Marco Castellari e il mondo della pittura

Intervista al giovane pittore romano Marco Castellari

Di Francesca Rossetti

collinaRoma, 21 Aprile – Marco Castellari è un giovane pittore romano che ho conosciuto ad una mostra ed ecco cosa ci racconta di sé.

Chi è Marco Castellari e come nasce la tua passione per la pittura?
“Fortunatamente posso dire di essere nato e cresciuto a Roma, perché secondo me questo è già di per sé determinante; qui ho frequentato tutte le scuole: materna, elementare, media inferiore, liceo artistico ed infine l’Accademia di Belle Arti di via Ripetta.  Accompagnato dalla sorte favorevole eccomi col mio impiego presso la Soprintendenza Archeologica di Roma; essendo così spesso a contatto di cotanta bellezza, in una città ricchissima di mirabilia ed avendo un’indole sensibile, la passione per la pittura si sviluppa spontaneamente, soprattutto a chi come me è incline alla fantasticheria.”

 Quali sono i tuoi soggetti e tecniche preferite e cosa cerchi di comunicare con le tue opere?
“I miei soggetti preferiti li ritrovo nella natura e nella quotidianità, inizio da quello che più mi stimola per la prima elaborazione figurativa, vi aggiungo poi l’immaginazione e con le tecniche più semplici ( la matita ed il pennello ) vario dal chiaroscuro accademico al tratto variopinto impressionista ed espressionista, sempre cercando di comunicare al meglio il mio piacere personale nell’opera, con un sentimento che tende a far coesistere il “mondo” interno e la realtà esterna ad esso.”

A quali grandi Maestri ti rifai e perché?

“I miei modelli di riferimento ideali sono i grandi disegnatori rinascimentali ( Leonardo, Raffaello,… ), di seguito mi sento affascinato dai moderni maestri del colore ( Monet, Renoir, van Gogh, Franz Marc,… ); perché “l’arte nasce dall’arte”e quindi non si può prescindere da chi ne ha fatto la Storia.”

Quali saranno le tue prossime mostre?

“Per quanto possa riservami il futuro io penso ad una nuova mostra, un’esposizione di lavori ancora da selezionare e preparare per ottenere una buona presentazione. Nell’immediato un mio quadro si troverà alla galleria Spazio40 di Trastevere, dal 18 Marzo e per tre settimane si tiene una collettiva dal titolo “Aspettando la Primavera”. “

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]