Un assaggio di Cortina d’Ampezzo a “Chef … Al Massimo”, con Fabio Pompanin del Ristorante Al Camin

[AdSense-A]

 

26 grandi chef italiani interpretano la carne, quella della Macelleria Zivieri, in occasione dell’8 edizione di Chef al Massimo, la kermesse gastronomica in calendario domenica 4 settembre a Monzuno. A raccontare l’eccellenza culinaria di Cortina d’Ampezzo ci sarà Fabio Pompanin, chef e titolare del ristorante Al Camin con la sua proposta: “carpaccio di cervo leggermente affumicato con dressing al lampone e cipolla croccante”

Senza-titolo-34

L’eccellenza gastronomica di Cortina d’Ampezzo sarà ospite domenica 4 settembre nel cuore dell’appennino Emiliano. Lo chef Fabio Pompanin parteciperà infatti a Chef… al Massimo, la kermesse gastronomica che in poche ore ha registrato il tutto esaurito arrivando a vendere 2.000 biglietti, a cui si deve aggiungere una lunga lista d’attesa. “Carpaccio di cervo leggermente affumicato con dressing al lampone e cipolla croccante”, questo il piatto che lo chef del Ristorante Al Camin di Cortina d’Ampezzo presenterà a Monzuno accanto alle creazioni gastronomiche di grandi nomi della ristorazione italiana, a conferma del talento di Fabio Pompanin, per tutti “Fabietto”. Un evento a tutta carne, quella della Macelleria Zivieri, in memoria di Massimo Zivieri “artista capace di trasmettere, dall’allevamento alla tavola, una storia di saperi antichi e attuali”. Passione, entusiasmo, ricerca: queste le tre parole chiave che raccontano la kermesse gastronomica e che si sposano perfettamente con il lavoro dello chef ampezzano. Per lui “Cucinare è un’arte, sei non sei cuoco dentro non puoi fare questo lavoro”. E infatti la sua passione per la cucina nasce fin da piccolo, quando a soli 5 anni già gli piaceva aiutare la mamma ai fornelli. “Fabietto” – come tutti lo chiamano – è uno Chef attento alla qualità degli ingredienti, che sceglie personalmente e con cura. Le materie prime per i suoi piatti sono prodotti del territorio, possibilmente a chilometro zero e a filiera controllata. Dai suoi allevatori di fiducia Fabietto acquista le uova, le carni e i salumi freschi. Il latte, il burro e i formaggi li sceglie di malga e la cacciagione è rigorosamente locale. Nella sua cucina però ci sono anche altri ingredienti provenienti da varie regioni d’Italia, ma sempre prodotti DOC, DOP e IGP. Tra le sue ricette si trovano piatti genuini, il meglio della tradizione italiana, una cucina locale creativa con qualche tocco esotico.

 

Alba da cima Tofana: con la musica di Erica Boschiero

[AdSense-A]

 

Sabato 3 settembre a Cortina D’Ampezzo

Senza-titolo-31

Sarà un’alba particolare e alquanto suggestiva quella di sabato 3 settembre a Cima Tofana (3244 m). Nella terrazza panoramica più alta di Cortina d’Ampezzo il meraviglioso spettacolo della natura che si risveglia al sorgere del sole verrà accompagnato dalla musica della giovane cantautrice veneta Erica Boschiero, una delle voci più interessanti della canzone d’autore femminile nel panorama italiano.  Vincitrice del Premio d’Aponte 2008, del Premio Botteghe d’Autore 2009, del Premio Corde Libere 2013, del Premio Lunezia – Future Stelle 2015, Premio per il Miglior Testo a Musicultura e al Premio Parodi nel 2012, Erica Boschiero ha tenuto concerti in Islanda, Norvegia, Francia, Germania, Svizzera, Estonia, Lettonia, Bielorussia, Nepal e Kazakhstan, oltre ad essersi esibita in diretta su Rai 2, Rai News 24, Radio 1, Radio 2, RSI e molte altre radio nazionali e locali. Nel suo curriculum figurano poi duetti con artisti d’eccezione, tra cui Gino Paoli e Danilo Rea, Paola Turci, Maria Gadù, Luca Barbarossa, Neri Marcorè e Ron. Un ospite importante, quindi, che in attesa delle prime luci dell’alba, darà vita ad un’emozionante esibizione chitarra e voce con alcuni brani del suo nuovo album Caravanbolero, storie che raccontano lo scorrere del tempo, il rapporto con la natura, oggetti piccoli e grandi domande del vivere umano, in un linguaggio musicale al contempo intimo e universale, pezzi della tradizione popolare e canti alpini della Grande Guerra arrangiati in chiave moderna.

A seguire, una prelibata colazione concluderà l’evento.

