Un viaggio nei sentieri del profumo

[AdSense-A]

 

Al Villa Cheta Elite di Maratea (PZ) nascono le preziose fragranze della linea MARA’TÌA. Con il perfume designer Michele Marin ora è possibile conoscere come si crea una fragranza esclusiva

Senza-titolo-6

Si chiamava Maestro profumiere chi, come un alchimista di fragranze, mescolava l’oro racchiuso da fiori, spezie, natura, per imprigionarlo in una graziosa boccetta. Oggi si chiamaPerfume designer, ma oggi come allora distilla aromi, li sposa in un matrimonio felice e da lì crea momenti di estasi. Sensoriale prima di tutto. È con lui che si può percorrere un viaggio odoroso, in cui si respirano rose, mirti, ginepri. Si può fare all’Hotel Villa Cheta Elite di Maratea (Pz) dove il profumo è, come l’ospitalità, un’arte serissima e gentile, che la famiglia Aquadro proprietaria del resort esercita da anni. Tanto che Stefania omaggia in questo modo mirto, limoni, buganvillee e rose colte dal giardino che protegge l’hotel, e ferma la loro fragranza destinata a perdersi con il mutar delle stagioni nella sua linea MARA’TÌA. Perché anche gli ospiti possano praticare quest’arte delicata e finissima, al Villa Cheta Elite si può percorrere il sentiero che dalla natura porta al profumo distillato insieme con Michele Marin di Infragranti Parfumeur. Dal suo incontro con Stefania è nato l’aromatico progetto Mara’tìa, una linea che include diverse fragranze nate da aromi locali. Prima “Elìte Rose” poi “Arbusto Maris”, che imprigionano, per poi donarlo di nuovo, il mondo della macchia mediterranea che abbraccia la Villa liberty in una stretta odorosa e viva. ElìteRose è un’unione di Rosa Damascena, così nota agli ospiti della Villa e al suo giardino, e poi Bergamotto, Frutti Rossi, Legno di Sandalo e Muschi. Arbusto Maris è invece la sintesi olfattiva dei doni selvaggi della natura tutta intorno al resort: Bacche di Ginepro, Mirto, Legno di Cedro, Mandorla amara e Vaniglia. Nel giardino di piante aromatiche del Villa Cheta è poi spuntato anche un rigoglioso Basilicus, l’erba degna di un Re, dal greco Basilikos. E da qui l’idea della nuova fragranza “Blue Basilikos”, l’ultima arrivata, fresca ed estiva, un’altra tessera di un mondo dedicato ai sensi, all’olfatto, alla felicità. Che ora è possibile percorrere con un esperto. Il sentiero di profumo è su richiesta. Prezzo del soggiorno a partire da euro 146 a persona per due pernottamenti con prima colazione in camera Classic.

A piedi nudi, e non solo nel parco

Si chiama Barefooting ed è la nuova mania delle celebrities.

image006Ma camminare senza scarpe fa davvero bene: ecco cinque luoghi dove stare scalzi in tranquillità, dalle Dolomiti a Maratea

23 Aprile – Via il tacco 12, ed è già vacanza. Libertà. Si chiama Barefooting, significa camminare a piedi nudi ed è un’attività sempre più amata dalla celebrities. Seguendo le orme della mitica Sandy Shaw, che sul palco si esibiva solo senza scarpe, sono state avvistate Taylor Swift, Joss Stone, ma anche Pamela Anderson e la regina del gossip inglese, Mindy Mann, la tata che pare abbia rubato il marito a Gwen Stefani. Tutte senza neppure il calzino, perché sentire la terra fa bene, migliora la circolazione, la termoregolazione, la salute della schiena. Ecco alcuni luoghi dove il Barefooting è una piacevolezza da scoprire. In tranquillità.

Sulle dune selvagge (e non solo) della Sardegna

Là, nella punta più a sud di Sardegna, si possono abbandonare finalmente le scarpe e camminare tra le dune di sabbia della spiaggia Su Giudeu di Chia (CA). È qui che sorge come ospite mimetizzato con il paesaggio, l’Hotel Aquadulci, un quattro stelle di 41 camere, modellato in legno e cotto già dall’accogliente hall per non disturbare l’ambiente circostante. L’hotel è unito al mare da un sentiero che riunisce quattro terreni diversi, quattro sensazioni da provare una dopo l’altra.  Dal giardino all’inglese, si passa alla passerella di legno che attraversa il parco di morbide dune, rifugio dei fenicotteri rosa. E dopo le sabbie bianche, finalmente, il mare.

