Monumentale. Le bellezze artistiche del “Museo a cielo aperto di Milano” conquistano Google Street View

D’Alfonso e Maran: “Un ottimo alleato per la promozione turistica di Milano e la valorizzazione delle sue attrattive”

news_41016_imageMilano, 31 ottobre 2015 – Un viaggio alla scoperta di uno dei più importanti simboli della città. Da domani, domenica 1° novembre, su Google Street View sarà possibile passeggiare virtualmente lungo i viali del Cimitero Monumentale di Milano.  Street View, l’evoluzione di Google Maps che consente di esplorare il mondo attraverso fotografie panoramiche a 360 gradi scattate a livello stradale, ha immortalato le bellezze del Cimitero Monumentale, rendendole disponibili ai suoi utenti. Un’iniziativa che diventa occasione imperdibile per scoprire i tesori architettonici e artistici del più importante ‘museo a cielo aperto’ della città.  “Google, che ha reso la vita più semplice a molti cittadini grazie alla funzione che consente di visualizzare percorsi e orari dei mezzi pubblici di Milano,  si sta rivelando un ottimo alleato anche per la promozione turistica. Abbiamo già sperimentato le potenzialità dello Street View con le immagini della nuova Darsena e della rinnovata piazza Castello. Siamo sicuri che gli utenti si lasceranno conquistare dalla bellezza artistica e culturale del Cimitero Monumentale” spiegano  gli assessori  Franco D’Alfonso (Commercio e Turismo) e Pierfrancesco Maran (Mobilità e Ambiente) .
Grazie a Google Street View si potranno ammirare le opere di questo patrimonio culturale collettivo dal valore inestimabile, progettato dall’architetto Carlo Maciachini e inaugurato nel 1866, che racchiude al suo interno la storia della città e la sua vicenda artistica, dal Realismo e dall’Eclettismo, al Liberty e al Simbolismo fino all’età contemporanea.  Basteranno pochi click per guardare capolavori di scultura come il monumento di Antonio Canova a Maria Cristina d’Austria e lasciarsi stupire dalle architetture dei grandi maestri dell’800 e del ‘900 come Piero Portaluppi, Giuseppe Sommarguga e Giò Ponti, che si sono misurati in modo nuovo con la rappresentazione della spazialità temporale e spirituale. Il tour virtuale potrà concludersi con una visita al Famedio, il Pantheon delle donne e degli uomini illustri della città, dove riposano alcune delle personalità di eccellenza di Milano, da Alessandro Manzoni a Carlo Cattaneo, dal premio Nobel  Salvatore Quasimodo al pittore Francesco Hayez, sino agli artisti del nostro secolo, come Franca Rame ed Enzo Jannacci.

Darsena. In 50mila sulle sponde del porto di Milano per ammirare le fiaccole della ‘Ndocciata

D’Alfonso: “Un appuntamento che ha portato a Milano, in occasione di Expo, una delle tradizioni popolari più suggestive d’Italia”

212826644-0ba5ab42-7a46-418c-ba03-44f516d8e9aaMilano, 28 settembre 2015 – Sono stati 50 mila i milanesi e i turisti che, assiepati sulle sponde della Darsena, hanno assistito ieri sera a una delle più suggestive tradizioni italiane, la ‘Ndocciata del Comune di Agnone. Cinquecento fiaccole infuocate, trasportate a spalla da 135 ‘ndocciatori, suddivisi in cinque gruppi in rappresentanza delle cinque contrade, hanno illuminato il cielo milanese nella suggestiva cornice del porto di Milano. “Il successo che ha coronato questa antica festa del Fuoco rappresentata per la prima volta a Milano, è un altro segno che la nuova Darsena è entrata nel cuore dei cittadini – ha dichiarato l’assessore al Commercio Franco D’Alfonso, presente alla fiaccolata –. Con questa grande partecipazione di pubblico abbiamo dimostrato come il porto di Milano possa essere anche il palcoscenico ideale per accogliere le più antiche tradizioni italiane nel segno di una reciproca promozione turistica e culturale.  In questo momento Milano  e la sua Darsena rappresentano il luogo migliore per dare il giusto risalto alle attrattive del nostro Paese”. La manifestazione, che rientra nel più ampio programma di appuntamenti di ExpoinCittà, si fregia del titolo di “Ambasciatrice d’Italia nel mondo dal Ministero del Turismo” ed è  stato realizzata grazie al patrocinio e all’impegno della Regione Molise, dell’Union Camere, della Provincia di Isernia, del Comune di Agnone e del Comune di Milano. A dare il via alla suggestiva sfilata di torce infuocate è stato  il primo rintocco  della “Campana di Expo”, un’opera d’arte di ben 850 kg in bronzo, realizzata dal laboratorio della Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone e donata alla città di Milano quale simbolo di gemellaggio tra i due Comuni. Nei rilievi ornamentali della campana, oltre al logo di Expo, gli stemmi del Comune di Milano, del Comune di Agnone e della Regione Molise nonché immagini stilizzate della ‘Ndocciata, di un guerriero sannita e di due tra i più importanti dipinti conservati ed esposti a Milano: la “Canestra di frutta” di Caravaggio e “L’ultima cena” di Leonardo da Vinci. Per conservare la memoria dell’evento, dell’Esposizione Universale – e a testimonianza delle tradizioni molisane agli occhi di quanti visiteranno in futuro Milano – la “Campana di Expo” troverà la sua collocazione definitiva all’interno del Cimitero Monumentale o presso il Sacrario dei Caduti Milanesi in Piazza Sant’Ambrogio.

