In viaggio verso i nuovi siti UNESCO

[AdSense-A]

 

La quarantesima sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale dell’Unesco tenutasi in Turchia pochi giorni or sono ha decretato la preziosa inclusione di quindici siti, culturali e naturali, all’interno della sua prestigiosa lista. I Viaggi di Maurizio Levi detiene una profonda conoscenza di alcuni di questi siti da tempo inclusi nei suoi insoliti itinerari, tra cui il deserto iraniano Dasht-e Lut, il Mar Rosso sudanese, la catena montuosa del Tian Shan, il massiccio dell’Ennedi, e oggi ne festeggia il titolo ottenuto.

Senza-titolo-10

Il meraviglioso Dasht-e Lut, il più ampio deserto iraniano, da scoprirsi con una splendida spedizione tra kalout e dune stellari. Si tratta di un luogo fino a pochi anni fa assolutamente inviolato, la cui traversata è un’esperienza ineludibile per gli amanti e conoscitori di deserti. Come in tutti i deserti, anche nel Dasht-e Lut i paesaggi cambiano in continuazione e offrono una serie di sorprendenti scenari: imponenti formazioni d’argilla (kalout) indurite dal sale e modellate dal vento che si perdono all’orizzonte; grandi dune di sabbia arancione che superano i 500 metri d’altezza (le più alte del mondo); immense vallate ricoperte di ghiaia vulcanica, sale e gesso. Il deserto di Lut si estende per oltre 300 km da nord a sud e almeno 200 km da est a ovest. Situato su un altopiano, rappresenta una barriera naturale tra Iran e Afghanistan, una delle zone più aride e calde del pianeta. Nella parte nord si trovano estese pianure ciottolose, nella parte est un grande erg con enormi dune e nella parte ovest ikalout che corrono in faraglioni paralleli da nord a sud per centinaia di chilometri costituendo una barriera invalicabile. I Viaggi di Maurizio Levi è l’unico operatore italiano a condurre una spedizione in questa zona remota e sconosciuta.

Programma dettagliato

Lo spettacolare Mar Rosso sudanese entra a far parte della prestigiosa lista con l’inserimento del Parco Nazionale Marino di Sanganeb e la baia Dungonab e il Parco Nazionale Marino dell’Isola di Mukkawar. Un paradiso marino da scoprirsi navigando su di un confortevole caicco tra isolotti selvaggi dalle spiagge bianchissime e reef ricchi di coralli che, secondo l’esploratore sottomarino Jaques Cousteau, è tra i più belli del mondo. Qui l’attività di snorkeling è un’esperienza davvero imperdibile, si incontrano infatti pesci tropicali di tutti i colori e di tutte le dimensioni. Particolarmente spettacolare è il faro di Sanganeb che si innalza su di un reef in mezzo ad un mare con stupefacenti colori. I viaggi di Maurizio Levi propone un viaggio speciale per la primavera 2017, un itinerario che si snoda tra il Mar Rosso e il deserto nubiano, un’occasione imperdibile per scoprire i due volti del Sudan.

Programma dettagliato

fb769c05-26ee-4cb0-b107-32750738ef2b

La lista dei patrimoni naturali appena inclusi vanta inoltre la catena montuosa del Tian Shan che si sviluppa lungo i confini del Kazakistan, Kyrghizistan e la provincia cinese del Xinkiang. Pur essendo meno conosciuta di altre catene montuose è lunga oltre 2500 km e le sue vette più alte sono il Pik Pobedy(7.439 m) e il Khan Tengri (7.010 m). Dal 1900 al 1930 ci furono alcune spedizioni alpinistiche ma successivamente la zona fu dichiarata off-limits dai russi e fino alla caduta dell’Impero Russo nel 1991 a nessuno straniero fu concesso di arrivarci. La latitudine più settentrionale rispetto a quella delle altre catene dell’Asia Centrale fa sì che i suoi ghiacciai siano più possenti e spettacolari: in particolare il ghiacciaio Inylchek, dove si sviluppa il percorso proposto da Viaggi Levi, è uno dei più lunghi al mondo (circa 62 km).

Programma dettagliato

Il massiccio dell’Ennedi (Ciad) con le sue bizzarre e imponenti formazioni tassiliane di arenaria color ocra danno vita ad un dedalo di canyon, gole e cattedrali di roccia. Queste valli desertiche furono intensamente abitate dall’uomo preistorico e numerosi sono i ripari dove si trovano le testimonianze della loro presenza: pitture e incisioni rupestri di raffinata qualità che mostrano gli animali e le scene di vita perdute. Nell’intera regione di Archei, immerse in un paesaggio di indimenticabile bellezza, si trovano considerevoli stazioni di pitture rupestri, celate in grotte e ripari naturali, considerate una delle testimonianze più importanti della preistoria; magnifiche per la loro raffinatezza ed inestimabile valore di documento della vita di uomini e animali in questa grande regione del Sahara centro meridionale.

Date di partenza

IRAN Spedizione nel Deserto di Lut
25 ottobre / 27 Dicembre 2016 / 24 Febbraio 2017

SUDAN Deserto Nubiano e Mar Rosso
partenza unica il 13 marzo 2017

KYRGHIZSTAN Tian Shan, montagne da scoprire Estate 2017

CIAD Spedizione nella parte centrale del Sahara e tra le montagne dell’Ennedi
5 Novembre 206 / 18 Febbraio 2017

Ad Eilat la 29° edizione del Festival del Jazz

Musica, cultura, divertimento e tanto sole nello splendido Mar Rosso israeliano

ImageProxyTel Aviv 31 luglio- Il popolare Festival Internazionale del Jazz sul Mar Rosso, che si svolge a fine agosto nella città turistica israeliana di Eilat, nel Sud di Israele, è giunto alla sua 29 °edizione. Questo Festival attira decine di migliaia di appassionati di jazz che, da Israele e da tutto il mondo, vengono a godere della grande musica in un’atmosfera rilassante e in una delle località turistiche più popolari di Israele. Il festival, sotto la direzione del musicista e direttore musicale di fama internazionale Eli Degibri, vedrà prendere parte alla rassegna musicisti jazz di fama mondiale e anche giovani artisti locali. Il programma per l’edizione del 2015 del Jazz Festival sul Mar Rosso prevede: il Ron Carter Quartet, il Collettivo Touré-Raichel, il Trio Jack DeJohnette con Ravi Coltrane e Matt Garrison, la performance special di Berry Sakharof, il sassofonista virtuoso Joe Lovano, Daniel Zamir con ospite speciale Eviatar Banai, il cantante francese Cyrille Aimée, il trio Mori Barak featuring Anat Cohen, Kendrik Scott Oracle, il trio Omer Klein Trio, Brass-A-Holics, Ilan Salem Sextet, l’originale Band messicana Sonex, il quintetto Ofer Landsberg, e il trio Leyla McCalla. Il Festival Jazz sul Mar Rosso si tiene dal 1987, sempre alla fine del periodo estivo a Eilat, città turistica situata nel Sud di Israele. L’edizione invernale di questo festival è stata lanciata nel gennaio 2011. Ogni estate il Porto di Eilat si trasforma in un magnifico locale di musica con tre sale all’aperto sotto il cielo del deserto. In inverno questo evento internazionale si svolge invece al chiuso in vari luoghi della città. Il Jazz Festival è un festival pubblico patrocinato dal Comune di Eilat, dal Ministero della Cultura e dello Sport di Israele, dal Ministero del Turismo, dall’associazione degli Hotel di Eilat e altri.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]