C1V Edizioni lancia il “Premio letterario Fulvio Rogolino 2017”

[AdSense-A]

Concorso per opere inedite di narrativa. I cinque libri vincenti entreranno nel catalogo della casa editrice per l’anno in corso

Al via le iscrizioni per partecipare al “Premio letterario Fulvio Rogolino 2017”.  Il concorso, promosso dal Gruppo C1V Edizioni in memoria del primo direttore editoriale, Fulvio Rogolino, è rivolto ad autori di opere inedite di narrativa per adulti o per ragazzi a partire dagli undici anni di età. I primi cinque classificati otterranno un contratto di edizione e i loro libri entreranno a far parte del catalogo della casa editrice romana C1V Edizioni nel corso del 2017.

La selezione riguarda opere dedicate a temi di attualità, o comunque a carattere sociale, dunque in linea con i valori della casa editrice. Il Premio costituirà per l’anno 2017 l’unico canale di pubblicazione della casa editrice per quanto riguarda i testi di narrativa rivolti agli adulti o ai ragazzi dagli undici anni in su: unica eccezione per gli autori già presenti in catalogo le cui opere saranno valutate al di fuori del concorso e come gli altri libri già pubblicati parteciperanno in automatico al “Premio Best Seller C1V 2017”.

Il contratto dei cinque vincitori non prevederà alcun tipo di contributo né alcun obbligo di acquisto a carico degli stessi autori. Ciò nel rispetto dell’orientamento di C1V Edizioni, posizionata sin dalle sue origini come casa editrice non a pagamento.

Per partecipare occorre richiedere il modulo di adesione alla segreteria del concorso scrivendo all’indirizzo di posta elettronica [email protected] entro il 28 febbraio 2017. Le opere dovranno essere inviate sempre alla segreteria del concorso, alla e-mail [email protected] , sempre entro il 28 febbraio.

La premiazione avverrà il 7 e l’8 aprile prossimi, a Roma, in occasione del Salotto letterario “ScriptaManent” organizzato dal Gruppo C1V Edizioni:  i vincitori, oltre al contratto di edizione, riceveranno un attestato di merito.

La quota di iscrizione è finalizzata solo alla copertura delle spese di segreteria, è pari a dieci euro per opera e va versata entro il 28 febbraio  secondo quanto indicato nella pagina del bando pubblicata su www.c1vedizioni.com.

Gli elaborati saranno valutati da una giuria interna al Gruppo C1V Edizioni formata dall’editrice Cinzia Tocci, dal giornalista Francesco Ciampa e dalla redattrice Lara Di Carlo. Se nella prima fase di giudizio verranno selezionati più di cinque candidati, potranno entrare a far parte della giuria anche lettori esterni.

“Con il concorso – dichiara l’editrice del Gruppo C1V Edizioni, Cinzia Tocci – vogliamo puntare al merito restando fedeli al nostro orientamento di sempre, quello di promuovere il libro come strumento per la crescita individuale e sociale premiando la qualità. Sempre in nome della meritocrazia, ai vincitori non chiediamo contributi per la pubblicazione delle loro opere. Da qui anche la scelta di collocarci da sempre nell’ambito dell’editoria non a pagamento”.

“Un pensiero – prosegue l’editrice – va al nostro primo direttore editoriale cui è dedicato questo premio. Fulvio Rogolino amava scrivere racconti e poesie, anche premiate e raccolte in antologie, è stato editor, ma anche ghostwriter e formatore di aspiranti scrittori. Si è occupato di comunicazione, di marketing e dello sviluppo di progetti. Nel 2010, ad esempio, ha contribuito a ideare il nostro progetto solidale “Natale in corsia”  per la donazione di libri ai bambini di alcuni ospedali a Roma e Torino. Il suo spessore umano e intellettuale è nel “dna” della nostra casa editrice ed è la nostra stella polare che ci ispira e ci guida”.

