I Ciudadanos Invadono la Pagina di Matteo Renzi con il Virtual Flash Mob #OmbrellisuMatteo

La manifestazione “Umbrella Revolution” è programmata a Roma per il 20 febbraio alle ore 15

ImageProxyRoma, 8 febbraio 2015 – In vista della manifestazione “Umbrella Revolution” , programmata a Roma per il 20 febbraio alle ore 15, nata in ripresa delle proteste di Hong Kong in difesa della democrazia e per ribadire un forte No alle politiche di Renzi ed alle Riforme Costituzionali, il movimento della cittadinanza “Cittadini C” ha organizzato un Virtual Flash Mob di contestazione al Governo Renzi. Il Flash Mob consisterà nell’inondare la bacheca Facebook di Matteo Renzi con migliaia di immagini di ombrelli simbolo della manifestazione, e con messaggi di dissenso. Il Virtual Flash Mob adoperera’ gli ashtag#OmbrellisuMatteo e #UmbrellaRevolution e si svolgera’ Martedi 16 Febbraio dalle ore 15 alle ore 16,30, le istruzioni per partecipare si possono trovare sull’ evento social OMBRELLI SU MATTEO “Abbiamo deciso di adoperare il Virtual Flash Mob proprio per rimarcare la liberta’ della rete,dove il presidente del Consiglio e’ un utente come qualsiasi cittadino” dichiarano i ciudadanos italiani. Ma perche’ scegliere l’ombrello come simbolo della protesta? “In “ripresa” della grande manifestazione pacifica che ha bloccato Hong Kongdenominata “Rivoluzione degli Ombrelli” e che ha visto migliaia di cittadini scendere in Piazza contro il Governo, manifestazione in cui i cittadini denunciarono la mancanza di democrazia nel sistema elettorale e rivendicarono la facolta’ di scegliere i candidati,contrastando un Governo gestito da lobby e banche, abbiamo deciso di adottare lo stesso simbolo “l’Ombrello” affermano gli organizzatori della protesta. Poichè stiamo vivendo la stessa cosa nel nostro paese, dove con l’Italicum non si deciderà neanche il giorno del voto, dove i cittadini non contano praticamente nulla, dove un governo ed unParlamento abusivo tendono a salvaguardare gli interessi di lobby, banche e gruppi di potere riducendo la cittadinanza a semplice sudditanza. Chi è “Cittadini C”, il Movimento della Cittadinanza Il Movimento della Cittadinanza, detto brevemente “C” come “Cittadini”, presenti da alcuni mesi (il movimento è nato l’11 Luglio 2015) come risposta italiana alla cattiva politica italiana. “Cittadini C” è un movimento anti-casta, espressione della società civile e dei cittadini che, non limitandosi alle mere azioni di protesta, punta ad una politica ed ad una azione propositiva nell’interesse e per il benessere dei cittadini.Per seguire il Movimento della Cittadinanza “Cittadini C”: Sito : http://www.cittadinic.it Fb :https://www.facebook.com/movcittadini/?ref=hl

