Il costo del telefono fisso aumenta? Taglia Canone di Messagenet fa risparmiare 130 euro all’anno.

Alla luce dei recenti aumenti acquista ancora più valore la proposta che permette di eliminare il canone, ricevendo le telefonate direttamente sul proprio cellulare.

unnamedMILANO, 2 marzo 2016 – La recente decisione dell’Agcom, che multa di 2 milioni di euro uno dei principali operatori italiani di telefonia, dimostra che nell’ultimo anno l’aumento delle tariffe per il telefono fisso ha penalizzato soprattutto chi fa poche chiamate da casa. La soluzione per continuare ad avere un numero fisso e risparmiare 130 euro all’anno è offerta da Messagenet, si chiama Taglia Canone e permette di ridurre da 19 a 8 al mese i costi per il numero di telefono di casa. “Con Taglia Canone – afferma Andrea Misa Galli, Amministratore Delegato di Messagenet – rispondiamo all’esigenza delle famiglie di tagliare i costi della linea telefonica fissa, oggi particolarmente sentita per via degli aumenti registrati nell’ultimo anno. Taglia Canone è stato studiato per essere semplice, immediato e per non avere limiti nel numero delle telefonate ricevibili”.

Taglia Canone: il numero di casa resta valido, ma le chiamate arrivano sul cellulare

Taglia Canone è un servizio attivabile via web che trasferisce sul cellulare dell’utente le chiamate al numero di casa. Per utilizzarlo basta un qualsiasi cellulare, anche senza collegamento ad Internet; non è necessario uno smartphone e non c’è niente da configurare. Chi chiama il numero fisso su cui è attivo Taglia Canonespende esattamente come prima. Infine, prima di rispondere, si vede il numero del chiamante per decidere se rispondere o meno. Taglia Canone è disponibile via web su www.tagliacanone.it, prevede un abbonamento annuale anticipato di 96 Iva inclusa e non ha costi di attivazione. Anche la portabilità del numero fisso, indispensabile per fruire del servizio, è gratuita e viene gestita da Messagenet, senza che l’utente debba occuparsene.

Per chi è indicato Taglia Canone?

Indipendentemente dall’operatore utilizzato, Taglia Canone è particolarmente indicato per chi usa poco il telefono di casa, ma desidera mantenerne il numero. Poiché la linea viene dismessa, per chiamare non si usa più il fisso, ma il cellulare col relativo piano tariffario.

 L’azienda Messagenet

Messagenet S.p.A. è un’azienda indipendente che opera da oltre 15 anni nello sviluppo e nell’offerta di servizi per la telefonia fissa, in movimento e via Internet, con oltre 400.000 utenti attivi. Messagenet è munita di autorizzazione generale per la fornitura di servizi telefonici accessibili al pubblico sull’intero territorio nazionale. Ha la sede principale a Milano ed è azienda consorella di KPNQwest Italia. Messagenet è stata fondata nel 1999 da Marco Fiorentino e Andrea Galli.

A Cortina No Phone Week e Weekend

Una settimana o finesettimana dove lasciare in custodia il cellulare a qualche persona di fiducia e riprendere contatto con se stessi

 

no-phone-weekCortina d’Ampezzo, 28 agosto – Le Guide Alpine Cortina lanciano una nuova proposta che sarà fruibile dal mese di settembre in poi, la “NO PHONE WEEK E WEEKEND”, una settimana o finesettimana dove lasciare in custodia il cellulare a qualche persona di fiducia e riprendere contatto con se stessi, la vita reale e il vero sistema di cui l’essere umano fa parte, la natura, che nelle Dolomiti di Cortina d’Ampezzo ha la sua massima espressione. La società odierna ci porta a comunicare privilegiando cellulari e computer rendendo più complicato il socializzare con altre persone al di fuori della nostra cerchia di amici e famigliari rendendoci cosi meno sensibili nei confronti delle persone e gli elementi naturali che ci circondano.Una modalità di comunicare che segna un cambio epocale.  L’ artista che seguirà le orme di Munch nel rappresentare il passaggio tra 20 ° e 21° secolo sarà colui che rappresenterà 4 persone sedute a un tavolo ognuna concentrata con il cellulare in mano assorti nel mondo virtuale. La “No Phone Week-Weekend” permetterà a chi parteciperà di staccare la spina dai social media, fare varie attività sportive dall’ hiking, all’ arrampicata, alla via ferrata, sport utili a riprendere contatto con la realtà, vivere il momento, innamorarsi di piatti tipici come i casunziei, i canederli, lo strudel, divertirsi, osservare alcune delle migliori albe e tramonti del mondo, provare la sauna finlandese più alta d’Europa e a impatto 0, socializzare nei migliori e più suggestivi rifugi delle Dolomiti con persone di varie nazionalità, scambiando conoscenza e accrescendo il proprio bagaglio culturale, condividere momenti unici, in posti di indefinibile bellezza. Il tracciato proposto ripercorrerà per la maggior parte il percorso della più bella e famosa gara di trail running al mondo la The North face Lavaredo Ultratrail (http://ultratrail.it/it/), il percorso e le attività sarà variabile a seconda della volontà del gruppo che si verrà a formare.  La proposta sarà usufruibile dal mese di settembre in avanti per informazioni info@guidecortina.com 0436868505

