Ad InformaInFiera non solo sport ma anche convegni, formazione e cultura sportiva

[AdSense-A]

 

Dall’8 all’11 Settembre

Senza-titolo-4

La manifestazione, giunta alla seconda edizione, oltre a promuovere sport, fitness, danza e benessere, intende realizzare, attraverso convegni e workshop, una vera e propria campagna di formazione ed informazione per tutti gli operatori del settore e il grande pubblico. Il CONI, che ha patrocinato l’evento, ha organizzato, grazie all’impegno del Presidente Lazio Riccardo Viola in collaborazione con Alberto Elisii, quattro importantissimi convegni, dall’8 al 11 settembre, che toccheranno la tematica dello sport in relazione alla scuola, allo sviluppo del territorio, al turismo, alle possibilità di finanziamenti per le strutture sportive e alla prevenzione. L’8 settembre si svolgerà “Allenarsi per il futuro” promosso della “Bosch” con la collaborazione del manager Roberto Zecchino. Al centro del convegno la leadership nello sport e nella società. Il tema sarà affrontato dalla grandissima pallavolista Maurizia Cacciatori, testimonial Vodafone alle Olimpiadi di Rio, e da Daniele Massaro gloria del mondo calcistico. Il 9 settembre sarà la volta dei “Testimonial olimpici”, campioni plurimedagliati del calibro di Daniele Masala per l’atletica leggera, Gennaro Cirillo per il canottaggio e Felice Mariani per il judo (protagonista di ben otto olimpiadi). Saranno presenti anche atleti dei giochi olimpici di Rio quali: Simone Venier e le Farfalle della ginnastica. Il 10 settembre “Lo sport e la salute mentale” consentirà di approfondire la tematica della disabilità grazie a “Special Olympics” con l’insigne Prof. Alessandro Palazzotti e “Crazy for football” con il Prof. Tino Santarullo autore di un documentario sulla delicata tematica della disabilità psichica nel calcio. Al summit parteciperà Vincenzo Cantatore già campione mondiale di box, pesi massimi leggeri e preparatore atletico della squadra nazionale di calcio a 5 per persone con problemi di salute mentale. Ad InFormaInFiera sarà anche possibile partecipare a convegni con riconoscimento di crediti formativi e a corsi di formazione. Nell’ambito della manifestazione sportiva non poteva mancare un richiamo al tragico terremoto che ha colpito il centro Italia con un convegno a cura dell’Università de L’aquila. Relazioneranno professori e docenti di altissimo profilo. Tante altre iniziative saranno realizzate nell’ambito di InformaInFiera che quest’anno ha voluto arricchire ulteriormente la propria offerta puntando sul miglioramento della qualità.

Al via INFORMAINFIERA Sport – Fitness – Danza – Benessere

[AdSense-A]

 

Giovedì 8 settembre

Senza-titolo-21

Giovedì 8 settembre 2016, alle ore 15.00, presso il Polo Fieristico di Sora, parte ufficialmente la seconda edizione di InformaInFiera, l’evento sportivo più importante del Centro Italia.  Il nome InFormaInFiera non è stato scelto a caso: “Informa” sta ad indicare sia l’opportunità di fare una sana attività fisica, che di effettuare un percorso all’insegna della formazione, del training, dell’informazione, del divertimento e del relax. Sport action, gare, workshop e convegni rendono InformaInFiera un evento unico nel suo genere per i partecipanti e per gli operatori del settore.  Nell’ambito della kermesse sportiva, che ha ricevuto i prestigiosi patrocini del CONI, della Regione Lazio, della Provincia di Frosinone, del Comune di Sora e della Camera di Commercio di Frosinone, è possibile effettuare una full immersion tra attività che vanno dallo Sport, al Fitness, dalla Danza al Benessere: un mix perfetto per trascorrere a Sora, “InFiera”, quattro indimenticabili giornate. L’appuntamento sportivo si tiene dall’8 all’11 settembre 2016 e si svolge su una superficie di 70 mila mq. La seconda edizione di InformaInfiera, è ricca di novità e vede, ancora una volta, la partecipazione di numerose Federazioni, di illustri personaggi del mondo sportivo, della danza ma anche della medicina. I visitatori e gli operatori hanno la preziosa occasione di entrare in contatto con aziende ed associazioni leader del settore. Esperienza da non perdere è quella dei servizi e dei trattamenti a cura di grandi professionisti, offerti gratuitamente a tutti i visitatori interessati. Corsi di formazione e centinaia di attività sportive completano InformaInFiera e lo rendono un evento assolutamente imperdibile. Eventi, stage, convegni e workshop di altissimo livello formativo accrescono l’importanza dell’appuntamento sorano con lo sport e lo contraddistinguono da qualunque altro.

