È “Made in Italy” il primo Giubbotto al Mondo in Fibre di Legno

“Il legno da indossare”sarà presentato in anteprima mondiale a “Lineapelle 2016 

ImageProxy (1)Roma, 23 febbraio 2016 – È “Made in Italy” il primo giubbotto al mondo fatto interamente in fibre di legno. Frutto dell’innovativa startup Mymantra, specializzata in materiali naturali, “Il legno da indossare”sarà presentato in anteprima mondiale a “Lineapelle 2016 . Il nuovo materiale simile al tatto ed alla vista alla pelle è la declinazione innovativa all’originario materiale “Ligneah” ed è  un’invenzione tutta italiana che e’ destinata a rivoluzionare il mondo dell’abbigliamento italiano e mondiale. Il primo prototipo di capospalla studiato dallo studio Adele Amici di Roma e realizzato con il nuovo materiale denominato “Ligneah Raster Engrave” (www.ligneah.com) sara’ visibile nei giorni 23-24-25 febbraio, presso lo stand Mymantra a Lineapelle padiglione 11 stand n10. Questo nuovo materiale prende origine da uno sfogliato di legno di pochi decimi di mm che, opportunamente supportato e trattato in superficie con un metodo da poco brevettato, assume le caratteristiche di un tessuto tecnico o di una pelle finemente lavorata. Il risultato finale e’ sorprendente tanto che esperti del settore pelletteria a cui e’ stato sottoposto il materiale per fare dei test iniziali di cucitura, credevano fosse pelle. Il nuovo materiale in legno destinato al mondo dell’abbigliamento e’ un ulteriore passo in avanti dell’innovazione italiana e del “Made in Italy” e le piu importanti materioteche del mondo hanno gia prenotato il nuovo materiale per renderlo disponibile alla loro clientela e sarà disponibile dal mese di marzo 2016. Il materiale sino ad oggi top secret sarà la vera novità rivoluzionaria del 2016, che rafforzerà la filiera della moda italiana. L’intera linea del nuovo materiale Ligneah r.e. sarà presto disponibile in molte varianti sia di tipologia di legno che di colore e spessore.

La Calabria guarda avanti. Parte il progetto sulla filiera del legno

Presentato dall’assessore alla Cultura Mario Caligiuri il progetto “Ambi.Tec.Fil.Legno”, finanziato dal Ministero della Ricerca con i fondi riservati alla Regione Calabria


legnaRoma, 16 luglio  – “La Calabria in questi anni estremamente difficili ha compiuto importanti passi avanti nel settore strategico della ricerca”. E’ quanto ha affermato questa mattina l’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri intervenendo, in videoconferenza da Palmi (dove da oggi svolgerà la sua funzione istituzionale per il mese di luglio), alla presentazione del progetto europeo per valorizzare la filiera del legno e delle foreste in Calabria. Nell’occasione si e’ svolto il seminario “Per una filiera mediterranea della bioeconomia forestale”, tenuto presso la Sala Stampa dell’Universita’ della Calabria a Rende  durante il quale e’ stato presentato il progetto “Ambi.Tec.Fil.Legno”, finanziato dal Ministero della Ricerca con i fondi riservati alla Regione Calabria. L’incontro e’ stato promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche insieme all’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria e all’Università della Calabria. Il coordinatore scientifico del progetto e’ Giuseppe Scarascia-Mugnozza, dell’Università della Tuscia di Viterbo. Tra gli indirizzi di saluto previsti anche quelli dei Rettori dell’Universita’ della Calabria Gino Crisci e dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria Pasquale Catanoso e del Direttore Generale dell’Assessorato regionale all’Agricoltura Giuseppe Zimbalatti. Per Caligiuri si tratta di uno dei primi progetti finanziati dal recente piano del Ministero della Ricerca che prende il via, coinvolgendo oltre trenta giovani laureati e decine di aziende del settore. L’assessore ha inquadrato questa iniziativa nell’ambito delle politiche regionali sulla ricerca, illustrando i risultati ottenuti e le previsioni della programmazione europea 2014-2020. “Con i progetti sulla ricerca gia’ avviati nei prossimi due anni saranno oltre mille i giovani ricercatori calabresi che potranno contribuire allo sviluppo dell’intera regione”, ha ribadito Caligiuri.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]