Emergenza idrica a Cosenza: CesConsumatori sporge denuncia per interruzione di pubblico servizio

[AdSense-A]

L’intera città di Cosenza vive un’emergenza idrica da molte settimane

Ormai da diverse settimane l’intera città di Cosenza vive un’emergenza idrica. Da una parte abbiamo Sorical che accusa il Comune addossando le colpe alle ormai obsolete condotte, dall’altra il Sindaco che accusa Sorical dicendo che il disservizio è una questione meramente politica. Rocco Guerriero, Presidente Nazionale CesConsumatori (cesconsumatori.it), dichiara: “Da una parte abbiamo Comune e Sorical che si accusano a vicenda, dall’altra abbiamo i cittadini che noi dobbiamo tutelare e che hanno disagi seri e quotidiani. Ho presentato una denuncia affinchè vengano accertate le reali responsabilità.”

A noi non interessa dello scambio di accuse a mezzo stampa o social – spiega Guerriero –  a noi interessa che il servizio venga immediatamente ripristinato in modo regolare. Per far questo devono essere accertate le reali responsabilità e solo la denuncia che ho presentato in data odierna presso i Carabinieri di Rende potrà fare chiarezza. “Noi abbiamo un solo obiettivo, la tutela dei cittadini i quali non si vedono garantito un servizio primario e indispensabile con rischi e disagi seri soprattutto per quanti di loro appartengano a categorie protette come anziani, malati, bambini e portatori di handicap” continua ancora Rocco Guerriero.

Una volta appurate le responsabilità non escludo una class action che mi auguro abbia quante più attività commerciali aderenti. Alcune attività in assenza di un bene primario come l’acqua non riescono infatti ad esercitare regolarmente il proprio lavoro con un evidente danno economico.” Conclude infine il Presidente Guerriero “Chiunque intendesse aggiungersi all’azione collettiva che porteremo avanti può contattare la CesConsumatori di Rende, in Via Kennedy 126 o al numero 800 892 393“.

Emergenza debiti, a Cosenza uno sportello per aiutare imprenditori e famiglie in difficoltà

 

[AdSense-A]

Il servizio di consulenza è gratuito, usufruibile solo tramite appuntamento, contattando il numero verde 800 892393

Per venire incontro alle esigenze di cittadini e imprenditori l’associazione “CesConsumatori” ha deciso di offrire consulenze gratuite su come affrontare il problema dell’indebitamento, uno dei problemi più diffusi in città, e trovare la soluzione migliore senza ‘scivolare’ nelle trappole dalla ludopatia e dell’usura.

Ad oggi è attivo uno “Sportello Emergenza Debiti” a Rende, in Via Kennedy 126, un luogo dove esporre le proprie problematiche e trovare, insieme ai consulenti dell’associazione, la migliore soluzione ai propri problemi e da gennaio il servizio sarà attivo anche a Cosenza nella circoscrizione di Via Popilia.
Il servizio di consulenza è gratuito, usufruibile solo tramite appuntamento, contattando il numero verde 800 892393
“Sempre più privati e aziende si rivolgono alla nostra Associazione per avere consulenze in materia di indebitamento: fisco, banche, finanziarie ma anche piccoli debiti per bollette di luce o gas non pagate. I numeri sono impressionanti. Esistono però diverse soluzioni per ridurre i debiti e sospendere le azioni esecutive: dall’opposizione alle cartelle esattoriali, spesso prescritte o con difetto di notifica, all’usura nei mutui e prestiti, dal saldo e stralcio alla surroga, dalla rinegoziazione alla legge “salva suicidi”, spiega Rocco Guerriero, Presidente Nazionale CesConsumatori. “Negli ultimi 10 anni l’indebitamento nella provincia di Cosenza è cresciuto del 141%. L’emergenza debiti ormai è una priorità assoluta che va risolta. Le strade per uscirne sono tante anche per evitare che il cittadino non trovando una mano si affidi a soluzioni peggiori, dalla ludopatia all’usura. Offriremo consulenza gratuita a tutti i cittadini in difficoltà con uno sportello in città”.

