72° anniversario del terzo bombardamento su Cori

Dalla guerra di montagna alle scorribande nord africane in città

BOMBARDAMENTI SECONDA GUERRA MONDIALE A CORI (6)Cori, 10 Aprile – Dopo quelli di Gennaio e Febbraio, un terzo devastante bombardamento si riversò su Cori la sera del 12 Aprile 1944, in contrada “Colle Nino”, dove furono colpite le capanne e le tende, rifugio di numerose famiglie di sfollati. Come emerge dai documenti dell’Archivio Storico Comunale, sul posto giunsero anche soldati tedeschi con un ufficiale medico che prestarono i primi soccorsi ai feriti, organizzando il loro trasferimento presso gli ospedali romani.

BOMBARDAMENTI SECONDA GUERRA MONDIALE A CORI (8)Non mancò neppure la solidarietà tra i superstiti, sottoposti ad una vita di stenti e in ricoveri d’emergenza, esposti agli attacchi aerei alleati alle colonne tedesche in ritirata e soprattutto alle scorribande delle truppe marocchine e algerine arruolate nell’esercito francese, i c.d. gourniers, autorizzate a condurre uccisioni gratuite, ruberie e violenze di ogni genere. I momenti di paura per la popolazione locale si protrassero fino alla fine di Maggio quando, sfondata la resistenza tedesca, le truppe alleate entrarono a Cori, mietendo altre vittime e feriti gravi. Il bilancio finale del conflitto fu di 228 vittime accertate, 13.000 mq. di case distrutte, 3.400 mq di case gravemente danneggiate, 2.000 vani perduti di cui 385 appartamenti. In ricordo di tutte le vittime civili della Seconda Guerra Mondiale, l’Amministrazione comunale, il 30 Gennaio 2010, ha affisso una lapide commemorativa all’ingresso del Chiostro di Sant’Oliva.

BOMBARDAMENTI SECONDA GUERRA MONDIALE A CORI (9) (1)Il 31 Ottobre 2007 invece, con Decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell’Interno, venne conferita al Comune di Cori la Medaglia d’Argento al Merito Civile, onorificenza che riconobbe al popolo corese ‘un’ammirevole prova di generoso spirito di solidarietà, prodigandosi nel soccorso delle persone ferite e nel sostegno morale e materiale di quanti avevano bisogno di aiuto.’ (Foto: scatti della Seconda Guerra Mondiale a Cori – autori vari – dagli album del gruppo Fb ‘Còri mé bbéglio’).

Vietnam, ritrovati padre e figlio nella jungla dopo 40 anni

vietnam 2Scappati nel 1971 dopo che un bombardamento gli aveva distrutto casa e famiglia,  hanno vissuto nella foresta. 

Roma, 8 agosto – Hanno vissuto per quarant’anni come dei selvaggi nella foresta della regione centrale di Quang Ngai in Vietnam. Si tratta di Ho Van Thanh, 82 anni, e suo figlio Ho Van Lang ormai 40enne. Erano scappati di notte dalla loro casa distrutta da un bomba durante il conflitto con gli Usa nel 1971. Ho Van Thanh, che aveva moglie ed altri due figli periti durante il bombardamento, era riuscito a salvare il piccolo Lang di appena un anno, e si era rifugiato nella foresta. Di lì non si è più mosso ed ha vissuto tutto questo tempo vivendo in una capanna di legno, coltivando vegetali e vestendo abiti ricavati da lembi di corteccia . Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]