Calabria, a S. Luca nasce biblioteca scolastica

L’assessore alla Cultura Caligiuri durante l’inaugurazione : “Nella scuola calabrese sono soffiati venti di cambiamento dei quali si e’ accorta l’Italia, con Papa Francesco che ha ricevuto i bambini di San Luca, con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che li ha invitati per tre anni all’inaugurazione dell’anno scolastico al Quirinale


san-luca
Catanzaro, 19 novembre – “L’inaugurazione della biblioteca scolastica di San Luca e’ un simbolo di alto significato attraverso il quale si possono evidenziare i passi avanti compiuti in questi anni dalla scuola calabrese. In questi luoghi sono soffiati venti di cambiamento dei quali si e’ accorta l’Italia, con Papa Francesco che ha ricevuto i bambini di San Luca, con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che li ha invitati per tre anni all’inaugurazione dell’anno scolastico al Quirinale, con il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Leonardo Gallitelli che ha indicato la scuola di San Luca come l’emblema della Calabria che vuole cambiare”. E’ quanto ha dichiarato l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri questa mattina alla manifestazione “2011-2014: La luce di San Luca”, nel corso della quale e’ stata inaugurata la biblioteca scolastica intestata allo scrittore “Corrado Alvaro”. Dopo l’intervento della Dirigente Scolastica Mimma Cacciatore e l’intervento del Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace Francesco Oliva, Caligiuri ha ripercorso i risultati ottenuti in questi anni negli ambiti scolastici e culturali, ricordando anche due momenti significativi vissuti a San Luca: le conclusioni del progetto del tempo pieno nelle scuole dei comuni ad alta densità criminale, ispirato dal giudice Nicola Gratteri, con i bambini delle scuole medie a fare la fila per dare la mano al comandante provinciale dei Carabinieri Lorenzo Falferi, e l’esposizione in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta del quadro di Mattia Preti “San Luca che dipinge la madonna e il bambino”, uno dei pochi dipinti che il Cavalier Calabrese ha datato e firmato nella sua lunga vita, dicendo che “la malapianta si combatte con la scuola e con la cultura, con l’arte e la bellezza”. Caligiuri ha poi concluso dicendo che sarebbe gia’ significativo se le attivita’ svolte in questi anni in Calabria con la scuola e la cultura avessero contribuito a invertire il destino anche una sola persona, perchè, come c’e’ scritto nel Talmud, libro sacro degli ebrei: ” Chi salva una vita, salva il mondo intero”.

Caravaggio in Calabria il prossimo 8 febbraio

A Taverna, città di nascita di Mattia Preti, presso il Museo Civico di San Domenico sarà possibile ammirare il San Giovannino di Caravaggio


Michelangelo_Merisi_da_Caravaggio,_Saint_John_the_Baptist_(Youth_with_a_Ram)_(c._1602,_Yorck_Project)
Catanzaro, 18 novembre – “Il più grande pittore di tutti i tempi e’ Caravaggio ma finora in Calabria non abbiamo mai avuto esposto un suo quadro. L’8 di febbraio 2015, proveniente dalla Galleria Nazionale di Palazzo Corsini, verrà ospitato il San Giovannino di Caravaggio a Taverna, la patria di Mattia Preti. La tela si potrà ammirare fino a fine marzo nella splendida cornice del Museo Civico di San Domenico, in un ideale colloquio con la Predica di San Giovanni di Mattia Preti, che e’ effigiato in basso a destra con i simboli della sua vita e del suo destino: il pennello di pittore e la spada di Cavaliere di Malta”. Con queste parole l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha comunicato durante una conferenza stampa a Taverna questo importante evento culturale, riferendo le dichiarazioni del Sovrintendente del Polo Museale Romano Daniela Porro. Caligiuri, che e’ stato introdotto dal Sindaco Eugenio Canino, ha inquadrato questo importante appuntamento nell’ambito delle manifestazioni sui 400 anni della nascita di Mattia Preti, iniziate nel 2013, proseguite nel 2014 e che continueranno anche nel 2015 con una serie di attività: dalla mostra sul Nudo nell’arte al Museo nazionale di Reggio Calabria, dove tele di San Sebastiano di Mattia Preti verranno messe a confronto con i bronzi di Riace su un tema eterno dell’arte, alla mostra sugli anni giovanili di Mattia Preti a Roma presso Palazzo Corsini. Inoltre Caligiuri ha anche collocato le iniziative pretiane nel contesto delle iniziative culturali sviluppate dalla Regione Calabria in questi anni che hanno determinato nel 2013, come studiato dalla Banca d’Italia, l’apporto delle attivita’ culturali pari al 15 della ricchezza prodotta annualmente in Calabria. “E si tratta – ha detto Caligiuri – di un dato destinato a crescere, quando gli ingenti investimenti già effettuati nella scuola, nella ricerca e nei beni culturali dispiegheranno maggiormente i propri effetti”.