Festa del libro

[AdSense-A]

 

Belvedere Marittimo (Cosenza) – Terrazza del Museo del Mare

Senza-titolo-1

Nello splendido scenario della terrazza del Museo del Mare di Belvedere Marittimo, nota località balneare del Tirreno cosentino, è stata celebrata la Festa del libro con la presentazione del volume di Vincenzo Mazzeo dal titolo Il potere della guarigione. Curare e guarire. La medicina su misura per ogni persona che ha inaugurato la collana Salute e Benessere – Davide Ghaleb Editore, diretta dal docente di estetica Antonio De SensiSono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente, oltre ai già citati Mazzeo e De Sensi, Francesca Impieri, assessore comunale alla cultura; Antonello Grosso La Valle, presidente provinciale UNPLI; Maria Grazia Cianciulli, dirigente Licei “Tommaso Campanella” di Belvedere Marittimo; Francesco Antonio Rosselli, cardiologo – Ospedale di Castrovillari; Concetta Grosso, presidente provinciale CIF; Luigi Lupo, direttore de La Voce dell’ANC – Sezione di Cosenza e alcuni rappresentanti di associazioni che operano sul territorio. Una partecipazione attiva e qualificata che ha segnato positivamente un evento fortemente voluto da Antonello Grosso La Valle, presidente provinciale UNPLI.

La Calabria e la sua meravigliosa cultura con Myriam Peluso

[AdSense-A]

 

Intervista a Myriam Peluso

Di Francesca Rossetti

Senza-titolo-28

Myriam Peluso è un’importante gallerista ed operatrice culturale di Cosenza che ho conosciuto alla mostra del pittore Lorenzo Maria Bottari che si è tenuta alla Galleria La Pigna di Roma da lei organizzata assieme al concerto della cantante Italia Vogna ed ecco cosa ci racconta di sé.

Chi è Myriam Peluso e di che cosa si occupa?

“Sono la Presidente e fondatrice dell’associazione culturale Muse Arte di Cosenza che organizza eventi culturali nel campo della letteratura, poesia, musica, teatro soprattutto per i più giovani che sono il nostro futuro. Gli artisti che vi partecipano sono sia calabresi che di altre città italiane e straniere e prima di diventare gallerista con ben 25 artisti fissi sono stata docente di storia e filosofia nelle scuole media inferiori e superiori. Ho sempre avuto la passione del collezionismo d’arte ed ho conosciuto artisti molto importanti quali il brasiliano Clovis Aquino, esperto di acquerelli, la pittrice Olga Minardo e il pittore Vidal Bedoya per il quale ho curato diverse mostre importanti, gli artisti toscani Domenico Monteforte, Agostino Cancogni, Mario Soave ed i calabresi Giovanbattista Rotella, Franco Azzinari e Mimmo Legato, inoltre collaboro spesso con l’Ambasciata del Perù di Roma”.

Myriam-Peluso

Quali saranno i prossimi eventi?

“Il 15 luglio a Capri presenterò un bellissimo libro di fotografie dedicato a Mariangela Melato in collaborazione con il Centro Cerio ed alla sua lunga carriera teatrale, inoltre a breve riprenderò l’idea di mio padre, il senatore Umile Peluso, e cioè il premio sulla poesia inedita in dialetto calabrese assieme ad un seminario in occasione del centenario della sua nascita, avvenuta nel 1915. Mio padre fu colui che propose la legge sui primi obiettori di coscienza e mi pare doveroso ricordarlo con un evento così importante”.