Per informazioni: Aquadulci Hotel Sito Web: www.aquadulci.com

 Ciottoli lavici e giardini a Maratea

Ci sono i ciottoli lavici della Spiaggia Nera, un luogo di origine vulcanica che sembra creato ad arte per regalare benessere. Siamo a Maratea (PZ) e togliersi le scarpe su questa rinomata spiaggia è un’esperienza da provare. Sul Golfo di Policastro, dove ogni cala è una sorpresa, sempre più spose scelgono questi angoli mozzafiato per il loro “sì” senza tacchi al tramonto. A pochi minuti, l’Hotel Villa Cheta Elite ha creato un percorso più soffice: tutt’intorno alla piscina, in una parco di gelsomini e bouganville, si percorre un viaggio sensoriale unico. Ovviamente ogni calzatura è vietata.

Per informazioni: Hotel Villa Cheta Elite Sito web: www.villacheta.it

 Scalzi come San Francesco a Gubbio

Il più famoso tra tutti i viaggiatori scalzi, è certo San Francesco, che scelse Gubbio per spogliarsi di tutti i suoi averi e diventare parte della natura. E oggi è possibile ripercorrere il sentiero del Santo lungo il Percorso Francescano per la Pace, che unisce Gubbio ad Assisi, e passa accanto al Castello di Petroia (PG), autentico maniero medievale. Il parco naturale dell’Hotel Castello di Petroia è un’oasi che si apre su ampie vallate, tra boschi e pascoli. Ed è naturale spogliarsi delle scarpe e camminare nella tenuta, meglio se di primo mattino, con le foglie bagnate di rugiada, e così percorre quella che dal maniero conduce alla piscina.

Per informazioni: Castello di Petroia Sito Web: www.petroia.it

 Percorso Kneipp vista Dolomiti

Camminare alternando caldo e freddo, stimolare la circolazione, sentirsi leggeri. Succede nel giardino wellness di 6mila mq con percorso Kneipp del Beauty & Wellness Resort Garberhof di Malles (BZ), un 4 stelle superior in cui il benessere viene prima di tutto. E così, mentre si cura l’affaticamento del corpo, si aiuta anche lo spirito con una spettacolare vista sulle Dolomiti. Un rifugio ideale in cui rigenerarsi. Il contatto con l’acqua di montagna che scorre fresca e pulita, aumenta le difese, previene le vene varicose ed è un toccasana per chi soffre di emicrania. E se non bastasse, la struttura è anche il più grande hotel Hamam d’Italia.

Per informazioni: Beauty & Wellness Resort Garberhof    Sito internet: www.garberhof.com

 Anche i bimbi scalzi alle Sorgenti delle Streghe

Un sentiero di oltre 2 chilometri pensato per camminare scalzi a contatto con le foglie del bosco, la terra, la pietra. È sulle Dolomiti, nell’area vacanze Alpe di Siusi (Seiser Alm/Südtirol), tra i miracoli della natura del “Bosch Curasoa” (dal latino “curare”) a Saltria, dove sgorgano sorgenti di zolfo dalle proprietà benefiche. Il sentiero è quello delle “Sorgenti delle streghe”, serpeggia tra scenari naturali emozionanti, decorati da monumenti di pietra, figure intagliate a mano, radure e paesaggi paludosi. E c’è una guida speciale, che diverte anche i bambini: è la strega “Curandina”, che indica la via da seguire alla scoperta dei diversi ambienti naturali e delle tante specie vegetali ed animali.

Per informazioni: Alpe di Siusi Marketing (Seiser Alm/Südtirol) Sito web: www.alpedisiusi.info

Basilicata coast to… paradise!

