ONAV: degustare il vino è un’arte

L’arte dell’assaggio, tra scienza e filosofia. Sabato 14 novembre, ore 15.00 – Palazzo Chigi, San Quirico d’Orcia

1435217176-0-vino-al-via-da-oggi-a-pantelleria-le-giornate-degli-assaggiatori-onav-focus-sui-passitiSiena, 23 ottobre- L’approccio al consumo, gli aspetti che guidano la scelta di un vino, il valore del patrimonio culturale enologico. Saranno queste le tematiche portanti del Congresso Scientifico organizzato da ONAV che si svolgerà sabato 14 novembre, alle ore 15.00, a San Quirico d’Orcia (Si). Presso la sede di Palazzo Chigi, relatori e ricercatori di alto livello si incontreranno per discutere sul tema “Obiettivi della valutazione dei Vini”,argomento di rilievo per il settore degli Assaggiatori di vino. Capire quali sono i fattori che portano alla scelta di un vino, come evolve l’approccio al consumo, come la percezione del gusto interviene nella valutazione, sono infatti le basi per chi si fa portavoce dell’arte della degustazione. Questi aspetti fondamentali per gli assaggiatori ONAV saranno dunque oggetto del primo Congresso Scientifico organizzato sotto la presidenza Vito Intini: “L’attenzione al mondo scientifico ed il relativo collegamento formativo è il vero punto distintivo della nostra politica culturale e didattica – spiega Intini, presidente nazionale – la conoscenza tecnica di un professionista dell’assaggio deve infatti tradursi in formazione continua. E per la figura del degustatore ONAV è fondamentale capire anche le implicazioni storiche, filosofiche e psicologiche che intervengono in occasione di una scelta nient’affatto banale come la valutazione di un calice di vino”.“L’obiettivo del Congresso – prosegue il prof. Vincenzo Gerbi, presidente del Comitato Scientifico ONAV – è quello di esaminare l’approccio all’assaggio per riscoprirne le vere motivazioni, facendo riflettere i degustatori sulle potenzialità del loro ruolo. La finalità di un assaggiatore ONAV rimane infatti quella di essere uno “strumento” di corretta comunicazione del vino, legando la realtà con quello che del vino si racconta”. Alla tavola rotonda interverranno: Vito Intini, presidente nazionale ONAV, Daniele Cernilli,  giornalista, Osvaldo Failla, Università degli studi di Milano, Vincenzo Gerbi, Università degli Studi di Torino, Luigi Moio, Università degli Studi di Napoli Federico II, e Francesco Iacono, enologo. Il Congresso Scientifico ONAV si inserisce nel programma della Giornata dell’Assaggiatore momento di incontro, confronto e crescita che l’Associazione dedica a tutti i soci ONAV. Nella giornata di domenica 15 novembre, alle ore 10.00 nella sede di Palazzo Chigi, si svolgeranno infatti le degustazioni guidate di prestigiosi vini della provincia di Siena a cura di Alessandra Ruggi, Vito Intini e Daniele Cernilli.

Il Sindaco su fase transitoria necessario incontro per decidere al più presto

Pisapia: positivo incontro con il Governo, bene maggior coinvolgimento dell’esecutivo per fare di Milano un nuovo polo di attrazione per la ricerca nazionale e internazionale

670_400_1_101556_20140303_174810Milano, 24 luglio 2015 –  “L’incontro di oggi a Palazzo Chigi ha determinato un passo avanti importante rappresentato dal coinvolgimento sempre più concreto del Governo, dell’Agenzia del Demanio e di Cassa depositi e Prestiti  per la destinazione dell’area di Rho-Pero nel post Expo. Non solo è stata confermata la destinazione a parco pluritematico di intrattenimento di oltre il 50% dell’area, come già deciso dal Consiglio Comunale di Milano, ma anche l’impegno per un campus universitario, con conseguente ampliamento dell’offerta didattico-formativa nell’ottica di un vera e propria cittadella della ricerca e dell’innovazione. Un luogo che abbia anche spazi di intrattenimento e attrezzature sportive destinate sia a studenti che alla cittadinanza. Si andrà poi avanti sull’housing sociale con la destinazione di un numero rilevante di appartamenti  per studenti, professori e ricercatori. Parte dell’area potrà essere destinato a un polo tecnologico dove trovino sede aziende private nazionali e multinazionali. E’ Interessante anche la possibilità di trasferire sedi di uffici della pubblica amministrazione che oggi sono in sedi in affitto con risparmi che sarebbero destinati alle nuove collocazioni”. Lo afferma il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia al termine dell’incontro a Palazzo Chigi dei soci di Arexpo con i rappresentanti del Governo per discutere del ‘post-Expo’. “E’ una sfida importante per il futuro di Milano, dell’area metropolitana e della Regione  che saranno un punto di riferimento a livello internazionale. Si tratta – ha proseguito Pisapia – di un passaggio positivo e di un concreto passo in avanti, cui seguiranno ulteriori incontri sia tecnici, già nella prossima settimana, sia con gli attuali azionisti di Arexpo nel mese di settembre. Di sicuro c’è la comune consapevolezza della necessità di proseguire il lavoro già iniziato per trovare, in tempi ragionevoli, e compatibili sia dal punto di vista dell’attrattività che economico- finanziario, una soluzione concreta per la destinazione di un’area che, va ricordato, è all’avanguardia sia dal punto di vista infrastrutturale che da quello tecnologico. Per quanto riguarda la fase transitoria, quella che inizia immediatamente dopo la conclusione dell’Esposizione Universale, ricordo  di aver segnalato per primo la necessità di trovare una soluzione temporanea per l’utilizzo delle aree in modo da mantenere l’eccellenza del sito. Vi sono già molte proposte approfondite del Comune e altre che arrivano da associazioni e cittadini”. “E’ importante  che i soci di Arexpo, a partire dal Comune e dalla Regione Lombardia, condividano al più presto quali siano le soluzioni migliori per evitare il degrado dell’area di Expo nei mesi necessari per riconsegnare l’area libera dai padiglioni temporanei. Sicuramente utili saranno le iniziative, in  parte già programmate, di Cascina Triulza, padiglione della società civile, di Children Park e del padiglione Italia”, conclude Pisapia.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]