Capri è una bellissima location naturale e quindi si presta bene come contesto culturale…

“L’edizione 2016 di Muse Capri sarà l’ottava ed abbiamo organizzato incontri di concerto anche a Cosenza, inoltre sono spesso presente anche a Roma e a Washington per eventi culturali. La mia città natale, Cosenza, mi ha premiato con un importante riconoscimento per le eccellenze culturali e di questo ne sono molto orgogliosa, inoltre per i 150 anni dell’Unità d’Italia ho tenuto diverse conferenze con personaggi di altissimo livello e ricevuto un importante nota di merito da parte del Presidente Napolitano. E’ stato poi realizzato un piccolo vademecum e la mia associazione è gemellata con la città di Scalea e la Società di Filosofia”.

Esistono alcune pubblicazioni da Lei realizzate?

“A breve uscirà un libro dove saranno illustrati gli ultimi 15 anni di attività come Presidente dell’Associazione Le Muse Arte e come titolare della Galleria Le Muse sita a Cosenza ma itinerante in Italia ed anche all’estero”

Un grande grazie a Myriam che si è rivelata una perfetta organizzatrice riscuotendo un grande successo di partecipazione da parte del pubblico che è accorso numeroso alla mostra di Lorenzo Maria Bottari e del concerto di Italia Vogna e che ha seguito anche le presentazioni di diversi libri da parte di importanti giornalisti ed autori , fra i quali la regista teatrale Vanessa Gasbarri per “Dietro le quinte di Bottari”, Michele Rutigliano per il romanzo “Guerra d’amore” di Maria Teresa Cipri, Rosanna Vivacqua autrice del romanzo “Intrigo di anime”, Luciano Garofano per “Infinite trasgressioni. La Capri della Marchesa Casati” ed infine la trilogia “La città” dedicata a Cosenza ad opera di Emilio Tarditi.
Per informazioni www.gallerialemuse.it

Festa dei Musei 2016

[AdSense-A]

Galleria Nazionale di Cosenza, Cosenza – Palazzo Arnone, sabato 2  e domenica 3 luglio 2016

Senza-titolo-22

Sabato 2 e domenica 3 luglio 2016 a Cosenza, Palazzo Arnone, la Galleria Nazionale di Cosenza  partecipa, con numerose iniziative, alla Festa dei Musei indetta dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Questo in dettaglio il programma coordinato e curato dalla dottoressa Nella Mari, direttore della Galleria Nazionale di Cosenza.

Sabato 2 luglio 2016

Il Patrimonio per i bambini
Ore 10.00 – 12.00
Leggere il Patrimonio con Museum Children Ebook
Laboratorio didattico e visita guidata alla scoperta delle opere della Galleria Nazionale di Cosenza

a cura di Anna Cipparrone e Antonio Cosentino
coordinamento scientifico Nella Mari
ore 12.00  – 13.00

Eccellenze nelle collezioni della Galleria Nazionale di Cosenza
raccontate dagli studenti (III classe, indirizzo turistico) dell’Istituto Tecnico- Commerciale “A. Serra” di Cosenza, diretto da Giorgio Clarizio, a conclusione dell’esperienza di alternanza scuola-lavoro
coordinamento Francarosa Negroni
Referente Franca Grimaldi
Tutor scolastico Maria Pupo

Il racconto del Patrimonio
ore 15.00

Percorso  tematico alle collezioni della Galleria Nazionale di Cosenza a cura di Melissa Acquesta

ore 16.00

La sezione del contemporaneo della GNC a cura di Gemma Anais Principe

Largo all’esperto
ore 16.30

Incontro con Nella Mari, direttore della Galleria Nazionale di Cosenza

Lo spettacolo della cultura
ore 18.00 – 20.30

Musica in Galleria
Un interessante repertorio di  musica a cura del Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza, diretto dal Maestro Antonella Calvelli.
Concerti che spaziano dalla musica antica alla musica da camera, dalla musica vocale al coro di clarinetti. Numerosi i momenti riservati a strumenti solisti, pianoforte e chitarra

Mostra PIANI INCLINATI

Finissage della mostra PIANI INCLINATI fabbrica contemporanea, curata da Melissa Acquesta, Gemma-Anaïs Principe e Roberto Sottile; un percorso incentrato e articolato sull’incontro/scontro della forza fisica ed emozionale dei corpi

Domenica 3 luglio 2016
Il Patrimonio per / di tutti
ore 11.00

Cosenza città d’arte. Il patrimonio della Galleria Nazionale di Cosenza in un itinerario suggestivo a cura dell’Associazione Scopri Cosenza

La Galleria Nazionale di Cosenza è uno dei musei del Polo Museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Angela Tecce.