Darsena. Le torce di Agnone illuminano il porto di Milano per omaggiare Expo e la città

D’Alfonso: “Un appuntamento che porta a Milano, in occasione di Expo, una delle tradizioni popolari più suggestive”

ndocciata2Milano, 24 settembre 2015 – Sabato 26 settembre alle 20.30 le sponde della Darsena saranno il palcoscenico di una delle più suggestive tradizioni italiane, la ‘Ndocciata di Agnone. Cinquecento fiaccole infuocate trasportate da 135ndocciatori, suddivisi in cinque gruppi in rappresentanza delle cinque contrade, illumineranno il cielo milanese sfilando lungo le sponde del porto della città. La Darsena con il suo specchio d’acqua contribuirà a rendere ancora più unica ed irripetibile l’esperienza meneghina della ‘Ndocciata. “Il Giorno Del Fuoco, la ‘Ndocciata’,  è uno degli eventi più attesi nel contesto di Expo e sancisce, una volta di più, la salda amicizia che ci lega agli amici molisani – dichiara l’assessore al Commercio, Attività produttive e Turismo Franco D’Alfonso –. Il Comune di Milano si è adoperato per fare in modo che l’evento sia memorabile per il pubblico milanese e per i tantissimi turisti presenti in città. La tradizionale manifestazione molisana sarà ospitata in un palcoscenico internazionale, una vetrina di rilievo che farà scoprire la terra, la storia e i sapori del Molise al resto del mondo. Per collegarsi all’alimentazione, tema di Expo, parteciperanno alla manifestazione anche i migliori produttori molisani che presenteranno e faranno degustare le eccellenze della cucina regionale. Il fuoco invece è l’elemento naturale che dà linfa a tutta la manifestazione: fuoco che illumina la Ndocciata, fuoco che fonde i metalli, fuoco che cuoce i cibi, fuoco che dà la vita, in un grande evento che lascerà il segno”. La manifestazione, che rientra nel più ampio programma di appuntamenti di ExpoinCittà, si fregia del titolo di “Ambasciatrice d’Italia nel mondo dal Ministero del Turismo” ed è realizzata grazie al patrocinio e all’impegno della Regione Molise, di Union Camere e del Comune di Milano. A dare il via alla suggestiva sfilata di torce infuocate sarà il primo rintocco della  “Campana di Expo”. Un’opera d’arte, di 850 kg in bronzo, realizzata dal laboratorio della Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone. La “Campana di Expo” verrà donata alla città di Milano quale simbolo di gemellaggio tra i due Comuni. Nei rilievi ornamentali della campana, oltre al logo di EXPO, gli stemmi del Comune di Milano, del Comune di Agnone e della Regione Molise nonché immagini stilizzate della ‘Ndocciata, di un guerriero sannita e di due tra i più importanti dipinti conservati ed esposti a Milano: la “Canestra di frutta” di Caravaggio e “L’ultima cena” di Leonardo Da Vinci. Per conservare la memoria dell’evento, dell’Esposizione Universale e a testimonianza delle tradizioni molisane agli occhi di quanti visiteranno in futuro Milano, la “Campana di Expo” troverà la sua collocazione definitiva all’interno del Cimitero Monumentale o presso il Sacrario dei Caduti Milanesi in piazza Sant’Ambrogio. Nei giorni immediatamente antecedenti e successivi  alla ‘Ndocciata, il 25, 26 e 27 settembre, in piazza XXIV Maggio sarà allestito uno spazio espositivo per la degustazione e la vendita dei prodotti tipici molisani.

Tempo libero. Arriva ‘Strà’: dal 25 al 27 settembre Milano si trasforma in un grande palcoscenico dell’arte di strada

Bisconti: “In poco più di due anni questa città è diventata un punto di riferimento mondiale per questo tipo di espressioni artistiche”. Del Corno: “Ennesima prova dell’unicità di Milano”

 

festival-srada-milanoMilano, 15 settembre 2015 – Un palcoscenico a cielo aperto, dal Parco Sempione alla Darsena passando per il Castello con la sua isola pedonale, le vie del centro, i Navigli. Dal 25 al 27 settembre Milano celebra l’arte di strada che tanto, in questi anni, ha contribuito a trasformare le strade e le piazze della città. È ‘Strà’, il festival dell’arte di strada, che si rinnova con una seconda edizione rivista e arricchita rispetto allo scorso anno. Decine di spettacoli gratuiti per tutti, adulti, ragazzi e bambini. Un Festival dove l’arte si diffonde con forme inattese e sorprendenti: un weekend di emozioni da vivere e da raccontare, che segnerà un piccolo pezzo di storia nel panorama degli eventi performativi. Strà è un progetto del Comune di Milano – Assessorato benessere, sport, qualità della vita, tempo libero e verde, con la Direzione Artistica di Giulia Staccioli (fondatrice e direttrice artistica di Kataklò Athletic Dance Theatre) a cura di Accapiù. Strà rientra nel calendario di ExpoinCittà. “È una grandissima soddisfazione vedere come in poco più di due anni questa città abbia cambiato completamente volto – dichiara l’assessora al Tempo Libero, Benessere e Qualità della Vita Chiara Bisconti – e sia passata da luogo chiuso e ostile all’arte di strada a punto di riferimento mondiale. Oggi arrivano a Milano artisti da ogni paese per potersi esibire. La piattaforma per la prenotazione on-line delle 240 postazioni cittadine vede crescere costantemente gli iscritti che oggi sono più di duemila. La nostra piattaforma è diventata un modello per tante altre città, non solo italiane. L’arte di strada è una risorsa, anche economica, per Milano. E siamo in cima alle classifiche mondiali tra le città più accoglienti per queste forme di espressioni artistiche. Strà 2015 corona un cammino importante di cui siamo orgogliosi”. “Questo Festival è la dimostrazione della poliedricità dell’offerta culturale di Milano, capace di portare qui non solo le grandi mostre ma anche iniziative significative come questa che offrirà al pubblico installazioni, spettacoli e performance di acrobati, teatranti, musicisti e circensi che abiteranno la città – ha dichiarato Filippo Del Corno, assessore alla Cultura -. Un’ulteriore dimostrazione di come, in questi mesi di Expo, è il mondo che si incontra a Milano, con eventi unici e di ogni genere e sempre di grande qualità”. Il Festival avrà il suo cuore nel Castello Sforzesco e nel Parco Sempione ma si estenderà  anche alle vie attigue del centro di Milano, in particolare nell’asse che dal Duomo porta al Castello Sforzesco, con appuntamenti artistici e parate che animeranno la città. Tanti appuntamenti anche in Darsena e sui Navigli. Punto d’interesse particolare sarà l’area di Nevicata14 in piazza Castello dove a dare spettacolo saranno i ‘madonnari’ con le loro creazioni. Con più di 100 eventi e spettacoli gratuiti ci sarà spazio per tutte le forme artistiche: acrobati, giocolieri, clown, contorsionisti, attori, musicisti, ballerini, visual artists. L’apertura del Festival, venerdì 25 settembre, vede presenti “BastardUnfamous” e “DOGHEAD da Mutoid Waste co. presenta LRRY-1” che realizzano performance con installazioni scultoree spettacolari realizzate con elementi di recupero, fusioni uomo-macchina in stile cyber punk che prendono vita attraverso il movimento. Sempre venerdì, i Vulcanica Percussionisti portano la musica industrial nel grande Cortile delle Armi del Castello Sforzesco. L’energia e la potenza dello show rivive anche alla Darsena del Naviglio, in prossimità del Vodafone Store, sabato 26 settembre. Per tutto il weekend sarà anche attiva, in Piazza del Cannone, un’area Street Food di qualità con le Apecars con cucina selezionate da Eat Urban-Food Truck Festival.

