Lisbona, nella top 10 delle destinazioni estive più ricercate dagli italiani

[AdSense-A]

 

Il mese più economico per volare a Lisbona è novembre

Senza-titolo-68

Continua a crescere l’interesse dei viaggiatori italiani per Lisbona: secondo i dati del motore di ricerca viaggi globale Skyscanner.it , la capitale del Portogallo – il neo campione d’Europa di calcio – è fra le 10 destinazioni più ricercate dagli italiani per l’estate 2016, con un incremento di oltre il 22% nelle ricerche di voli dall’Italia rispetto allo scorso annoColorata e assolata, Lisbona detiene il record di capitale con il maggior numero di giornate di sole in Europa e rappresenta una meta perfetta per un weekend a poche ore di volo dall’Italia, magari come ultima tappa di un road trip sulla costa portoghese, che da Porto va Coimbra, da Cascais a Cabo da Roca (il punto più a Ovest d’Europa a picco sull’Oceano Atlantico), fino a Sintra. Una buona notizia per i viaggiatori viene dall’analisi dei prezzi dei voli realizzata da Skyscanner, che evidenzia un calo di quasi il 20% del costo medio di un volo dall’Italia per Lisbona confrontando il primo semestre 2016 con il corrispettivo periodo nel 2011. Il mese più economico per volare a Lisbona è novembre, quando i prezzi dei voli scendono di oltre il 28% rispetto al prezzo medio annuale, ma il miglior modo per assicurarsi le tariffe aeree più economiche è di prenotare con anticipo dato che acquistare il biglietto 19 settimane prima della data di partenza permette di risparmiare più del 25% rispetto al costo medio del biglietto aereo.

350 svenimenti alla mostra Real Bodies in 2 anni di successi e promozione per Jesolo

Data di chiusura a Jesolo fissata per il 20 settembre

IMG-20150916-WA000Jesolo, 16 settembre, 2015- “La mostra Real Bodies per due anni ha promosso Jesolo come meta culturale fuori stagione raggiungendo un bacino di 21 milioni di persone tra Veneto, Lombardia, Friuli-Venezia-Giulia, Emilia Romagna e Trentino-Alto Adige”. Il patron Mauro Rigoni, incaricato dalla produzione americana di seguire il tour mondiale, delinea un bilancio della mostra Real Bodies dopo due anni di successi e a pochi giorni dalla data di chiusura a Jesolo fissata per il 20 settembre prima di partire per una nuova lunga stagione di riconoscimenti facendo tappa a Lisbona in Portogallo. “I contatti nel sito web ufficiale di Real Bodies in 20 mesi” snocciola Rigoni “sono stati quasi 800.000 a cui si aggiungono circa 150.000 profili Facebook raggiunti con i post e circa 55.000 “mi piace”. Altre 160.000 sono state le uscite mediatiche nella stampa, in radio, tv se consideriamo anche tutti gli articoli rimbalzati nei siti delle testate on line”. “Per quanto riguarda la pubblicità” aggiunge “è stato investito un budget di oltre 500.000 euro per un totale di 25.000 spot radio e 12.000 spot televisivi trasmessi in due anni. Il risultato è andato oltre le nostre aspettative con oltre il 50% dei visitatori arrivati da fuori Veneto, e solo il Friuli con oltre il 25% del totale”. “In effetti” ammette “Real Bodies è stata al centro di molte polemiche, conosciuta per gli oltre 350 svenimenti, ma anche per una mostra di alto valore scientifico. Infatti il 40% dei visitatori è risultato appartenere a settori professionali che si dedicano allo studio del corpo umano, come medici, infermieri, studenti di medicina, con una componente anche di sportivi in genere, personal trainer, fisioterapisti ed estetiste”. “Lusinghieri anche i dati sul fronte educativo e scolastico” specifica “con oltre 650 istituti di ogni ordine e grado per un totale di 18.500 alunni che in due anni hanno visitato Real Bodies, provenienti da tutto nord Italia e anche dal Meridione. Notevole anche l’attrattiva per i più piccoli con oltre 30.000 bambini sotto i 10 anni”. “Credo” aggiunge “si possa tranquillamente parlare di importante indotto economico portato a Jesolo da Real Bodies in due inverni soprattutto per i parcheggi pubblici gestiti da Itaca, ma anche per bar, negozi, ristoranti. Mi risulta che molti visitatori abbiano dormito negli hotel per farsi trovare pronti al mattino presto all’apertura dei cancelli della mostra”. “È stato un onore” dichiara Mauro Rigoni “aver potuto allestire in 20 mesi due mostre dedicate al corpo umano, soprattutto per il successo che hanno avuto, per il ritorno d’immagine per la città di Jesolo, ed in particolare modo per il beneficio ricevuto dall’economia locale. Non sarà facile eguagliare questi risultati con altre mostre. Domenica chiudiamo definitivamente questa mostra che tanto ha dato a Jesolo, una mostra che lascerà il segno, già adesso ci sono arrivate numerose mail per visitare con le scuole la mostra, ma purtroppo la mostra è in partenza, questo dimostra che se rimaneva ancora sicuramente avrebbe registrato altri ingressi”. “Dopo Real Bodies” conclude “prevediamo una pausa di riflessione perché in due anni non ci siamo mai fermati e sono stati tempi molto impegnativi, soprattutto sotto l’aspetto economico. Fortunatamente è andata molto bene, adesso valuteremo cosa fare in futuro, certamente trasferiremo la mostra a Lisbona per un lungo periodo. L’inverno sarà di meritato riposo, per altre mostre invernali sarà da aspettare tempi migliori”.

Ue, la Lobby europea delle donne lancia rapporto 1995-2015.

Ewl su attuazione della piattaforma d’azione di Pechino dell’UE, strumento fondamentale dei diritti umani per le donne e le ragazze adottati nel 1995.

 

image001Roma, 9 ottobre –  Domani  a Lisbona la Lobby europea delle donne (EWL) lancerà il suo rapporto “1995-2015: dalle parole ai fatti”, che valuta l’attuazione in Europa della Piattaforma d’azione di Pechino, 20 anni dopo la sua adozione da parte della comunità internazionale. Sulla base della valutazione collettiva dei suoi membri del 2000, il rapporto EWL dimostra che le donne e le ragazze devono ancora affrontare la disuguaglianza, la violenza, la discriminazione e l’insicurezza. La EWL invita il futuro commissario europeo per l’uguaglianza di genere a costruire sulle raccomandazioni delineate nella Pechino + 20 report, per sviluppare una nuova strategia più ambiziosa per tutte le donne e le ragazze in Europa che colga l’obiettivo di godere pienamente dei loro diritti umani.

 

Di seguito gli ospiti che consegneranno le dichiarazioni sulla Piattaforma d’azione di Pechino e il rapporto EWL:

–         il Direttore Esecutivo di UN Women Phumzile Mlambo-Ngcuka;

–          il segretario di Stato portoghese per gli Affari parlamentari e l’uguaglianza Teresa Morais;

–          I rappresentanti della Presidenza italiana dell’UE;

–          il Direttore dell’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere Virginija Langbakk;

–          il Membro del Parlamento europeo Ana Gomes;

–          il presidente EWL Viviane Teitelbaum.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]