Alla scoperta delle regioni vinicole del mondo: i trend dell’enoturismo 2016

Una vacanza all’insegna del buon vino Berlino

Tuscany---HomeToGo(www.hometogo.it/media/enoturismo-2016/) 29 aprile 2016 – I vitigni toscani o quelli abruzzesi, la nota Champagne oppure ancora le verdi colline de El Bierzo o quelle più a nord della tedesca Rheinhessen, le valli d’Australia o i vigneti lungo le coste californiane: l’enoturismo è una realtà con tanto da offrire. www.hometogo.it/media/enoturismo-2016/ , HomeToGo il più grande meta-motore di ricerca per case e appartamenti vacanza, ha selezionato 6 tra i più noti Paesi produttori di vino al mondo suggerendo un soggiorno di un fine settimana, oppure di più, in una villa o in un agriturismo, alla scoperta di paesaggi e tradizioni di realtà vinicole vicine e lontane.

Rheinhessen---HomeToGoL’Italia, la Francia e la Spagna sono tre Paesi dalla tradizione vitivinicola secolare nonché i maggiori produttori di vino in Europa. Mentre i primi due si distinguono per aree e tecniche di produzione consolidate e di risaputo successo, la Spagna, in particolare, sperimenta nuove esperienze sensoriali offrendo percorsi in aree emergenti, un must per veri amanti del vino. Ospitalità, ricca tradizione enogastronomica, clima e paesaggi: davvero non manca nulla per una vacanza all’insegna del buon vino in queste tre regioni mediterranee. Infine la Germania, è anch’essa in grado di stupire con diverse chicche e alcuni record in fatto di vini.

L’Italia – In vino veritas, eccellenze vinicole di fama mondiale

L’Italia non è solo il maggiore produttore di vino al mondo ma è anche patria della più antica tradizione vinicola. Quasi tutte le regioni italiane producono vino, il vino stesso è parte della cultura di questo Paese e radicata componente del modo di vivere nostrano. Oltre 3 milioni i turisti che decidono ogni anno di scoprire il meglio dell’esperienza enoturistica italiana. La Toscana, terra di rubini e granati davvero preziosi, tra cui il Morellino di Scansano e il Brunello di Montalcino, ma, soprattutto, icona del Chianti, è produttrice di alcuni dei vini italiani più richiesti all’estero. Oltre 14 le strade del vino, ognuna con realtà uniche e prodotti gastronomici da provare durante un soggiorno tra le colline toscane in fiore, in una villa o in un agriturismo, magari con patio o piscina, che è possibile trovare su www.hometogo.it. La produzione vinicola del Veneto è tra le maggiori in Italia ed in Europa ed anche tra le più variegate: rossi, bianchi e rosati ma anche passiti e spumanti per oltre 25 DOC e 14 DOCG. Tra i nomi di fama mondiale il rosso Amarone della Valpolicella ed i bianchi Soave e Gambellara; il suo Prosecco, poi, è ormai componente degli aperitivi nel mondo. Anche qui tante le Strade del Vino che guidano alla scoperta di cantine, castelli, borghi e tradizioni enogastronomiche per un fine settimana dal sapore piacevolmente amarognolo o decisamente spumeggiante. Primo propulsore del rilancio dell’enologia italiana nel mondo, il Piemonte, è una regione vitivinicola dalla robusta esperienza ed una superficie vitata che raggiunge persino le zone alpine e prealpine. La zona più celebre in assoluto sono, forse, le Langhe, di recente inserite nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO e culla di due grandi nomi tra i vini piemontesi: il Barolo e il Barbaresco. Famosi anche il Dolcetto d’Alba e l’Asti, realizzato, quest’ultimo dalle sole uve del Moscato bianco. Ben 20.000 le aziende vitivinicole con numerose cantine aperte per degustazioni. Qui quasi il 14% delle ville in affitto sono agriturismi, in grado di offrire ai numerosi turisti, esperti o recenti scopritori del vino, una vera vacanza rustica ai piedi delle Alpi Occidentali. Nonostante il territorio di montagna, tutelato da numerosi parchi e riserve nazionali, l’Abruzzo è la regione che produce quasi il doppio della quantità di vino prodotta ogni anno dalla Toscana. La sua tradizione vitivinicola ha origini davvero antiche, riconducibili agli Etruschi. Tra i vini più conosciuti: il rosso Montepulciano d’Abruzzo, il Cerasuolo, la versione rosé della stessa uva, ed il bianco Trebbiano d’Abruzzo; Pecorino e Passerina due dei vitigni autoctoni da valorizzare. Tanti i Sentieri del Vino da percorrere nella natura dei poliedrici paesaggi abruzzesi riscoprendone borghi medievali, ristoranti ed osterie.