Calabria, inaugurato lo Smau a Lamezia Terme

Mario Caligiuri assessore alla cultura della Regione Calabria:”Una vetrina per l’innovazione calabrese e meridionale, con uno sguardo verso il Mediterraneo”.

banner-SMAUCatanzaro, 18 novembre  – “Una vetrina per l’innovazione calabrese e meridionale, con uno sguardo verso il Mediterraneo”. Con queste parole l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri e’ intervenuto all’inaugurazione di SMAU Calabria avvenuta questa mattina alla Fondazione “Terina” di Lamezia Terme. La manifestazione, promossa dalla Regione Calabria con “CalabriaInnova”, e’ stata introdotta dall’Amministratore Delegato di SMAU Pierantonio Macola e dal Presidente di Fincalabra Luca Mannarino. E’ stato quindi assegnato, in collaborazione con il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria rappresentato dal presidente regionale Mario Romano e dal Presidente di Catania Antonio Perdichizzi, il Premio “Lamarck” alle start up calabresi maggiormente mature per il mercato, che sono Altrama Italia, GiPStech e Spitch e che rappresenteranno l’Italia alla tappa di SMAU a Berlino. Successivamente, si e’ passati al Premio Innovazione ICT Calabria: tra i finalisti ha visto quindici aziende che hanno sperimentato soluzioni tecnologiche per migliorare produzione e servizi. I premiati sono stati Fontana della Salute (Acqua Sorbello), La Mia Energia, Parco Ludico Tecnologico ambientale di Ecolandia e Innovazione Tecnologica di Catanzaro. I lavori stanno proseguendo nel pomeriggio e dureranno fino a domani pomeriggio, con presentazioni di start up, convegni e workshop tematici, con particolare attenzione ai progetti finanziati da “CalabriaInnova”.

Cultura, 8 mila volumi di Antonio Piromalli donati alla Biblioteca nazionale di Cosenza

L’assessore alla Cultura calabrese Caligiuri mentore della  convenzione tra la direttrice della Biblioteca Nazionale Elvira Graziani e Lanfranco Piromalli, figlio del critico letterario.
fotoCatanzaro, 17 novembre – “Ad Antonio Piromalli tutti dobbiamo qualcosa per la straordinaria opera di ricostruzione delle letteratura calabrese che, in questo modo, e’ stata riconosciuta nella letteratura universale”. E’ quanto ha dichiarato l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri che questa mattina ha assistito alla sottoscrizione della convenzione tra la Direttrice della Biblioteca Nazionale Elvira Graziani e Lanfranco Piromalli, figlio del critico letterario. In base a questo accordo con il quale verranno esposti gli oltre 8 mila volumi della biblioteca di Antonio Piromalli presso due sale esclusivamente dedicate al fondo del donatore. Elvira Graziani ha dichiarato che “la Biblioteca Nazionale di Cosenza e’ particolarmente soddisfatta da questa donazione che proviene dagli eredi di uno dei più illustri critici letterari del Novecento, conferendo alla nostra istituzione ulteriore lustro e prestigio”. Lanfranco Piromalli ha evidenziato che “grazie all’intervento dell’Assessore Caligiuri, la famiglia e’ ben lieta che questo patrimonio, attualmente a Roma, venga custodito e valorizzato in Calabria. Ci auguriamo di poter consegnare presto anche l’archivio, che contiene documenti di grande interesse come migliaia di lettere, articoli, fotografie, documenti e rassegne stampa”.

