Teatro dell’Orologio, “Padre, figlio e sottoposto” di Mauro Santopietro

Dal 19 al 24 aprile 2016

Padre, Figlio e SottospiritoRoma, 15 Aprile – La vicenda si svolge in una provincia dimenticata dove i Paesi hanno nome di Santi, l’Italia. In questa terra tre ragazzi, fratelli, abbandonati, vittime e carnefici a loro volta, vivono in crisi ai margini di una crisi. Spinti dal bisogno di soldi e dalla necessità di scoprirsi finalmente adulti si rendono tutti e tre martiri. Il fratello più grande, Nino, decide di arruolarsi come militare, certo di ottenere uno stipendio che sarebbe difficile da conquistare per qualsiasi ragazzo oggi. La sorella, Alessia, decide di prestare servizio volontario in qualche associazione di aiuti umanitari, con l’intento di scoprirsi finalmente utile a qualcuno. Simone invece, il protagonista di questa vicenda, rimane. I tre fratelli si dividono, perdendosi per qualche tempo. Avviene poi che Nino ed Alessia, gli unici ad aver avuto il coraggio di allontanarsi dalla loro terra, vengono uccisi, lì dove la guerra però si fa per davvero. Sarà Simone a doverli seppellire, lui che per mancanza di spirito è stato l’unico a rimanere nel Paese in cui è nato e cresciuto, il solo a poterli seppellire, a poter fare i conti con le scelte fatte, le sue e quelle dei fratelli. Sceglie di farsi prete, perché si guadagna circa mille euro al mese e si ha diritto a vitto e alloggio gratuito; perché facendosi prete ha l’occasione di rivedere almeno le salme dei fratelli. Quella di Simone diventa così una discesa agli inferi, forse inevitabile, che viene raccontata riavvolgendo il nastro dei ricordi quando ormai tutto è già stato compiuto.

NOTE DI REGIA

Scelgo di scrivere queste note di regia come se avessi la possibilità di scriverle sotto forma di pagina di diario. Scelgo di farlo perché trovo sia più consono al tipo di operazione che siamo riusciti a portare avanti, attraversando un percorso di residenza in una provincia, insistendo su un concetto di onestà, non di artificio estetico. Poche luci, una scena reale che riesca a raccontare però anche altro, un lavoro fatto da Antonio di reale connessione con il contenuto del testo più che della forma della drammaturgia; tutti ingredienti, parentesi in cui sospendere questo spettacolo. La volontà è stata quella di voler entrare in una stanza emotiva, sconosciuta a noi come a chi vedrà il frutto di questo lavoro. Varchiamo la soglia del quotidiano per ritrovarci in un mondo molto simile, ma comunque differente al conosciuto e per questo ancora protetto mondo teatrale; e scopriamo subito che la voce, speravamo di trovarne o ritrovarne almeno una, è differente rispetto a quella che ascoltiamo ogni giorno. Quale voce parla? Quante voci ascoltiamo? Per entrare siamo costretti a riavvolgere il nastro dei ricordi, abbandonandoci alle suggestioni di ciò che potrebbe accadere in quel momento. Forse le emozioni e la memoria emotiva se stuzzicata fa si che i sentimenti siano sempre contrastanti e paradossali gli uni agli altri. Motore portante di questo nostro viaggio è quindi la storia, raccontarla nel modo più semplice, renderla affascinante certo, ma soprattutto fruibile. Questa per me è la vera arma del teatro e della drammaturgia contemporanea. Tornare a raccontare delle storie con un inizio, un centro e una fine. Questo è stato l’intento con cui si è rimesso mano alla drammaturgia e la base su cui costruire l’intera messa in scena. I temi affrontati non sono però solamente il ricordo, bensì il presente e la speranza del futuro. Del futuro della mia generazione. Non posso certo parlare per tutti, ma come tutti anche io soffro quotidianamente le criticità del mio contemporaneo e del mio comportamento. Questo spettacolo è stato l’occasione, forse più di altre, di fare un sano esame di coscienza, artistico e non. Probabilmente nel guardarmi indietro, nel riavvolgere il nastro della vita ho cercato di compiere un primo passo di maturazione. Probabilmente negare il movimento di proiezione in avanti attraverso un movimento rivolto al passato è un processo inevitabile per crescere, per camminare in avanti. Un prendere la rincorsa e scontrarsi con il reale, accettandone i limiti, ma senza lamentarsene. Non c’è morale. Non c’è nemmeno ideologia, ma domande. Così è nata una preghiera.

Mauro Santopietro

 

MAURO SANTOPIETRO

Mauro Santopietro si diploma in qualità­ di attore nel 2005 presso l’Accademia N­azionale e continua il suo percorso arti­stico con Anton Milenin, Saverio La Ruin­a, Nicolaj Karpov, Juri Alschitz, Bruno ­de Franceschi ed altri. Nel 2008 cominci­a la sua formazione in drammaturgia, vin­ce una borsa di studio europea in scritt­ura e si forma con insegnanti quali Vinc­enzo Cerami, Ruggero Cappuccio, Diego de­ Silva e Raffaele La Capria. Nel 2010 pa­rtecipa ad un “laboratorio di drammaturg­ia permanente” in qualità di attore dire­tto da Fausto Paravidino e Letizia Russo­. Come attore partecipa a produzioni di ­teatri stabili e compagnie private, ed è­ diretto da Giles Smith, Attilio Corsini­, Luca Ronconi, Daniele Abbado, Giancarl­o Sepe, Luca Barbareschi ed altri. Nel 2­005 comincia invece la sua collaborazion­e con la regista Loredana Scaramella, pa­rtecipando a diverse produzioni per il G­lobe Theater di Roma (direzione Gigi Pro­ietti) con cui firma anche l’adattamento­ di tre testi teatrali. Nel 2011 è final­ista al premio scenario con il testo “Ra­eP” di cui è anche autore, ottenendo la ­produzione del Teatro stabile d’innovazi­one di Orvieto, partecipando poi a numer­osi festival Nazionali ed Internazionali­. Nel 2013 vince un bando di produzione ­della regione Lazio per il testo “Adamo ­& Eva” e la produzione del Teatro Stabil­e d’Abruzzo.

ANTONIO TINTIS

Si diploma come attore all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, e perfeziona la sua formazione con Rena Mireczka, Roberta Carreri, José Sanchis Sinisterra, Emma Dante. Lavora con numerosi registi, tra i quali Domenico Polidoro, Roberto Cavosi, Claudio Longhi, Massimiliano Farau, Viktor Bodo, Walter Le Moli, Luciano Colavero (con il quale fonda la compagnia La Fiera), Gigi Dall’Aglio, Peter Stein. Dopo aver fatto parte della compagnia stabile del Teatro Stabile di Torino e del Teatro Due di Parma, prende parte ad alcuni degli spettacoli recentemente  più premiati in Italia, quali “La resistibile ascesa di Arturo Ui” e “Il ratto d’Europa” per la regia di Claudio Longhi, e “Il ritorno a casa” per la regia di Peter Stein. Ha partecipato in qualità di insegnante a numerosi laboratori sulle tecniche attoriali.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]