 

“Caro papà…”, da C1V Edizioni un concorso per le scuole superiori: iscrizioni entro novembre

[AdSense-A]

 

La testimonianza di un’insegnante: iniziativa utile per la capacità di produrre testi espressivo-emotivi

 

senza-titolo-11C’è tempo fino al 30 novembre per iscriversi a “Caro papà…”, il concorso letterario rivolto alle ragazze e ai ragazzi delle scuole superiori promosso dalla casa editrice romana C1V Edizioni. I partecipanti, come si legge nel bando pubblicato su www.c1vedizioni.com, hanno la possibilità di elaborare una lettera rivolta al loro “caro papà” per esprimere riflessioni, parole mai dette o mai ascoltate. I candidati potranno anche prendere spunto da “Padri Imperfetti”, il libro dell’educatore Alessandro Curti pubblicato nella sua seconda edizione dal Gruppo C1V, immaginando ad esempio come potrebbe essere la lettera di uno dei personaggi del romanzo. Insomma: un approccio attivo e creativo alla lettura e alla scrittura.

Gli studenti potranno aderire singolarmente oppure per classi, e la consegna degli elaborati dovrà avvenire entro il 15 gennaio. Le richieste di iscrizione sono giunte da Nord a Sud. E dalla Sicilia arrivano le riflessioni della professoressa Gaetana Angela Cammarata, docente di Lettere che ha accolto l’iniziativa coinvolgendo la prima C, settore produzione industriale/artigianale, dell’Istituto professionale statale “Federico II” di Enna.

Queste, in sintesi, le dichiarazioni dell’insegnante raccolte da C1V Edizioni: “Le motivazioni della partecipazione a questo concorso letterario sono di ordine didattico/educativo. In questo primo anno le alunne devono acquisire gli strumenti utili per sviluppare le abilità necessarie per la produzione di varie tipologie testuali. In primo luogo il testo espressivo-emotivo, genere: lettera. Inoltre la tematica dello scontro tra genitori e figli, per l’affermazione di sé e della propria indipendenza, è sempre attuale”.

La docente spiega poi i “motivi educativi” alla base della partecipazione per classe. Motivi ispirati all’importanza di “avere un’abitudine stabile alla lettura, aver fiducia nelle proprie risorse e imparare a metterle in gioco, maturando, però, il senso di responsabilità” e “la capacità di cooperare e di accettare le regole di gruppo”.

“Infine – conclude l’insegnante – per quanto riguarda la lettura la penso esattamente come Umberto Eco: “Chi non legge, a settant’anni avrà vissuto una sola vita, chi legge avrà vissuto cinquemila vite […]”. Leggere regala l’immortalità”.

Queste invece le dichiarazioni dell’editrice di C1V Edizioni, Cinzia Tocci: “L’iniziativa – afferma – è in linea con la nostra finalità di sempre, quella di promuovere il libro come strumento di crescita individuale e sociale. Con questo concorso, le ragazze e i ragazzi possono mettere in pratica le loro capacità critiche passando dalla lettura alla scrittura, con un approccio che li vede attivi e protagonisti attraverso la forza della parola rispetto a temi di cui spesso sono soltanto spettatori”.

L’iniziativa è stata lanciata il 2 settembre scorso, a un anno dall’uscita della seconda edizione di “Padri imperfetti”. Il libro, la cui lettura è la base per partecipare, è incentrato sul tema della paternità, della maternità, sui rapporti di coppia e su quelli tra genitori e figli.

Una giuria di esperti, tra cui Alessandro Curti, selezionerà i migliori elaborati. I primi classificati, cioè il singolo vincitore o la classe vincitrice, riceveranno in dono una copia del libro “Caro papà”, un testo che non sarà messo in commercio e che si tradurrà in una raccolta dei temi scaricabile in forma di e-book dal sito www.c1vedizioni.com.

Sia per i partecipanti a titolo individuale che per le classi, i primi, i secondi e i terzi classificati riceveranno una pergamena personalizzata per immortalare la conquista del podio. La premiazione avrà luogo a Roma il 7 e l’8 aprile 2017 nell’ambito di “ScriptaManent”, il Salotto letterario di C1V Edizioni che chiamerà a raccolta i tanti autori della casa editrice e vedrà coinvolte anche le scuole.