Calabria, riunita la commissione giudicante gli elaborati delle scuole

La “Giornata regionale della Cultura” ha effettuato una prima selezione degli oltre 450 elaborati degli allievi calabresi. Ne resteranno solo 70 che saranno pubblicati in un volume edito da Walter Pellegrini

scritturaCatanzaro, 17 novembre – L’Assessore alla Cultura Mario Caligiuri ha partecipato questa mattina a Cosenza presso il “Terrazzo Pellegrini” alla riunione della commissione che ha esaminato i racconti elaborati nelle scuole calabresi in occasione della “Giornata della scrittura”, promossa dalla Regione Calabria, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale e svoltasi il 29 settembre in contemporanea in tutte le scuole calabresi. Oltre 200 le scuole che hanno partecipato con oltre 450 elaborati. Hanno partecipato all’incontro l’editore Walter Pellegrini e gli scrittori Mimmo Gangemi, Santo Gioffre’ e Roberto Bevacqua. In video conferenza hanno partecipato anche il Presidente della Commissione Giulio Rapetti Mogol e il Vice Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Giuseppe Mirarchi. E’ stata effettuata una prima selezione dei testi per individuare quelli che verranno ospitati all’interno del volume edito dalla Pellegrini, sia in formato digitale che cartaceo. Il libro, che conterrà intorno a 70 testi, verrà presentato in occasione della manifestazione delle”Eccellenze scolastiche calabresi 2014″. Nell’occasione, a tutti gli studenti i cui lavori verranno pubblicati nel testo, verrà conferito l’attestato di “Eccellenza scolastica calabrese” e verranno anche individuati nove testi, tre per tipo di scuola (elementari, medie e superiori) a cui sarà assegnata anche “La penna d’argento” realizzata appositamente da un orafo calabrese. La commissione ha evidenziato che si tratta del “primo esperimento partecipato di scrittura nelle scuole italiane”, che conferma, insieme al netto primato calabrese nella manifestazione ministeriale di lettura ad alta voce “Libriamoci”, la grande attenzione della scuola calabrese verso la lettura. Una serie di iniziative in crescendo che ribadiscono la priorità della lettura nelle politiche culturali.

Cultura, le Regioni si mobilitano per “Matera 2019”

La candidatura di Matera a Capitale europea della Cultura 2019 , è “un dono del Sud al resto d’Italia e d’Europa che puo’ cambiare il destino delle comunita’ puntando sulla cultura”
logo-Matera-2019

Roma, 15 novembre  – La Commissione Cultura della Conferenza delle Regioni e’ stata incentrata sull’audizione del Sindaco Salvatore Adduce che ha presentato “Matera Capitale europea della Cultura 2019”. Ha introdotto i lavori il Coordinatore della Commissione Mario Caligiuri, Assessore alla Cultura della Regione Calabria, che ha evidenziato come “negli anni Cinquanta i sassi di Matera venivano considerati una vergogna nazionale mentre adesso rappresentano un’occasione di sviluppo straordinaria per il Sud e l’intero Paese. Questo conferma che, pur tra contraddizioni e in anni difficili, sta avvenendo una mutazione genetica nelle regioni meridionali che possono trasformare le debolezze in opportunità e modificarsi da luoghi di consumo in luoghi di creazione culturale”.
Il Sindaco Adduce ha svolto un ampio e articolato racconto sul riconoscimento di “Matera Capitale europea della Cultura 2019”, evidenziando che “non ci sono vincitori o sconfitti ma una grande opportunità per tutto il Paese” e che quindi si puo’ parlare di “Italia 2019”, per valorizzare l’impegno di tutte le 21 citta’ che hanno presentato la propria candidatura. Ha quindi consegnato simbolicamente i due dossier presentati alla Commissione Europea che hanno illustrato la candidatura di Matera, definita “un dono del Sud al resto d’Italia e d’Europa che puo’ cambiare il destino delle comunita’ puntando sulla cultura”, mettendo in rete territori e infrastrutture. Il Sindaco ha poi evidenziato i percorsi che hanno accompagnato il riconoscimento, evidenziando in particolare il coinvolgimento della Citta’, a cominciare dai bambini. “Abbiamo chiesto passione” ha spiegato, ricordando i tanti apporti gratuiti e generosi che ci sono stati, anche da parte di tanti intellettuali italiani e stranieri.
“Abbiamo promosso e realizzato una ricognizione delle idee e della creatività, proponendo non un elenco di eventi ma un’area di produzione della cultura. E’ un progetto politico, con azioni che possono mutare il destino delle comunità, con iniziative che non culminano e si esauriscono con il 2019, ma si mantengono nel tempo. Adduce ha quindi concluso dicendo che per l’occasione, com’e’ avvenuto negli altri casi, “e’ prevista una decuplicato dei turisti, ma quello che a noi interessa e’ la creazione di un modello di sviluppo economico basato sulla cultura che si autosostenga nel tempo”. Sono quindi intervenuti alcuni degli assessori regionali presenti. Tra questi, Silvia Godelli (Puglia) che ha ribadito come “Matera 2019” metta in evidenza le potenzialità delle aree interne del Mezzogiorno, che deve procedere unito per esaltare le tante risorse di cui dispone, cogliendo subito l’opportunità dell’Expo di Milano. Per Massimo Mezzetti (Emilia-Romagna) occorre fare crescere questa candidatura e considerarla un fiore all’occhiello di tutta l’Italia.
Cleo Li Calzi (Sicilia) ha apprezzato il metodo adottato per il riconoscimento di “Matera 2019” che rappresenta un progetto di sviluppo complessivo. “Matera 2019” puo’ essere un brand di rilancio per tutta l’Italia ha detto Giuseppe Mellarini (Provincia autonoma di Trento) che ha inteso anche ricordare il ruolo di Alcide De Gasperi per la salvaguardia e il riscatto della citta’ dei sassi. La riunione e’ stata conclusa dal Coordinatore Caligiuri che ha rilevato come l’incontro odierno abbia rappresentato un momento di alto significato che illustra il lavoro svolto dalla Commissione Cultura delle Regioni in questi anni per porre la cultura al centro della vita degli italiani e alla base del progresso personale e del benessere collettivo.