Darsena. Due giorni di festa tra musica, giochi di luce e gite in battello per festeggiare il Ferragosto a Milano

D’Alfonso: “Invito tutti milanesi e i turisti a festeggiare insieme a noi nel luogo simbolo dell’estate della città, la Darsena”

ferragosto_darsena_400.jpgMilano, 11 agosto 2015 – Milano festeggia l’estate in Darsena. Sabato 15 e domenica 16 agosto saranno due giorni di festa per tutti i milanesi e i molti turisti presenti in città, che potranno trascorrere il Ferragosto tra spettacoli musicali e pirotecnici, insoliti pic-nic e suggestive gite in battello sulle acque del Naviglio. “Invito tutti milanesi e i turisti a festeggiare insieme a noi nel luogo simbolo dell’estate della città, la Darsena. Un luogo che è tornato a essere una delle maggior attrazioni di Milano, uno spazio a disposizione di tutti da vivere e in cui ritrovarsi”, commenta l’assessore al Commercio, Attività produttive e Turismo Franco D’Alfonso che prosegue: “Per questo Ferragosto proponiamo un variegato programma di appuntamenti, dalla musica ai giochi pirotecnici, capace di far divertire tutti con un occhio di riguardo verso le persone anziane che possono trascorrere una giornata insolita sui Navigli tra pic-nic e gite in battello”. La grande festa sulla Darsena prenderà avvio sabato 15 agosto già nel pomeriggio con la navigazione dei battelli in partenza dal pontile dell’Azaia Naviglio Grande 4,  mentre alle ore 21 andrà in scena “Notes on the water” – concerto itinerante su battello fino alle ore 23.30, a cura del maestro Gaetano Liguori con il suo nuovo quintetto nato per questa occasione: Massimo Pintori batteria, Andrea Grossi al contrabbasso, Luca Rampinini sax, Davide Santi violino. Il concerto nasce per celebrare il Naviglio in un suggestivo viaggio in musica dagli anni ‘60 ad oggi, evocando il mitico locale jazz, “Il Capolinea”, passando dai luoghi che hanno ispirato i Gufi, Dario Fo, Ivan della Mea, Jannacci e Gaber. Il Naviglio è da sempre il Mississippi meneghino e, forse per questo, ha ispirato varie generazioni di jazzisti milanesi e non. Per salutare il Ferragosto, verso mezzanotte la Darsena ospiterà “Energy for life” lo spettacolo di luci, fuoco e acqua con proiezioni artistiche con sottofondo musicale per creare un’insolita e suggestiva atmosfera lungo le sponde del porto di Milano. Uno spettacolo affascinante e rispettoso degli amici a quattro zampe: infatti tutti i giochi artificiali saranno privi di botti. Domenica 16 l’intrattenimento per il Ferragosto in Darsena continua per tutte le coppie nozze d’oro 2015: presso la Canottieri Milano Alazia Naviglio Grande 160 e il Mercato Metropolitano di Porta Genova potranno pranzare al prezzo fisso di 10 euro a persona previa prenotazione. Qui si prevedono anche attività pomeridiane: dai tornei di carte a quelli di bocce oltre alla presenza di quattro animatori per intrattenere i presenti. Per tutti gli altri milanesi a mezzogiorno si potrà pranzare a 13 euro presso il ristorante Movida di via Ascanio Sforza 41, sempre su prenotazione obbligatoria (max 120 posti). Per tutto il giorno sarà attivo il servizio di navigazione a cura della Navigli Lombardi Scarl con due battelli da 50 posti. Per le coppie che nel 2015 hanno festeggiato i 50 anni di matrimonio e che hanno ricevuto la lettera d’invito del Comune, è offerta la possibilità di effettuare due corse dedicate, per i primi 200 che si prenoteranno. Per loro oltre alla gita in battello anche un cestino da pic nic per un’insolita pausa pranzo presso la Canottieri Milano o il Mercato Metropolitano. Nelle giornate di sabato e domenica, l’Alzaia Naviglio Pavese sarà animata  da bancarelle e artisti di strada, per tutti i golosi vari punti di ristoro proporranno le classiche specialità dello street food italiano, dalla focaccia genovese ai panini con la bologna. Piacevoli pause dalla calura estiva grazie ai gusti tipici delle granite e degli irresistibili cannoli siciliani sino ai profumi e ai sapori delle spremute degli agrumi. Spazio anche agli amanti della tradizione più “saporita” con gli sfiziosi fritti, bruschette con pomodorini, pane d’Altamura e olio DOP sino ai panini con salumi. Per partecipare ai pranzi aperti a tutti a prezzo calmierato e alle due gite in battello dedicate alle coppie nozze d’oro 2015 è necessario prenotare al numero 02/88445307 entro le 17 di mercoledì 12 agosto. Il programma del Ferragosto in Darsena è consultabile sul portale www.comune.milano.it