È già possibile acquistare i biglietti a prezzi ridotti fino al 5 settembre. Abbonamento 22 € e giornalieri giov. – ven. 6 €/sab. – dom. 8 €. Non perdere questa occasione unica.

CONI: Sen. Davico, irregolarità e sprechi rilevanti, solo per farlo funzionare 182 MLN

[AdSense-A]

Oggi in Italia, ai primi posti per progresso e cultura, solo la metà dei bambini pratica sport (due volte a settimana) e il 23 per cento dei giovani tra i 6 e gli 11 anni ha problemi di obesità

di Romolo Martelloni

 

Senza-titolo-15

Il Coni, e’ un ente pubblico non economico, vigilato dal Mibac e  delega all’erogazione di contributi statali alle federazioni sportive nazionali e a quelle associate, che non possono accedere direttamente ai finanziamenti perché enti di diritto privato e  si avvale della collaborazione della Coni Servizi spa mediante un contratto annuale nel quale vengono identificati gli obiettivi e i risultati da raggiungere.  Fra i compiti della Coni Servizi spa c’è anche quello di risanare i bilanci del Comitato Olimpico Nazionale. Lo ricorda in una nota il senatore di Gal, Michelino Davico, che ha aspramente criticato la gestione economica del nostro Comitato Olimpico.  “Piuttosto – scrive il senatore Davico – siccome  di quattrini pubblici si tratta, non sarebbe più interessante conoscere gli esiti dei controlli eseguiti da parte del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – Ispettorato dei Servizi Ispettivi – nei confronti del CONI e delle sue Federazioni in merito alla gestione finanziaria di queste ultime? Non sarà piuttosto interessante scoprire chi lavora bene e chi invece crea debito alla propria federazione? Eventualmente, a quest’ultimo, altro che rinnovargli il mandato, ne dovrebbe essere sancita per legge l’automatica decadenza!”. Ebbene eccoli i conti: Nel 2012, anno analizzato dalla Corte dei Conti durante il quale sono emersi irregolarità e sprechi rilevanti, il CONI disponeva di risorse per 428 milioni (di cui 408,9 provenienti dal ministero del Tesoro) e ha versato a Federazioni, discipline associate, enti di promozione sportiva e forze armate circa 246 milioni. Il resto, cioè la bella cifra di 182 milioni, serve infatti al funzionamento del Coni stesso. Poco meno di un quarto di questi fondi – spiega il senatore Davico – cioè oltre 40 milioni, viene speso per il personale, mentre per esempio solo 5 milioni (5 su 428!) sono destinati al “progetto di alfabetizzazione motoria” nelle scuole primarie, varato insieme al Miur. Un investimento che non può certo considerarsi sufficiente a diffondere una vera cultura sportiva in famiglia, a scuola, nella società. Una società in cui un bambino possa sviluppare le proprie abilità motorie – tutte – per poi specializzarsi, eventualmente, in una disciplina. Ma sembra quasi che al Coni e alle federazioni –  e ai loro dirigenti, alcuni dei quali restano lì decenni e decenni – questo non interessi: così oggi nella civilissima Italia, ai primi posti per progresso e cultura, solo la metà dei bambini pratica sport (due volte a settimana) e il 23 per cento dei giovani tra i 6 e gli 11 anni ha problemi di obesità. A conti fatti – ha concluso – restano, tanto per precisione e per chiudere il discorso, oltre 130 milioni di euro che, quello sì, mi piacerebbe vedere documentati”.

A Cori e Giulianello i Giovani hanno incontrato i Campioni

Francesco Fortunato e Andrea Di Girolamo sono stati accolti dagli studenti delle scuole secondarie di primo grado che hanno partecipato al progetto del CONI. Racconti, domande e risposte, su vita e sport, valori sportivi e corretti stili di vita.

