Caccia ai tesori del cinema: con gli smartglass Moverio un nuovo viaggio all’interno dei capolavori del cinema al MIC di Milano

Dopo il successo di “Un archivio da paura”, il Museo Interattivo del Cinema inaugura il 12 febbraio un nuovo percorso di realtà aumentata all’interno della sua vasta collezione di pellicole.

unnamed (1)Cinisello Balsamo, 3 febbraio 2016 – La collaborazione tra Epson e il MIC di Milano prosegue con Caccia ai tesori del cinema il nuovo percorso multimediale con elementi di realtà aumentata che verrà inaugurato il 12 febbraio all’interno dell’archivio filmico del museo e che permetterà di gustare i più grandi film di sempre in modo interattivo. Sarà sufficiente indossare gli smartglass Moverio per rivivere alcune scene dei più grandi capolavori del cinema: da Indiana JonesTitanic, da ET a La Grande Bellezza di Sorrentino e molti altri. “L’esperienza eccezionale iniziata l’anno scorso con Un archivio da paura – ha dichiarato Matteo Pavesi, Direttore Generale della Fondazione Cineteca Italiana – ha registrato il tutto esaurito nelle tante visite guidate con commenti entusiastici e ci ha spinti a continuare con questa seconda iniziativa che si svolgerà all’interno del nostro archivio “aumentato”. Grazie alla partnership con Epson, possiamo continuare ad offrire al pubblico questa entusiasmante esperienza interattiva per fruire del cinema in modo innovativo e divertente.” “Come dimostrano queste iniziative realizzate dal MIC – afferma Carla Conca, Sales Manager Visual Instruments di Epson Italia – con i Moverio è possibile creare nuovi modi interattivi per promuovere la cultura utilizzando le tecnologie più moderne. Mi piace sottolineare che sono gli unici smartglass sul mercato ad avere la visione stereoscopica, per una reale percezione visiva dello spazio, e lenti trasparenti per poter interagire con lo spazio in modo istintivo e naturale.

Immergersi nei capolavori del cinema mondiale grazie alla realtà aumentata

Le modalità di svolgimento sono quelle sperimentate per Un archivio da paura: il percorso di visita ha inizio con Il tunnel dei sogni, un corridoio sotterraneo dove sono esposte 23 grandi illustrazioni che raccontano con immagini e parole la storia tecnologica della pellicola cinematografica fino al suo passaggio al digitale avvenuto nel 2014. Al termine del tunnel, il visitatore viene accompagnato al caveau (ben 15 metri nel sottosuolo) dove si trovano le pellicole e ha luogo la visita “aumentata”. Una volta all’interno, dopo aver indossato i Moverio e le cuffie in dotazione, al visitatore è sufficiente dirigere lo sguardo verso i QR Code posizionati sugli scaffali e nei corridoi per far partire i filmati con le scene delle famose pellicole per poter cercare di indovinare quanti più film possibili su un totale di 50 titoli che si nascondono fra gli oltre 25.000 conservati in archivio. Un gioco divertente e originale con il quale sfidare gli amici e gli altri partecipanti.

Uno strumento versatile per svariati utilizzi

Gli Epson Moverio sono occhiali intelligenti dotati di apposite funzioni che permettono di sfruttare appieno le applicazioni di realtà aumentatae la visualizzazione di contenuti in qHD o 3D. Si basano su Android e si adattano facilmente a diverse esigenze, grazie alla possibilità di sviluppare applicazioni per i più svariati utilizzi. Molte di queste sono disponibili tramite Moverio Apps Market, realizzato grazie al supporto di un’ampia community di sviluppatori. Inoltre, l’ampia scelta di opzioni di connettività, tra cui Wi-Fi e Bluetooth 3.0, consente di collegare e utilizzare dispositivi smart, navigare sul Web e addirittura visualizzare contenuti video in streaming.

Orari di visita e modalità d’ingresso

Venerdì, sabato e domenica: 15.30 e 17.30. Ingresso intero 5,50 euro – ridotto 4,00 euro. Il biglietto è valido anche per la proiezione giornaliera e la visita al museo.

Prenotazione obbligatoria telefonando dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio allo 02 87242114.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com