Allo Smau Calabria le imprese innovative calabresi e meridionali

L’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri commenta la manifestazione “Smau Calabria” che si svolgerà il 18 e 19 novembre 2014, presso la Fondazione “Mediterranea Terina” a Lamezia Terme.

smauCatanzaro, 10 novembre – “Una vetrina internazionale per fare toccare con mano l’innovazione che la Calabria sta producendo in questi anni, proponendosi anche come luogo di incontro della ricerca per il Meridione e il Mediterraneo”. Con queste parole l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha commentato la manifestazione “Smau Calabria” che si svolgerà il 18 e 19 novembre 2014, presso la Fondazione “Mediterranea Terina” a Lamezia Terme. L’evento e’ stato realizzato in collaborazione con SMAU di Milano, Regione Calabria, Fincalabra e “CalabriaInnova” e sarà l’occasione per presentare le imprese innovative calabresi e meridionali. Alla giornata inaugurale, introdotta dall’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri, saranno presenti, tra gli altri il direttore della comunicazione di “Expo 2015″ Roberto Arditti, il Presidente di Fincalabra Luca Mannarino, il Dirigente di Area Science Park di Trieste Stephen Taylor, l’Amministratore Delegato di Smau Pierantonio Macola, mentre sono stati invitati il Console del Regno del Marocco in Italia Ahmed Sabri e il Presidente di ISIAMED Gianguido Folloni. “La Regione Calabria – aggiunge Caligiuri – secondo Infocamere, con un +263% di crescita è prima in classifica in Italia per incremento del numero di imprese innovative nel 2013. Questo dato riassume i risultati che si stanno ottenendo nel settore della ricerca nella nostra regione, dove, attraverso consistenti investimenti, si sono create le concrete premesse per occupare oltre mille giovani ricercatori. Il cambio di passo e’ evidente e gli effetti saranno ancora più significativi nel prossimo futuro. E che la Calabria sia diventata un’area ospitale per l’innovazione lo confermano le scelte strategiche di Poste e Telecom che hanno ubicato proprio nella nostra regione centri di ricerca di interesse nazionale”. Tanti gli eventi previsti, tra i quali la presentazione dei progetti d’impresa delle startup e degli spin-off universitari, le opportunità dei bandi e dei finanziamenti per le imprese, i Premi “Innovazione ICT”, da assegnare ai migliori progetti delle tecnologie digitali, e “Lamarck”, riservato ai più innovativi progetti delle startup. Particolare attenzione verrà riservata alle concrete opportunità che si aprono con “Expo 2015”, “Matera 2019” e l’internazionalizzazione mediterranea tra export e innovazione, valorizzando i progetti delle imprese calabresi nei settori delle nuove frontiere della stampa 3D, dell’e-Commerce, della Big data, della sicurezza delle informazioni, del turismo, della mobilita’ e dei beni culturali. Sul sito www.smau.it e’ gia’ possibile prenotare con anticipo gli appuntamenti con relatori, startup e imprese presenti all’evento.