A Cortina d’Ampezzo la magia del tramonto da cima Tofana diventa un emozionante evento con musica dal vivo

[AdSense-A]

 

Mercoledì 24 Agosto

Senza-titolo-3

Uno degli appuntamenti più affascinanti del calendario estivo di Cortina d’Ampezzo è il Tramonto in Cima sulla Tofana di Mezzo, che grazie alla funivia Tofana-Freccia nel Cielo consente di raggiungere la terrazza di Cima Tofana, a quota 3244 metri, il punto panoramico più alto raggiungibile con gli impianti da Cortina d’Ampezzo, per vivere momenti magici a contatto con la natura mentre, tutto intorno, le Dolomiti si tingono di rosa. Non prendete dunque impegni per la sera di mercoledì 24 agosto perché sarà l’ultima occasione dell’estate 2016 per ammirare lo straordinario spettacolo del tramonto da Cima Tofana, allietati dal live acustico di Erica Boschiero, cantautrice veneta tanto amata da Ornella Vanoni, che darà vita ad una suggestiva esibizione chitarra e voce proponendo alcuni pezzi del suo nuovo album Caravanbolero oltre ai classici brani della tradizione popolare e ai più noti canti alpini della Grande Guerra arrangiati in chiave moderna. Una serata di relax ed emozioni tra natura, musica e… gusto con i vini proposti da Herbert e Luca.

Cortina d’Ampezzo: in Tofana una gastronomia sfiziosa e accattivante

[AdSense-A]

 

Tutti i martedì lezioni di pizza a Capanna Ra Valles, la pizzeria più alta d’Europa

Senza-titolo-20

Nel comprensorio Tofana-Freccia nel Cielo di Cortina d’Ampezzo i turisti possono contare su un’offerta gastronomica completa e variegata che spazia dal panino veloce alla pizza, fino ai piatti tipici della tradizione ampezzana, fatti di ingredienti semplici ma ricchi di sapore. Il primo punto di ristoro che si incontra salendo in funivia è il Ristorante Col Drusciè (1778 m), una struttura realizzata interamente in legno nel massimo rispetto dell’ambiente, che si adatta perfettamente allo straordinario panorama naturale che la circonda. La sala, sobria ed elegante, è arredata secondo la tradizione di montagna e il costume tipico locale, perfettamente in linea con il servizio, molto curato e ospitale, che offre specialità ampezzane, piatti italiani e prelibatezze tirolesi. Di particolare interesse l’evento Cena sotto le stelle: tutti i giovedì, oppure su richiesta in altre serate per gruppi privati, si sale in funivia per la cena per poi dare uno sguardo ai pianeti solari dall’osservatorio situato sempre a Col Drusciè, con l’astronomo che guida gli ospiti in un entusiasmante viaggio stellare. Poco più su c’è Capanna Ra Valles (2475 m), la pizzeria più alta d’Europa con splendida vista panoramica sulle Dolomiti. Qui vengono usati solo prodotti ecosostenibili e stoviglie biodegradabili e ogni martedì, dalle ore 12.00, si tengono vere e proprie lezioni teorico pratiche per conoscere l’arte della preparazione della pizza e testare dal vivo quali difficoltà si affrontano nel sfornare una pizza in alta quota. Al termine delle lezioni è possibile assaggiare le diverse proposte di pizza gourmet presenti nel menù di Capanna Ra Valles, avendo anche l’opportunità di ammirare i dipinti dell’artista Maurizio Boscheri con la sua mostra “Arte Natura e Montagna” visitabile fino al termine della stagione estiva.  Infine, a Cima Tofana (3244 m), il punto più alto raggiungibile in funivia da Cortina d’Ampezzo, si trova unaccogliente bar/rifugio ideale per fare colazione, bere un aperitivo, mangiare un panino o rilassarsi al sole. Per tutta l’estate a Cima Tofana sono organizzati anche numerosi eventi per ammirare l’alba e il tramonto, con sottofondo musicale o narrativo, e grande novità, la possibilità di praticare la disciplina yoga al sorgere del sole sulla terrazza panoramica in alta quota.

Ferragosto nella Regina delle Dolomiti: cene in alta quota, spettacolari fuochi e tanti eventi

[AdSense-A]

 

La settimana di Ferragosto si prospetta ricca di appuntamenti per tutti i gusti: tanti gli incontri culturali delle molteplici rassegne estive, cene in rifugio in alta quota e gli imperdibili “fuochi della Madonna” che illumineranno il cielo ampezzano

