allegati/2015/racconta_sport.pdf

Fonte: Eurodesk Italy – www.eurodesk.it

“Dal mercato comune all’Europa dei cittadini” Concorso per le scuole

Consiglio Giovani e Sportello Eurodesk informano

Dal mercato comune all’Europa dei cittadiniCori, 29 Marzo 2016 –  In occasione del 60° anniversario dei Trattati di Roma, Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione con il Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha indetto il concorso nazionale “Dal mercato comune all’Europa dei cittadini”, rivolto a tutte le scuole secondarie di secondo grado. L’iniziativa intende promuovere la partecipazione consapevole e il coinvolgimento attivo delle giovani generazioni, attraverso la scuola, in un percorso di valorizzazione volto ad accrescere la conoscenza dell’Unione Europea, delle sue Istituzioni, delle sue politiche e dei programmi, sotto l’aspetto storico, culturale, economico, sociale e normativo. Possono partecipare al concorso gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado di istruzione, in forma individuale o in gruppo, i quali dovranno approfondire i principi costitutivi dell’Unione Europea, servendosi anche del materiale messo a disposizione dal Dipartimento Politiche Europee e della Unione Europea e produrre un logotipo ed un payoff che possa rappresentare un momento storico come quello dei Trattati di Roma.

Per partecipare c’è tempo fino al 1 Aprile 2016. Maggiori informazioni su http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/dettaglio-news/-/dettaglioNews/viewDettaglio/38077/11210

Fonte: Eurodesk Italy – www.eurodesk.it

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com