Consumo consapevole dell’olio extra vergine d’oliva grazie a “RevOILution”

Gli attestati e i premi vinti, confermano la validità dei vantaggi del rivoluzionario robot da cucina

premiazione LamarckMILANO, 27 ottobre – Erano oltre 300 le startup che concorrevano a Smau Milano (21/23 ottobre 2015), per aggiudicarsi l’ambito Premio Lamarck. Che è stato vinto da Antonio Pagliaro founder di Age, la startup calabrese specializzata nel foodtech (l’unica del Sud Italia a vincere) che ha inventato “RevOILution” l’avveniristico e, come il nome invita, rivoluzionario robot da cucina che spreme in casa l’olio extra vergine d’oliva. In soli 45 minuti. Il premio Lamarck consegnato da Pierantonio Macola, presidente di SMAU, è solo l’ultimo degli attestati in ordine di arrivo che va da aggiungersi ad altri importanti riconoscimenti segno di come RevOILution sia davvero un’innovazione che rivoluziona il modo di consumare e gustare l’olio extra vergine d’oliva.  Nel 2014 “RevOILution” ha vinto il TalentLab Calabria, la competizione di startup e spin off organizzata da CalabriaInnova con la Regione Calabria; lo scorso luglio è stato selezionato da Start Up Initiative – la piattaforma sviluppata da Intesa Sanpaolo per promuovere aziende ad alto contenuto tecnologico nell’ambito del Food Tech Open Innovation Day che a Expo ha focalizzato le tecnologie innovative per la sicurezza e la tracciabilità alimentare; è stato esposto a I-Design, l’appuntamento nazionale di disegno industriale concorrendo al Compasso d’oro, e poche settimane fa ha vinto il “Premio Speciale” Startup Pitch Competition Capri 2015, la gara di idee organizzata dai Giovani Imprenditori del Sud appartenenti a Confindustria, in occasione del 30° Convegno annuale dell’associazione. Nella sua elegante e raffinata linea, frutto della creatività dei designer Francesco Buzzo e Serena Lambertoni, dalle dimensioni compatte pensate per chi in cucina deve ottimizzare spazio ed efficienza, “RevOILution” è ad oggi, l’unico kitchen machine nato allo scopo di poter gustare l’olio extra vergine d’oliva spremuto a freddo, senza alcuna alterazione, in ogni stagione dell’anno. Un prodotto che mancava e visto che il 69% dell’olio commercializzato in Italia non è né d’oliva, né extra vergine, né italiano, è la soluzione alimentare ideale per i consumatori consapevoli. I visitatori presenti a Smau, infatti, hanno confermato la validità dell’utensile che garantisce la produzione di un olio personalizzato grazie anche alla combinazione delle diverse tipologie di olive, avendo la certezza e il privilegio di godere di un olio espresso, appena spremuto. E grazie alla soluzione abbinata di Bag d’O, le confezioni di olive italiane accuratamente selezionate per varietà, surgelate al momento della raccolta e racchiuse in contenitori sottovuoto per mantenerne intatta la fragranza nel tempo, si potrà ottenere l’olio “su misura”, da qualunque città italiana.  Le distanze geografiche non saranno un limite. Age è in grado di fornire olive in ogni regione dello Stivale. Nei prossimi partirà la campagna di pre vendita online di RevOILution, con o senza Bag d’O in abbinamento, per poter ipotecare per la prossima raccolta olivicola, la migliore produzione d’olio “casalingo”. Maggiori info sul sito www.revoilution.it.

Calabria prima in Italia per imprese innovative

L’assessore alla cultura Mario Caligiuri : risultati in crescita nei prossimi anni

DSC_0343Roma, 19 settembre – “Con un + 263% di crescita la regione Calabria è prima in classifica per incremento del numero di imprese innovative in Italia”. E’ quanto ha dichiarato l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri nel commentare l’aggiornamento annuale del registro delle startup innovative effettuato da Infocamere. Se la Lombardia è la regione con maggior densità di startup innovative, 564 registrate al 15 settembre 2014, seguita da Emilia Romagna e Lazio, e’ la Calabria a registrare la maggiore crescita percentuale. Un incremento di 42 aziende in un anno che segna una crescita pari a + 263% nel numero di startup innovative registrate rispetto al 2013.
“Un risultato – commenta ancora Caligiuri – che dimostra che la strada intrapresa è quella giusta. Una classifica delle regione virtuose, con al primo posto la regione Calabria è da considerarsi un risultato inusuale e poi in un settore strategico come la ricerca. È la conseguenza di un lavoro costante, di sostegno, sensibilizzazione e animazione su come fare impresa innovativa messo in campo dalla Rete Regionale dell’Innovazione, voluta dalla Regione Calabria con il progetto “CalabriaInnova” frutto della partnership fra la finanziaria regionale Fincalabra e Area Science Park, il Parco Scientifico e Tecnologico di Trieste. Una rete che si consolida e si arricchisce sempre più con nuove iniziative: dai laboratori innovativi delle Università di Cosenza e Reggio Calabria, alla competizione regionale “Start Cup 2014”,ai percorsi di accelerazione di impresa quali il “TalentLab” di “CalabriaInnova” e alla Notte dei Ricercatori del prossimo 26 settembre che si celebrerà nelle Università’ della regione”.