“Umbrella Revolution”, Contro il Governo i Ciudadanos

In Piazza il 20 Febbraio a Roma

ImageProxy (2)Roma, 2 febbraio 2016 –  Sabato 20 Febbraio a Roma ore 15 in Piazza Santi Apostoli si terrà sotto il simbolo dell’ “Ombrello” gia usato per altre rivoluzioni pacifiche in difesa della Democrazia, una manifestazione di cittadini contro il Governo Renzi, promossa dal Movimento dei Cittadini C, i cosiddetti Ciudadanos italiani. Questo il Manifesto e le motivazioni della protesta diffusi dagli organizzatori dell’evento: Nel 1946 nasce la Repubblica Democratica Italiana e nel 1948 entra in vigore la nuova Costituzione Italiana,  considerata da tutti “la più bella del mondo”. Oggi l’Italia è prigioniera di un Governo illegittimo, antidemocratico e antisociale, guidato da un prestanome della finanza bancaria,Matteo Renzi, segretario politico del Partito Democratico. Renzi, il PD e la sua coalizione (NCD-UDC, PSI, e Verdiniani) vogliono ribaltare 70 anni di democrazia parlamentare e sociale e sostituirli con uno STATO di DITTATURA gestiti da un esecutivo che mira a manovrare l’economia italiana per il proprio torna conto e a condurre una politica militare finalizzata al controllo del mercato “sporco” delle armi. La partecipazione politica, legittima e democratica, attraverso i suoi rappresentanti, eletti dal Popolo verrà oggettivamente demolita. Gli ideali, i bisogni, le aspirazioni non saranno più considerati valori di democrazia da tutelare, ma verranno valutati come un intralcio al potere oligarchico. Matteo Renzi e i suoi amici banchieri hanno trovato una leva demagogica per ottenere il sostegno  della Riforma Costituzionale mascherata da un’aura di cambiamento e modernizzazione dell’Italia con l’abolizione del Senato della Repubblica, ma, nella realtà, non verrà certo abolito il Senato, infatti i 100 neo Senatori verranno scelti dai Consigli Regionali, dai Comuni e dal Presidente della Repubblica; manterranno sempre   l’immunità parlamentare con la modifica dei ddl ordinari e pieno potere sulle leggi costituzionali. In tal modo, il costo del Senato resterà alto e la politica continuerà a tagliare fondi economici ai servizi pubblici fondamentali, come Scuola, Università, Ricerca, Sanità e Trasporti per far ingrassare le banche degli amici del ministro Boschi e del PD. Inoltre, con l’immunità parlamentare del nuovo Senato (riforma Costituzionale), Renzi vuole salvare i suoi amici di partito corrotti come il Presidente della Regione Campania DE LUCA(condannato), il Sindaco di Como LUCINI (indagato), l’ex sindaco di Venezia ORSONI (arrestato), il sindaco di Giorgio a Cremano ZINNO (indagato), il sindaco di Fiumicino Esterino Montino (indagato) con altri 15 consiglieri. L’elenco degli indagati, rinviati a giudizio e condannati del PD è lunghissimo. Dietro lo slogan demagogico renziano si nasconde il “NON DETTO”, cioè quella realtà nascosta in cui si condensano gli interessi antidemocratici della Riforma Costituzionale (Boschi-Renzi). Tale Riforma sancisce la morte della democrazia e dei diritti umani e la nascita della cultura del liberismo sfrenato, che, attraverso alcuni modelli, come la legge 107 (Buona Scuola),  consacra il pensiero non critico degli studenti e degli insegnanti,  finalizzato a produrre una scienza tecnico-esecutiva e sta formando dei veri e propri soggetti “drogati”, privi di stimoli, di personalità, di dignità e di diritti, cioè andrà a creare un nuovo modello di società arida esecutrice dei doveri, senza scrupoli, costituita da mercenari. Politicamente e culturalmente l’Italia e gli italiani stanno vivendo una regressione reale. A Ottobre 2016 i banchieri, tramite Matteo Renzi, hanno indetto il referendum Costituzionale, chiedendo con forza di sostenere una riforma che cela un grande pericolo dietro il “NON DETTO”. “E’ arrivato il momento in cui il popolo italiano deve reagire. Dobbiamo essere capaci, tutti insieme, di combattere questo attacco inumano e  bocciare la riforma Costituzionale che è, in verità una riforma esecutiva di uno Stato di regime totalitario,  che immediatamente darà vita al processo di smembramento della democrazia e di involuzione sociale” dicono i coordinatori del Movimento dei Ciudadanos. “Dobbiamo essere capaci di trovare l’unita’ manifestando tutti insieme Sabato 20 Febbraio a Roma ore 15 in Piazza Santi Apostoli sotto un unico simbolo “L’Ombrello” gia usato per altre rivoluzioni pacifiche in difesa della Democrazia”. Sara’ la preparazione al NO al Referendum Costituzionale

“SFIDUCIAMO RENZI”: Dalla Spagna i “Ciudadanos” sbarcano a Roma con la Manifestazione contro il Governo Renzi

“Sfiduciamo Renzi”, la manifestazione nazionale di protesta dei Ciudadanos italiani, Martedi 19 Gennaio 2016 dalle ore 9,30 in Piazza Montecitorio, Roma