Darsena. Una caffetteria nel porto della città per il dopo Expo

“Una nuova attività che contribuirà a valorizzare l’area, rendendola ancora più piacevole e fruibile dai milanesi e dai turisti che sempre più numerosi frequentano il vecchio porto milanese”

f1_0_darsena-milano-una-caffetteria-nel-porto-della-citta-per-il-dopo-expoMilano, 13 luglio 2015 – Nuova vita per uno degli spazi più rappresentativi della rinnovata Darsena. Sono state approvate dalla Giunta le linee di indirizzo per l’affidamento della struttura di circa 160 mq che attualmente accoglie gli eventi Vodafone e che, dal prossimo mese di novembre, ospiterà un’attività di somministrazione di cibi e bevande nel segno della qualità Made in Italy. “Un provvedimento che permette la realizzazione di uno spazio dedicato alla somministrazione di alimenti e bevande in una delle posizioni ‘più panoramiche’ della Darsena, per valorizzare, con gusto ed eleganza, l’immagine di uno dei luoghi ‘simbolo’ di Milano”, commenta l’assessore al Commercio, Attività produttive Franco D’Alfonso che prosegue: ”Il progetto di gestione dovrà essere in grado di contribuire, insieme alle altre attività già presenti nell’area, alla valorizzazione del contesto urbano rendendolo ancor più piacevole e fruibile da parte della cittadinanza e dei moltissimi turisti che, sempre più numerosi, frequentano il vecchio porto milanese”. Lo spazio si trova all’interno dell’isola pedonale della nuova Darsena, all’altezza di viale Gabriele D’Annunzio, e si compone di una struttura di circa mq. 120 cui si aggiungono circa mq. 47 di porticato. La struttura sarà affidata a un unico operatore economico, sia esso un soggetto singolo, un’impresa, un consorzio o un raggruppamento temporaneo d’imprese, un ente, un’associazione o fondazione, per un periodo di 6 anni con un canone a base di gara di 42mila euro. Gli interessati dovranno sviluppare un progetto per l’allestimento degli spazi (arredi, attrezzature, logistica ecc.) nonché per la gestione delle attività svolte, non solo quelle tipiche legate alla somministrazione, ma anche quelle destinate alla realizzazione di iniziative culturali/aggregative che siano coerenti e compatibili con la vocazione sociale, commerciale e aggregativa della nuova Darsena. Il bando di gara, e tutte le informazioni relative all’immobile, saranno disponibili da fine luglio nella sezione bandi e gare del portale www.comune.milano.it

Dal 22 al 24 maggio torna ‘Piano City Milano’, la città sarà una grande sala da concerto aperta a tutti

Del Corno: “Un’edizione speciale: tanti concerti diffusi anche nei ‘nuovi’ luoghi della città: Darsena, City Life, Porta Nuova e il sito di Expo”

 