I-Giovani-inconrano-i-Campioni---Andrea-di-Girolamo-(3)Cori, 7 Maggio – Il progetto del CONI ‘I Giovani incontrano i Campioni’ ha fatto tappa nelle scuole secondarie inferiori di Giulianello e Cori. Prima alla ‘Salvatore Marchetti’, con il centrale della Top Volley Latina, Francesco Fortunato, e poi alla ‘Ambrogio Massari’, che ha accolto il pluricampione italiano e mondiale di taekwondo, Andrea Di Girolamo (foto di Fernando Bernardi). Gli alunni delle classi prime, seconde e terze, hanno vissuto con emozione e coinvolgimento i due incontri con i campioni dello sport. Hanno ascoltato e partecipato alla narrazione delle loro esperienze, non solo sportive, ponendo numerose domande. I campioni non si sono risparmiati, con risposte e piccole dimostrazioni della loro disciplina. I due appuntamenti sono stati preceduti da una fase di preparazione durante la quale gli studenti, insieme ai loro insegnanti, e sulla base dei materiali informativi inviati dal CONI Lazio, hanno avuto modo di conoscere meglio gli atleti che si andavano ad incontrare, anche in vista dei quesiti da porre loro durante i seminari. Raccontare come si possono raggiungere obiettivi importanti e l’orgoglio di esserci riusciti è stato un modo per riaffermare i valori dello sport e la pratica di attività fisica come ben-essere. Lealtà, rispetto delle regole, sana competitività e fair play, sono le fondamenta dello sport, che a sua volta implica la capacità di adottare corretti stili di vita, e consente di integrare e aggregare le persone. Questi esempi virtuosi di agonismo e personalità etica possono rappresentare un’utile bussola di orientamento comportamentale per i ragazzi, in un’età, quella preadolescenziale, emotivamente disarmonica nei confronti di se stessi e dei loro coetanei. Nel periodo di passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza infatti, si è più sensibili agli impulsi, sia negativi che positivi. Il progetto, che nel 2013/14 ha ampliato a livello regionale l’esperienza avviata nel 2005/06 nella provincia di Roma, è giunto per la prima volta presso l’I.C. ‘Cesare Chiominto’ per volontà del CONI Latina e del Presidente del Consiglio d’Istituto e referente CONI per i Comuni di Cori e Rocca Massima, dott. Emanuele Nobili.  Erano presenti all’iniziativa: il Delegato del CONI Latina, prof. Fabrizio Malgari; il Coordinatore tecnico del CONI Latina, M.D.S. Marcello Zanda; la referente provinciale del CONI Latina, Tiziana Di Pietro; il Dirigente dell’I.C. ‘Cesare Chiominto’, dott. Luigi Fabozzi; l’Assessore allo Sport del Comune di Cori, Chiara Cochi.

Si terrà a Gaeta il primo “Festival dei Giovani”: 3 giorni di Arte, Cultura, Tecnologia, Formazione e Spettacoli

A Gaeta arriva il “Festival dei Giovani”: 3 giorni di incontri, dibattiti e concerti all’insegna dell’Arte, Cultura, Scuola, Lavoro, Tempo Libero, Nuove Tecnologie e Sociale

ImageProxyGaeta (LT), 18 febbraio 2016 – Si terrà nella splendida cornice della città di Gaeta (LT) nel Lazio, dal 14 al 16 aprile 2016, il I° Festival dei Giovani. Organizzato dall’associazione “Future Is Now” in collaborazione con la Regione Lazio, Coni, Fip, e tutte le principali testate giornalistiche italiane, Enti, Istituzioni ed aziende che daranno il benvenuto, con i giovani volontari del territorio, ai giovani provenienti da tutta Italia, per vivere insieme una tre giorni di incontri, dibattiti, concerti ed orientamento, toccando temi di: Arte, Cultura, Scuola, Lavoro, Tempo Libero, Nuove Tecnologie e Sociale. Il festival nasce da una collaborazione ed un dialogo avviato da anni con le scuole italiane da parte degli autori e dei giornalisti di Strategica Community con l’obiettivo comune di valorizzare la personalità dei ragazzi e la loro formazione perché le idee ed i diversi talenti possano diventare la base di costruzione del loro futuro. “E’ il nostro Festival. E’ il Festival di noi giovani che abbiamo voglia di farci ascoltare e capire, di confrontarci tra di noi e con il mondo adulto, di imparare, sperimentare, informarci, divertirci e esprimere liberamente i nostri talenti” dichiarano i giovani organizzatori del Festival. Quello che si sta creando è un grande evento annuale dove incontrarsi e conoscersi in un contesto solo per ora nazionale e per poi allargarsi in ambito europeo ed internazionale. Una kermesse di incontri, dibattiti, seminari di orientamento al futuro per scoprire le nuove professioni, workshop, percorsi a tema, ma anche premiazioni delle diverse competizioni organizzate dalla web community “Noi Siamo Futuro”, presentazioni di progetti ed iniziative, spettacoli e concerti, azioni di cittadinanza attiva. Insomma sarà un Festival della curiosità e della voglia di essere protagonisti e fiduciosi del proprio futuro, fatto da giovani per i giovani.
Per tutti i partecipanti sono previste quote di soggiorno scontate in strutture convenzionate, come ad esempio l’Hotel Villaggio Torre San Vito (www.torresanvito.com), che offre uno sconto del 15% ai giovani partecipanti al Festival e navette gratuite verso i luoghi del Festival.
Per approfondimenti e dettagli del Programma, in via di definizione, visitare i siti webwww.noisiamofuturo.it www.festivaldeigiovani.it oppure la pagina Facebook dell’evento www.facebook.com/noisiamofuturo.