Burgundy---HomeToGoLa Francia – Una cultura del vino dall’influenza internazionale

La Francia è un Paese del vino di fama mondiale, che vanta una forte tradizione vinicola ed una varietà di uve e vini davvero estesa, in grado davvero di conquistare ogni palato. I vini di Bordeaux, regione vinicola nel sud-ovest del Paese, sono considerati le varietà più raffinate che è possibile provare, il risultato della selezione ed unione di alcune tra le uve più note da cui si producono i famosi Merlot e Sauvignon. Oltre alle diverse attività legate all’enoturismo, per i tipi più avventurosi, il Cammino di Santiago di Compostela potrebbe essere una sfida fisica e spirituale da considerare durante un soggiorno nella regione. La Borgogna, regione in cui il clima la fa da padrone, è particolarmente nota per il Pinot nero e lo Chardonnay nonché apprezzata destinazione dagli amanti della natura e gli appassionati di edifici antichi. Il vino spumante più famoso del mondo, lo Champagne, prende il nome dalla regione in cui è prodotto: la Champagne-Ardenne. La Champagne Tourist Route, sentiero del vino della regione, si estende per più di 600 chilometri e porta ad altre località turistiche della regione come Reims e Troyes. Infine, il territorio eterogeneo di Rhône-Alpes, la seconda regione vinicola più grande della Francia, anche nota per la sua gastronomia, è la culla di ben 45 denominazioni diverse, di cui 7 specifiche della Valle del Rodano.

La Spagna – Percorsi del vino tra cantine d’avanguardia

La Spagna, è il perfetto di mix di tradizione e avanguardia. Paese dalla sentita tradizione ed antica storia enogastronomica è il panorama enoico sullo sfondo del quale sono emersi, negli ultimi anni, nuovi importanti vini che stanno ottenendo riconoscimenti a livello internazionale. El Bierzo e Bullas sono due delle regioni vinicole emergenti: la prima, in cui persino l’aria profuma di vino, preferisce la coltura dell’uva autoctona Mencía, una varietà coltivata quasi esclusivamente nella Spagna nordoccidentale dalle fresche note fruttate, la seconda, particolarmente nota per i suoi vini rossi, ospita più di 200 cantine tradizionali ed un museo del vino. È Ribera del Duero la regione vitivinicola spagnola che si sviluppa lungo l’omonimo fiume, distante circa 120km dalla capitale Madrid, cresciuta a tal punto da poter sfidare La Rioja, casa, quest’ultima, nota a livello internazionale per i suoi brillanti e fruttati vini rossi, invecchiati in botti di legno pregiato.

La-Rioja---HomeToGoLa Germania – Con la qualità non si scherza

La Germania, infine, tra tutti il Paese meno noto per la sua produzione vinicola, riserva comunque alcune chicche enoiche per chi volesse percorrere sentieri meno convenzionali. Qui con la qualità non si scherza e gli standard definiti dal sistema di classificazione dei vini tedesco sono piuttosto rigorosi. La viticoltura avviene per lo più nel sud-ovest del Paese su una superficie di circa 102.000 ettari. Il principale vitigno della Rheinhessen, o Renania, “la terra dalle mille colline” nella Germania occidentale, nonché la più grande regione vinicola tedesca, è il famoso Riesling. Il 2016 è l’anno perfetto per una vacanza nella regione che festeggia quest’anno il suo 200° anniversario. È, pero, la più piccola Pfalz, o Platinato, la numero 1 del Riesling, coltivato su oltre 5.000 ettari nella verde Valle del Reno. Uno su tre vini acquistati in Germania proviene da questa regione la cui tradizione vinicola ha origini romane antichissime. P.S. in marzo in mandorli sono in fiore. Baden, invece, si distingue per il clima quasi mediterraneo ed una sentita ospitalità. Il clima, la peculiare composizione del terreno e le rocce di origine vulcanica sono il motivo principale per il quale i vini prodotti nella zona hanno sapori così particolari. Infine, Mosel ha il record mondiale quando si tratta di viticolture su territori in forte pendenza, questo il caso di 3.800 ettari su cui tutto è ancora svolto senza l’utilizzo di macchine.