pianocitymilanoMilano, 30 aprile 2015 – Dal 22 al 24 maggio torna ‘Piano City Milano’, alla sua quarta edizione nell’ anno di Expo, è un importante appuntamento musicale che trasforma la città di Milano in una grande sala da concerto a cielo aperto. Uno degli appuntamenti più importanti nell’ambito del palinsesto culturale di ‘Expoincittà’. Milano sarà invasa dalle note dei pianoforti, suonati sia dai grandi nomi della musica sia da giovani talenti o da semplici appassionati, con 350 eventi diffusi in tutte le zone della città e nell’hinterland. “L’edizione di quest’anno di ‘Piano City Milano’ sarà ovviamente speciale per tanti motivi. Grazie ad Expo – ha spiegato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno – in città sono nati nuovi spazi. Quattro di questi, particolarmente importanti, diventeranno per la prima volta palcoscenico di questa manifestazione straordinaria, amatissima dai milanesi. Il primo luogo sarà la nuova e bellissima Darsena, appena inaugurata. L’acqua, la passeggiata, lo spazio all’aperto, accoglieranno pianoforti e musicisti per una esibizione eccezionale. Il secondo luogo sarà la suggestiva installazione del campo di grano dell’artista Agnes Denes nel nuovo parco, tra i grattacieli di Porta Nuova. Anche il terzo luogo è un nuovo parco: è la nuova area verde progettata dall’architetto inglese Gustafson Porter a CityLife. Infine, non poteva mancare il sito di Expo, qui si svolgeranno due concerti presso il padiglione ‘The Waterstone’. Da qualche anno – ha continuato Del Corno – grazie a ‘Piano Milano City, a ‘Book City’, alla ‘Festa della Musica’ e a molti altri eventi Milano è diventata una città in cui la cultura è davvero per tutti, all’aperto, gratuita e diffusa, in tutti i luoghi urbani. La più grande soddisfazione per l’Amministrazione, per gli artisti che si esibiscono, per i partner e gli sponsor che contribuiscono alla realizzazione di questi eventi, è la grande soddisfazione dei cittadini, che partecipano con entusiasmo a questi eventi”. L’edizione 2015 si caratterizza per un’adesione ancora più forte da parte della città, grazie a una rete diffusa e capillare che ‘Piano City Milano’ ha saputo costruire e rafforzare nel tempo. Quest’anno i ‘Guest Concerts’, cioè i concerti proposti in autonomia da realtà sul territorio – in showroom, spazi pubblici e privati, sedi di associazioni, scuole, librerie, ostelli, etc… – sono raddoppiati arrivando a più di 80 appuntamenti, con una qualità artistica di alto livello. Un segnale forte di come il modello proposto da Piano City Milano sia stato adottato dai cittadini e da chi vive Milano. Cuore del programma restano gli ‘House Concerts’ e i ‘Concerti in cortile’, circa un centinaio in tutto, da sempre la cifra stilistica di questa tre giorni per la speciale atmosfera capace di crearsi quando uno spazio privato e intimo, come un’abitazione, si trasforma in un luogo di incontro e di esibizione musicale. Questo è reso possibile grazie alla preziosa collaborazione di moltissimi milanesi che, anche quest’anno, si sono resi disponibili a partecipare attivamente alla manifestazione. I ‘City Concerts’ porteranno la musica in luoghi nuovi e non convenzionali, aprendo spazi insoliti: Palazzo Archinto, Superstudio Più, il nuovo polo CityLife, Fondazione Riccardo Catella e molti altri, che saranno legati dalle note della musica per raccontare la città di Milano da un altro punto di vista. Andrea Rebaudengo, Emanuele Arciuli, Arturo Stàlteri, Francesco Grillo, Michel Bisceglia, Eric Legnini, Elisso Bolkvadze, Guido Coppin, Roberto Cominati, Vittorio Cosma, Gaetano Liguori sono alcuni dei nomi che si potranno scoprire nel programma della tre giorni. ‘Piano City Milano 2015’ sarà inaugurato il 22 maggio alle ore 20.45 al parco Sempione con la composizione inedita ‘Music for seven key instruments and percussions’ del pianista tedesco Hauschka. Nel 2014 era stato Ludovico Einaudi a scrivere, pensare e immaginare “Le Piano Africain”: un lavoro inedito e un concerto – installazione nel cuore del parco, davanti a oltre 25.000 persone. Nel 2015 Ludovico Einaudi passa il testimone al compositore tedesco che, con un progetto per pianoforti e percussioni, traccerà una linea immaginaria tra le città di Milano e Parigi, itinerario simbolico all’Esposizione Universale del 1906, nella suggestiva location del parco Sempione davanti all’Arena Civica. Il Piano Center è confermato alla GAM Galleria d’Arte Moderna – Villa Reale con l’apertura eccezionale del parco e concerti in programma sabato e domenica. Sul palco principale, nelle due serate si alterneranno grandi nomi della scena internazionale. L’argentino Christian Zarate aprirà la serata di sabato con musiche da tango; Cesare Picco suonerà tre tastiere per una nuova incredibile performance; Thilo Schoelpen, artista tedesco, presenterà le musiche dei Kraftwerk riviste per pianoforte; Bugge Wesseltoft, pianista jazzista norvegese, chiuderà la serata con ritmi elettronici. La domenica sera, ampio spazio al jazz con Dan Tepfer, pianista franco-americano, e lo svedese Martin Tingvall; il gran finale sarà affidato a due nomi italiani: Franco D’Andrea in un “Piano Solo” alle 21.30 e a seguire Paolo Jannacci, con un concerto – omaggio al padre. Nella sede della quattrocentesca Villa Scheibler situata a Quarto Oggiaro, in collaborazione con Mondo Musica, sabato e domenica sono previsti concerti per tutta la famiglia, con una programmazione di laboratori musicali riservata anche ai più piccoli. Domenica mattina in calendario il progetto speciale ‘Non sparlate sul pianista’, un concerto recitato dedicato alle dieci domande più frequenti rivolte ad un pianista nell’arco della sua vita. In collaborazione con la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, sabato 23 maggio Villa Simonetta ospita concerti dal mattino fino a sera; domenica 24 maggio dalle ore 11 alle ore 18.30, gli allievi della scuola saranno i protagonisti di una maratona musicale al Museo Archeologico di corso Magenta 15. La Rotonda di via Besana ospita un ricco palinsesto di appuntamenti organizzati in collaborazione con MUBA – Museo dei Bambini e Ricordi Music School, offrendo anche una programmazione serale