Al Teatro Elettra dal 3 al 6 dicembre 2015 torna il grande successo “Non oltrepassare la linea gialla!” di Roberto Braida

Con Cristina Cappellini, Gianpiero Cricchio e Tonino Sechi De Murtas.

Roma, 05 / 10 / 2004 Ritratti del gruppo 'Open Trios' Ph Riccardo Musacchio & Flavio Ianniello

Roma, 2 dicembre – Un testo attualissimo, che racconta, tra immaginazione e realtà, la metropolitana di Roma. Uno spettacolo, quello di Roberto Braida, in scena al Teatro Elettra dal 3 al 6 dicembre, che dopo lo straordinario successo delle passate edizioni torna sul palcoscenico per il quarto anno consecutivo. Scritto e diretto da Roberto Braida, con Cristina Cappellini, Gianpiero Cricchio e Tonino Sechi De Murtas. Una metropolitana, un vagone, una banchina- afferma Roberto Braida – già questo potrebbe bastare per descrivere le brevi storie che si susseguono in una giornata di pura follia. L’esasperazione della realtà diventa spunto per prenderci in giro su manie e luoghi comuni di noi passeggeri di una metropolitana molto particolare. Un concentrato di follia pura, di realtà modificate, assurdo e reale che si intrecciano in maniera esplosiva. Eppure sembrava una giornata normale a Roma…”. “Al centro dello spettacolo – prosegue Braida – tre storie e due monologhi ambientati nella metropolitana di Roma. Vari personaggi più o meno familiari, più o meno reali, che sicuramente saremo in grado di riconoscere. Uno specchio della nostra realtà sotterranea? Forse.

ROBERTO BRAIDA, Autore, attore e regista, inizia la sua esperienza artistica come assistente di Luciano De Crescenzo e Gianfranco Mingozzi, in seguito come aiuto-regista di Pino Quartullo e Grazia Scuccimarra. Il debutto alla regia avviene nel 1987 per il Certamen Vaticanum; in seguito ha ampliato la sua esperienza nel campo dei cortometraggi. Recita in numerosi spettacoli teatrali, prende parte come protagonista a spot pubblicitari tra cui come protagonista per la Pepsi-Cola (per il Sud e Nord America) e AGIP. Collabora attivamente come voce recitante con il gruppo Open Trios di Giovanni Bietti in numerosi concerti: Wien-Wein, Schumann e Chopin, Paganini, Il Genio allo Specchio – Mozart, e la serie di favole in musica I Musicanti di Brema, Lo Schiaccianoci, Hansel e Gretel, Ma Mere L’Oye, tutte rappresentate al Parco della Musica e in tournée in Italia. Per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è regista, al Parco della Musica di Roma, delle Commedie-Concerto di Daniele Ciccolini “Una Città chiamata Orchestra” e “Camera per Quattro”, nonché dell’Opera di

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com