Quei diritti negati ai figli delle donne uccise: il futuro del Ddl per gli orfani dei femminicidi

Fra coloro che si occupano delle vittime dei femminicidi nel nostro paese  l’associazione “Edela” di Roberta Beolchi , e l’iniziativa denominata “Agia” (ossia Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza) nata il 25 giugno scorso presso la sede del CNEL

 

Negli ultimi mesi, sia da parte dei media che del mondo politico, il problema dei diritti da garantire alle vittime dei femminicidi è stato oggetto di numerose discussioni e servizi televisivi (il 17 dicembre anche il programma “Le Iene” ha dimostrato una certa sensibilità in merito, dando voce ad alcuni adolescenti coinvolti).
Si tratta di un tema drammatico quanto attuale, motivo per altro di un recente provvedimento legislativo che proveremo a sintetizzare qui di seguito: la legge varata il 21 dicembre 2017 (il famoso Ddl per gli orfani speciali, ossia quelli dei femminicidi), riconosceva le tutele da assicurare a chi ha perso la propria madre per mano del coniuge anche se separato o divorziato, del partner di un’unione civile o di una persona che è o è stata legata da relazione affettiva o stabile convivenza. Tuttavia, la suddetta legge è stata priva dei decreti attuativi necessari per poter essere applicata sino al 25 novembre 2019 (la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, non a caso).
Nell’ambito di questa ricorrenza il ministro dell’economia Roberto Gualtieri ha finalmente sbloccato 12 milioni di euro per i circa 2100 orfani (così si stima) presenti in Italia.
Il decreto ministeriale è stato poi sottoposto al giudizio del Consiglio di Stato per il parere di rito e comprende un finanziamento che ha come obiettivo principale quello di sostenere economicamente bambini e ragazzi, specie in un futuro reso oltre modo incerto dalla mancanza di una figura fondamentale per la loro crescita.
Grazie al denaro ricevuto, a questi giovani e giovanissimi saranno garantiti il diritto allo studio, le spese mediche, la formazione scolastica e l’inserimento nel mondo del lavoro. Si parla di diritti umani imprescindibili, che tuttavia diventeranno una realtà concreta solo prossimamente in seguito alla distribuzione dei fondi (cosa che si spera avvenga nel minor tempo possibile).

Le associazioni in difesa degli orfani

Nei mesi precedenti a quest’ultimo atto le proteste da parte delle associazioni e degli enti privati che si occupano della tutela dei minori orfani erano state, fortunatamente, innumerevoli.
Fra coloro che si occupano delle vittime dei femminicidi nel nostro paese abbiamo l’associazione “Edela” di Roberta Beolchi (intervistata proprio il 25 novembre da “Vanity Fair”), e l’iniziativa denominata “Agia” (ossia Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza) nata il 25 giugno scorso presso la sede del CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro).

 

“Agia” ha costituito il primo gruppo di lavoratori impegnati sul tema “La tutela degli orfani di femminicidio”, argomento ignorato per vent’anni in Italia e oggi reso ancor più impellente dall’urgenza di assicurare un futuro a chi resta vittima in primis di una mentalità pericolosa e allarmante, fagocitata o avallata da chi la sminuisce nonché frutto di un sistema patriarcale e maschilista in grado di generare un numero elevato di insospettabili, potenziali assassini.
I dati al riguardo infatti parlano di 1 donna uccisa ogni 72 ore negli ultimi 20 anni, per un totale di 3000 donne e quindi di una stima addirittura superiore a quelle del terrorismo europeo e della criminalità organizzata in Italia messe insieme (come dichiarato dal programma “Le Iene”).

 

Il dramma senza fine delle vittime coinvolte

Si sa, i numeri il più delle volte non riescono a smuovere la sensibilità di un intero popolo (prova ne sia il fatto che nel nostro paese sono in tanti, anche in vari partiti politici, a negare l’emergenza sociale di questi reati), né a restituire neppure una minima parte del dolore indicibile che si trova al di là di tali cifre. Infine, ancora pochissimi immaginano le numerose controversie giudiziarie cui sono sottoposti i minori colpiti. La volontà di questi ultimi infatti, specie per quanto riguarda il problema degli adulti cui devono essere assegnati in seguito alla distruzione della loro precedente esistenza, spesso non è proprio presa in considerazione nei tribunali, un aspetto che non di rado costringe i ragazzi a vivere un secondo incubo (è capitato che alcuni di loro venissero assegnati alla famiglia del padre, ben lungi dal colpevolizzare l’assassino…).