adatta a tutti. Sabato e domenica l’appuntamento è con ‘Piano City Contest’ con l’esibizione dei pianisti vincitori del contest promosso in collaborazione con Car2Go. Sabato sera invece performance jazz dell’eclettico Michele Ranauro, mentre domenica si chiude con il progetto “Piano Mirroring” di Alessandro Sironi e “Venti dall’Est” dell’italo-bulgara Victoria Terekiev. Edison aprirà le porte della sua sede storica (Foro Buonaparte, 31) domenica 24 maggio con un doppio concerto. Alle ore 15 il duo Fabrizio Grecchi e Francesco Vernillo si esibirà in ‘Abbey Piano. The Beatles Tribute’, un concerto omaggio alla celeberrima band di Liverpool; alle ore 18 il pianista napoletano Alberto Pizzo suonerà pezzi tratti dal suo album ‘On the way’ dalle inconfondibili sonorità jazz. Un’occasione questa anche per scoprire la Sala Azionisti di Edison, sotto una volta in vetro in stile liberty che è una rarità per dimensioni e qualità delle finiture. In collaborazione con Intesa Sanpaolo, si apriranno nuovamente alla musica luoghi non convenzionali. La centenaria filiale di via Verdi 8 ospiterà anche quest’anno un concerto con il pianista Marcelo Cesena in un viaggio musicale attraverso le colonne sonore ‘Da Hollywood a Cinecittà’, sabato 23 alle ore 11. Novità di questa edizione è il concerto nel cortile del Palazzo Intesa Sanpaolo, in via Monte di Pietà 8, con il duo Feola in un progetto sulla Grande Guerra domenica 24 maggio, alle ore 10.30. Si aggiungono inoltre nella programmazione di ‘Piano City Milano’ due concerti straordinari ospitati nel sito espositivo di Expo presso il padiglione ‘The Waterstone’. Sabato 23, alle ore 19.30, è in programma il concerto del romano Antonio Faraò, considerato dalla critica uno dei più interessanti pianisti jazz dell’ultima generazione. Domenica 24 maggio, alle ore 20.30, sarà riproposto lo spettacolare concerto ‘Piano Twelve: dodici pianoforti in concerto’ evento inaugurale dell’edizione 2012 di Piano City Milano.Tra gli eventi speciali di questa edizione segnaliamo anche: Eunic Milano per ‘Piano City Milano’: gli Istituti di Cultura Nazionali dell’Unione Europea collaborano all’edizione 2015 di ‘Piano City’ promuovendo una maratona musicale all’Edison Open Garden Triennale con artisti provenienti da alcune nazioni europee. Sabato 23, dalle ore 16 alle ore 21, si alterneranno pianisti provenienti da Germania, Repubblica Ceca, Italia, Romania, Spagna e Francia, con repertori musicali legati ai paesi di provenienza. Wheatfield: tre concerti straordinari saranno ospitati sabato 23 maggio nella magnifica cornice del campo di grano dell’artista Agnes Denes, promosso da Fondazione Riccardo Catella insieme a Fondazione Nicola Trussardi e Confagricoltura e da poco inaugurato tra i grattacieli di Porta Nuova. Alle 17.30 Antonio Palareti con un repertorio classico e jazz, alle 18.30 il recital ‘Tutto scorre’ con il pianista Angelo Colletti accompagnato dalla voce recitante di Marco Massari, per chiudere alle 19.30 con la pianista olandese Iris Hond impegnata in un repertorio classico. Parco CityLife: nella nuova area verde progettata dall’architetto inglese Gustafson Porter, domenica pomeriggio sono previsti tre concerti di musica classica con Luca Buratto, Anna Maria Morici e Bruno Francesco Leone. L’ingresso è da viale Cassiodoro. Inoltre: maratona musicale alla Loggia dei Mercanti, con gli studenti del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano domenica pomeriggio dalle ore 16; due concerti sabato pomeriggio sul terrazzo di Superstudio Più in via Tortona; un concerto per i detenuti alla Casa Circondariale di San Vittore; tre concerti ai Giardini Indro Montanelli in collaborazione con il Wired Next Festival; due concerti alla Sala Alessi di Palazzo Marino; concerti alla Galleria Bolzani, alla Palazzina Liberty di Largo Marinari d’Italia, agli imbarchi dell’Aeroporto di Milano Malpensa e molto altro ancora in tutta la città. Tra le novità più apprezzate lo scorso anno con il tutto esaurito, ritorna il ‘Piano Boat’, in collaborazione con ‘Navigli Lombardi’. Domenica sono previste sette corse di 55 minuti ciascuna con partenza presso Alzaia Naviglio Grande 4 (zona Porta Ticinese) per scoprire i navigli navigabili accompagnati dalla musica. Musica in movimento anche con la ‘Piano Bici Edison’ a cui si aggiunge quest’anno il Piano Tandem, in circolazione sabato e domenica nella zona di piazza Castello – largo Cairoli – Foro Buonaparte e via Dante. La ‘Piano Bici Edison’ approda alla stazione di Milano Porta Garibaldi, hub strategico e fondamentale polo di interscambio ubicato in uno dei quartieri più vivaci della città, grazie alla collaborazione con Centostazioni – Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e Archimede 1 – Gruppo Save; sono previsti due concerti sabato 23 maggio, alle ore 11, con Gerardo Mancazzo e, alle ore 12, con Alessandro Pollio. Non potrà mancare il Piano Tram di Edison, la società che nel 1893 dotò la città di Milano del primo sistema di trasporto pubblico elettrico, e Radio Popolare: nella giornata di domenica 24 maggio due vetture storiche, dotate di pianoforte, offriranno musica dal vivo, circolando per la città, con venti corse concerto, dalle 10 alle 18, con partenza da Piazza Castello e da Piazza Fontana. Le corse saranno suddivise per genere musicale, dal jazz al blues, dalla musica classica alla contemporanea. Grazie alla partecipazione di Vodafone Italia sono in programma sabato tre concerti di musica classica nella cornice della nuova Darsena del Naviglio: Stefano Bigoni alle ore 18, Salvatore Giannella alle ore 19 e Marlena Maciejkowicz alle ore 20. ‘Piano City Milano’ è un progetto realizzato grazie a Comune di Milano – Assessorato alla Cultura, Edison ed Intesa Sanpaolo, ideato e prodotto da Ponderosa Music&Art e Accapiù, con il sostegno dei partner “tecnici” Aiarp, Crescendo, Fazioli, Furcht/Kawai, Griffa & figli, Steinway & Sons, Tagliabue, Tarantino Pianoforti, Yamaha, KF Milano Musica, Bösendorfer, Passadori Pianoforti, Piatino Pianoforti che mettono a disposizione gli strumenti della manifestazione. Si rinnova anche per l’edizione 2015 la partnership con il Corriere della Sera e con Vodafone Italia.