Festa della musica Jazz in Galleria

[AdSense-A]

Cosenza – Palazzo Arnone – Martedì 21 giugno 2016 – ore 16.00/18.00

Senza-titolo-7

La Galleria Nazionale di Cosenza partecipa alla Festa della musica promossa dal MiBACT con l’iniziativa Jazz in Galleria, che si terrà a Cosenza, Palazzo Arnone, martedì 21 giugno 2016, dalle ore 16.00 alle ore 18.00. Protagonisti dell’evento è il Marco Greco Quartet, gruppo che nasce da un’idea comune di quattro giovani musicisti, Carlo Manna al pianoforte, Stanislao Barbieri alla batteria, Carlo Bilotta al basso e Marco Greco alla chitarra.

Foto-gruppo

Iscritti al dipartimento Jazz del Conservatorio di Cosenza ” Stanislao Giacomantonio “, i componenti del gruppo sono legati oltre che dall’amore per la musica, dalla passione per il jazz e per l’improvvisazione. Il repertorio verterà su brani tra i più noti e suggestivi della tradizione jazzistica dei grandi compositori del Novecento, da Miles Davis a Wayne Shorter e a Charlie Parker. L’iniziativa Jazz in Galleria è a cura di Nella Mari e Patrizia Carravetta.

Festa della musica

Jazz in Galleria

Cosenza – Palazzo Arnone

Martedì 21 giugno 2016 – ore 16.00/18.00

Cura e coordinamento: Nella Mari e Patrizia Carravetta

Mostra “Il canto del creato” Acquerelli di fra Peppe (Giuseppe Gabriele Murdaca)

Cosenza – Museo diocesano di Cosenza, 3 – 19 giugno 2016

Senza-titolo-46

Roma, 28 Maggio – Venerdì 3 giugno 2016,  alle ore 18.00, a Cosenza, nel Salone degli Stemmi della Curia Arcivescovile, sarà presentata la mostra Il canto del creato – Acquerelli di fra Peppe (Giuseppe Gabriele Murdaca). Interverranno:  S.E. mons. Salvatore Nunnari,  Arcivescovo Emerito di Cosenza – Bisignano; la dottoressa Raffaella Buccieri, curatrice critica della mostra e don Salvatore Fuscaldo, direttore del Museo Diocesano di Cosenza. Sarà, inoltre, presente l’artista. L’esposizione, allestita nel Museo Diocesano di Cosenza, rimarrà aperta al pubblico fino al 19 giugno 2016. La mostra consta di 30 pitture tra paesaggi e scorci di natura che permetteranno di far conoscere e apprezzare la capacità pittorica e le sensibilità di fra Peppe, padre francescano, al secolo Giuseppe Gabriele Murdaca. I soggetti delle sue opere (la flora, la fauna, i paesaggi) si prestano perfettamente alla tecnica da lui prediletta: l’acquerello.

Senza-titolo-47

 <<Il canto del creato – così come specifica Raffaella Buccieri, critico e storico dell’arte –  è  una summa di immagine, sentimento e fede che dà origine ad un trait d’union tra frate Cielo e sorella terra e ad una lettura dell’arte rivolta all’uomo che vive la sconcertante e sempre più imperante modernità liquida>>. La mostra Il canto del creato rimarrà aperta al pubblico fino al 19 giugno 2016 e potrà essere visitata secondo i seguenti orari:

da lunedì a sabato, dalle ore 9.00 alle ore 12.00;

venerdì, sabato e domenica, dalle ore 17.00 alle ore 20.30

Appuntamenti d’arte Conferenza di Leonardo Passarelli – L’occhio del fotografo

Cosenza – Palazzo Arnone – Salone delle Udienze, Giovedì 26 maggio 2016 – ore 17.00