Australia e California – Mix di culture e tradizioni d’oltreoceano

La produzione di vino in Australia supera il miliardo di litri ogni anno. Qui clima e caratteristiche del territorio conferiscono a ciascun vino un inconfondibile gusto. La Barossa Valley è una delle regioni vinicole più antiche, con oltre 70 cantine da poter visitare per una degustazione, magari di uno dei vini più famosi, il rosso e speziato Shiraz. Nella Yarra Valley, a poco meno di un’ora di distanza da Melbourne, si producono i vini Pinot Grigio e Chardonnay della miglior qualità. Qui meritano una visita non solo cantine ed aziende vinicole ma anche parchi nazionali, gallerie d’arte e mercati locali con prodotti freschi. Con una superficie di circa 200.000 ettari, la California è la più grande regione vinicola degli Stati Uniti, la cui produzione di vino è pari a quasi il 90% della produzione totale. La Napa Valley è riconosciuta a livello internazionale come una delle “Great Wine Capitals”, particolarmente famosa per i vini Chardonnay e Cabernet Sauvignon, dista 90 minuti da San Francisco.Una volta atterrati all’aeroporto Santa Barbara, regione vinicola dalle forti influenze spagnole, si consiglia di noleggiare un’auto per un indimenticabile road trip lungo la costa californiana. Sonoma County, è il perfetto connubio di tradizione vinicola e tutela del territorio, destinazione ideale per una fuga romantica o una rimpatriata tra amici. La Temecula Valley potrebbe sorprendere persino i veri enofili, magari con una degustazione a diversi metri di altezza a bordo di una mongolfiera.

Lo studio, mappe e grafici interattivi, i prezzi di soggiorno nelle diverse destinazioni selezionate e le informazioni relative alla metodologia sono consultabili alla pagina www.hometogo.it/media/enoturismo-2016/

A proposito di HomeToGo

HomeToGo è il più grande meta-motore di ricerca per case e appartamenti vacanza che permette di cercare e confrontare in modo facile e veloce le oltre 6 milioni di offerte disponibili in oltre 200 Paesi e da più di 250 siti diversi. Con i vari filtri a disposizione l’utente può trovare la sistemazione più adatta alle proprie esigenze ordinando le proprietà secondo destinazione, data di arrivo e partenza, prezzo e servizi richiesti. Il quartier generale è a Berlino. Fondata da Patrick Andrä, Wolfgang Heigl e Nils Regge, ad oggi l’azienda conta più di 70 dipendenti ed è attiva in 9 nazioni europee e negli Stati Uniti.

Visitare la California durante il California Wine Month

Quattro itinerari all’insegna di festival, degustazioni e buona tavola

politifact-photos-california-welcomeSACRAMENTO, CA (15 settembre 2015) – Immaginate di sfrecciare a bordo di una decappottabile lungo le immense strade californiane accompagnati dal profumo dei vigneti: se siete amanti della buona tavola ed amate viaggiare, settembre è il mese giusto per realizzare il vostro sogno e visitare la meravigliosa regione dei vini californiana. Proprio in questo mese si svolge infatti il California Wine Month, un intero mese dedicato alla cultura del vino. Le aziende vinicole di tutto lo stato danno la possibilità di assaggiare le loro etichette migliori in occasione di  festival, degustazioni, eventi speciali, oltre a proporre lezioni orientative sulla produzione del vino.

Di seguito quattro itinerari da non perdere.