 

Calabria, a scuola linee guida di attuazione della legge sui disturbi di apprendimento

L’assessore alla Cultura, Mario Caligiuri: ‘i disturbi specifici dell’apprendimento rappresentano un’area estesa da considerare con grande attenzione per assicurare il massimo successo scolastico ed universitario degli studenti che ne sono afflitti’
dislessiaCatanzaro, 10 novembre – L’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha trasmesso ai responsabili regionali dei Servizi Sociali e della Sanità, oltre che all’Ufficio Scolastico Regionale, la bozza delle Linee guida sull’applicazione della legge regionale 10/2012 sui disturbi specifici dell’apprendimento. Tale documento e’ frutto del lavoro di un tavolo interistituzionale al quale hanno preso parte Sonia Tallarico e Antonella Cauteruccio (Assessorato alla Cultura), Vincenzo Caserta (Assessorato ai Servizi Sociali), Giuseppina Russo (Assessorato alla Salute), Maria Carmela Siclari (Ufficio Scolastico Regionale), Giacomo Stella (Istituto di Ricerca Dislessia Evolutiva), Caterina Iannazzo (Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza), Teresa D’Andrea e Natalia Iannazzo (Associazione “Potenziamenti” di Rende), Maria Pia Scafuro Associazione Italiana Dislessia), Armando Curatola (Università di Messina), Antonella Valenti (Università della Calabria).
Caligiuri ha dichiarato che “si tratta di un lavoro svolto in profondità che, con l’assunzione di atti successivi, certamente puo’ contribuire a rendere operative e applicabili le norme nazionali e regionali sui disturbi specifici dell’apprendimento che rappresentano un’area estesa e da considerare con grande attenzione per assicurare il massimo successo scolastico ed universitario degli studenti interessati da questi disturbi, che vanno identificati soprattutto attraverso una diagnosi precoce”.

Calabria, accordo con ‘Matera 2019’ occasione di sviluppo per il Sud

Mario Caligiuri, assessore alla Cultura, sigla un documento di intenti con il Sindaco di Matera Salvatore Adduce venerdì 7 novembre alle ore 18 a Catanzaro presso la sede della Giunta di Palazzo Alemanni
caligiuri-mario-serio-400x300Catanzaro, 5 novembre  – “Matera capitale europea della cultura 2019 puo’ essere una straordinaria occasione di sviluppo di tutto il Mezzogiorno, attraverso la promozione del patrimonio culturale. E puo’ essere significativo partire dalla Calabria che gia’ con i soli Bronzi di Riace custodisce un simbolo della civiltà occidentale”. Con queste parole l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha comunicato la sottoscrizione di un documento di intenti che avverrà venerdì 7 novembre alle ore 18 a Catanzaro presso la sede della Giunta di Palazzo Alemanni con il Sindaco di Matera Salvatore Adduce. Saranno presenti l’Assessore Caligiuri e il Direttore Regionale dei Beni Culturali Francesco Prosperetti per rappresentare i rispettivi Enti. Sono stati invitati all’incontro anche i sindaci delle cinque citta’ capoluogo della Calabria Occhiuto, Abramo, Vallone, D’Agostino e Falcomata’. Come si ricorderà anche Reggio Calabria era stata una delle 21 città italiane ad avanzare la candidatura quale Capitale europea della Cultura per il 2019.

 

Calabria, valorizzare imprese innovative del turismo e beni culturali in Expo 2015