 

Ambiente, percezione e paranormale nel nuovo libro di Armando De Vincentiis edito dal Gruppo C1V Edizioni

[AdSense-A]

 

Fantasmi, apparizioni miracolose, mostri marini e Ufo tra i temi in questione. Il saggio fa parte della collana divulgativa “Scientia et Causa”

Senza-titolo-22

Cosa c’entrano il mostro di Loch Ness, le streghe, le apparizioni cosiddette miracolose, i fantasmi e gli Ufo con l’ambiente che ci circonda? Esiste un legame tra l’ambiente, il nostro cervello e i fenomeni insoliti considerati paranormali? Una spiegazione la dà Armando De Vincentiis, psicologo, psicoterapeuta e consulente scientifico del Cicap, nel suo ultimo libro appena uscito dal Gruppo C1V Edizioni. Ambiente, percezione e paranormale. Fantasmi, apparizioni miracolose e mostri marini. Se fosse tutta colpa dell’ambiente?”: questo il titolo della pubblicazione. Il testo fa capire in che modo la realtà fisica contribuisce a dare efficaci “semi” al nostro cervello, rendendolo terreno fertile per apparizioni miracolose o spettrali e per il proliferare di leggende e fenomeni mistici. Il tutto viene spiegato affrontando anche il delicato tema delle credenze, dei bisogni e delle aspettative dell’uomo fino ai più ancestrali processi cognitivi. In cento pagine ci si sofferma in maniera approfondita e nello stesso tempo chiara su fenomeni insoliti spesso associati al paranormale: mostri marini, spiriti guida, presenze angeliche e demoniache. E ancora: visioni mistiche come le apparizioni mariane, il cosiddetto “miracolo del sole” di Medjugorje e di Fatima, le stimmate, gli Ufo e la storia delle “streghe di Salem”. A ciò si aggiunge la prefazione curata da Marco Ferrari, biologo e caposervizio Scienze per Focus. Mentre gli approfondimenti in tema di fantasmi e sul mito del mostro di Lock Ness sono rispettivamente di Luigi Garlaschelli, chimico dell’Università di Pavia e responsabile sperimentazioni presso il Cicap, e di Lorenzo Rossi, divulgatore scientifico e curatore del sitowww.cripozoo.com.

Il saggio è l’ultimo arrivato della gamma “Scientia et Causa”, la collana di divulgazione scientifica di C1V Edizioni curata dallo stesso De Vincentiis. Si tratta di una serie di saggi destinata a crescere, orientata alla divulgazione della scienza in risposta alle pseudoscienze e alla disinformazione e con all’attivo il contributo di numerosi esperti, tra questi: il giornalista e divulgatore scientifico Piero Angela e Giorgio Dobrilla, primario emerito all’Ospedale di Bolzano, già docente di Metodologia Clinica all’Università di Parma, e consulente medico del Cicap. Il nuovo saggio di Armando De Vincentiis è in linea con l’idea di fondo della nostra casa editrice: l’idea del libro come strumento di crescita culturale e sociale; uno strumento che nel caso della collana scientifica è utile alla crescita culturale contro la superstizione, la malainformazione e l’oscurantismo”, dichiara l’editrice del Gruppo C1V Edizioni, Cinzia Tocci. 

Il libro si può richiedere in libreria, ma anche direttamente al negozio online Shoppy di C1V Edizioni al sito www.c1vedizioni.com; inoltre è possibile ordinarlo tramite l’indirizzo di posta elettronica [email protected].