Senza-titolo-13

La settimana clou di agosto sta arrivando e la Regina delle Dolomiti si prepara al meglio con una serie di appuntamenti adatti a tutti i gusti per festeggiare nel migliore dei modi il Ferragosto. Il 14 e 15 agosto si prospettano giorni intensi con un ricco calendario che vede alternarsi incontri culturali, cene ad alta quota nei rifugi e visite guidate per ammirare il cielo della conca ampezzana. Immancabili sono ormai gli incontri della rassegna Una Montagna di Libri che, come ogni anno, intrattiene un vasto pubblico con i suoi autori. Per l’occasione saranno presenti il 14 agosto Vittorio Feltri e Alessandro Gnocchi che discuteranno del tema “I nemici di Oriana. La Fallaci, l’Islam e il politicamente corretto” presso il Miramonti Majestic Grand Hotel alle ore 18.00. Il giorno seguente, 15 agosto, sarà invece la volta di Andrea Segrè e il suo “Cibo. Cucinare (e vivere) senza sprechi” al Cristallo Hotel Spa & Golf alle ore 18.00. Gli appuntamenti della rassegna continueranno fino al 3 settembre; per tutte le info è possibile consultare il sito www.unamontagnadilibri.it. Rimanendo in ambito letterario, il Grand Hotel Savoia propone ai suoi ospiti e non, all’interno della rassegnaEstate Cultura 2016, la “Presentazione dei maggiori romanzi di Parise con letture di Milena Vukotic”, incontro a cura di Renato Barilli e Enrico Rossignoli presso la sala convegni domenica 14 agosto alle ore 17.00. Per gli appassionati di stelle, invece, l’Associazione Astronomica Cortina Stelle propone interessanti visite guidate al planetario Nicolò Cusano e all’osservatorio Helmut Ullrich in concomitanza con “A cena sotto le stelle” presso il Rifugio Col Drusciè. È inoltre possibile partecipare alle visite guidate accompagnati da un esperto sul sentiero Astro Ring (un percorso didattico-naturalistico di 1,5 km che si snoda nei boschi attorno a Col Drusciè) e all’osservatorio. Per prenotazioni e info relative a “A cena sotto le stelle”: www.freccianelcielo.com | 0436 5052. Per info e prenotazioni per le visite guidate: www.cortinastelle.eu | 348 3346585 – 338 6163428.

Non possono mancare nella serata più scoppiettante dell’estate le cene ad alta quota in alcuni dei rifugi più panoramici della conca ampezzana. Come da tradizione il Rifugio Col Drusciè organizza l’imperdibile serata di Ferragosto: una squisita cena seguita dai tipici fuochi di Ferragosto. Per informazioni e prenotazioni:www.freccianelcielo.com | +36 0436 862372.

Rimanendo sempre in quota, ma sull’altro versante, il Rifugio Faloria propone la tradizionale cena dalla terrazza per ammirare dall’alto Cortina e in particolare l’accensione dei “Fuochi della Madonna”, piccoli falò disseminati in tutta la valle. Info e prenotazioni: Rifugio Faloria +39 0436 2737 o presso la cassa della Funivia Faloria +39 0436 5889.

Scendendo a valle saranno invece alcuni hotel a servire, non solo ai loro ospiti, cene dal ricco menù; all’Hotel Villa Blu presso la Terrazza Chalet Amadeus dalle ore 19.00 si potrà gustare la cena “Ferragosto sotto le stelle”(info e prenotazioni: booking@hotelvillablucortina.it  +39 0436 867541), il Park Hotel Faloria aprirà il suo Ristorante Mulsanne la sera del 15 agosto (info e prenotazioni: info@parkhotelfaloria.it

L’estate cortinese celebra il genio di Mario Cavaglieri

[AdSense-A]

 