 

Ricerca, Caligiuri: Calabria terra di start-up.

Logo_CalabriaInnova“Calabriainnova” e’ la manifestazione nata nel 2009.  In 5 edizioni sono state presentate oltre 1000 idee di impresa delle quali 380 hanno poi concretamente prodotto 22 aziende costituite


Roma, 24 giugno – “In questi anni la Calabria sta rendendo concreta la creatività dei giovani laureati rendendola oggi una terra di imprese innovative”. E’ quanto ha detto l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri questa mattina presentando a Catanzaro la sesta edizione di Start Cup Calabria, l’iniziativa promossa da CalabriaInnova e dagli atenei calabresi di Rende, Catanzaro e Reggio Calabria. “Start Cup Calabria” – come ha spiegato il Direttore di “Calabriainnova” Danilo Farinelli, e’ una manifestazione che si svolge dal 2009 e in 5 edizioni sono state presentate oltre 1000 idee di impresa delle quali 380 verificate positivamente che hanno poi concretamente prodotto 22 aziende costituite che hanno intercettato 6 milioni di investimento equity.
Hanno dato la loro testimonianza Paolo Trunfio e Samuele Furfaro, due innovatori che hanno partecipato alle precedenti edizioni della “Start Cup Calabria” e che sono tra i partecipanti ai bandi Talent Lab di “CalabriaInnova”. Il primo con Scalable Data Analytics, ha presentato il progetto di impresa riguardante l’analisi di grandi quantità di dati (i cosiddetti “big data”), per estrarre conoscenza utile, un mercato in grande espansione se si pensa al fenomeno dei social network. Il secondo ha presentato un’innovativa piattaforma che permette alle aziende l’acquisto di un trasporto merci con un semplice click, una possibile rivoluzione per il trasporto su gomma nazionale.
“Vorrei che la Calabria diventasse come Israele, dove le start up sono sempre più numerose. Le condizioni ci sono tutte”, ha detto Samuele Furfaro. Sono quindi intervenuti i rappresentanti degli atenei. Giovanni Cuda, dell’Università “Magna Grecia” di Catanzaro, dove verrà ospitata la finale regionale e Riccardo Barberi dell’Universita’ della Calabria che ha ricordato come nella Calabria ogni anno stiano nascendo imprese innovative che riescono a competere nel mercato globale. Barberi ha anche comunicato che la finale nazionale della “Start Cup” nel 2015 si svolgerà in Calabria, un ulteriore riconoscimento dei progressi ottenuti in questi anni e del ruolo dell’ecosistema calabrese nel panorama nazionale delle start up.

Calabria, assessore Caligiuri: “In due anni mille ricercatori per cambiare la Calabria”.

DSC_0343Inaugurato l’avvio formativo dei 29 spin-off individuati da “Calabriainnova” presso la Fondazione “Terina” di Lamezia Terme. Roma, 17 aprile – “Nei prossimi due anni saranno oltre mille i giovani ricercatori laureati nelle nostre universita’ che potranno contribuire allo sviluppo economico e al cambiamento sociale della Calabria. E in un anno triplicheremo il numero delle imprese innovative e raddoppieremo il numero di brevetti”. E’ quanto ha affermato l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri intervenendo all’avvio della formazione dei 29 spin-off individuati da “Calabriainnova” che si e’ svolto presso la Fondazione “Terina” di Lamezia Terme. “Con gli investimenti regionali e nazionali orientati sulla ricerca, se ben utilizzati, potremo avviare un percorso di sviluppo strutturale e duraturo”, ha detto Caligiuri, che Continue Reading

Calabria, al via formazione per 109 ricercatori

fondazione_mediterranea_terinaL’assessore alla Cultura Mario Caligiuri domani alla Fondazione ‘Terina’: obiettivo della Regione Calabria è triplicare in un anno le aziende innovative

 Roma, 14 aprile – Domani 15 aprile 2014 alle ore 11 l’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri parteciperà alla Fondazione “Terina” di Lamezia Terme all’avvio della formazione dei 109 ricercatori che fanno parte dei 29 spin-off individuati da “Calabriainnova”. La formazione durerà tre mesi per individuare le migliori idee di impresa che verranno successivamente finanziate per svilupparsi nei tre atenei calabresi. Caligiuri ha dichiarato che “l’obiettivo della Regione Calabria e’ quello di triplicare in un anno il numero delle aziende innovative”. La formazione riguarderà la gestione delle imprese e la commercializzazione dei prodotti, Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]