Un rifugio intimo e raffinato dove concedersi indimenticabili momenti di relax. Oltre al dolce far niente ci si diletta con esclusivi Pic-Nic sul veliero, corsi di yoga sulla spiaggia e di cucina di pesce sulla terrazza vista mare.

image001Roma, 10 Marzo – Ci sono luoghi in cui il sole tramonta con più colore, in cui la luna brilla con più forza, dove il mare è molto più di acqua e sale. Uno di quei luoghi è Maratea, nome che arriva dritto dalla prima impressione che ne ebbero gli antichi: Thea Maris, Dea del Mare. In quel lembo di terra, unica finestra di Basilicata sul Tirreno, c’è un 4 stelle che i viaggiatori non sanno dimenticare, che premiano nella costanza del ritorno e con recensioni appassionate. È il Villa Cheta Elite di Acquafredda, Maratea (PZ) elegante struttura d’epoca Liberty, 23 camere con affaccio su un immenso davanzale cobalto: il Golfo di Policastro. Tornano i suoi affezionati ospiti, ogni anno. Perché sanno di ritrovare la stessa, esclusiva accoglienza, quella della famiglia Aquadro, Piero e Stefania, antiquari di Bologna. Un amore subitaneo, il loro, verso questa casa che fu signorile residenza privata e che, nonostante la completa e accurata ristrutturazione del 2016, è rimasta pressoché identica da allora nel numero delle stanze, per non mutare l’esperienza di una struttura di tale fascino, gli squisiti equilibri tra le sue parti arricchiti da un arredamento pensato e ricercato, con gusto. Le trasparenze dei lampadari di Murano, lavabi retrò, deliziose lampade Art Nouveau, candide tende ricamate a mano, mobili rigorosamente d’epoca, pezzi di design contemporaneo: ogni stanza è una situazione diversa, in perfetta armonia con un presente che ha voglia di passato. Novità del 2016 è la piscina esterna in pietracon tappeto touch, sterilizzata attraverso un controllo elettronico di ultima generazione tramite sale marino e fotosintesi (non si fa uso di cloro e l’acqua risulta limpida, priva di odori, ideale per il ph della pelle). Protetto da un giardino di mirto e limoni, rose e buganvillee che Stefania raccoglie per creare le fragranti essenze della sua linea Mara’tìa, il Villa Cheta è un hotel quasi letterario, pensato per appassionati di quiete. Nel 2011 ha ottenuto uno dei più eloquenti riconoscimenti del settore, attestandosi al settimo posto tra le dieci strutture più romantiche d’Europa secondo i viaggiatori di Trip Advisor. Perché in quest’angolo dedicato a chi ha bisogno di sentire la musica della tranquillità, la facciata riporta i morbidi fregi floreali del Liberty, il bar è un patio che ha come tetto una vite centenaria, i dettagli contano sino alla perfezione. Anche nei piatti del ristorante Maratea, dove entrano i profumi del mare e quelli delle erbe selvatiche, con una ricercatezza continua tra modernità e tradizione da accompagnare a una carta dei vini superbamente lucana. Di fronte, intanto, il tramonto sul mare, che si mangia insieme con tutto il resto in questo luogo d’incanti. A maggio e giugno la gita in barca si trasforma in unPic-Nic deluxe su uno splendido veliero insieme al maitre Biagio Quintieri che delizia i passeggeri con finger food che rivisitano la tradizione, da gustare nell’intimità di calette selvagge. Per chi non riesce a stare in vacanza con le mani in mano…  ci sono corsi per tutti i gusti: dallo yoga sulla spiaggia, per rigenerarsi in mezzo alla natura alle lezioni di cucina di pesce sulle terrazze vista mare a quelle di inglese per i “kids”. Per gi amanti del Km zero itinerari golosi alla scoperta delle eccellenze del territorio(maccaroni arraganati, la lagane e ceci, i cavatielli rafano e mollica, il pane cotto, la famosa mozzarella a treccia di Massa, i pomodori e le ricottine di Brefaro) e dei piccoli produttori locali. Il Sud da mangiare con gli occhi, godendosi la vista, irrinunciabile, che ogni terrazza si ritaglia sul blu.