Sino al 4 settembre a Le Muse Galleria d’Arte

Senza-titolo-18

La mostra certamente più intrigante dell’estate cortinese è quella che Le Muse – Società di Belle Arti dedica, nella sua centralissima sede espositiva di piazza Silvestro Franceschi, 6 al grande Mario Cavaglieri. La rassegna offre una attenta selezione di opere dell’originale pittore rodigino, molte conosciutissime e altre che per la prima volta vengono presentare al pubblico, emergendo da una importante collezione privata italiana. Cavaglieri si conferma un pittore di raro edonismo, attratto dall’eleganza dei salotti mondani di fin de siècle; si potrebbe quasi affermare che la sua pittura possiede un intrinseco incanto letterario; così alcune stoffe, cappelli, arredi, orologi, resi con opulenza barocca, sembrano affiorare dalle pagine di taluni romanzi dannunziani. Non a caso il suo nome è stato accostato a quello del Vate, entrambi affascinati dalle belle donne e dal lusso, seppur sensibili ai paesaggi ed alla natura. Dal milieu sociale, insomma, di quel mondo agiato e, per certi versi, eccentrico tanto ben descritto da Thomas Mann e da Luchino Visconti. Donne belle e selvagge, colori ed emozioni forti. Ma anche i silenzi e la dolcezza del paesaggio naturale. Tutto questo è Mario Cavaglieri (1887-1969), un artista che per molti è oggetto di culto e tuttavia “nascosto” ai più. “Nato nel 1887 a Rovigo, in una doviziosa famiglia della borghesia ebraica, Cavaglieri condivide il destino di quegli artisti socialmente privilegiati che, potendo contare su un vasto patrimonio di famiglia, non devono preoccuparsi di promuovere il proprio lavoro nei circuiti mercantili, appagati dalla benevolenza di studiosi di rango e di raffinati collezionisti. Senza dimenticare che nel 1925, pur continuando a dipingere, si ritirò a vivere in volontaria “clausura” in un’antica tenuta della campagna francese, a Pavie-sur-Gers, in Guascogna, dove morirà nel 1969”. A ricordarlo nel breve ma acuto intervento introduttivo alla mostra cortinese è Ada Masoero. Che annota ancora: “Forse, oltre all’ascesa del fascismo, a indurlo al ritiro in Francia fu la consapevolezza della fine dell’epoca di cui era stato interprete così felice, cantore di quel mondo opulento che nell’alta borghesia europea perpetuò rituali e mode degli anni scintillanti della Belle Époque sino al primo dopoguerra. Oggetto dei suoi dipinti, gli «sguardi» e le «atmosfere» di un mondo lucente e ovattato al tempo stesso, in cui donne elegantissime (come nello splendido Incroyable-L’Aigrette, 1914, o nel non meno fascinoso Fuffi, 1920), disinibite e sicure di sé (Nudo con l’ombrellino, 1926 ca.), abitano interni opulenti e un po’ soffocanti, decorati in stile neo-rococò (Interno veneziano, 1918) o secondo il ricercato gusto orientalista (Estremo Oriente, 1922), oppure ostentano – ma con consumata indifferenza – l’antico lignaggio: come nel seducente L’orologio regalato da Napoleone I, dove Giulietta, composta e raffinatissima, siede di fronte alla pendola donata dall’Empereur al defunto marito, il conte Marazzani Visconti. Ma ciò che oggi, come allora, accresce il fascino della pittura di Cavaglieri è l’assoluta originalità dello stile: aggiornato su tutte le novità che giungevano dalla Mitteleuropa delle Secessioni, non meno che sulle innovazioni francesi (da Bonnard e Vuillard a Matisse e i Fauves), Cavaglieri diede vita a una pittura personalissima e accattivante, nella quale a una rigorosa linearità si somma l’uso di impasti cromatici sensuali e cremosi, spesso spremuti direttamente sulla tela dal tubetto”.

Mario Cavaglieri nasce a Rovigo nel 1887. A Padova, dove vive tra il 1900 e il 1917, frequenta lo studio di Giovanni Vianello, conoscendovi Felice Casorati. Non ancora ventenne, nel 1907, è presente alla mostra Società Amatori e Cultori di Belle Arti di Roma e, due anni più tardi, a Ca’ Pesaro, dove esporrà assiduamente fino al 1925. In seguito al soggiorno parigino del 1911, partecipa con una certa regolarità alla Biennale di Venezia. L’intensa attività espositiva del secondo e terzo decennio, che fra l’altro registra la sua presenza a Milano, nelle edizioni della Permanente del 1914 e 1915 e alla Galleria Pesaro nel 1920, è premiata con il successo di critica e pubblico. Tra il 1921, anno del matrimonio con Giulietta Catellini, e il 1925 soggiorna a Piacenza, per poi trasferirsi a Pavie-sur-Gers, in Guascogna, dove trascorrerà, alternando soggiorni in Italia e Francia, il resto della propria esistenza. Nel 1948, 1950 e 1952 partecipa alla Biennale di Venezia. Il riconoscimento più importante gli viene tributato nel 1953 con un’ampia antologica alla Strozzina di Firenze. Muore a Pavie-sur-Gers il 23 settembre 1969.

MARIO CAVAGLIERI. Sguardi ed atmosfere, a cura della Società di Belle Arti, con un’introduzione di Ada Masoero, Cortina d’Ampezzo, Le Muse Galleria d’Arte ( piazza Silvestro Franceschi, 6). Dal 6 agosto al 4 settembre 2016. Orario: tutti i giorni 10-13 / 16-20. Ingresso libero.

 

Tofana-Freccia nel Cielo, Cortina d’Ampezzo

[AdSense-A]

 

Agosto e Ferragosto all’ampezzana tra lezioni di yoga in alta quota, cene sotto le stelle, arte della pizza nella pizzeria più alta d’Europa, bike&freeride, arte e musica

Senza-titolo-23

Tutti i giorni (fino alla chiusura della stagione estiva): ARTE, NATURA E MONTAGNA.

