Arriva POW, il primo bauletto per trasportare gli amici 4 zampe in moto, bici, scooter e auto

[AdSense-A]

Mobilità in sicurezza e design italiano in POW (acronimo di Pet On Wheels), il primo bauletto rigido per scooter, moto, bici e auto che sta conquistando lo spirito di libertà e l’immaginario degli amici degli animali.

Senza-titolo-5

E’ considerata ormai la novità dell’anno POW, Pet On Wheels, il primo trasportino progettato come bauletto rigido per le due e le quattro ruote. Ideato per il trasporto di animali domestici di medio-piccola taglia (max 10 kg) POW rispetta gli standard di sicurezza e le norme del Codice della Strada. L’idea nasce infatti dall’esigenza di trasportare i nostri amici a 4 zampe senza pericoli fornendo anche quel comfort che permetta loro di vivere il viaggio come un gioco. POW è un trasportino rivoluzionario, pensato per permettere all’animale, durante il tragitto, di godersi il panorama o la luce esterna mentre il proprio padrone guida nel traffico cittadino o per esempio, in località turistiche. Realizzato in plastica colorata è dotato di un cuscino interno per il comfort e di un oblò che permette all’animale di far uscire la testa in sicurezza (grazie al guinzaglio interno a cui è possibile agganciarlo durante il tragitto). L’innovativo bauletto si aggancia tramite un supporto universale a cicli e motocicli con un semplice clic e garantisce ai piccoli amici a 4 zampe la libertà guardare e di annusare il mondo durante il viaggio senza distrarre il guidatore. Dotato di prese per l’areazione e di un oblò chiudibile che ne garantisce l’impermeabilità in caso di pioggia. In vendita a € 200 circa, sul web e distribuito nei punti vendita dedicati (negozi Pet e Concessionarie Scooter/Moto), Pet on Wheels include 1 cuscino interno, 1 guinzaglio di sicurezza, 1 piastra universale con kit di fissaggio, 2 chiavi a cilindro per la chiusura e fasce di fissaggio per la sella. il bauletto può essere utilizzato anche come porta casco e portaoggetti, che è possibile chiudere a chiave, e può ospitare comodamente due caschi jet, una borsa da palestra o altro ancora (per il prossimo autunno sono previsti nuovi colori e nuove personalizzazioni). Dopo il successo della presentazione nel novembre scorso all’EICMA di Milano (la fiera mondiale delle due ruote), Pow ha svolto una campagna di crowdfunding con la piattaforma online americana Kickstarter nel gennaio 2016, successivamente ha presenziato nel marzo 2016 alla Fiera di Tokio Interpets, primario evento del pet del mercato Asiatico e nel maggio 2016 è stata presente anche a Norimberga alla fiera biennale Interzoo, volta a coprire il mercato del pet nel continente Europeo. Il 16 giugno scorso è stato lanciato il nuovo sito e-commerce responsive www.petonwheels.it (realizzato in collaborazione con www.digital-sfera.com società specializzata in web marketing) che presto avrà anche la versione in inglese e verranno valutate possibili collaborazioni con i principali Marketplace Online come Amazon.

Val Venosta terra della bicicletta!

Speciali tour guidati in bici e mountain bike dal Garberhof di Malles (BZ), dove tutto è a misura di 2 ruote. E l’11 giugno 2016 c’è la Ortler Bike Marathon.

image006Roma, 18 febbraio – Nel regno naturale della Val Venosta e del Garberhof di Malles (BZ), struttura 4 stelle superior che ne rispecchia l’identità e l’essenza, l’attività preferita da fare quando il sole splende sulle Alpi è l’escursione in bicicletta. In questo territorio su cui si erge guardingo il grande Ortles, la vetta più elevata del Trentino Alto Adige, si snodano80 km di piste ciclabili che partono da Resia e il suo incantevole Lago con il campanile nell’acqua fino a Merano. Dal Garberhof, i cui proprietari amano particolarmente la bicicletta e mettono a disposizione tanti servizi su misura per quanti ne sono appassionati come loro, ogni giorno  (dal lunedì al venerdì) da inizio aprile  fino ad ottobre 2016, vengono organizzati tour su 2 ruote. In hotel è disponibile il noleggio delle bici e mountain bike, il Gps, pranzi al sacco per le giornate all’aria aperta e la guida speciale del titolare Klaus Politzer. Gli sportivi possono contare, inoltre, su un bike shuttle, e chi ama fare Downhill può trovare delle piste adatte salendo più ad alta quota con gli impianti di risalita. Sabato 11 giugno 2016, poi, per tutti gli appassionati si svolge la Ortler Bike Marathon, una corsa su pedali che vede tanti sportivi cimentarsi su percorsi panoramici che a partire da Glorenza, paese ad un passo da Malles, attraversano cime, malghe e i bellissimi laghi di San Valentino e di Resia della Val Venosta. Si può scegliere tra ilpercorso Classic di 51 km su un dislivello di 1600 metri e il percorso Marathon di 90 km su un dislivello di circa 3mila metri. Per i più piccoli, infine, c’è un giro più breve dedicato. Per vivere la Val Venosta su 2 ruote, il Garberhof propone 5 notti nell’hotel ristrutturato con i materiali naturali del territorio, comprensivi di 2 tour in bici guidati, o 7 notti inclusi 3 tour guidati, più la mezza pensione delle delizie, 2 percorsi Hamam a persona,1 cartina delle piste ciclabili dell’Alto Adige, un libro sui tour in mountain bikein Val Venosta, e un massaggio rilassante alle gambe, per rigenerarsi dopo le pedalate nella natura.