Un ponte di sapori

Un 25 aprile all’insegna del gusto della Basilicata a Villa Cheta Élite di Acquafredda, Maratea (PZ)

image001Roma, 25 febbraio – I viaggi che rimangono impressi nella memoria non passano solo per le strade e per i paesaggi ma si addentrano nel cuore dei luoghi, in un’avventura che coinvolge i profumi e i sapori che riescono nell’impresa di ricordare, anche ad anni di distanza, la sensazione di un momento e a evocare nitidamente scenari ormai lontani. Come, ad esempio, lo straordinario panorama sul Golfo di Policastro, che si gode dalle finestre del Villa Cheta Élite di Acquafredda, a Maratea (PZ), elegante struttura d’epoca Liberty, gestita da una famiglia che, di questa terra e delle sue suggestioni, si è letteralmente innamorata. Per il ponte del 25 aprile, con l’idea di offrire a tutti un assaggio del segreto che ne ha affascinato anche i proprietari, Villa Cheta Élite propone un Itinerario Goloso alla scoperta dei prodotti tipici della Perla del Tirreno, tra tappe obbligate nei sapori della pasta fatta a mano, della gustosissima zuppa di pesce alla maratiota, a base di pesce di scoglio e di peperone rosso, in un tripudio di erbe aromatiche, legumi e ortaggi. Il percorso prevede una visita nel Centro Storico di Maratea, alla scoperta delle numerose chiese, cappelle e monasteri, costruite in epoche e stili diversi. Durante queste passeggiate sarà possibile fermarsi e degustare, nei piccolissimi localini che si affacciano sulle tante piazzette, seduti al sole o accomodati in qualche saletta caratteristica, i tanti  primi piatti tipici lucani come i maccaroni arraganati, lalagane e ceci, i cavatielli rafano e mollica, il pane cotto; in seguito la visita potrà proseguire nella parte alta di Maratea dove si potranno assaggiare la famosa mozzarella a treccia di Massa direttamente nel piccolo caseificio dove si produce,  e assaporare, insieme ai piccoli produttori, i  famosi pomodori e le ricottine di Brefaro. Non può infine mancare la degustazione del pesce fresco pescato nello splendido mare cristallino che accarezza la costa di Maratea, tra i piatti tipici troviamo la spigola alla malvasia, i fusilli con calamaretti e peperoncino e la zuppa di pesce allamaratiota, preparati nel famosissimi ristorantini affacciati sul caratteristico porto di Maratea. Inoltre, la pasticceria del luogo propone i bocconotti ripieni di marmellata o cioccolato e i dolcetti di mandorla accompagnati dai rosoli artigianali come quello alla fragola e al finocchietto selvatico.

MISS CHEF® Basilicata 2015

Maratea-6/7 novembre 2015-Grand Hotel Pianeta Maratea

misschef2015columbusparadedefRoma, 3 novembre 2015- MISS CHEF® (www.misschef.net) è la prima competizione tra alcune delle migliori Chef Donne italiane con la proposizione, tutta in rosa, dei più rinomati menù della tradizione culinaria nostrana, tra ieri ed oggi, valorizzando il “Made in Italy” delle eccellenze eno-gastronomiche, note ed apprezzate in tutto il mondo. Il Premio è stato ideato da MARIANGELA PETRUZZELLI, giornalista e autrice tv anche per la Rai, di origine lucana, presidente e direttrice artistica del format. La prima e la seconda edizione del Premio si sono svolte ad Ischia nel 2012 e nel 2013. Nel 2014 MISS CHEF® ha realizzato cinque tappe italiane ed una tappa internazionale a New York toccando, da luglio a dicembre: la Puglia, la Basilicata, il Lazio, la Campania per giungere fino a NY nel periodo del Columbus Day. Quest’anno il tour 2015/2016 si è aperto lo scorso 30 settembre a Napoli per proseguire a  NEW YORK-USA, dall’8 al 15 ottobre scorsi, con una serie di eventi durante le celebrazioni del Columbus Day, giorno di scoperta dell’America, dando vita alla seconda entusiasmante edizione internazionale del Premio in cui la Regione Basilicata è stata grande protagonista. Dopo New York il tour 2015/2016 del Premio continua con la sua terza tappa per eleggere MISS CHEF® Basilicata 2015: la manifestazione si svolgerà il 6/7 novembre prossimi nella bellissima località di Maratea (Pz) presso l’accogliente e rinomato GRAND HOTEL PIANETA MARATEA (www.grandhotelpianetamaratea.it). Venerdì, 6 novembre si terrà un convegno  dal titolo  “Maratea – Le eccellenze di un patrimonio da valorizzare: Mare – Turismo – Cultura” con relatori di fama internazionale. La gara di   MISS CHEF® Basilicata 2015 si svolgerà sabato 7 novembre. Protagoniste della gara a Maratea saranno 4 Chef Donne professioniste, lucane che dovranno cimentarsi nella realizzazione di un piatto tipico marateota a base di pesce del luogo. La gara consisterà in uno show-cooking seguito dalla degustazione dei piatti, presentati al cospetto di due giurie: una Giuria Tecnica e una Giuria Istituzionale. La somma dei voti delle due Giurie elegge la MISS CHEF® della tappa regionale/territoriale. Il progetto MISS CHEF® Basilicata 2015 viene sostenuto con lungimiranza dal GAL La Cittadella del Sapere (www.cittadelladelsapere.it) e dal Dipartimento Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata e viene realizzato dall’Associazione  MISS CHEF® in sinergia con il Grand Hotel Pianeta Maratea. Partner cardine della manifestazione sono: il Consiglio Regionale di Basilicata,  il Comune di Maratea e l’Associazione Imprese  della Pesca Litorale Tirrenico Lucano.

