Barrotta, FSI: “Mala gestione del personale all’Asp 8 di Siracusa”

[AdSense-A]

Barrotta. “Per far entrare le persone in ambulatorio specialistico e alzare la maglietta, basta un assistente a 1200 euro al mese invece di un infermiere a 3600 euro al mese”.

Senza-titolo-6-20

Corrado Barrotta, commissario del sindacato sanitario FSI di Siracusa e Ragusa chiede al Direttore Generale della ASP di Siracusa, il dott. Brugaletta, di informare la cittadinanza della provincia di Siracusa sul lavoro dei 105 operatori tecnici autisti su 3200 dipendenti dirigenti e comparto sanità. Si chiede Barrotta: “La ASP n. 8 di Siracusa deve diventare una azienda di trasporto nazionale ed internazionale di merci o persone? Le ricordo che questi autisti sono quasi tutti Operatori Socio Sanitari che devono fornire la assistenza di base agli ammalati ma purtroppo si continua a togliere personale dall’assistenza agli ammalati per altro tipo di attività”. “Ci sembrava strano che per un pugno di dollari gli ausiliari socio sanitari fossero disposti a eseguire certe mansioni ed oggi ci rendiamo conto di quale era il piano predisposto. Senza contare i coordinatori delle professioni sanitarie che invece di prendersi cura degli ammalati fanno i segretari dei medici o hanno l’assistente che fa il lavoro e sono altre 120 unità su 3200. In totale abbiamo il 10% di amministrativi in più, il 10% di dirigenti medici in più, il 3% solo di autisti e il 7% di personale nel territorio” continua indignato Barrotta. “Per far entrare le persone in ambulatorio specialistico e alzare la maglietta, basta un assistente a 1200 euro al mese invece di un infermiere a 3600 euro al mese”. E se la gestione del personale è allegra la gestione degli immobili di proprietà della Asp lo è altrettanto. Il commissario del sindacato sanitario FSI per Siracusa e Ragusa chiede in tal senso: “Cosa ha fatto la Asp di Siracusa con gli ospedali abbandonati, perché non li ristruttura o li vende per acquistare immobili di proprietà invece di affittare immobili da privati”?

FSI: “Buoni pasto a chi compie più sacrifici”

[AdSense-C]

La FSI propone di assegnare un buono pasto ad ogni dipendente ogni volta che compia consecutivamente almeno 10 ore lavorative in un giorno solare

Senza-titolo-6

L’organizzazione sindacale FSI dopo lunga discussione interna ha deciso di proporre alla amministrazione e alle altre sigle sindacali di modificare il regolamento per l’assegnazione dei buoni pasto. La FSI propone di assegnare un buono pasto come da CCNL nazionale ad ogni dipendente sia del comparto sanità che della dirigenza medica e non medica ogni volta che compia consecutivamente almeno 10 ore lavorative in un giorno solare. “La nostra Organizzazione Sindacale ritiene opportuno valorizzare nella nostra azienda sanitaria in primis il personale che compie maggior sacrifici per curare e salvare la vita ai cittadini” dichiara Corrado Barrotta, commissario FSI di Siracusa e Ragusa

È Barrotta il nuovo commissario FSI di Siracusa e Ragusa

Corrado Barrotta: “Ringrazio il Segretario Generale FSI per la fiducia riposta in me per l’incarico di commissario della Federazione Sindacati Indipendenti nei territori di Siracusa e Ragusa e spero di svolgere in modo adeguato il compito assegnatomi.”

Senza-titolo-5

Ragusa, 7 giugno 2016 – È Corrado Barrotta il nuovo commissario di Siracusa e Ragusa del FSI (www.sindacatofsi.it), sindacato operante nel settore sanitario. Queste le dichiarazioni rilasciate da Barrotta subito dopo la sua nomina: “Ringrazio il Segretario Generale FSI per la fiducia riposta in me per l’incarico di commissario della Federazione Sindacati Indipendenti nei territori di Siracusa e Ragusa e spero di svolgere in modo adeguato il compito assegnatomi. Ho accettato la nomina perché credo che vi è ancora modo di agire in modo proficuo nell’interesse dei cittadini rimasti a vivere in questi territori nonostante la grave crisi economica che si sta manifestando con l’afflusso di persone che sperano di poter avere in europa un futuro migliore e con la partenza di disoccupati siciliani che emigrano visto che la politica ha rinunciato a creare qui delle rilevanti opportunità economiche pubbliche o private”. “La federazione in linea con la strategia nazionale agirà sempre in modo trasparente e da oggi rispetterà la natura democratica della nostra organizzazione con particolare attenzione alla convivenza economica e attuerà comportamenti a difesa degli interessi dei cittadini ed in particolare dei cittadini più bisognosi. Denunceremo il sistema costituitosi nella gestione del personale del comparto sanità che da benefici ad alcuni nel breve termine a danno permanente della intera comunità” continua ancora Barrotta. “Il Sindacato è portatore di interessi collettivi e quando gli interessi dei singoli si contrappongono agli interessi collettivi il sindacalista onesto sceglie di difendere gli interessi collettivi della comunità! Non staremo in silenzio perciò riguardo la politica sanitaria siciliana, silenzio che fa venire il dubbio di compromessi per acquisire favori e consenso” conclude il nuovo commissario FSI di Siracusa e Ragusa.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com