Arula locrese

[AdSense-A]

 

Museo Archeologico Nazionale di Locri – Locri (Reggio Calabria)

Senza-titolo-1

Il Museo Archeologico Nazionale di Locri, in occasione della domenica ad ingresso gratuito dedicata alle Olimpiadi, voluta dal ministro Dario Franceschini, ha registrato la presenza di oltre 1.600 visitatori. Il museo, punto di forza del Polo Museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Angela Tecce, è “simbolicamente” presente alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Infatti, come precisa il direttore del museo locrese Rossella Agostino, tra le foto dei reperti dei Musei italiani selezionate dal MiBACT è stata inserita l’arula locrese in terracotta con la rappresentazione della Nike alata che tiene in mano la benda destinata all’atleta vincitore della gara.  Unitamente al flusso di turisti italiani e stranieri che solitamente il Museo registra nel periodo estivo, quest’anno è stato evidenziato un notevole incremento rispetto a quello della medesima settimana dello scorso anno, circa 2500 visitatori; incremento cui ha contribuito la presenza del gruppo del Cavaliere di Marafioti che ha coinvolto anche molti turisti locali, guidati dalla voglia di riappropriarsi degli spazi della cultura, dell’arte, della bellezza del proprio territorio. Visitatori che ne hanno apprezzato il ritorno, sia pure temporaneo, dell’opera nel contesto di provenienza prima di essere  trasferito al Museo archeologico di Reggio Calabria, sua sede espositiva. Grande successo anche per la Passeggiata archeologica di venerdì 5 agosto ultimo scorso – inserita tra le diverse iniziative programmate durante la settimana di esposizione dell’opera al museo – per visitare i luoghi di ritrovamento del Cavaliere Marafioti.

Il Cavaliere di Marafioti a Locri

[AdSense-A]

 

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri – Locri (Reggio Calabria) – Contrada Marasà – 30 luglio – 7 agosto 2016

Senza-titolo-39

Dal 30 luglio al 7 agosto 2016, presso il Museo Archeologico Nazionale di Locri – Polo Museale della Calabria, si terrà l’esposizione temporanea del Gruppo del Cavaliere di Marafioti, opera in terracotta del V secolo a.C. rinvenuta in località Pirettina (Comune di Portigliola), alle spalle dell’antica città di Locri.  L’esposizione temporanea sarà inaugurata, alla presenza di autorità istituzionali, sabato 30 luglio 2016, alle ore 19.00. L’opera, elemento architettonico in terracotta del tempio dorico scoperto nel 1910 dall’archeologo Paolo Orsi, presentata a Milano (“Restituzioni. Tesori d’arte restaurati” di Intesa Sanpaolo), sarà adesso esposta, per la prima volta, nel territorio da cui proviene.  L’intervento di restauro, promosso e curato da Intesa Sanpaolo nell’ambito della XVIIª edizione di “Restituzioni. Tesori d’arte restaurati 2016”, è stato fondamentale per la sua conservazione e per una più approfondita conoscenza della tecnica di realizzazione. Ha permesso, inoltre, di riscoprire anche con l’ausilio di aggiornate strumentazioni, dettagli affascinanti, quali i segni di stesura a pennello del sottile scialbo originale o la policromia in nero, bianco, rosso che evidenziava meglio nell’intento del coroplasta il muso equino o la criniera rifinita a stecca.  Analisi diagnostiche hanno completato il restauro del gruppo che all’epoca della sua scoperta, sul lato occidentale del tempio, era stato rinvenuto in “ minuti frammenti ” e che fu oggetto di un primo intervento di restauro tra il 1911 ed il 1925 quando Paolo Orsi e il restauratore Giuseppe Damico incollarono e integrarono le parti lacunose rafforzando il manufatto con supporti interni. L’attività di restauro del 2015 è stata effettuata dai restauratori Giuseppe Mantella e Sante Guidi; le ricerche diagnostiche dal dottor Domenico Miriello del Dipartimento di Scienze della Terra – Unical. Il gruppo del Cavaliere di Marafioti, subito dopo ritornerà nella sua sede, il Museo archeologico di Reggio Calabria e sarà esposto nella sala dedicata alla colonia locrese. L’iniziativa, fortemente voluta dalla dottoressa Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria e dalla dottoressa Rossella Agostino, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Locri, è stata realizzata grazie alla proficua collaborazione con il Museo Archeologico di Reggio Calabria, la Regione Calabria, il FAI – Presidenza Regionale Calabria, e con il sostegno di Intesa Sanpaolo e delle amministrazioni comunali di Locri e di Portigliola.