“Due passi in centro” una campagna SENIOR ITALIA FEDERANZIANI

Per l’attività fisica e la qualità della vita dei Senior 

downloadRoma, 19 gennaio – Per sensibilizzare pubblica opinione e Istituzioni sull’importanza del mantenimento dell’attività fisica – e in particolare del camminare – tra la popolazione senior, SENIOR ITALIA FEDERANZIANI promuove, con il contributo non condizionante di Menarini, la campagna “Due passi in centro”. La campagna prevede 80 manifestazioni sul territorio nazionale, attraverso il coinvolgimento dei Centri Sociali per Anziani (CSA) e l’attivazione di collaborazioni con gli enti locali. Ogni manifestazione prevede l’organizzazione di una passeggiata per gruppi di cittadini senior, culminante in un incontro in piazza o in una sede istituzionale (Regione, Provincia, Comune, Asl, etc). Come detto, in questo modo si intende sensibilizzare la popolazione sull’importanza del camminare per la salute, per l’invecchiamento attivo, per la prevenzione e la migliore gestione delle patologie croniche, in particolare quelle cardiovascolari e respiratorie (BPCO). Attraverso il coinvolgimento degli enti locali la campagna raggiungerà anche un target istituzionale che sarà sensibilizzato sull’importanza della creazione di condizioni urbanistiche, ambientali e culturali favorevoli all’attività fisica dei senior. La campagna gode dei Patrocini del Senato della Repubblica, di Age.Na.S. (Agenzia Nazionale per i servizi Sanitari Regionali), dell’Istituto Superiore di Sanità, del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e di molte Regioni. Il primo appuntamento è previsto per il 23 gennaio a Foggia; al termine della camminata nel centro della città si terrà un incontro con il Professor Matteo Di Biase – tra i più stimati cardiologi italiani – sui benefici dell’attività fisica per la salute, in particolare dei seniorL’inattività fisica è universamente riconosciuta come un serio problema di salute pubblica poiché costituisce uno dei principali fattori di rischio nello sviluppo delle patologie croniche, in particolare cardiovascolari e respiratorie. Basti pensare che secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità circa 3,2 milioni di morti ogni anno possono essere attribuiti alla sola inattività fisica. Il rischio di mortalità prematura causato dagli scorretti stili di vita, di cui la sedentarietà costituisce uno degli elementi salienti, aumenta in modo significativo tra le persone con oltre 65 anni di età, cioè la fascia di popolazione in più rapido aumento in Italia, e maggiormente affetta da patologie croniche o malattie non trasmissibili. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sollecitato le Nazioni a promuovere più diffusamente una strategia semplice quanto efficace per vivere in salute: l’attività fisica. Tale appello è purtroppo assai scarsamente recepito tra gli anziani.

 L’attività fisica tra i senior, invece, è fondamentale perché:

  • Contribuisce a prevenire le patologie croniche e a migliorare la qualità della vita delle persone che ne sono affette
  • Riduce il rischio di morte per malattia cardiaca e di ipertensione
  • Migliora le condizioni di salute del paziente cardiologico scompensato o infartuato
  • Migliora le condizioni di salute delle persone affette da patologie respiratorie
  • Consente ai senior di mantenersi attivi e conseguentemente di continuare a condurre una vita indipendente
  • Riduce il rischio di cadute e fratture ossee
  • Riduce il rischio oncologico e quello di diabete
  • Riduce i sintomi di ansia e depressione e favorisce il sentimento di benessere
  • Aiuta a mantenere la salute di ossa, muscoli e articolazioni
  • Riduce i costi per il SSN prevenendo le patologie predette

 

Ecco, in base alle raccomandazioni dell’OMS, i livelli di attività fisica raccomandati per gli adulti over 65 anni

1. Gli adulti over 65 anni dovrebbero fare almeno 150 minuti alla settimana di attività fisica aerobica di moderata intensità o fare almeno 75 minuti di attività fisica aerobica con intensità vigorosa ogni settimana o una combinazione equivalente di attività con intensità moderata e vigorosa.
2. L’attività aerobica dovrebbe essere praticata in sessioni della durata di almeno 10 minuti.
3. Per avere ulteriori benefici per la salute gli over 65 anni dovrebbero aumentare la loro attività fisica aerobica di intensità moderata a 300 minuti per settimana, o impegnarsi in 150 minuti di attività fisica aerobica di intensità vigorosa ogni settimana, o una combinazione equivalente di attività fisica di intensità moderata e vigorosa.
4. Gli adulti di questa fascia di età, con una mobilità scarsa, dovrebbero svolgere attività fisica per tre o più giorni alla settimana al fine di migliorare l’equilibrio e prevenire le cadute.
5. Le attività di rafforzamento muscolare dovrebbero essere fatte due o più giorni alla settimana includendo il maggior numero di gruppi di muscoli.
6. Quando gli adulti di questa fascia di età non possono seguire totalmente il livello previsto raccomandato di attività fisica, a causa delle loro condizioni di salute, essi dovrebbero adottare uno stile di vita attivo adeguato alle loro capacità e condizioni.