1) Dalla Baia di San Francisco lungo la costa settentrionale

Per chi ama le strade meno battute, l’ideale è fuggire nella selvaggia e rocciosa costa del nord, dove ad attendere il visitatore ci sono piccole aziende vinicole, borghi romantici e una coltre di nebbia che avvolge le foreste di sequoia. Si parte da  San Francisco, capitale gastronomica degli Stati Uniti. Tappa obbligatorie il  Ferry Building Marketplace,  ed il panificio Boudin. Si prosegue poi lungo il dolce percorso del Chocolate Trail Tour. Il secondo giorno si lascia alla spalle il Golden Gate alla volta di Sonoma per incontrare i produttori di formaggi lungo il Marin Cheese Trail ed assaggiare i dolci fatti a mano al  Mom’s Apple Pies. Relax assoluto con un tour dedicato allo yoga e al vino oppure divertimento e cultura con una lezione di enologia. Il terzo giorno vi porterà a nord per una degustazione di vini biologici di Mendocino County, una lezione di cucina presso la Philo Apple Farm, ed una notte sul mare a Mendocino. Quarto giorno: Napa Valley. Qui le opzioni sono infinite: dal Bottle Blending Day Camp nella Judd’s Hill Winery e la Silverado Cooking School al Silverado Wine Trail ed il Napa Valley Wine Train. Dedicate l’ultimo giorno all’ Edible Excursions tour del Berkeley’s Gourmet Ghetto e concludete il vostro viaggio con l’ Oakland Wine Trail.

2) Sacramento e la regione della High Sierra californiana


Partenza dal celebre State Capitol di Sacramento, capitale dello stato e città famosa per la sua cultura e per essere la sede del più alto numero di ristoranti citati nelle classifiche di Zagat nel nord della California. Immergetevi nella natura con i Local Roots Food Tours e perdetevi tra i vigneti della Sacramento Valley. Sporcatevi le mani nelle aziende agricole e nelle fattorie con il farm or ranch tour. Il secondo giorno, andate alla ricerca delle pietre preziose tra la Sierra Foothills wine region, che vanta alcune delle migliori cantine dello stato, e le numerose cittadine che risalgono al periodo della Corsa all’Oro.  Cenate a bordo della crociera  M.S. Dixie II Paddlewheeler sulle acqua meridionali di  Lake Tahoe, e la mattina successiva risalite verso nord. Dopo il pranzo in uno dei ristoranti sulle sponde di North Lake Tahoe dedicatevi allo shopping e fate una sosta a Nevada City. Il quarto giorno recatevi al Lodi Wine & Visitor Center, dove conoscerete i prodotti  e le usanze locali con il Lodi Wine Trail  ed il Lodi Wine & River Tours.

3) Alla scoperta della costa centrale

Al sorgere del sole, risvegliate il vostro appetito con un po’ di surf a Santa Cruz, dirigetevi a nord verso Harley Farms, un caseificio del 1910 che oggi, rinnovato, vanta 200 capre alpine che producono il famosissimo formaggio dell’azienda agricola. Scendete a sud per godervi la brezza dell’oceano lungo  il Corralitos Wine Trail. Fate una passeggiata a cavallo nei vigneti ed il giorno successivo provate il Food Tour nella cittadina di Carmel o l’ Ag Venture Tours dedicato all’ educazione agraria . Osservate la vita marina e cenate al View del Monterey Bay Aquarium, pioniere nel Seafood Watch. Una passeggiata lungo Cannery Row  per poi visitare la regione dei vini di Monterey County con una sosta a Monterey (Taste of Monterey). Il giorno successivo seguite i tornanti che vi regaleranno viste mozzafiato sul pacifico e arrivate a Big Sur, continuate poi a sud per il Cottages & Kitchen Tour  a Hearst Castle. Provate le sale di degustazione di Paso Robles, i negozi di prodotti artigianali e prendete il volo con lo zipline vineyard tour o con il vineyard helicopter tour. Ultimo giorno: Sideways Tour della regione del vino di Santa Barbara o in alternativa provate il Sweet Treats Trail nella storica città danese di Solvang.

4) La California del sud: da Los Angeles a San Diego

Si parte con un giro orientativo di Los Angeles grazie al Melting Pot Tour, per poi dirigersi verso la regione dei vini diMalibu, dove è possibile incontrare attori e VIP. Il giorno successivo provate i piatti gourmet preparati da chef famosi  in uno dei tanti ristoranti di Beverly Hills, o assaggiate specialità etniche meno costose, a Koreatown e Little Tokyo. Terzo giorno: direzione sud per una passeggiata in bicicletta organizzata dal Pedego Electric Bikes’ Temecula Valley Tour, con la possibilità di visitare Old Town Temecula, recentemente restaurata. Iniziate il vostro quarto giorno con una gita in mongolfiera su Temecula Valley, per poi guidare fino a San Diego, dove potrete provare i ristoranti messicani più buoni dello stato. Concludete il vostro road trip con il Winery Train Tour di San Diego e con una cena a Gaslamp Quarter, sede di ristoranti e locali molto famosi. Prima destinazione enogastronomica degli Stati Uniti,  la California è la destinazione ideale per tutti coloro che amano coniugare il piacere della buona tavola con un pizzico di avventura, a settembre e lungo tutto il corso dell’anno.