ImageProxyRoma, 17 gennaio 2016 – Si ispirano ai Ciudadanos spagnoli quelli del movimento della cittadinanza “Cittadini C” che si mobilita e si dà appuntamento per il giorno 19 gennaio 2016 per la manifestazione intitolata “Sfiduciamo Renzi” in piazza Montecitorio a Roma per sfiduciare simbolicamente il governo Renzi. “Come di recente dimostrato, le “mozioni di sfiducia” vengono utilizzate più come meccanismo pubblicitario che come strumento a tutela della Democrazia, quindi, con questa iniziativa, abbiamo deciso simbolicamente di sfiduciare noi cittadini questo Parlamento illegittimo, non votato da nessuno, complice di banche e lobby” affermano gli organizzatori della manifestazione. “Martedì 19 Gennaio, dalle ore 9, saremo in Piazza Montecitorio per mettere fine a questa pseudo-Democrazia Dittatoriale, in cui i provvedimenti vengono presi a colpi di fiducia e dove non esiste più dibattito. Un Sistema studiato e realizzato che, superando il voto democratico, impone le proprie decisioni, incurante del libero pensiero dei Cittadini” continuano gli organizzatori. “Protesteremo in vista del voto costituzionale alla Camera, dimostreremo contro il “famoso” decreto Salva banche,contro la legge elettorale, contro le riforme e l’interruzione di Democrazia che stiamo vivendo.Faremo sentire l’opinione libera dei Cittadini che rappresenteranno una realtà diversa da quella rappresentata dal Premier” concludono i Ciudadanos italiani. Alla manifestazione del Movimento della cittadinanza C hanno aderito tantissime realtà associative dal Good Italia di Firenze al Gruppo Italia si Ama di Torino,dal Gruppo Caduti del Piave Veneto alle Vittime del Salva Banche. Il sito di riferimento per la manifestazione è www.sfiduciamolo.it, il sito del movimento è www.movcittadini.com mentre la pagina Facebook dei Cittadini è https://www.facebook.com/movcittadini che conta già circa 10.000 adesioni.

COSA È “CITTADINI C”, IL MOVIMENTO DELLA CITTADINANZA

L’organizzazione della manifestazione è di Cittadini C, il movimento della cittadinanza nato a luglio 2015 e che altro non è che l’espressione italiana del Ciudadanos Spagnolo.  Le ultime elezioni in Spagna sono state caratterizzate dallo straordinario risultato ottenuto dal partito Ciudadanos che alla sua prima partecipazione alle politiche ha ottenuto uno strabiliante 14% di consensi. Nato solo due anni fa dall’impegno di un gruppo di cittadini della societa’ civile, il partito dei cittadini spagnoli si caratterizza per essere il partito che è riuscito assieme all’antagonista Podemos a rompere i solidissimi monopoli politici del Pp e del Psoe. Parallelamente, in italia, anche noi abbiamo iniziato il medesimo progetto, in linea con il Ciudadanos spagnolo, il movimento della cittadinanza, detto brevemente “C” come “Cittadini”, presenti da alcuni mesi (il movimento è nato l’11 Luglio 2015) come risposta italiana alla Mala Politica. CITTADINI C è un movimento anti-casta espressione della società civile e dei Cittadini, che, non limitandosi alle mere azioni di protesta si pone in forte antitesi con il, già noto, movimento grillino e punta ad una politica ed ad una azione propositiva nell’interesse e per il benessere dei cittadini. Ciò che caratterizza il  movimento della cittadinanza e lo distingue dagli altri è l’applicazione concreta e vera della democrazia partecipativa, l’assenza di leader indicati (ogni cittadino dopo un iter d’accettazione e revisione e’ leader della propria idea), l’espressione di un desiderio di rinnovamento radicale, il rifiuto per le formazioni politiche classiche, i loro riti, i loro scandali ricorrenti, in cui ormai, dopo l’exploit mediatico e numerico iniziale, inseriamo anche i grillini. Visto il successo ottenuto da Ciudadanos, anche il movimento Cittadini C ci sta impegnando per ripeterlo in Italia alle prossime elezioni e rappresentare una realtà che ancora mancava in Italia, cioè la “perfetta sintesi” tra la proposta, tipica dei partiti tradizionali e la protesta, tipica del Grillismo.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com