Queste indicazioni sono valide per gli anziani in buona salute, ma anche per gli altri in condizioni meno buone il medico può fornire indicazioni adatte al loro stato.

 

Senior Italia FederAnziani è la Federazione delle associazioni della terza età, cui aderiscono 3.500 Centri Anziani in tutta Italia, per un totale di oltre 3,5 milioni di aderenti

Senior Italia FederAnziani ha come suoi obiettivi:

  • Promuovere e valorizzare la vita associativa dei senior nei Centri Sociali per Anziani
  • Migliorare la qualità della vita dei senior attraverso l’educazione sanitaria e la promozione dei corretti stili di vita
  • Tutelare la salute dei senior e promuovere l’invecchiamento attivo

Fiamme Gialle: il presidente del CONI Giovanni Malagò al tradizionale incontro di fine anno a Roma

Venerdì 18 dicembre Camera di Commercio, Piazza di Pietra

Fiamme Gialle 2016Castelporziano, 17 dicembre 2015 –  Venerdì 18 dicembre a Roma, nella splendida cornice del Tempio di Adriano della Camera di Commercio, in Piazza di Pietra, alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Malagò, le Fiamme Gialle daranno vita al tradizionale incontro di fine anno con la stampa. Verrà presentata la prossima stagione agonistica che vedrà coinvolte tutte le compagini gialloverdi, particolarmente densa di appuntamenti nazionali ed internazionali e dove naturalmente risaltano i XXXI Giochi Olimpici e XV Giochi Paralimpici a Rio de Janeiro in Brasile. Nell’occasione sarà inoltre presentata l’edizione 2016 del calendario da tavolo Fiamme Gialle, assegnato il premio “Atleta dell’anno Fiamme Gialle 2015” e consegnati i “premi alla carriera” ad Antonietta Di Martino e Denise Karbon, due straordinarie atlete che hanno portato i colori gialloverdi ai vertici internazionali dell’atletica e dello sci alpino.

Sport. All’idroscalo i mondiali di canoa

Bisconti: “Milano città d’acqua, sempre più punto di riferimento per competizioni  internazionali” 

florio-rizza-canoa-federazione-fb-e1399152135686-650x276Milano, 25 giugno 2015 – Dal 19 al 23 agosto Milano sarà la città d’acqua per eccellenza: arrivano all’Idroscalo più di cento Paesi per contendersi la coppa del mondo di canoa e paracanoa. Si tratta della rassegna iridata assoluta, la più rilevante manifestazione canoistica dell’anno che, oltre ad assegnare i titoli mondiali, sarà teatro della qualificazione Olimpica e, per la prima volta nella storia anche paralimpica, per i Giochi di Rio de Janeiro 2016. L’appuntamento è stato presentato oggi a Palazzo Marino, alla presenza del presidente del CONI Giovanni Malagò e del vicepresidente, nonché presidente di Federcanoa, Luciano Buonfiglio. “Milano ancora una volta si conferma  punto di riferimento per lo sport internazionale – afferma l’assessora allo Sport Chiara Bisconti -: in soli tre anni abbiamo portato in città la Final Four di basket, i mondiali femminili di pallavolo, l’anno prossimo avremo la finale di Champions League senza dimenticare altri sport che hanno scelto la nostra città per le loro massime competizioni come biliardo, football americano e la stessa canoa che l’anno scorso ha visto qui la gara di Coppa del Mondo. E ora i mondiali. Milano, città d’acqua, si confermerà tale. Mi piace pensare che in un’ottica futura Milano e la sua area metropolitana possano essere sempre più un punto di riferimento per tutti gli sport in acqua anche perché l’Idroscalo è universalmente considerato come uno dei migliori campi di gara del mondo in assoluto”, conclude Bisconti. Saranno circa 2000 le persone tra atleti, allenatori e dirigenti che saranno ospitati in città, con un numero stimato di spettatori che supera le 14.000 presenze nei giorni di gara, con fan e supporter in arrivo da tutta Europa ma non solo. Uno specchio d’acqua di 850.000 metri quadrati, circondato da un parco verde con impianti sportivi composto da 1.600.000 metri quadrati di terreno dove il pubblico potrà scoprire e godere l’atmosfera dell’evento mondiale.  Il campionato del mondo sarà trasmesso in diretta, oltre che in Italia, anche in Ungheria, Francia, Germania e Inghilterra solo per citare alcuni dei Paesi che arriveranno a Milano con troupe proprie, senza contare poi le nazioni che si affideranno alla produzione tv italiana, acquisendo il segnale diffuso poi a livello internazionale. Non solo tv, ma anche carta stampata, radio, internet e social con giornalisti accreditati ad oggi da Italia, Brasile, Stati Uniti, Russia, Canada, Germania, Inghilterra, Francia, Azerbaijan, Kazakistan, Slovacchia, Polonia e Ungheria.  E’ già attivo il sito www.milanworldcanoesprint.com che sarà il contenitore dell’evento, insieme alla strategia social che si svilupperà attraverso i canali dedicatifacebook.com/worldcanoesprinttwitter.com/canoeworld2015, You Tube e Instagram con l’hashtag #canoeworld2015 per interagire, condividere e raccontare le nostre emozioni mondiali.