Visit California è un’organizzazione no-profit la cui missione è di sviluppare e sostenere programmi di marketing in collaborazione con l’industria del turismo locale, finalizzati a mantenere la California quale primaria destinazione turistica. Nel 2014 il turismo ha generato incassi per 117,5 miliardi di $, sostenendo 1.013.000 posti di lavoro e versando 9,3 miliardi di $ in tasse locali e statali. Per maggiori informazioni e richiedere una guida gratuita visitare www.VisitCalifornia.it. Ulteriori informazioni per la stampa su itinerari e storie originali, scaricare immagini e video, consultare media.visitcalifornia.com  

Estate a Mammoth Lakes all’insegna di escursioni, musica e divertimento

La cittadina californiana situata nella High Sierra è nel pieno della stagione estiva e si presenta ai suoi ospiti con un clima temperato ed uno scenario spettacolare

convictMammoth Lakes, 28 luglio – Passeggiate, escursioni, trekking e tanto divertimento attendono i visitatori che sceglieranno di trascorrere qualche giorno a Mammoth Lakes quest’estate. La cittadina californiana situata nella High Sierra, a meno di un’ora dall’entrata est del Parco di Yosemite, è nel pieno della stagione estiva e si presenta ai suoi ospiti con un clima temperato ed uno scenario spettacolare, l’ideale per dedicarsi al trekking. Un’escursione  in montagna è senza dubbio il modo migliore per immergersi nella natura e godersi il silenzio in alta quota, silenzio rotto solamente dal rumore di falchi e fagiani che popolano le foreste circostanti.  Per escursioni in giornata si consigliano le aree selvagge di John Muir e Ansel Adams, sentieri di media difficoltà che attraversano bellissimi prati rigogliosi e laghi di acqua dolce e che consentono di ammirare gli spettacolari paesaggi della regione. Tutte le mappe dei percorsi escursionistici sono disponibili presso il California Welcome Center di Mammoth Lakes, mentre numerose sono le guide dedicate al trekking in vendita nei negozi della cittadina. Molto importante è pianificare l’escursione con anticipo tenendo in considerazioni fattori fondamentali come il meteo, il livello di difficoltà e l’equipaggiamento necessario. E dopo un’intera giornata in montagna, è d’obbligo un momento di relax. Per tutti i visitatori che si troveranno a Mammoth Lakes dal 30 luglio al 2 agosto, da non perdere il  Festival of Beers and Bluesapalooza, ormai arrivato alla sua ventesima edizione. Considerato l’evento più bello di tutta la stagione estiva, si tratta di un festival all’aperto che unisce la degustazione delle migliori birre artigianali della California con concerti di musica rigorosamente blues. Grandi nomi del Blues saranno protagonisti sul palco dell’evento, tra cui Robert Cray, vincitore di cinque Grammy Awards, considerato uno dei migliori chitarristi dei nostri tempi.

Matrimoni gay, in California le prime nozze tra una coppia dello stesso sesso

nozze gayDopo il via libera della Corte d’Appello, Kris Perry e Sandy Stier hanno coronato il loro sogno d’amore. 

San Francisco, 29 giugno – Confetti bianchi a San Francisco per le prime nozze gay. Dopo meno di un’ora dal pronunciamento della Corte d’Appello del nono circuito in California, che ha dato il via libera ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, Kris Perry e Sandy Stier, la coppia di donne che aveva sollevato il problema davanti alla Corte suprema, ha coronato il loro sogno d’amore.  Continue Reading

Immigrati: Lazio centro di attrazione

foto-forte-immigrazioneIl secondo rapporto del “Lazio nel mondo” rivela una presenza elevata di migranti nella regione. Ma ci sono anche molti ‘laziali’ in partenza Roma, 28 giugno –“ La presenza degli immigrati stimola a pensare in grande, a rinnovare il passato, a essere creativi e non ripetitivi, facendoci carico della loro tutela” lo dice Rita Visini, Assessore regionale alle Politiche Sociali della regione Lazio in occasione della presentazione ieri del secondo rapporto del “Lazio nel mondo” in collaborazione con Centro studi e ricerche Idos con il coordinamento di Franco Pittau. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]