Mostra di pittura di Maurizio Boscheri a Capanna Ra Valles.

Ogni martedì: PIZZA DAY nella pizzeria più alta d’Europa

Dalle ore 12.00 a Capanna Ra Valles, la pizzeria più alta d’Europa, lezioni teorico pratiche per conoscere l’arte della preparazione della pizza e testare dal vivo quali difficoltà si affrontano nel preparare questa gustosa specialità italiana in alta quota. Assaggi gratuiti per tutti i partecipanti.

Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

Ogni mercoledì: YOGA IN QUOTA BENESSERE ED ENERGIA

Alle ore 11.00, presso la terrazza panoramica di Capanna Ra Valles, lezioni gratuite di yoga con istruttori professionisti. Le lezioni hanno luogo anche in caso di maltempo.

Per informazioni e prenotazioni: +39 393 7115847

Ogni giovedì: A CENA SOTTO LE STELLE

Cena al ristorante Col Drusciè (1778 m) e, a seguire, visita all’Osservatorio Astronomico Helmut Ullrich di Col Drusciè per dare uno sguardo al sistema solare e lasciarsi guidare dall’astronomo in un entusiasmante viaggio stellare. Salita in funivia alle ore 19.00.

Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

5 e 26 agosto: FREERIDE TIME

Introduzione al freeride con fornitura gratuita di mountain bike, protezioni, biglietto funivia e guida. Ritrovo alle ore 9.30 e 14.30 al noleggio situato alla partenza della funivia.

Info: info@freccianelcielo.com / +39 0436 5052

6, 20 e 27 agosto: ALBA A CIMA TOFANA

Spettacolare evento naturalistico allietato da un sottofondo musicale e dalla possibilità di partecipare gratuitamente ad una lezione di Yoga sulla terrazza panoramica di Cima Tofana, a quota 3244 metri. Si sale, ancora avvolti nell’oscurità della notte, per ammirare i contorni delle cime e attendere l’alba, per poi iniziare la giornata con una gustosa prima colazione al Bar Cima Tofana.

Info: info@freccianelcielo.com / +39 0436 5052

8 agosto: PRANZO IN CLASSICA A COL DRUSCIÈ

Alle ore 12.00 concerto in quota dei violinisti dell’accademia musicale Dino Ciani e pranzo al ristorante Col Drusciè (1778 m).

Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

13 e 24 agosto: TRAMONTO IN MUSICA A CIMA TOFANA

Suggestivo appuntamento con il tramonto a Cima Tofana (3244 m), il punto panoramico più alto accessibile a tutti da Cortina d’Ampezzo. Salita in funivia alle ore 17.00 con prezzo agevolato per ammirare le vette dolomitiche accendersi di rosa, rosso e viola al calare del sole con una dolce musica in sottofondo. L’evento si conclude con la degustazione dei vini proposti da Herbert e Luca, e il rientro in funivia verso le ore 21.00.

Info: info@freccianelcielo.com / +39 0436 5052

14 agosto: SERATA DI FERRAGOSTO

Aperitivo e cena all’insegna dei sapori tipici presso il ristorante Col Drusciè con vista panoramica sulla conca ampezzana e la possibilità di vedere da una posizione privilegiata i tradizionali fuochi d’artificio della Madonna.

Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

Agosto a Cortina d’Ampezzo

[AdSense-A]

 

Gli eventi da non perdere

Senza-titolo-20

Ci sono tanti modi per vivere la montagna d’estate e nel comprensorio Tofana-Freccia nel Cielo di Cortina d’Ampezzo non mancano certo le occasioni per chi vuole trascorrere una vacanza dalle mille sfumature. Meta rinomata per i sentieri dedicati alle famiglie alla scoperta dei pianeti e dell’universo, le escursioni in alta quota e le ferrate sui luoghi della Grande Guerra, il Bike Park di Col Drusciè, la pizzeria più alta d’Europa a Capanna Ra Valles, il comprensorio Tofana-Freccia nel Cielo proporrà anche nel mese di agosto un suggestivo programma di eventi all’insegna dello sport, dell’arte, della musica e della gastronomia.

Tutti i giorni (fino alla chiusura della stagione estiva): ARTE, NATURA E MONTAGNA
Mostra di pittura di Maurizio Boscheri a Capanna Ra Valles.