Sport, al via il percorso delle “Buone Pratiche”

L’ accordo di programma, per il secondo anno consecutivo, tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il CONI nell’ambito del programma di azioni previste dal Progetto “Sport e Integrazione” dà il via al Progetto “Sport e Integrazione”
Sport_IntegrazioneRoma, 8 aprile – Raccogliere, valorizzare e diffondere esperienze positive in materia di sport e integrazione, mirate a favorire l’inclusione e l’inserimento dei giovani di prima e seconda generazione, provenienti da un contesto migratorio, e tese a contrastare l’intolleranza e la discriminazione nell’accesso allo sport, attraverso la valorizzazione delle diversità.
È questo l’obiettivo del percorso delle “ Buone Pratiche”, nell’ambito del programma di azioni previste dal Progetto “Sport e Integrazione”, grazie al rinnovato accordo di programma, per il secondo anno consecutivo, tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il CONI.
Il cammino di “segnalazione” delle Buone Pratiche, parte oggi con l’invito, attraverso una “call” pubblica, a presentare attività e azioni in favore dell’integrazione attraverso lo sport, rivolto agli organismi sportivi riconosciuti dal CONI, alle associazioni del mondo dello sport, al terzo settore, agli Enti territoriali e, più in generale, ad ogni forma di associazionismo, consentendone la più ampia opportunità di partecipazione. Per partecipare all’iniziativa è necessario compilare, entro il 31 maggio, un apposito modulo disponibile sul sito ufficiale del Progetto, www.fratellidisport.it, dal quale è possibile anche consultare il regolamento della “call” e scaricare il Manifesto per conoscere i valori, gli obiettivi e le azioni del Progetto “Sport e Integrazione” e sul portale dell’Integrazione dei Migranti del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (www.integrazionemigranti.gov.it).  I Progetti partecipanti, per essere ammessi, devono attribuire un ruolo centrale all’etica sportiva come veicolo di integrazione, al rispetto delle regole e all’applicazione dei Principi delManifesto dello Sport e dell’Integrazione, quali la Fratellanza Sportiva e la Non Violenza, la Valorizzazione delle diversità e delle unicità, il Rispetto e la Consapevolezza del ruolo, il Rispetto delle regole e la Lealtà Sportiva, il Diritto allo Sport. Saranno considerati “ Buone Pratiche” i progetti che, oltre a rispettare i Principi di “Sport e Integrazione”, rispondano a determinate caratteristiche quantitative e qualitative, in base alle quali verranno individuate le “Buone Pratiche più virtuose”. A livello quantitativo dovranno essere indicate e rispettate le seguenti caratteristiche: realizzazione del progetto negli ultimi tre anni (tra il 2012 e il 2015), numero di partecipanti coinvolti, territori ed enti coinvolti. Dal punto di vista qualitativo invece, le caratteristiche sono: pertinenza rispetto ai temi di Sport e Integrazione, applicazione dei Principi del Manifesto, coinvolgimento di giovani provenienti da un contesto migratorio, inclusione e risultati sul territorio, soggetti coinvolti nelle azioni (istituzioni, associazioni, rappresentanti delle comunità straniere, ecc.). Tutte le Buone Pratiche che avranno superato i criteri di ammissibilità saranno pubblicate sul sito www.fratellidisport.it e potranno partecipare alla fase di selezione, a cura del Comitato Tecnico-Scientifico di “Sport e Integrazione” affiancato da una apposita Commissione di valutazione.  Tra i migliori progetti selezionati, pubblicati nel “ Manuale delle Buone Pratiche”, saranno individuate le 12 “Buone Pratiche più virtuose”, quelle cioè che meglio avranno rappresentato e diffuso i valori di “Sport e Integrazione”, a cui sarà riservata una ampia visibilità sui media nazionali, con il sostegno di media partnership, la pubblicazione sul sito del CONI e sul portale dell’Integrazione dei Migranti del Ministero e, infine, la possibilità di godere di un grande momento di visibilità durante il Workshop nazionale “Sport e Integrazione: le Buone Pratiche”, in programma nel mese di ottobre.