Milano, domenica 26 aprile una grande festa per scoprire il nuovo volto dei Navigli

D’Alfonso: ”Invito tutti i milanesi a festeggiare insieme a noi un luogo simbolo di Milano che oggi torna a vivere”

navigli-milano_MGbigMilano, 25 aprile – Una giornata di festa tra musica, spettacoli, mostre e gite in barca per festeggiare la nuova Darsena di Milano. Domenica 26 aprile, dalle 10.30 a tarda sera, i milanesi e non solo potranno ammirare il nuovo volto di uno dei luoghi più amati e caratteristici della città, riqualificato in occasione  di Expo 2015. “Invito tutta la città a festeggiare insieme a noi un luogo simbolo di Milano che oggi torna a vivere per i milanesi e i turisti – ha detto l’assessore al Commercio, Attività produttive e Turismo Franco D’Alfonso -. Sarà una grande festa popolare, una giornata storica per Milano, a pochi giorni dal grande evento di Expo. La nuova Darsena coniuga l’anima tradizionale dei Navigli con il nuovo volto della città: un luogo che saprà essere una delle principali attrazioni urbane, in cui storia e cultura riescono a fondersi e a convivere con la fruizione quotidiana degli spazi e la vivace vita notturna”. La grande festa popolare è resa possibile grazie alla collaborazione tra Comune di Milano, Consigli di Zona 5 e 6, DUC Navigli, Navigli Lombardi Scarl, Fondazione Milano, Fondazione Triennale, Associazioni di categoria, nonché le tre storiche Canottieri di Milano: Olona, Milano e San Cristoforo. La giornata di domenica inizierà alle ore 10.30 con il saluto di tutte le Autorità che hanno contribuito alla realizzazione del progetto presso il palco allestito di fronte al nuovo mercato comunale coperto. Al termine dei discorsi il Sindaco Giuliano Pisapia, con i rappresentanti dell’Amministrazione, percorrerà la nuova sponda della Darsena lungo viale Gabriele D’Annunzio per imbarcarsi su un battello della Navigli Scarl e percorrere il tratto fino al primo ponte dove incontrerà il Barchett de Boffalora, la barca corriera più caratteristica della tradizione dei Navigli, e accompagnata dalle imbarcazioni dei “Canottieri”, si porterà al centro della Darsena per il taglio del grande nastro tricolore simbolo della restituzione dell’opera ai milanesi e alla città. Ad aprire i festeggiamenti, dalle ore 12.30 alle ore 14, saranno due insoliti flash mob, una performance musicale tra corso San Gottardo e via Col di Lana, e una canoro-danzante in corso Manusardi a cura di ICM con Unione Artigiani di Milano. Dalle 15 alle 21, grazie alla collaborazione con Piano City, dieci colorati pianoforti suoneranno sotto l’arco di Porta Ticinese. Dalle 15 alle 20, in piazza XXIV Maggio, gli studenti dei Civici Corsi di Jazz e Cem di Fondazione Milano intratterranno il pubblico con una serie di jam session ispirate ai grandi protagonisti del jazz, del funk e del pop. Nello spazio CineCube sulla Darsena, dalle 15 alle 18, saranno proiettati cortometraggi della Civica Scuola di Cinema sul tema delle vie d’acqua. All’acqua, alla Darsena e alle sue trasformazioni è dedicato anche il racconto teatrale che allievi e diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi hanno creato ad hoc per l’occasione e che presenteranno nel pomeriggio presso il vicolo Lavandai (Naviglio Grande). Mentre alle 16, in via Magolfa, racconteranno la Milano di Alda Merini nella perfomance “Milano è diventata una belva”. Sempre in via Magolfa, alle 18.30, concerto di flauto e chitarra classica nell’ambito del Festival Giovane della Primavera. Dalle 17.30 alle 22.30, lungo tutto il Naviglio Pavese, si alterneranno una serie di concerti musicali curati dalle Scimmie, uno dei locali più rinomati di Milano per i concerti di musica dal vivo in zona Navigli. Dalle 15 alle 23, per i più giovani e amanti della musica elettronica, al Parco Baden Powell di Ripa di Porta Ticinese, spazio all’animazione e dj set dei più apprezzati dj milanesi. Una giornata di festa anche per i più piccoli che dalle 15 alle 19 presso la Darsena, grazie alle tre storiche Canottieri di Milano e alla Associazione Marinai d’Italia, potranno vivere l’emozione di salire su barche Vichinga e Dragoni scoprendo così i segreti del canottaggio. Ad attendere i più piccoli anche i famosi bagnini di Cervia con i loro inconfondibili “mosconi rossi” che per l’occasione insegneranno i segreti della voga alla veneziana. Sulle piattaforme galleggianti con il Museo d’Arte e Scienza di via Sella,4 a Milano, si svolgeranno laboratori didattici per bambini per imparare divertendosi. Per tutti la possibilità di scoprire i Navigli da un insolito punto di vista, l’acqua, grazie alle corse gratuite dei battelli di Navigli Lombardi che salperanno dal Ponte dello Scodellino per proseguire verso il Naviglio Grande in direzione Porta Genova, per poi tornare in Darsena, andare verso il Naviglio Pavese e terminare la corsa all’approdo di Alzaia Naviglio Grande 6. Grazie a “Milano a fior d’acqua”, la suggestiva mostra fotografica sull’acqua di oltre 200 mq, il pubblico potrà scoprire come sono cambiati i Navigli dagli anni ’30 ad oggi attraverso gli scatti provenienti dalle principali collezioni pubbliche della città. Un’iniziativa realizzata grazie a Triennale Milano, Museo Fotografia Contemporanea e Comitato Brand Milano. Per l’occasione lo spazio dell’ex Fornace del Naviglio Pavese ospiterà, per tutta la giornata, due mostre: una a cura dell’Associazione Naviglio Pavese che racconta l’evoluzione del Naviglio attraverso quadri, fotografie e disegni a cura dell’associazione Terre Navigli; la seconda (dalle ore 15 alle 19) è un percorso che illustra l’attuale progetto di riqualificazione dell’intera area realizzato in occasione di Expo 2015. Nel pomeriggio dalle 16.30 alle 18 la piattaforma galleggiante, ospiterà l’attore milanese Roberto Marelli che presenterà il libro”Porta Ticinese o’ cara” che racconta un quartiere e i personaggi della Milano di una volta che ormai pochi milanesi conoscono tra umorismo, aneddoti e stralci di vita vissuta lungo le sponde dei Navigli. Un seconda piattaforma sarà sede di incontri aperti al pubblico tra gli Amministratori locali e i cittadini durante tutto l’arco della giornata. A seguire uno spettacolo musicale sulle canzoni della Ligera milanese a cura di “Atomo” Davide Tinelli. Dalle 19.30 alle 20.30 il pubblico potrà assistere a un suggestivo concerto sull’acqua a cura dell’ Orchestra Verdi di Milano. In corso Manusardi (Alzaia Naviglio Pavese) saranno allestiti stand delle diverse associazioni che hanno contribuito alla realizzazione della giornata per promuovere le proprie attività e sensibilizzare il pubblico al mantenimento delle tradizioni dei Navigli. Per chi vorrà sarà possibile acquistare un ricordo della giornata presso il corner Brand Milano allestito in piazzo XXIV Maggio. Spazio anche al gusto, tutti potranno infatti assaporare per l’occasione la famosa piadina romagnola grazie alla partecipazione del Comune di Cervia ai festeggiamenti per la riapertura della Darsena. Proprio nella giornata di domenica il Comune di Milano e il Comune di Cervia sottoscrivono un protocollo di collaborazione per la reciproca promozione turistica dei territori. A simboleggiare l’abbraccio della città alla ritrovata Darsena, la “Lunga Sciarpa per il Naviglio” dell’Associazione Coinvolgente che avvolgerà le sponde dall’Alzaia Naviglio Grande, lungo viale Gorizia per poi ridiscendere lungo viale Gabriele D’Annunzio sino al mercato coperto. La sciarpa è nata da un’idea dell’artista Mitti Piantanida per tutelare la storia e la memoria del Naviglio. All’iniziativa, che ha come madrina l’étoile della Scala Luciana Savignano, hanno aderito oltre 180 associazioni e migliaia di persone da 200 paesi e città italiane e 30 nazioni del mondo. Una parte di sciarpa verrà consegnata simbolicamente al Sindaco di Milano. Durante tutta la giornata lungo l’Alzaia del Naviglio Grande si potranno ammirare i quadri e le opere degli artisti dell’Associazione Libera Artisti Naviglio Pavese oltre all’esposizione di numerose composizioni floreali a cura dell’Associazione Naviglio Grande. Per concludere degnamente la serata, dalle 20.30 alle 23 sarà allestita presso il salone dell’Associazione Marinai d’Italia in viale Gorizia una grande “pista da ballo” per consentire a tutti gli amanti dei Navigli di continuare la festa tra musica e danze a cura dell’Associazione Artistica di Milano.

