Ministro Calenda: con riordino camere commercio sistema più efficiente vicino a imprese

[AdSense-A]

 

CdM approva decreto: numero CCIAA scende da 105 a 60. Si riduce del 50% circa il diritto annuale a carico degli imprenditori

Senza-titolo-12

Un provvedimento atteso da tempo che consente importanti risultati in termini di efficienza, razionalizzazione e risparmio per le imprese.  Un nuovo modello in grado di dare risposte concrete alla necessità di riorganizzazione sul territorio e di definire con maggiore precisione le funzioni delle Camere. Il Mise rafforzerà in modo significativo la vigilanza e la valutazione delle performance “. Così il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda commenta il decreto legislativo di riordino delle funzioni e del finanziamento delle camere di commercio approvato dal Consiglio dei Ministri. Il provvedimento, di cui il Ministero dello Sviluppo Economico è proponente, è stato messo a punto di concerto con  il Ministero dell’Economia, della  Semplificazione e della PA. In linea con quanto previsto dall’art. 10 della legge sulla ‘Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche’ (7 agosto 2015, n. 124), il Decreto varato prevede, in particolare, un piano di razionalizzazione, in un’ottica di efficientamento, di efficacia e di riforma della governance delle Camere di Commercio. Più nel dettaglio, entro 180 giorni dall’entrata in vigore del Decreto, il numero complessivo delle Camere si ridurrà dalle attuali 105  a non più di 60 nel rispetto dei seguenti vincoli direttivi: almeno 1 camera di commercio per Regione; accorpamento delle camere di commercio con meno di 75mila imprese iscritte. Al fine di alleggerire i costi di funzionamento delle Camere, il decreto prevede 4 ulteriori azioni che riguardano: la riduzione del diritto annuale a carico delle imprese del 50%; la riduzione del 30% del numero dei consiglieri; la gratuità per tutti gli incarichi degli organi diversi dai collegi dei revisori; una razionalizzazione complessiva del sistema attraverso l’accorpamento di tutte le aziende speciali che svolgono compiti simili, la limitazione del numero delle Unioni regionali ed una nuova disciplina delle partecipazioni in portafoglio. Il provvedimento introduce quindi maggiore chiarezza sui compiti delle Camere con l’obiettivo di focalizzarne l’attività su attività istituzionali evitando, al contempo, duplicazioni di responsabilità con altri enti pubblici. Viene infine rafforzata la vigilanza del Ministero dello Sviluppo economico, con una valutazione stringente da parte del dicastero sulle performance delle Camere di Commercio da parte di un comitato indipendente di esperti. Nell’ambito di questo piano complessivo di razionalizzazione organizzativa ricade anche la rideterminazione delle dotazioni organiche di personale dipendente delle camere di commercio con possibilità di realizzare processi di mobilità tra le medesime camere e definizione dei criteri di ricollocazione presso altre amministrazioni pubbliche del personale che dovesse risultare soprannumerario.

Kyenge: razzismo si combatte con nuova cultura della comunicazione

172750641-6685b910-0ab1-4bc3-bb09-efb6fc3f7784Nel 2012 in Italia aumentati del 61% episodi di razzismo. Ministro integrazione prevede un piano nazionale in Cdm per novembre

Roma, 30 luglioUn piano legislativo nazionale contro il razzismo la xenofobia e l’intolleranza è previsto per novembre prossimo all’approvazione in Consiglio dei Ministri: ”va affrontato il problema del razzismo via internet e bisogna agire sulla comunicazione e sui giovani: abbiamo il dovere di far crescere i nostri figli con una cultura diversa” ha riferito il ministro all’Integrazione Cecile Kyenge in conferenza stampa dove ha presentato la bozza di piano. Continue Reading

I figli naturali avranno gli stessi diritti dei legittimi

996812_10151610360071406_584375729_nIl prossimo Cdm darà il via libera alla normativa sull’equiparazione dello status.

Roma, 10 luglio – “Mater semper certa est, pater numquam” , così recitava il diritto romano e l’influenza culturale  di questo assioma si è trascinata sino ai giorni nostri, impedendo di fatto il riconoscimento dello status di figli a coloro che nascevano al di fuori del matrimonio. Ma l’attuale Governo ha deciso di porre rimedio alla evidente disuguaglianza  che nega ai figli naturali la certezza ed il diritto di poter contare su un padre,  con una nuova normativa che sarà discussa nel prossimo Consiglio dei ministri. Si tratta di un testo già sviluppato  dalla Presidenza del Consiglio e dal ministero degli Interni, della Giustizia,  delle Politiche sociali e dell’ Economia, e che diventerà un decreto legislativo. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com