Senza-titolo-36

Roma, 24 Maggio – Giovedì 26 maggio 2016, alle ore 17.00, a Cosenza, Palazzo Arnone, Salone delle Udienze, Leonardo Passarelli terrà una conferenza dal titolo L’occhio del fotografo. La disamina di Passarelli, docente di storia dell’arte contemporanea presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’ Università degli Studi della Calabria, attiene all’ invenzione della fotografia, a partire dal 1839, che ha fornito un nuovo procedimento di formazione delle immagini rispetto a quello a cui era abituato l’uomo, alla portata di tutti e basato non sulla sintesi, ma sulla selezione. Attraverso una serie di esempi il pubblico sarà introdotto in questo viaggio che ha rivoluzionato il nostro modo di guardare.  L’iniziativa è parte integrante del ciclo Appuntamenti d’arte, fortemente voluto da Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria e da Nella Mari, direttore della Galleria Nazionale di Cosenza, con la finalità di far conoscere e valorizzare il patrimonio culturale della Galleria Nazionale di Cosenza e della regione Calabria. Si tratta, nello specifico, di quattro appuntamenti sulla storia dell’arte meridionale con approfondimenti dell’arte dal Seicento fino al contemporaneo, ideati soprattutto per giovani e studenti per rafforzarne il legame di appartenenza con il proprio territorio. Questo percorso conoscitivo iniziato con il prof. Nicola Spinosa, già Soprintendente del Polo museale napoletano e storico dell’arte di fama internazionale e proseguito con Giovanna Capitelli, professore associato di storia dell’arte moderna e coordinatrice del corso di laurea magistrale in storia dell’arte presso l’ Università degli Studi della Calabria, vedrà, dopo l’appuntamento con Passarelli, protagonista Tonino Sicoli (8 giugno 2016), direttore del Museo d’Arte dell’Otto e Novecento di Rende (Cosenza).

Gratteri al master in Intelligence dell’Università della Calabria diretto da Mario Caligiuri

Gratteri,terrorismo sopravvalutato, più temuto di ‘ndrangheta

cut1339594982917.JPG--terrorismo__gratteri___fiducia_nella_poliziama_nessuno_in_europa_e_a_rischio_zero_Rende (Cosenza), 23 aprile – “Fanno più paura quattro terroristi che non diecimila ‘ndranghetisti. Questo perché gli ‘ndranghetisti convivono con la società e le istituzioni. Due terroristi terrorizzano un intero popolo. Il terrorismo è sempre sopravvalutato”. Lo ha detto Nicola Gratteri, nominato procuratore di Catanzaro, parlando agli studenti del master in Intelligence organizzato all’università della calabria da Mario Caligiuri, docente dell’Ateneo.”Non sono un esperto di terrorismo – ha detto ancora Gratteri – ma so per certo che ho più problemi a lavorare con la polizia belga che con la polizia sudamericana, perché l’europea è una comunità bancaria, è unita solo da una moneta, dal punto di vista della sicurezza è un encefalogramma piatto. Secondo me la criminalità organizzata, la ‘ndrangheta non ha interessi ad avere a che fare con il terrorismo, piuttosto, sfrutta il fatto che le forze dell’ordine si concentrano su altro”. “l’intelligente – ha aggiunto Gratteri – ha un ruolo fondamentale e per fare questo lavoro c’è bisogno di freddezza, coraggio, ma soprattutto riservatezza. Il lavoro dell’intelligente comunemente è considerato come qualcosa di sporco, ma non è così. Ho avuto modo di lavorare con i servizi segreti e ho constatato che in realtà svolgono lavori che le altre forze dell’ordine non potrebbero” “a mio giudizio stiamo solo pareggiando la partita contro la ‘ndrangheta, non vincendo, perché la presenza di una mafia sul territorio non si capisce dalle denunce, ma dagli umori dei commercianti”. Questo quanto affermato dal neo-procuratore di Catanzaro rispondendo alle domande degli studenti del master in Intelligence dell’università della calabria. “In questi ultimi anni – ha aggiunto – lo stato sembra stia avendo grossi successi nei confronti della lotta alla mafia e in particolare della ‘ndrangheta, ma io che ci lavoro dal di dentro non riesco a dirvi che stiamo vincendo la battaglia. Non perché sono pessimista ma perché è importante che tutti abbiano la consapevolezza di cosa siano le mafie e che potere hanno”.”Abbiamo proposto una riforma del sistema. Rimane da chiedersi perché la riforma non viene discussa, ma questo bisogna chiederlo alla politica”. “Abbiamo modificato tutta la parte sull’agenzia dei beni confiscati che, secondo noi – ha aggiunto Gratteri – deve stare a Roma, perché deve interagire on-line con tutti i ministeri e si deve insediare presso la sede del consiglio dei ministri. Deve essere presieduta da un manager, che capisce di economia e il sequestro deve essere gestito da una sezione specializzata del tribunale, in modo che siano sempre dei giudici a seguire il percorso di quel bene, dalla confisca all’assegnazione. Il valore del bene, poi, va tutelato e per questo assegnato prima che si degradi”.”Per contrastare le mafie – ha proseguito Gratteri – servono tante e piccole modifiche normative, che abbiamo già proposto e di cui ho già ampiamente detto. Qualsiasi modifica, però, non deve intaccare il livello di garanzia dell’imputato, perché in nessun caso un assassino o un mafioso deve poter fare la parte della vittima. Le modifiche devono servire a far diventare non conveniente delinquere”.