Milano, ai Navigli conclusi i lavori, rinasce la Darsena con il porto

Nuova area pedonale di 75mila mq e un nuovo mercato. Assessore Rozza: “L’eredità più importante di Expo alla nostra città”

darsena_milano2Milano, 24 aprile 2015 – Oltre 75mila mq interamente visitabili a piedi, con più verde, un nuovo mercato e un ricostituito specchio d’acqua con ai lati due passeggiate. Ecco la nuova Darsena e la nuova Piazza XXIV Maggio che saranno inaugurate domenica, dopo 18 mesi di cantiere con un lavoro quotidiano di 60 persone, per una spesa di quasi 20 milioni di euro. Oltre al ritorno della navigabilità, la novità più importante è rappresentata dalla riapertura del canale del Ticinello che era stato interrato negli anni ’30. “La nuova Darsena, che nessun milanese ha mai potuto conoscere e vivere, è il lascito più importante di Expo alla nostra città” ha dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza. “Oggi – ha aggiunto – ci lasciamo alla spalle anni di degrado, di incuria: uno degli spazi più famosi e frequentati della città acquista un volto moderno e elegante che svilupperà un’attrazione non soltanto nei confronti dei milanesi ma di tutti i visitatori della città. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato consentendo la consegna di quest’opera in tempo per Expo”. Ripristinare il volto medioevale e leonardesco della Darsena, rendendolo compatibile con le esigenze di una metropoli moderna, è l’obiettivo del progetto di riqualificazione, concordato con la Soprintendenza ai Beni Culturali e Architettonici. Uno dei momenti più suggestivi sta nel recupero della navigabilità della Darsena: Milano riacquista, in forma leggera, il porto che per secoli l’aveva caratterizzata. Sul piano operativo il progetto si è sviluppato in tre macrointerventi: la creazione di uno specchio d’acqua navigabile, la rimozione del vecchio mercato sostituito da un altro del tutto nuovo, la trasformazione di piazza XXIV Maggio in area pedonale con il pavé e la modifica della viabilità in tutta l’area.

Lo specchio d’acqua Per la costruzione dello specchio d’acqua si è proceduto con una la pulizia del letto e la successiva ricostruzione delle sponde, ad eccezione del lato verso piazza Cantore dove sono stati creati argini di terra che degradano verso l’acqua. Sempre in corrispondenza di questo intervento è stato realizzato uno spazio verde. Nel rispetto dei vincoli portuali non sono stati installati parapetti  sulle sponde; al loro posto sono state collocate le tipiche bitte presenti nei porti per l’attracco della navi. Ai lati dello specchio d’acqua sono state realizzate due passeggiate con pavimentazione in mattoni  rossi e serizzo: una, più ampia, sul lato di via D’Annunzio, con una caffetteria, l’altra sulla parte opposta di via Gorizia. Ci sono, inoltre, due nuovi passaggi sull’acqua: una passerella di circa 35 metri che congiunge i due lati della Darsena di via D’Annunzio e via Gorizia e una di 12 metri sulla Conca di Viarenna.

Nuovo mercato Il vecchio mercato, interamente rimosso, è stato sostituito da uno nuovo collocato tra via D’Annunzio, la nuova piazza e l’acqua. E’ composto da 30 stalli sistemati all’interno di una struttura in acciaio di colore verde, accanto ci sono 11 spazi più piccoli e i depositi della merci: accolgono gli esercizi commerciali che operavano nella vecchia sede.

Piazza XXIV Maggio Il terzo macrointervento effettuato è quello relativo alla riqualificazione di Piazza XXIV Maggio, che ha comportato rilevanti novità: illuminazione LED, 12 platani, cancellazione del traffico stradale grazie alla realizzazione dell’area pedonale, una pavimentazione realizzata principalmente con i masselli e con cubetti di granito nel rispetto del disegno storico della piazza. La viabilità, invece, è adesso spostata ai bordi della piazza. Da segnalare che la quercia storica situata nella parte bassa della piazza, vicino a Corso San Gottardo, è stata tutelata e protetta con una nuova speciale recinzione. Altra importante novità, infine, è la riapertura del canale del Ticinello, che si può attraversare attraverso due ponti del ‘500 e del ‘700 riportati alla luce dopo oltre 80 anni e restaurati: si tratta di due strutture che assicuravano l’accesso alla città di Milano dalla zona sud. Il primo ponte a tre arcate, il più antico, è detto anche delle Gabelle, l’altro, affiancato a questo, presenta un’unica campata. Entrambi saranno accessibili alle persone con disabilità, anche grazie a uno speciale sistema, per il primo ponte, attivo già da maggio per garantirne l’attraversamento.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com