Il Cavaliere di Marafioti a Locri

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri

Locri (Reggio Calabria) – Contrada Marasà

30 luglio – 7 agosto 2016

Inaugurazione: 30 luglio 2016 – Ore 19.00

Festa dei Musei 2016

[AdSense-A]

Monasterace (Reggio Calabria) Museo archeologico antica Kaulon – Locri (Reggio Calabria) Museo e Parco archeologico di Locri. Sabato 2 e domenica 3 luglio 2016

Senza-titolo-7

Monasterace e Locri, due antichissimi centri della provincia di Reggio Calabria, celebreranno la Festa dei Musei, che si terrà nell’intero territorio nazionale sabato 2 e domenica 3 luglio 2016. Si svolgeranno, infatti, nel Museo archeologico antica Kaulon e nel Museo e Parco archeologico di Locri interessanti iniziative, di seguito elencate, disposte dalla dottoressa Rossella Agostino, direttore di entrambi gli istituti.

 

Museo archeologico antica Kaulon

Sabato 2 luglio 2016  –  Ore: 20,00 – 23,00 – Apertura straordinaria Museo

domenica 3 luglio 2016 – Ore17,30 –  Presentazione del progetto “Restaurando memorie” – Ricerca, didattica e valorizzazione per Kaulon.

Museo e Parco archeologico di Locri

 Sabato 2 luglio 2016 – Ore 20,00-23,00

Apertura straordinaria Museo e Parco archeologico nazionale di Locri

Domenica 3 luglio 2016 – Orari apertura: 9,00-13,00; 15,30-19,30

Al Parco archeologico di Locri, guidati  dagli studenti Liceo Classico “Ivo Olivetidi Locri, verrà presentato il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro.

Domenica 3 luglio 2016 – Ore 20,00

Incontro al Complesso museale Casino Macrì: Novità di scavo in località Petrara – Conversazione con Diego Elia e Valeria Meirano, Università di Torino.

Il Museo archeologico antica Kaulon e il Museo e Parco archeologico di Locri ricadono nel Polo Museale della Calabria, diretto dalla dottoressa Angela Tecce.

 

Il patrimonio storico-archeologico della Locride a confronto con la riforma MIBACT

Pisa – Piazza dei Cavalieri – Scuola Normale Superiore. Sala Riunioni Laboratorio SAET – Palazzo della Canonica . Martedì 14 giugno 2016 – Ore 15.00

Senza-titolo-13

Roma, 12 Giugno – Martedì 14 giugno 2016, alle ore 15.00, a Pisa – Scuola Normale Superiore, Sala Riunioni Laboratorio SAET, Palazzo della Canonica, l’archeologa Rossella Agostino, direttore del Museo e del Parco archeologico di Locri e di Kaulon, terrà un seminario sul tema Il patrimonio storico-archeologico della Locride a confronto con la riforma MiBACT. L’iniziativa è incentrata sull’ingente patrimonio della Locride, sulle emergenze monumentali e i musei che documentano la sua storia, dall’età  protostoria a quella tardo-antica. Non mancheranno nella disamina della Agostino riflessioni sulle novità legate alla riforma del MiBACT, anche sotto l’aspetto gestionale. L’incontro è promosso dalla Scuola Normale Superiore di Pisa nell’ambito di una proficua attività di collaborazione scientifica programmata con il Museo Archeologico Nazionale di Locri, ricadente nel Polo Museale della Calabria, diretto dalla dottoressa Angela Tecce, che esprime soddisfazione per questa iniziativa di notevole spessore e di alto profilo culturale.

Il  patrimonio storico-archeologico della Locride a confronto con la riforma MiBACT

Pisa – Piazza dei Cavalieri – Scuola Normale Superiore

Sala Riunioni Laboratorio SAET – Palazzo della Canonica

Martedì 14 giugno 2016 – Ore 15.00

Conferenza, Diotima – Maestra d’amore. Una lettura del Simposio Platonico

Locri – Museo Archeologico Nazionale di Locri. Martedì 7 giugno 2016 – ore 18.00

Senza-titolo-6

Roma, 02 Giugno – Martedì 7 giugno 2016, alle ore 18.00, a Locri, presso il Museo Archeologico Nazionale di Locri, si terrà Diotima – Maestra d’amore. Una lettura del Simposio Platonico, una delicatissima e raffinata iniziativa dedicata all’universo femminile. Relazionerà su questa tematica affascinante e suggestiva Vincenzo Tavernese, dottore in filosofia. La conferenza sarà supportata dalla partecipazione dei giovani per la cultura della locride (i kuroi del Sidus Club) che faranno da sfondo all’evento proponendo musiche e letture legate alla figura di Diotima, maestra d’amore nella filosofia platonica: Davide Gravanti (lettura), Maria Teresa Figliomeni (flauto) e Alessandro Alia (chitarra classica). Il progetto grafico è curato da Katia Aiello, vicepresidente del Sidus Club. Interverranno, inoltre, le promotrici dell’iniziativa: Rossella Agostino, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Locri e Albarosa Dolfin, presidente del Sidus Club. La proposta locrese è in linea con la politica culturale sposata da Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria, mirata alla valorizzazione e alla promozione delle strutture museali ricadenti nel Polo.