Appuntamenti d’Arte, Giovanna Capitelli. Indagini sulla pittura barocca a Palazzo Arnone

Cosenza – Palazzo Arnone – Mercoledì 13 aprile 2016 – ore 17.00

Cosenza - Palazzo ArnoneCosenza, 7 Aprile – Mercoledì 13 aprile 2016, alle ore 17.00, a Cosenza, nel salone delle Udienze di Palazzo Arnone prosegue Appuntamenti d’arte, con una conferenza di Giovanna Capitelli, che si intratterrà sul tema Indagini sulla pittura barocca a Palazzo ArnoneAppuntamenti d’arte è un ciclo di incontri, voluto da Angela Tecce, direttore del Polo Museale della Calabria e da Nella Mari, direttore della Galleria Nazionale di Cosenza, con la finalità di far conoscere e valorizzare il patrimonio culturale della Galleria Nazionale di Cosenza e della regione Calabria. Si tratta di quattro appuntamenti sulla storia dell’arte meridionale con approfondimenti dell’arte dal Seicento fino al contemporaneo, ideati soprattutto per giovani e studenti per rafforzarne il legame di appartenenza con il proprio territorio. Dopo la prima conferenza, tenuta lo scorso 10 marzo dal prof. Nicola Spinosa, già soprintendente del Polo museale napoletano e storico dell’arte di fama internazionale, che ha suscitato grande interesse, Palazzo Arnone ospita Giovanna Capitelli, professore associato di storia dell’arte moderna e coordinatrice del corso di laurea magistrale in storia dell’arte presso l’Università degli Studi della Calabria, dove dal 2001 insegna la storia dell’arte fiamminga e olandese, che certamente non deluderà le attese. La conferenza della prof.ssa Capitelli, Indagini sulla pittura barocca a Palazzo Arnone, è dedicata alla pittura barocca con particolare riferimento alle opere presenti nella Galleria Nazionale di Cosenza e al dipinto raffigurante Sant’Agostino già attribuito a Mattia Preti. I successivi incontri di Appuntamenti d’Arte saranno tenuti da Leonardo Passarelli (12 maggio 2016),  docente del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi della Calabria e da Tonino Sicoli (8 giugno 2016), direttore del Museo d’Arte dell’Otto e Novecento di Rende (CS).

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com