Expo 2015. Pisapia: “Milano cantiere già aperto per la Carta sul diritto al cibo”

Dal Patto tra Sindaci del mondo per Food policy sostenibili al percorso partecipato per meglio alimentare la città

forchette-cibo-e1426088022364Milano, 28 aprile – “La Carta di Milano sul diritto al cibo sarà importante eredità di Expo. Tappa finale di un percorso di ricerca e elaborazione cui hanno concorso esperti italiani e stranieri e tanti giovani ricercatori, si rivolge alle più alte Istituzioni internazionali. E tutti ci auguriamo che venga firmata dal maggior numero di rappresentati di Governi e Paesi, di imprese e di cittadini del mondo. A garanzia di un impegno comune per garantire al Pianeta un futuro più giusto e più sostenibile. Non è più accettabile, come denuncia la Carta,  che oltre 800 milioni di persone soffrano di fame cronica e più di 2 miliardi di persone siano malnutrite. Eppure ogni anno 1,3 miliardi di tonnellate di cibo vengano sprecate, mentre le risorse della terra, le foreste e i mari sono sfruttati in modo  insostenibile”. Lo ha dichiarato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia in occasione della presentazione della Carta di Milano avvenuta oggi nell’Aula Magna dell’Università statale .“La Carta oggi inizia un viaggio, affascinante e ambizioso: la progressiva realizzazione di impegni e azioni concrete, così come chiede chi sottoscriverà questo documento. Una domanda dal basso, frutto di una partecipazione corale, che prende forza dal messaggio di Expo 2015. È un viaggio –ha affermato Pisapia- che parte da Milano, una città che è divenuta centro del dibattito mondiale sul diritto al cibo sano e sicuro, la lotta agli sprechi, la tutela della biodiversità e l’acqua intesa come bene comune, lo sviluppo sostenibile. Ed è questa l’anima di Expo che ho fin dall’inizio sognato e sostenuto con forza” . “Milano, dal canto suo, il viaggio lo ha già iniziato con un percorso concreto e partecipato, a livello locale e internazionale, cui Expo ha fatto da acceleratore. Lavora con le grandi metropoli del mondo ai contenuti di un Patto tra Sindaci per politiche alimentari sostenibili  che sarà firmato il 16 ottobre. E, sul fronte della Food policy cittadina, proprio in questi giorni, sono iniziate –ha aggiunto Pisapia- le consultazioni con il settore privato e il settore non profit per l’elaborazione di nuovi obiettivi condivisi sulla base delle strategie individuate dall’amministrazione della città”. “A maggio sono previste consultazioni nelle 9 Zone di Milano. Successivamente, a chiusura del percorso, sarà convocata un’Assemblea cittadina per un dibattito allargato e il più possibile partecipato. Così  Milano è già oggi un cantiere in corso – di idee e buone pratiche – per lo sviluppo degli impegni codificati nella Carta di Expo 2015”, ha concluso il Sindaco Pisapia.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com