Tra le varie esperienze che si potranno provare ci sarà la possibilità di vedere l’alba sulle Tre Cime di Lavaredo con colazione alla malga Langalm, mangiare la buonissima tavolozza al Ristorante Son Zuogo nei pressi dell’ incantevole Lago di Sorapiss dove poter contemplare il “Dito di Dio”,vedere il tramonto dalle terrazze più suggestive delle Dolomiti, dal Rifugio Lagazuoi considerato dal corriere come uno dei 10 migliori hotel con vista del mondo,  al Rifugio Pomedes dal Ristorante Col Drusciè al Rifugio Nuvolau  il più antico delle Dolomiti, conquistare il cuore delle Dolomiti, il Rifugio Giussani conoscere la magica ospitalità del Rifugio Dibona gestito dai discendenti del nostro predecessore la grande guida Angelo Dibona, degustare un aperitivo al tramonto contemplando le 5 Torri dalla vasca botte del Rifugio Scoiattoli mangiare allo strepitoso Rifugio Averau considerato dal Sunday Times come uno dei 10 migliori ristoranti dove mangiare nelle Alpi, scaldarsi nella sauna sostenibile più alta d’Europa o in riva allo splendido lago di Federa nei pressi del Rifugio Croda da Lago, Rifugio simbolo delle Dolomiti Unesco della mitica Regione Veneto  ci sarà la possibilità di provare l’ebrezza di passare sotto una cascata grazie alla via ferrata delle Cascate di Fanes all’ interno del parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, il ponte tibetano della via ferrata Ivano Dibona  visitare il tunnel della prima guerra mondiale all’ interno del Lagazuoi o il Museo all’ aperto della prima guerra mondiale delle 5 torri utili a consapevolizzarsi sull’ assurdità della guerra.

Cassazione, fidanzato geloso non può ‘perquisire’ cellulare della partner

La sentenza numero 11467/2015 dello scorso 19 marzo la Cassazione stabilisce che commette il delitto di rapina colui che si appropria con forza del cellulare della propria compagna per perquisirne i messaggi alla ricerca di eventuali conversazioni compromettenti

 

cellulareRoma, 27 marzoProtagonista della vicenda finita in terzo grado, P.C. , 24enne di Barletta che, per dimostrare i presunti tradimenti della sua ex, era entrato in casa di questa e, strattonandola, le aveva rubato il cellulare alla ricerca di sms compromettenti. Dopo che in fase cautelare il Tribunale del Riesame aveva escluso la sussistenza dell’ipotesi di rapina per mancanza dell’elemento del perseguimento di un ingiusto profitto (morale), i giudici del Palazzaccio hanno invece ritenuto di dover senz’altro ascrivere la condotta del giovane al delitto di cui all’art. 628 c.p., condannandolo a 2 anni e 2 mesi di reclusione. Secondo la Cassazione violare la riservatezza sui contenuti di un cellulare va ad incidere sulla libertà del proprietario e determina un ingiusto profitto anche se solo di tipo “morale”. Nella sentenza, la numero 11467/2015, la Cassazione fa notare che “l’instaurazione di una relazione sentimentale fra due persone appartiene alla sfera della libertà e rientra nel diritto inviolabile all’autodeterminazione fondato sull’articolo 2 della Costituzione, dal momento che non può darsi una piena ed effettiva garanzia dei diritti inviolabili dell’uomo (e della donna) senza che sia rispettata la sua libertà di autodeterminazione”. Inutile il tentativo dell’imputato di sminuire l’accaduto. Nelle sua difesa aveva tentato di scagionarsi affermando che la sua azione non era ingiusta ma era motivata dalla volontà di dimostrare al padre della sua ex i tradimenti perpetrati dalla figlia.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com