Conferenza

Diotima – Maestra d’amore

Una lettura del Simposio Platonico

Locri – Museo Archeologico Nazionale di Locri

Martedì 7 giugno 2016 – ore 18.00

Ibico di Reggio e Nosside di Locri Racconti a due voci in Magna Grecia

Racconti a due voci in Magna Grecia Locri (Reggio Calabria) – Tempio di Marasà Parco Archeologico di Locri 14 maggio 2016 – Ore 18.30

 

Locri---Museo-Archeologico-Nazionale-di-LocriRoma, 12 Maggio – Sabato 14 maggio 2016, alle ore 18,30, a Locri (Reggio Calabria), Tempio di Marasà, Parco Archeologico di Locri, si terrà Ibico di Reggio e Nosside di Locri Racconti a due voci in Magna Grecia. L’incontro prevede una performance letteraria con brani tratti dalla produzione di Nosside, poetessa di Locri vissuta tra IV-III sec. a.C. e di Ibico, poeta di Reggio del VI sec.a.C. L’iniziativa dà conto della vivacità culturale di due centri magno-greci, Locri e Reggio, confinanti tra loro e tra i più noti dell’antichità. Curata dal Museo Archeologico Nazionale di Locri in collaborazione con l’Associazione Italia Nostra – sezione di Reggio Calabria, la manifestazione rientra fra quelle indette in occasione degli Stati Generali della Cultura, promossi dall’Assessorato alla Cultura e alla Legalità della Provincia di Reggio Calabria.

Ibico di Reggio e Nosside di Locri

Racconti a due voci in Magna Grecia

Locri (Reggio Calabria) – Tempio di Marasà

Parco Archeologico di Locri

14 maggio 2016 – Ore 18.30

I giovani per la cultura della locride. Presentazione del gruppo “I kouroi del Sidus club”

Museo Archeologico Nazionale di Locri, Locri (Reggio Calabria) –  Sabato 23 aprile 2016 – ore 18.00

Locri---Museo-Archeologico-Nazionale-di-LocriRoma, 21 Aprile – Sabato 23 aprile 2016, alle ore 18.00, a Locri (Reggio Calabria), nella sede del Museo Archeologico Nazionale di Locri, si terrà  I giovani per la cultura della locride – Presentazione del gruppo “I kouroi del Sidus club”, interessante iniziativa che coinvolge uno dei comprensori più ricchi di storia dell’intera Calabria. Dopo i saluti di rito di Rossella Agostino, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Locri e di Albarosa Dolfin, presidente del Sidus club, la dottoressa Agostino relazionerà sul tema Esempi di kouroi nel solco della tradizione artistica greca. Le conclusioni saranno tratte da Katia Aiello, vicepresidente del Sidus club. L’iniziativa si avvarrà di un atteso concerto che sarà eseguito da Maria Teresa Figliomeni (flauto) e da Alessandro Alia (chitarra classica). La dottoressa Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria, esprime plauso per un’iniziativa mirata alla valorizzazione di questo lembo di Calabria bellissimo e suggestivo.

Il Polo Museale della Calabria: la sua istituzione e le sue attività

Locri (Reggio Calabria) –  Mercoledì 20 aprile 2016 – ore 17.30

Dott.ssa Angela Tecce -  Direttore Polo Museale della CalabriaRoma, 18 Aprile – Mercoledì 20 aprile 2016, alle ore 17.30, a Locri (Reggio Calabria), nella sede del Museo Archeologico Nazionale di Locri, si terrà un incontro sul tema Il Polo Museale della Calabria: la sua istituzione e le sue attività. Interverranno: Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria e Rossella Agostino, Vincenzo Ammendolia, Gregorio Aversa, Adele Bonofiglio e Nella Mari, direttori dei musei e dei luoghi d’arte afferenti al Polo. Questi i luoghi d’arte e le strutture museali ricadenti nel Polo Museale della Calabria con i relativi responsabili attenzionati nell’assise locrese:

Cosenza – Galleria Nazionale di Cosenza: Nella Mari;

Locri (Reggio Calabria) – Parco archeologico e museo archeologico di Locri e Museo e Parco archeologico antica Caulonia di Monasterace (Reggio Calabria): Rossella Agostino;

Roccelletta di Borgia (Catanzaro) – Parco Archeologico e Museo archeologico nazionale di Scolacium, Parco archeologico e museo archeologico di Capo Colonna (Crotone) e Museo archeologico nazionale di Crotone: Gregorio Aversa;

Capo Rizzuto (Crotone) – Le Castella, La Cattolica di Stilo (Reggio Calabria) e la Chiesa di San Francesco d’Assisi di Gerace (Reggio Calabria): Vincenzo Ammendolia;

Cassano all’Ionio (Cosenza) – Museo archeologico nazionale e Parco della Sibaritide e Museo archeologico Nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia: Adele Bonofiglio

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]