Caligiuri, assessore alla Cultura, scrive al Ministro Dario Franceschini per presentare le imprese innovative calabresi finanziate dalla Regione Calabria attraverso “CalabriaInnova”
IMG_20141023_104956Catanzaro, 5 novembre  – L’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha scritto al Ministro dei i Beni Culturali Dario Franceschini per presentare le imprese innovative calabresi finanziate dalla Regione Calabria attraverso “CalabriaInnova” per lo sviluppo del turismo e dei beni culturali che possono essere valorizzate nell’ambito di Expo 2015. Caligiuri scrive al Ministro che “qualche giorno fa durante l’incontro che ha preceduto il Forum Europeo della Cultura e del Turismo di Napoli, ho avuto modo di condividere il tuo pensiero circa l’Expo 2015, come un evento internazionale fondamentale per “cambiare il clima del Paese”. “E’ utile svolgere delle azioni specifiche per fare in modo che i sette, otto milioni di visitatori aggiuntivi previsti per l’evento internazionale di Milano “Expo 2015” che si svolgerà da marzo a ottobre 2015 possano raggiungere anche le regioni meridionali, considerato che attualmente solo il 15 per cento dei turisti si sposta sotto Roma. Ti evidenzio che la Regione Calabria ha oggi un potenziale, di imprenditorialità tecnologicamente innovativa, per valorizzare a fini turistici e culturali il patrimonio naturale, artistico e archeologico, non solo della nostra regione. I recenti dati elaborati da “Infocamere” sulla crescita delle startup innovative in Calabria (+263%) nell’ultimo anno, porta alla ribalta nazionale il grande fermento dei talenti calabresi. Le politiche regionali sulla ricerca hanno consentito la nascita di imprese spin off all’interno delle università e di startup innovative promosse da giovani laureati. In questi anni abbiamo assistito alla nascita di circa 50 nuove imprese innovative, create da oltre 100 ricercatori, gia’ pronte ad affrontare il mercato. Tra queste, alcune orientate al turismo e alla valorizzazione dei beni culturali in Calabria, il cui elevato potenziale ha avuto già modo di essere apprezzato durante la recente edizione di SMAU Milano 2014.
“Altrama Italia” è specializzata nella promozione turistica e nella valorizzazione dei beni culturali. L’azienda ha ideato e realizzato “Viaggiart” un servizio che permette di conoscere tutta l’offerta turistica partendo dalla ricerca di luoghi culturali, utilizzando i dati ufficiali del Suo Ministero. L’interazione avviene attraverso un’app mobile ed un portale web (www.viaggiart.com). Viaggiart dota i Comuni Italiani che vogliono promuovere i beni culturali e le aziende che operano nella filiera turistica di un potente strumento di marketing territoriale. Ha vinto nel 2014 il Premio “Next” di “La Repubblica delle Idee”, Festival dell’Innovazione organizzato dal quotidiano “La Repubblica”. Reclife srl è un’impresa sorta  nell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria che opera nel settore delle tecnologie dell’informazione. La società sviluppa prodotti interattivi per la visita all’interno dei musei (www.myculturec.com). Gli stessi giovani hanno anche realizzato una piattaforma che promuove su internet e i social media un’offerta integrata, sulla base delle esigenze dei visitatori, valutando il gradimento e la soddisfazione dell’esperienza turistica. (www.smartdmo.eu). A queste si aggiunge “Tech4sea s.r.l.” dell’Università della Calabria la cui mission è lo sviluppo di soluzioni robotiche per il recupero e il restauro archeologico sottomarino. Anche l’analisi dell’enorme mole di dati prodotta attraverso il web, è importante strumento a supporto delle decisioni, a cominciare da quelle della pubblica amministrazione. In tale direzione “DtoK Lab” si interessa dell’analisi di Big Data. Ha gia’ prodotto elaborazioni durante la Coppa del Mondo in Brasile e il referendum sull’indipendenza della Scozia. Queste analisi possono avere evidenti implicazioni anche nelle politiche per il turismo. (www.dtoklab.com). Ci sono inoltre altre due iniziative innovative calabresi che si occupano di mobilità e Smart Cities: il Progetto “SMOB. Social MOBility”, che ha realizzato una piattaforma social, denominata “CityRide”, che permette l’incontro tra privati cittadini che desiderano condividere un viaggio, risparmiando tempi e costi di spostamento, riducendo le emissioni inquinanti e favorendo il processo di socializzazione tra persone che non si conoscono. (www.demo.cityride.it). La stessa società ha creato anche “WeSmart”, che si dedica allo sviluppo di applicazioni innovative legate alle Smart Cities. (www.wesmart.it)”. “Mi permetto di segnalarti questi fermenti di innovazione che si stanno realizzando in Calabria e che possono essere certamente utili per tutto il Paese, chiedendoti di valutare la possibilità di poterli utilizzare e farli conoscere in un contesto internazionale, a cominciare da Expo 2015”.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]