Ogni martedì: PIZZA DAY
Dalle ore 12.00 a Capanna Ra Valles, la pizzeria più alta d’Europa, lezioni teorico pratiche per conoscere l’arte della preparazione della pizza e testare dal vivo quali difficoltà si affrontano nel preparare questa gustosa specialità italiana in alta quota. Assaggi gratuiti per tutti i partecipanti. Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

Ogni mercoledì: YOGA IN QUOTA BENESSERE ED ENERGIA
Alle ore 11.00, presso la terrazza panoramica di Capanna Ra Valles, lezioni gratuite di yoga con istruttori professionisti. Le lezioni hanno luogo anche in caso di maltempo. Per informazioni e prenotazioni: +39 393 7115847

I011638-alba_Cima-Tofana

Ogni giovedì: A CENA SOTTO LE STELLE 
Cena al ristorante Col Drusciè (1778 m) e, a seguire, visita all’Osservatorio Astronomico Helmut Ullrich di Col Drusciè per dare uno sguardo al sistema solare e lasciarsi guidare dall’astronomo in un entusiasmante viaggio stellare. Salita in funivia alle ore 19.00. Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

5 e 26 agosto: FREERIDE TIME 
Introduzione al freeride con fornitura gratuita di mountain bike, protezioni, biglietto funivia e guida. Ritrovo alle ore 9.30 e 14.30 al noleggio situato alla partenza della funivia. Info: info@freccianelcielo.com / +39 0436 5052

6, 20 e 27 agosto: ALBA A CIMA TOFANA
Spettacolare evento naturalistico allietato da un sottofondo musicale e dalla possibilità di partecipare gratuitamente ad una lezione di Yoga sulla terrazza panoramica di Cima Tofana, a quota 3244 metri. Si sale, ancora avvolti nell’oscurità della notte, per ammirare i contorni delle cime e attendere l’alba, per poi iniziare la giornata con una gustosa prima colazione al Bar Cima Tofana. Info: info@freccianelcielo.com / +39 0436 5052

8 agosto: PRANZO IN CLASSICA A COL DRUSCIÈ

Alle ore 12.00 concerto in quota dei violinisti dell’accademia musicale Dino Ciani e pranzo al ristorante Col Drusciè (1778 m). Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

13 e 24 agosto: TRAMONTO IN MUSICA A CIMA TOFANA
Suggestivo appuntamento con il tramonto a Cima Tofana (3244 m), il punto panoramico più alto accessibile a tutti da Cortina d’Ampezzo. Salita in funivia alle ore 17.00 con prezzo agevolato per ammirare le vette dolomitiche accendersi di rosa, rosso e viola al calare del sole con una dolce musica in sottofondo. L’evento si conclude con la degustazione dei vini proposti da Herbert e Luca, e il rientro in funivia verso le ore 21.00. Info: info@freccianelcielo.com / +39 0436 5052

14 agosto: SERATA DI FERRAGOSTO 

Aperitivo e cena all’insegna dei sapori tipici presso il ristorante Col Drusciè con vista panoramica sulla conca ampezzana e la possibilità di vedere da una posizione privilegiata i tradizionali fuochi d’artificio della Madonna. Info e prenotazioni: gastronomia@freccianelcielo.com / +39 340 7967039 / +39 0436 862372

Cortina 2016: un’estate “biker friendly” tra maratone sulle Dolomiti, pedalate per le famiglie ed e – bike

[AdSense-A]

 

La conca ampezzana crede fortemente nel turismo su due ruote: l’estate 2016 consacra Cortina capitale delle mountain bike, abbracciando un trend che conta migliaia di estimatori.

Senza-titolo-18

La vertigine, l’ebbrezza, l’emozione da vivere sui sentieri in saliscendi di Cortina, spingendo sui pedali e poi piegandosi per offrire poca resistenza all’aria, con le dita strette al manubrio di una mountain bike, mentre intorno scorre un panorama ineguagliabile. La Regina delle Dolomiti si appresta a conquistare il cuore dei biker: circa 800 di loro hanno già cerchiato sul calendario il 16 luglio, data di esordio del Wilier Trophy, competizione internazionale che porterà a Cortina gli appassionati di MTB. Due i percorsi, rigorosamente off-road: marathon di 70 km e 2.900 metri di dislivello e granfondo di 50 km e 1.400 metri di dislivello. Non solo, per tutto il fine settimana Cortina si trasformerà in un villaggio sportivo dove sperimentare varie specialità su due ruote e non – downhill, bmx, bike cross, slackline e yoga – ma anche dove entrare nel vivo della festa, tra musica e proposte gastronomiche. Un evento non strettamente agonistico, ma trasversale, che impegna in prima linea le numerose realtà locali, coinvolgendo accompagnatori, famiglie, bambini e in generale tutti i visitatori. In estate Cortina abbraccia una concezione dello sport e della montagna sempre più “trendy”: abbandonati gli sci, è ora di indossare il casco e inforcare la bicicletta.  Più di 500 i km percorribili, dai tracciati panoramici in alta quota, tra alpeggi e baite, alle discese sfreccianti nei boschi per gli amanti del freeride, senza dimenticare ipercorsi più rilassanti e adatti alle famiglie, con tappa – consigliatissima – nei tanti rifugi dove assaporare i piatti tipici della conca. Un territorio “biker friendly”, dove trovare un bike park attrezzato, noleggi, strutturericettive con offerte dedicate, il servizio di bike’n bus per spostarsi comodamente con la bicicletta al seguito e, ovviamente, cartine dettagliate e dati gps per orientarsi con facilità. Esperti istruttori e accompagnatori qualificati sono a disposizione di chi vuole avvicinarsi per la prima volta a questa attività o vuole perfezionarsi. Chi invece non ama la fatica, ma vuole affrontare ugualmente i percorsi più impegnativi e le quote più panoramiche, può approfittare dell’ultimo trend della stagione: l’e-bike. Cortina sposa appieno la filosofia green, e offre la possibilità di immergersi nella natura incontaminata delle Dolomiti in sella alle biciclette con pedalata assistita, che si adattano perfettamente ai sentieri. I noleggi propongono una “flotta” di biciclette di ultima generazione, con 100 km di autonomia e batteria di scorta e, a richiesta, i seggiolini per i bambini. Tra i percorsi consigliati, adatti anche ai meno allenati, quelli che partono da Malga Ra Stua, raggiungibile da Cortina con una navetta: da qui si dipartono numerosi sentieri tra i più suggestivi della zona, che si affacciano sull’Altopiano di Sennes, la Croda del Bèco e la Forcella Le Rosa.