Piero Angela presenta il suo ultimo libro “Giornalismo Pseudoscientifico”

Piero Angela presenterà lunedì 4 aprile 2016 presso l’Aula Sabatino Moscati della Macroarea di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma “Tor Vergata”, insieme ai coautori, il suo ultimo libro “Giornalismo Pseudoscientifico” pubblicato da C1V Edizioni. Si parlerà di scienza e informazione nell’era 2.0

ImageProxy (1)Roma, 30 marzo 2016 – Dopo il successo della conferenza “Vaccini, complotti e pseudoscienza” dello scorso 16 dicembre, dove è intervenuto in tema di pseudoscienza e disinformazione scientifica alla presentazione del primo volume della Collana Scientia et Causa,Piero Angela sarà presente con C1V Edizioni all’Università di Roma “Tor Vergata”, questa volta come coautore del testo “Giornalismo Pseudoscientifico”, insieme a Cristina Da Rold, giornalista scientifica e Marco C. Mastrolorenzi semiologo, divulgatore scientifico. Insieme discuteranno dei loro contributi al volume e delle loro esperienze in merito. Molto spesso assistiamo a notizie troppo belle per essere vere, dati scientifici selezionati ad hoc, largo spazio a pseudoscienziati, interviste tra scienza e fantascienza, un uso ideologico della scienza e un confronto tra dati empirici e semplici opinioni, eventi straordinari e sovrannaturali raccontati da media e web. Il noto giornalista e conduttore scientifico già durante il suo intervento nella precedente conferenza aveva sostenuto come “nella scienza ognuno deve portare le prove di quello che afferma”, aprendo a un dibattito nel quale “Giornalismo Pseudoscientifico” si inserisce fornendo gli strumenti necessari per discernere le informazioni che spopolano su internet. Come scrive Cristina da Rold nel suo contributo all’interno del libro, “ciò che distingue la scienza dalla pseudoscienza è lo stesso che distingue la storia dalla leggenda: le fonti”. E, ancora, Marco Cappadonia Mastrolorenzi: “non c’è libertà senza conoscenza della verità e senza la capacità di comprendere la realtà. E la scienza rappresenta il potere che l’uomo possiede per giungere a quella libertà che è fonte di ogni sapere”. La Cultura della Scienza, il dietro le quinte della notizia, perché e come distinguere fra informazione e opinione, scienza e democrazia tra par condicio e talk show: saranno questi i temi, trattati per la prima volta in maniera esaustiva e chiara, protagonisti della presentazione di “Giornalismo Pseudoscientifico”, il terzo volume della Collana Scientia et Causa, ormai punto di riferimento nel settore scientifico divulgativo, a cura di Armando De Vincentiis, edito dal Gruppo C1V Edizioni di Cinzia Tocci. Durante la conferenza, interverrà il Magnifico Rettore Giuseppe Novelli. Dopo i saluti portati dalla Professoressa Marina Formica (Coordinatrice della Macroarea di Lettere e Filosofia), dal Professor Emore Paoli (Direttore del Dipartimento di Studi Letterari, Filosofici e di Storia dell’Arte) e dal Professor Franco Salvatori (Direttore del Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e Società), con la conduzione del Professor Rino Caputo (Delegato del Rettore per la Cultura), si uniranno alla discussione la Professoressa Barbara Continenza, la Professoressa Claudia Hassan, la Professoressa Carmela Morabito, il Professor Lorenzo Perilli, il Dott. Armando de Vincentiis (psicologo, consulente CICAP e Direttore della Collana Scientia et Causa), Cinzia Tocci (editore C1V Edizioni). Prenderà inoltre parte al dibattito, in collegamento skype, anche Erika Artabella, protagonista di uno dei più spettacolari eventi ritenuti miracolosi riportati da tv e web attribuiti al noto esorcista padre La Grua, che racconterà la sua reale esperienza. Appuntamento lunedì 4 aprile p.v., dalle ore 10 alle ore 13, presso l’Aula Sabatino Moscati, nella Macroarea di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata (via Columbia 1, Roma – I piano, edificio B). L’incontro sarà fruibile anche in diretta streaming, per accedere basterà collegarsi il 4 aprile da www.c1vedizioni.com. Chi desidera essere presente, come partecipante o media, può registrarsi sullo stesso sito.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]com