Visitami: “Le mamme italiane sempre più digital”

La startup italiana Visitami con pochi click permette di prenotare visite con medici, pediatri, infermieri e persino veterinari, tramite app o sito web, e anche per visite immediate a domicilio.

unnamedMilano, 6 maggio 2016 – Eh si, sono sempre loro, le mamme, a occuparsi del benessere di tutta la famiglia, dai bimbi ai nonni, fino agli amici a 4 zampe. E oggi sono anche molto digital: come riportato dal super blog “Fattore Mamma”, sono loro il traino della digitalizzazione in famiglia, dove nove mamme italiane su dieci possiedono uno smartphone e ne fanno un uso persino superiore a quello delle mamme americane. Per questo, la startup italiana Visitami, il servizio che con pochi click permette di prenotare visite con medici, pediatri, infermieri e persino veterinari, tramite app o sito web, e anche per visite immediate a domicilio, ha dedicato un’attenzione particolare proprio a questa importante categoria: le mamme italiane. Visitami è infatti il portale italiano che aiuta a trovare e prenotare visite anche in orari serali o durante i week-end: un valido aiuto per reperire un dottore, anche a domicilio, nel momento del bisogno. Un’app tutta italiana, realizzata da 4 brillanti ragazzi: Emanuele Urbani, Alessandro Cordova, Alessandro Sbenaglia e Roberto Cagnazzi. “Sin da quando è nato Visitami, abbiamo pensato alle mamme e abbiamo deciso di coinvolgerle in un focus group affinchè il servizio e la tecnologia fossero in linea con le loro esigenze. Volevamo assicurarci che avessero tutte le informazioni necessarie per scegliere il medico adatto, in completa serenità e trasparenza” ci racconta Alessandro Cordova, co-founder del progetto. “Non solo” continua Emanuele Urbani, anch’esso co-founder del progetto “ci siamo impegnati, e stiamo continuando a lavorare in questa direzione, nella ricerca di pediatri e figure professionali che possano fornire un servizio speciale proprio alle mamme italiane, che oggi vogliono trovare velocemente medici anche in orari non convenzionali”. “Siamo aperti inoltre ai pareri di tutte le mamme sul nostro progetto, per migliorarlo anche in base alle loro esigenze. Basta chiamarci allo 02-80888203 oppure scriverci su[email protected] per darci i loro suggerimenti. Tutto il nostro team è a disposizione delle mamme italiane per ascoltare e migliorare sempre più questo innovativo servizio” conclude Emanuele.

Cassonetti gialli di vergogna!

Salvate Salvamamme: rischia la paralisi

corredo-neonato-bambinaRoma, 27 novembre – Salvamme aiuta concretamente, da anni, migliaia e migliaia di nuclei familiari grazie a più di 5000 famiglie romane che, con puntigliosa precisione, consegnano corredi e beni in condizioni perfette da destinare a papà e mamme disoccupati o sottoccupati, che usufruiscono di una vera boutique gratuita. Corredini prima infanzia, kit scolastici, vestiario curato per ogni giorno, abbigliamento per pensionati con reddito minimo, giochi, vitamine ed integratori, prodotti per l’igiene e la pulizia sono sempre a disposizione su richiesta di enti, municipi, parrocchie, asl….. Ci siano o meno fondi da impiegare!! Un equilibrio perfetto tra quanto consegnato e quanto distribuito, in condizioni di massima sicurezza, sempre tutto quietanzato, da vent’anni. UN EQUILIBRIO PERICOLOSAMENTE SALTATO da quando i cittadini romani hanno appreso l’ambiguità ed il malcostume legati alla raccolta nei cassonetti gialli. La donazione al Salvamamme è centuplicata, con ripercussioni su gestione e minuzioso controllo di quanto impossibile, attualmente, stoccare, non più in condizione di essere accuratamente conservato, per insufficienza di spazio disponibile nei magazzini. Non vogliamo deludere tutti coloro, di cui apprezziamo la buona volontà, che ci donano le cose che hanno tanto amato, dopo averle ben lavate e stirate e profumate, e, magari, sono costretti ad usufruire di permessi lavorativi per essere certi che sia tutto accolto ed “ospitato”. Ci fa male al cuore anche la sola idea di doverle rimandare indietro. Salvamamme chiede alla stampa di pregare i cittadini di attendere, per nuove donazioni, la metà di gennaio, in quanto potrebbe saltare la distribuzione di migliaia di doni, già prevista per il mese prossimo, a causa della ingestibilità di questa situazione che potrebbe portare alla paralisi di ogni attività. E questo nonostante il supporto dei volontari che rischiano, pure loro, di arrendersi. Salvamamme chiede alle istituzioni di poter usufruire, al più presto ed a qualsiasi titolo, ma soprattutto a costo zero, di spazi adeguati al bisogno di questa città che, in massa, si rivolge alla nostra Associazione, nei momenti di più acuta disperazione, e non può essere ricacciata nella disperazione.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]