Psicofarmaci, tra miti e importanza reale: se ne parlerà al congresso “Medicina e pseudoscienza” del Gruppo C1V

[AdSense-A]

Cure per le malattie mentali: lo psichiatra Matteo Pacini fa il punto su luoghi comuni e verità scientifiche

Si parlerà anche di psicofarmaci, tra miti e importanza reale, al congresso “Medicina e pseudoscienza. La salute tra scienza e falsi miti nell’era 2.0: dalla ricerca, ai vaccini, al cancerogeno, agli psicofarmaci”, promosso e organizzato dal Gruppo C1V e in programma a Roma per il 7 e l’8 aprile.

Tra i relatori Matteo Pacini, psichiatra e psicoterapeuta, membro fondatore e docente dell’Istituto di scienze del comportamento “G. De Lisio” e con all’attivo, tra l’altro, esperienze di ricerca e formazione presso l’Università di Pisa. Queste alcune sue dichiarazioni che anticipano in breve l’intervento previsto in occasione dei lavori congressuali. “L’espressione “prendere psicofarmaci” – dichiara Pacini –  dovrebbe, a rigor di logica, far tirare un sospiro di sollievo. Invece fa un effetto totalmente opposto, perché il pensiero diffuso sul malessere mentale e sulle sue cure si fonda su questa legge non scritta: negare la presenza della malattia mentale finché si può, e quando essa è evidente evitare di finire nel tunnel dei farmaci”.

“L’anello mancante – prosegue Pacini – è quello della malattia. Senza l’idea  di cosa sono i disturbi mentali, dai più banali ai più seri, i luoghi comuni sulle cure raggiunge picchi di assurdità: chi prende i farmaci “diventa dipendente”, ad esempio, o “non può più smettere”, se uno inizia certe cure “deve curarsi a vita”, e così vià”. Da qui anche il ricorso alle cosiddette medicine “alternative”, cioè a quelle cure “che di alternativo – sottolinea lo psichiatra – hanno senz’altro l’assenza di basi scientifiche”.

Per Pacini, è necessario ripartire dalla “consapevolezza che il cervello si ammala e che le malattie come il panico, la depressione, fino alle gravi psicosi altro non sono se non le malattie che riguardano una parte del cervello. È allora  – conclude – che le cure smettono di essere un demone, una maledizione, una profezia nefasta che si avvera, e diventano strumenti, armi di difesa e anche soluzioni”.

Pacini parlerà nell’ambito di una sessione pensata per fare chiarezza sui miti e le credenze che ruotano attorno al tema degli psicofarmaci, spesso rappresentati con accezione negativa al di là delle evidenze scientifiche e dei risultati della ricerca. Per questa specifica parte del congresso, è  previsto anche l’intervento dello psicologo Daniel Bulla concentrato sull’informazione e le false notizie in circolo soprattutto attraverso il web. Degli effetti psicobiologici del placebo discuterà invece Giorgio Dobrilla, primario gastroenterologo emerito presso l’ospedale di Bolzano, giornalista e scrittore scientifico, responsabile scientifico del congresso. Moderatore sarà Armando De Vincentiis, psicologo, psicoterapeuta, direttore per C1V Edizioni della collana di divulgazione scientifica “Scientia et Causa”.

Le due giornate formative valgono nove crediti Ecm (Educazione continua in medicina) grazie alla collaborazione con la Sifop, “Società italiana di formazione permanente per la medicina specialistica”. Ai fini Ecm, l’inziativa è rivolta a biologi, farmacisti, infermieri, medici e psicologi. Possono inoltre iscriversi e ricevere un attestato di partecipazione altri professionisti della salute, ma anche i medici specializzandi, e i laureandi e i dottorandi in discipline mediche, in scienze infermieristiche, biologia, farmacia  e psicologia.

 

Per saperne di più sul programma, sui nomi dei relatori e su come iscriversi è possibile visitare il sito www.c1vedizioni.com .

 

Arriva “Tu, Sofia e Krilly, per il mare”, il concorso per piccoli autori che insegna il rispetto dell’ambiente

Sapendo che la lettura è fonte di crescita personale e sociale nasce il Concorso grafico-letterario “Tu, Sofia e Krilly, per il mare” per gli alunni della scuola primaria, tratto dal libro “Sofia e Krilly” di Gianluigi Russo (C1V Edizioni)

ImageProxy (1)Roma, 1 Marzo 2016 – C’è tempo fino al 30 marzo 2016 per aderire al Concorso per “piccoli autori” indetto dal Gruppo C1V edizioni con il bando grafico-letterario interdisciplinare “Tu, Sofia e Krilly, per il mare” rivolto agli alunni della scuola primaria pubblica e paritaria. Coltivare l’amore verso il pianeta e ogni forma vivente attraverso la lettura è l’obiettivo principale, concepito come fonte di crescita personale civile e sociale. In un’era in cui le tematiche ambientali sono sempre più sentite, per gli impatti sul presente ma anche per il futuro delle prossime generazioni, il concorso ha la finalità di educare e formare le nuove generazioni in merito all’ambiente marino, promuovendo una cultura del rispetto dell’Ambiente come patrimonio comune e lo sviluppo di coscienze Eco-centriche e non Ego-centriche. Oltre al concorso grafico-letterario, il libro Sofia e Krilly ha dato origine anche al programma formativo-educativo “La scoperta del mare attraverso i 5 sensi” in collaborazione con Sea Shepherd Italia Onlus, un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro, il cui scopo è proteggere l’ecosistema e le differenti specie che lo compongono. Leggendo il libro Sofia e Krilly, i bambini imparano l’importanza dell’ambiente e della fauna che lo caratterizza attraverso la storia delle due protagoniste, che deriva da un fatto reale. La penna di Gianluigi Russo, autore dell’opera, rievoca un mondo fantastico in cui si incontrano due realtà, quella umana e quella animale, che insieme scoprono il valore dell’amicizia e quanto sia determinante il contributo di ciascuno nel proteggere l’ambiente che li circonda. Il Concorso sostiene le scuole che aderiscono e la premiazione si svolgerà durante la Giornata Internazionale dell’Ambiente, il 5 giugno 2016. Il bando è disponibile sul sito della casa editrice www.c1vedizioni.com o direttamente qui http://tinyurl.com/hmb5yk9. Per richiedere il modulo di adesione basta scrivere a [email protected]

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]