“Fitarco City Partner”, convenzione con Cortina D’Ampezzo

E’ stata presentata a Roma, presso la Sala Giunta del CONI al Foro Italico, la convenzione che vedrà collaborare per il biennio 2015/2016 la Federazione Italiana Tiro con l’Arco e il Comune di Cortina d’Ampezzo

 

ImageProxyRoma, 16 febbraio – La convenzione “Fitarco City Partner” è stata deliberata lo scorso martedì 10 febbraio nel Consiglio Comunale di Cortina d’Ampezzo ed è stata ufficializzata nel corso del Consiglio Federale FITARCO dal Presidente Federale Mario Scarzella, dal sindaco di Cortina d’Ampezzo Andrea Franceschi, alla presenza del Segretario Generale CONI Roberto Fabbricini. Il Presidente Fitarco Mario Scarzella ha ringraziato il Sindaco di Cortina e il Consigliere Oscar De Pellegrin che hanno dato il via all’idea di una collaborazione: “Sono molto felice di annunciare al Consiglio e al mondo del tiro con l’arco che il Comune di Cortina e la Federazione hanno dato vita ad una convenzione per il 2015 e 2016 che siamo certi porterà vantaggi ad entrambi. Ringrazio il Sindaco Andrea Franceschi e Oscar De Pellegrin per aver dato vita a questa idea che si è concretizzata lo scorso 10 febbraio. Il Consiglio Federale ha già deliberato l’assegnazione del Campionato Italiano Tiro di Campagna che verrà ospitato a Cortina nel 2016 e siamo già a lavoro per presentare e supportare la candidatura di Cortina per i Campionati Mondiali Campagna del 2018. Dopo il grande successo ottenuto in occasione del mondiale del 2000, sarebbe un ritorno in grande stile per il tiro con l’arco internazionale in un luogo meraviglioso”. Il Sindaco di Cortina d’Ampezzo Andrea Franceschi ha ricevuto la maglia della Nazionale personalizzata ed ha ringraziato la Fitarco per aver subito creduto nella possibilità di una fruttuosa collaborazione: “Tutto è nato da una chiacchierata con il consigliere e campione paralimpico Oscar De Pellegrin. La FITARCO è una Federazione seria e dinamica, composta da persone autorevoli e affidabili. La presenza di Oscar è poi per noi cittadini della provincia bellunese una garanzia di risultati. Mi piace sottolineare che, all’importanza che può ricoprire la convenzione sotto il profilo della sponsorizzazione e della visibilità che porteranno i grandi eventi che porteremo a Cortina, considero fondamentale lo sviluppo dei progetti legati all’attività con le scuole e l’abolizione delle barriere architettoniche, argomento molto complesso soprattutto per chi vive in un paesaggio di montagna come il nostro. Quello che abbiamo cominciato con la Fitarco è l’inizio di un percorso che sarà certamente proficuo per tutto il nostro territorio”.   Primo artefice della convenzione è stato il Consigliere Federale Oscar  De Pellegrin, bellunese e campione paralimpico a Londra 2012: “E’ un grandissimo orgoglio aver portato a termine questo accordo con un territorio che conosco bene e che ho sempre cercato di onorare nella mia vita da atleta. Cortina è la Regina delle Dolomiti, patrimonio universale ed è bello poter portare avanti dei progetti importanti per entrambe le realtà. La Fitarco e Cortina rappresentano due eccellenze e spero davvero che questo percorso insieme ci porti lontano”. Il Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini: “Conosciamo le difficoltà di gestione che hanno le Federazioni, così come il CONI, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle finanze. Per questo accolgo con molto piacere questo accordo tra Fitarco e Cortina. Il Presidente Scarzella ci è sempre molto vicino e fa un grande lavoro per tenere alto il nome dello sport italiano. Ringrazio il Sindaco di Cortina che, è giusto ricordarlo, è stata la prima città olimpica italiana con l’edizione invernale del 1956 e successivamente si è sempre distinta per essere una città vicinissima al mondo dello sport ospitando grandi manifestazioni nazionali ed internazionali. È stato un peccato aver perso la candidatura per i mondiali di sci a causa di alcuni giochi politici, ma ho fiducia nelle potenzialità di Cortina come palcoscenico dello sport, non solo per lo sci. È infatti ottima questa apertura al tiro con l’arco, sarete degli apripista in questo senso e spero che il vostro esempio venga seguito anche da altri. Proprio in questi giorni abbiamo mosso i primi passi importanti per la candidatura di Roma 2024 e quanto verrà fatto a Cortina, con la possibilità di organizzare anche un Campionato Mondiale, rappresenta anche per la candidatura olimpica un aiuto”.   