Al via la lunga estate culturale di Cortina d’Ampezzo

[AdSense-A]

 

L’estate culturale torna ad animare la calda stagione della Regina delle Dolomiti: un ricchissimo calendario che prevede incontri con gli autori, proiezioni, spettacoli, concerti, mostre. In programma fino a settembre, con location diffuse in tutta la località.

Senza-titolo-24

Letteratura, musica, fotografia, pittura, storia, enogastronomia, informazione e attualità: sono gli ingredienti dell’estate di Cortina. La Regina delle Dolomiti grazie alla sua Estate culturale, da luglio a settembre, si trasforma in un grande “salotto” ricco di incontri aperti al pubblico: l’occasione di vivere una vacanza fatta non solo di natura e sport ma anche di eventi, approfondimenti e divertimento. Da non perdere, gli incontri con l’Autore della rassegna Una Montagna di Libri, che porta tra le Dolomiti personaggi della cultura e dell’attualità italiani e internazionali. Tra i grandi nomi in cartellone, Nicolai Lilin, Vittorio Feltri, Ferruccio Sansa, Alessandro Russello, Paolo Sorrentino, Vittorio Sgarbi, Liana Finck, Gianpiero Galeazzi. Serata speciale il 1° agosto dedicata a Dino Ciani in cui i due grandi pianisti Roberto Prosseda e Alessandra Ammara suoneranno brani del suo repertorio mentre Felice Todde, autore di un libro dedicato alla vita di Ciani, parlerà del grande Musicista. Un appuntamento che rientra nel programma del Festival e Accademia Dino Ciani, quest’anno dedicato al tema “Fiabe, Miti e Leggende”. E ancora, incontri con grandi sportivi internazionali all’interno di Cortina inCroda, dibattiti e approfondimenti sui temi della formazione 2.0 e sul futuro della professione con gli appuntamenti aperti al pubblico di Cortina tra le righe, concerti e degustazioni in alta quota, mostre.

Rassegne culturali

Sono ormai “storiche” le rassegne culturali che si tengono all’ombra delle Dolomiti. Da luglio a settembre tornaUna Montagna di libri, diretta da Francesco Chiamulera: la kermesse porta nella Regina delle Dolomiti il meglio del giornalismo, dell’attualità e della narrativa italiana e internazionale, al ritmo di un incontro al giorno. Inaugurazione il 16 luglio (www.unamontagnadilibri.it). Cultura, sport e spettacolo con la settima edizione di Cortina inCroda, la rassegna dedicata al mondo verticale che quest’anno si terrà dal 14 luglio all’8 settembre. L’appuntamento clou si terrà il 25 agosto con il Banff Mountain Film Festival World Tour Italy 2016, la rassegna cinematografica che porta in Italia i migliori corto e medio metraggi proiettati al Festival del cinema di Montagna di Banff (Canada) (www.cortinaincroda.org). Arriva a luglio la terza edizione del format Cortina tra le righe tra formazione e vacanza che ha fatto scuola in Italia. Nella splendida cornice delle Dolomiti patrimonio dell’Umanità, una settimana di grande giornalismo che offre il meglio della formazione gratuita a tutti i giornalisti italiani (professionisti e pubblicisti, giornalisti e uffici stampa) che devono assolvere all’obbligo della Formazione Professionale Continua (FPC), accanto a un ricco calendario di eventi collaterali insieme a grandi firme, aperti al pubblico, sui temi dell’attualità e dell’informazione. Ritorna anche quest’estate la rassegna Cortina Terzo Millennio organizzata da Rosanna Raffaelli Ghedina dal 15 luglio al 27 agosto presso il Miramonti Majestic Grand Hotel. Tanti i temi previsti e numerosi i relatori per offrire al pubblico un’ampia scelta di argomenti. Ricca di appuntamenti anche la rassegna Teatro delle Dolomiti, una serie di quattro spettacoli tra le vette dal 19 al 31 luglio. Gli eventi a cura di Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi, attori anche delle varie performances, racconteranno le emozionanti imprese di grandi scalatori a livello internazionale. Svariate location della conca ampezzana faranno da sfondo alle narrazioni. (Ufficio stampa 3Parentesi – 3332135262)  Imperdibili le Cene sotto le stelle presso il Rifugio Col Druscié con visita all’Osservatorio Astronomico Helmut Ullrich. Ogni giovedì, dal 14 luglio al 25 agosto, sarà possibile degustare le specialità tipiche ampezzane e ammirare il cielo stellato della conca guidati da un esperto. (Per le cene prenotazione obbligatoria ai numeri 0436 862372 | 340 7967039 | Prenotazioni per l’osservatorio al numero 338 6163428)