Maratea è la #ReginaDellEstate: la perla del Tirreno vince la sfida a colpi di tweet lanciata da trivago

Ischia e Pantelleria sul podio delle destinazioni più menzionate nell’ambito dell’iniziativa che ha coinvolto gli utenti Twitter tra il 10 e il 12 giugno. La Puglia protagonista di questa estate anche in rete: è il brand regione più menzionato, prima di Sardegna e Sicilia. Nei tre giorni di sfida registrati oltre 6.000 tweet con una total audience di 4 milioni

marateaMilano, 24 giugno– Maratea è la destinazione #ReginaDellEstate. Dopo aver dato spazio ai dati “ufficiali” del proprio Osservatorio sulle mete più ricercate dagli italiani, trivago si è rivolta agli utenti di Twitter per eleggere la meta più amata dell’estate 2015 appena iniziata. La perla del Tirreno ha raccolto il numero più alto di menzioni nei tre giorni di sfida, tra il 10 e il 12 giugno scorsi. Una meta da scoprire – Un trionfo a sorpresa, vista l’agguerrita concorrenza di destinazioni di solito in vetta alle classifiche, che punta i riflettori su una località poco conosciuta ma in grado di conquistare il cuore dei turisti e dei suoi abitanti. Ed era proprio questo l’obiettivo di trivago, il più grande motore di ricerca hotel al mondo: dare visibilità non solo ai grandi classici dell’estate, ma anche a gioielli come Maratea. Le altre destinazioni sul podio – Al secondo posto tra le delle destinazioni più menzionate nell’ambito dell’iniziativa trivago c’è l’isola campana Ischia, che anche su Twitter si conferma tra le destinazioniitaliane più amate. In terza posizione si trova la siciliana Pantelleria, che strega i turisti con il suo intreccio di mare, natura e storia. Puglia: primo brand regione anche per il web – La sfida #ReginaDellEstate ha registrato un forte sostegno anche a favore delle regioni. Dopo aver conquisto la vetta dei brand regione più ricercati dagli utenti italiani di trivago, la Puglia si distingue anche su Twitter, superando per menzioni Sardegna e Sicilia, rispettivamente seconda e terza. A confermare questo primato anche l’elevato numero di tweet dedicati al Salento. 6.000 tweet dedicati alle destinazioni più amate – “Abbiamo chiesto agli utenti di Twitter di dedicare un pensiero alla loro meta estiva preferita. Non solo attraverso tweet, ma anche con testi, immagini e video per spiegare cosa la renda così speciale”, spiega Giulia Eremita, Marketing Manager di trivago Italia. “Nei tre giorni di sfida, #ReginaDellEstate ha generato oltre 6.000 contributi e raggiunto una total audience di quasi 4 milioni di utenti. L’elevata condivisione di sentimenti e ricordi ha spinto la popolarità di questo hashtag che, continuando ad essere menzionato dai fan e habitué di ogni meta estiva, è diventato una fonte di ispirazione per chi è ancora indeciso su dove andare in vacanza nei prossimi mesi”.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]