Per entrare nel dettaglio, alla base della convenzione tra Fitarco e Comune di Cortina d’Ampezzo c’è l’assegnazione dei Campionati Italiani Tiro di Campagna 2016 alla città di Cortina, una delle manifestazioni Nazionali Fitarco che portano il maggior numero di atleti in gara per un totale di oltre 1000 presenze giornaliere e il supporto e la collaborazione per la candidatura di Cortina quale sede dei Campionati Mondiali Tiro di Campagna 2018, un evento che porterebbe oltre 35 delegazioni Nazionali da tutto il mondo.  Due manifestazioni che potranno valorizzare al meglio gli splendidi scenari dolomitici, considerando che il tiro con l’arco è uno sport ecologico al 100% e che, in occasione degli eventi, potrà portare un considerevole numero di presenze nei mesi estivi e dare grande visibilità attraverso i passaggi televisivi e via web che accompagnano tutte le manifestazioni organizzate dalla Federazione. La Federazione si è inoltre impegnata a portare nel 2016 a Cortina almeno un raduno della Nazionale tiro di campagna, che potrà così “sondare il terreno”, nella speranza di dover poi gareggiare in questi stessi scenari in occasione dei Mondiali 2018.  Tra le componenti più rilevanti della Convenzione anche altre iniziative che avranno una importante ricaduta sul territorio e sulla popolazione di Cortina d’Ampezzo. Parliamo soprattutto delle iniziative che coinvolgeranno il Consigliere Federale Oscar De Pellegrin, che avvierà insieme al Comune e agli istituti scolastici un progetto che valorizzi il rapporto “sport, giovani e scuola” e darà il suo contributo di esperienza per quel che riguarda l’abbattimento delle barriere architettoniche. La Convenzione prevede anche che il logo di Cortina d’Ampezzo girerà per il mondo attraverso la maglia della Nazionale FITARCO. Le squadre olimpiche e paralimpiche, che quest’anno saranno impegnate nei rispettivi Campionati Mondiali che mettono in palio i pass per le Olimpiadi e Paralimpiadi di Rio 2016, la Nazionale Giovanile e la Nazionale Tiro di Campagna e 3D porteranno con orgoglio la nuova casacca azzurra con il logo di cortina stampato sul petto. Il calendario internazionale prevede oltre 20 trasferte nei vari continenti e dappertutto il marchio di Cortina sarà ben visibile sull’abbigliamento da gara degli arcieri italiani, abituati a primeggiare in ogni disciplina e specialità. L’immagine di Cortina d’Ampezzo avrà un’importante visibilità anche in occasione dei Campionati Nazionali organizzati dalla Federazione Italiana Tiro con l’Arco. Saranno 10 i grandi eventi dedicati al tiro alla targa (olimpico e paralimpico), al tiro di campagna, alla specialità del 3D e alle competizioni giovanili che verranno disputate e ospitate in tutto il Bel Paese. In ogni Campionato la splendida città dolomitica avrà la sua visibilità sui campi di gara e attraverso le immagini che verranno trasmesse in diretta streaming da Youarco, il canale ufficiale FITARCO sulla piattaforma youtube e nelle sintesi che verranno mandate in onda sui canali di Rai Sport. Sono infatti 10 le manifestazioni comprese nel contratto Rai-Fitarco 2015: otto eventi nazionali e i due eventi internazionali che verranno ospitati questa estate in Italia: i Campionati Mondiali 3D di Terni e la Youth Cup di Roma.  Cortina, Regina delle Dolomiti, per il suo patrimonio paesaggistico, turistico e d’immagine. Cortina e la sua storia: città olimpica nel 1956, vetrina di grandi appuntamenti sportivi, località capace di custodire le proprie tradizioni con un occhio sempre rivolto al futuro. A 1.224 metri di altitudine è immersa in uno scenario d’incomparabile bellezza, dichiarato Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO. Unica località italiana parte del Best of the Alps, Cortina ha lo sport – e non solo quello invernale – nel proprio Dna. A 15 anni dal primo emozionante incontro, è entusiasta di tornare a ospitare una disciplina con cui si sente particolarmente in sinergia.

www.cortina.dolomiti.org

 

 

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com