Mostre

Numerose le mostre ospitate dalla Regina delle Dolomiti nel corso dell’estate presso i Musei delle Regole per offrire una scelta che soddisfi tutti i gusti. Presso il Museo Paleontologico ‘Rinaldo Zardini’ è stata inaugurata il 21 giugno la mostra “Antonio Ambrosino. La forma del tempo”, visitabile fino al 31 luglio. La personale è un percorso di opere eseguite dall’artista napoletano nel corso degli ultimi anni che si snoda tra le vetrine del Museo riattraversando così milioni di anni di storia del nostro pianeta. Dal 7 agosto al 9 ottobre verrà allestita invece la mostra “Magiche visione di monti. Un viaggio con La Stria”, un’esposizione di tavole in legno di abete e olivo, disegnate con matite acquerellabili realizzate dall’artista Anna Bianchi. La mostra avrà come tema le montagne ampezzane riviste ed interpretate in modo fantastico, quello che la loro morfologia suggerisce alla fantasia, con riferimenti al territorio e alla tradizione favolistica locale. (Museo Paleontologico Rinaldo Zardini | Via Marangoi, 1 | Tel. +39 0436 875502 | www.musei.regole.it). Al Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi” tre sono le mostre estive. Al piano terra la stagione inizia con “Dolomiti in 3D. Foto storiche dal 1920 al 1940 di Alberto Melloni”. L’esposizione visitabile fino al 31 luglioè composta da un archivio di oltre 3500 foto scattate tra il 1920 e il 1940. Le immagini ritraggono personaggi della famiglia sullo sfondo di paesaggi montani e marini, oppure monumenti e scorci dei paesi visitati sia in Italia che all’estero. Molte sono le fotografie di montagna, Dolomiti e Cortina in particolare. Ma la più sorprendente particolarità che caratterizza queste immagini è la loro realizzazione in “3D”. Si prosegue poi con “Baci da Cortina. Ampezzo a fine Impero. Storia di una comunità attraverso le cartoline d’epoca”, dal 6 agosto al 9 ottobre, una collezione di cartoline d’epoca di Marino Mantese relative ad Ampezzo nella Belle Époque comprendente circa 700 pezzi. Si tratta di rare immagini che raffigurano il paese con un occhio prettamente turistico. Al primo e secondo piano del Museo è invece visitabile l’esibizione “Paysage. La pittura di paesaggio e il collezionismo di Mario Rimoldi”. La mostra offre al visitatore l’eccezionale possibilità di vedere riunite una serie di opere di altissima qualità, conservate nelle collezioni Rimoldi, Allaria e Pacifici del Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, o provenienti da altre importanti raccolte italiane, pubbliche e private. Uno sguardo ampio sulla pittura di paesaggio, caratterizzata da una ricca varietà formale e fondata su opere di grande impatto emotivo, capaci di affascinare e coinvolgere il visitatore. (Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi | Corso Italia, 69 | Tel. +39 0436 866222 | www.musei.regole.it). Al Museo Etnografico “Regole d’Ampezzo” sarà visitabile una mostra realizzata in collaborazione con gli Azzurri. L’esposizione affonderà nel tempo, sin dall’avvio della vita di Cortina: da un’economia rurale – agricola e forestale – a turistica, con le prime scalate della metà del 1800 e, via via, sviluppatasi con la crescita delle attività sportive e turistiche, prima estive, poi invernali. (Museo Etnografico Regole d’Ampezzo | Località Pontechiesa | Tel. +39 0436 875524 | www.musei.regole.it).

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com