La diffusione delle ingiustizie subite da chi si ritrova ad affrontare i procedimenti giudiziari successivi alla perdita violenta di una madre risulta quindi essere più che mai un tema prioritario per il futuro dei diritti umani, in particolare quando si parla dei bambini e degli adolescenti nella nostra società.
La Lidu spera in un avvenire migliore sotto questo profilo, e si batterà affinché lo Stato si impegni fermamente a garantire sino in fondo la tutela effettiva degli orfani, accelerando i tempi della burocrazia che li riguarda e, soprattutto, non dimenticandoli più.

 

UNICEF/Ebola: più di 16.000 bambini orfani

Molti dei bambini, che per Ebola hanno perso uno o entrambi i genitori, sono stati adottati dalle comunità.

 

the-difference-we-make_01Roma, 7 febbraio  – Secondo l’UNICEF circa 16.600 bambini, che a causa dell’Ebola hanno perso uno o entrambi i genitori o qualcuno che si prenda cura di loro, sono stati registrati in Guinea, Liberia e Sierra Leone. Meno del 3% sono stati affidati al di fuori della famiglia o a membri della comunità. “Dopo aver superato le loro iniziali paure e concezioni sbagliate sull’Ebola, le famiglie si sono rivelate molto collaborative, garantendo cure e protezione ai bambini che hanno perso i genitori,” ha dichiarato Manuel Fontaine, Direttore Regionale dell’UNICEF per l’Africa Occidentale e Centrale. “Questo mostra la forza dei legami di parentela e la straordinaria resilienza delle comunità in un momento di grande difficoltà.” Da metà gennaio, circa 3.600 bambini hanno perso entrambi i genitori a causa dell’Ebola nei tre paesi, e 16.600 bambini che hanno perso uno o entrambi i genitori o coloro che se ne prendevano cura sono stati registrati. L’UNICEF supporta l’identificazione dei bambini senza genitori o persone che se ne prendono cura e garantisce cure e protezione o attraverso altri membri della famiglia o famiglie affidatarie. In Guinea, per esempio, tutti i 773 bambini che hanno perso entrambi i genitori sono stati affidati ad altri membri della famiglia. I bambini e le famiglie che si prendono cura di loro ricevono aiuti economici e assistenza, vengono supportati a ritornare a scuola e ricevono sostegno psicologico. I bambini affidati a nuove famiglie sono i più importanti da seguire perché sono quelli più vulnerabili emotivamente per la perdita dei loro cari. I bambini non accompagnati che possono essere entrati in contatto con una persona infetta sono stati messi, in centri sanitari, sotto osservazione per 21 giorni – il periodo massimo di incubazione del virus. Nei 3 paesi, il numero totale di questi bambini fino ad ora è di oltre 250, con oltre il 90% di loro che è stato preso in cura da altri membri della famiglia poco dopo il periodo di quarantena. L’UNICEF ha anche sviluppato una rete di persone sopravvissute all’Ebola che sta giocando un ruolo importante nel supportare i bambini colpiti. Grazie al livello di resistenza alla malattia, i sopravvissuti possono interagire con i bambini sotto osservazione, garantire loro interazioni fisiche “contatto umano” che normalmente non potrebbero ricevere. Identificare i bambini vulnerabili e garantire loro servizi è stata una delle tante sfide affrontate nel rispondere alla crisi di Ebola nella regione dove i servizi sociali e la protezione dei bambini erano deboli ancor prima dello scoppio dell’epidemia. “Dato che i paesi colpiti dall’Ebola si avviano verso la ripresa, dobbiamo cogliere l’opportunità di migliorare i servizi di protezione dell’infanzia per tutti i bambini vulnerabili”, ha detto Fontaine. “Abbiamo la possibilità di rispondere ad altre forme di vulnerabilità che esistevano già prima della crisi Ebola, come matrimoni precoci, sfruttamento del lavoro minorile, violenza sessuale e arruolamento.”

“Emergenza Ebola: è possibile effettuare donazioni tramite il sito: www.unicef.it

 

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]