Dacia Maraini: “Grave Trasformare il Referendum sulle Trivelle in Referendum Politico”

Dacia Maraini: “Non credo sia una questione di impatto paesaggistico, ma di inquinamento e pericolo di guasti che potrebbero, come è successo in Messico, danneggiare gravemente l’ambiente”

ImageProxyRoma, 15 aprile 2016 – Dacia Maraini, scrittrice, poetessa, saggista e drammaturga italiana, si è espressa a favore del Referendum sulle trivellazioni, previsto per il prossimo 17 aprile. Intervistata dalla redazione della piattaforma Pro\Versi (www.proversi.it), la nota scrittrice esprime tutte le preoccupazioni che suscitano le attività estrattive, non tra una élite di intellettuali, ma nella maggior parte degli italiani. Alla domanda se, secondo lei, le piattaforme petrolifere hanno un impatto paesaggistico negativo, che può ripercuotersi sul turismo costiero, la Maraini risponde portando in primo piano non l’aspetto estetico o economico, legato al turismo, ma una sentita apprensione per le possibili conseguenze delle trivellazioni, spesso indipendenti dalla volontà dell’uomo: “Non credo sia una questione di impatto paesaggistico, ma di inquinamento e pericolo di guasti che potrebbero, come è successo in Messico, danneggiare gravemente l’ambiente”. La scrittrice sgombera il campo dai luoghi comuni, spesso avocati per criticare chi si oppone a certo sviluppo economico in difesa dell’ambiente. Alla domanda: “qual è, secondo Lei, il sentire comune degli italiani sul tema delle trivellazioni, sono sereni o temono il rischio ambientale?”, la Maraini risponde: “Direi che gli italiani sono in genere favorevoli allo sviluppo, ma non si fidano degli industriali che versano veleni in mare e nell’aria, nonostante i divieti e le rassicurazioni. Come si è visto con l’Ilva”. Una riflessione più ampia nasce dalla domanda se l’Italia abbia davvero bisogno di questo tipo di attività. A riguardo, la Maraini afferma: “Si tratta di scelte. Se si punta tutto sulle energie alternative, se si investe nel sole e nell’aria e nell’acqua, potremmo benissimo, in una decina di anni, fare a meno del petrolio. Nel frattempo lo compriamo. Ma mettersi a scavare nuovi pozzi ora mi sembra assurdo”. In riferimento al Referendum del 17 aprile, la scrittrice esprime la sua preoccupazione per l’implicazione politica che il voto referendario pare aver assunto: “Il guaio sta proprio lì, che il referendum sulle trivelle si è trasformato, come troppo spesso succede da noi, in un referendum politico, sul governo. È questo è grave”.

Per leggere la Discussione su Pro\Versi visitare la pagina web www.proversi.it/discussioni/pro-contro/46-petrolizzazione-dell’italia.

I DIGIUNI DI CATARINA DA SIENA testo e regia di Dacia Maraini con Barbara Amodio e Gianluigi Pizzetti

Dal 18 al 20 dicembre 2015, venerdì e sabato ore 21,00 – domenica ore 17,30

image002Roma, 7 dicembre – In occasione del Giubileo della Misericordia 2015, la Compagnia Le Nuvole Teatro propone lo spettacolo I DIGIUNI DI CATARINA DA SIENA che, in occasione del Giubileo del 2000, fu commissionato dalla curia alla scrittrice Dacia Maraini, che firma anche la regia. Il testo racconta l’ultimo periodo della vita di Santa Catarina, quando era già famosissima e molto ricercata dai potenti di tutto il mondo, che le scrivevano chiedendo consigli e benedizioni. Catarina rispondeva a tutti con spirito combattivo e sapienza religiosa. L’attenzione si appunta sul rapporto castissimo, tenero ed amichevole fra la giovane asceta e il suo devoto scrivano, il frate Neri. Il solo punto di contrasto fra i due sta nel fatto che Catarina crede nel digiuno come pratica di purificazione del corpo e Neri invece ama mangiare. Il testo racconta questo contrasto, i dialoghi di Catarina con Cristo e il tentativo continuo di Neri di tenere lontana la folla dei fanatici dalla donna che stima e ama. Catarina finirà per morire di fame sotto gli occhi addolorati di Neri. Nell’insieme si tratta di un ritratto laico, carico di rispetto e di affettuosità della giovane santa toscana e del suo goloso scrivano.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com