Bikemi, sabato arrivano le bici elettriche

Milano festeggia con una grande  biciclettata collettiva

 

berlusconi-bikemiMilano, 6 maggio 2015 – Una grande biciclettata collettiva, dalla stazione Centrale a piazza Duomo. E’ quella che si terrà sabato 9 maggio, alle 13.30, per celebrare l’arrivo delle nuove biciclette elettriche a Milano. A partire dal weekend, infatti, per le strade della città, oltre alle 3.600 bici gialle, milanesi e turisti potranno trovare le 1.000 bici rosse a pedalata assistita, per il primo servizio integrato di bike sharing al mondo. Stanno anche aprendo numerose nuove stazioni di Bikemi che ospiteranno sia le bici tradizionali, sia quelle elettriche, per un totale di 38 nuovi stalli in una settimana. Dopo l’apertura delle 7 stazioni all’ingresso di Cascina Merlata di Expo, tra oggi e domani saranno attivate quelle di Loreto, Domodossola, Caneva – Tolentino, Govone -Borghese, MacMahon –Artieri e MacMahon –Caracciolo. Entro domenica 10, inoltre, apriranno le stazioni di Castelli–Ailanti, Villapizzone FFSS-Lambruschini, Chiesa-E. Filiberto, Carlo Magno-Alcuino, VI Febbraio, Amendola M1,  De Angeli-R. Sanzio, Romolo M2, Toscana-Leoni, Spadolini-Centro Leoni, Maciachini-Marche, Nigra-Castellini, Piazzi-Bernina, Valtellina-Aprica, Bausan-Brofferio, Livigno-Monte San Genesio, Dergano, Vigliani-Scarampo, Zavattari-Tempesta, Teodorico-Gattamelata, Stuparich-Albani, Stelvio-Farini, Bovisa-Alfieri, Lancetti Passante-Maloja, Imbonati-Dergano M3. Alla biciclettata di sabato,con ritrovo alle 13.30 da Piazza Duca d’Aosta, parteciperanno cittadini e membri del Cyclopride, che percorreranno alcune vie del centro per arrivare intorno alle ore 15 in piazza Duomo, dove sono previsti i saluti istituzionali. I primi 100 milanesi che avranno risposto all’evento di Facebook realizzato ad hoc dal Comune di Milano, potranno provare le nuove bici elettriche di Bikemi, gli altri potranno partecipare con la propria. Sarà presente anche l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran.
Per i giornalisti che volessero partecipare alla biciclettata in sella alle nuove bici elettriche di Bikemi è necessaria la conferma tramite mail: eventi@clearchannel.it

Sulla Strada del vino Soave

Tra una visita culturale e una sosta ristoratrice in cantina, le dolci colline vitate della Pedemontana dell’Est veronese offrono paesaggi e scorci inediti da scoprire a piedi, in bici o a cavallo

 

Strada-del-vino-SoaveVerona, 22 febbraio – Avviso ai camminatori, armati o meno di racchette da nordic walking, ai ciclisti e agli amanti degli animali (in particolare, cavalli): con la bella stagione, la Strada del vino Soave (www.stradadelvinosoave.com) torna ad essere ancor più territorio di vacanze attive. In questo giardino vitato di oltre 6 mila ettari a Est di Verona, l’immersione nella natura è assicurata grazie alla presenza di numerosi itinerari ciclopedonali ed equestri che si inoltrano tra le colline, con il vantaggio di incontrare lungo i percorsi siti di interesse culturale e storico  – ville rinascimentali, castelli e pievi medievali, borghi antichi -, oltre a tante cantine, luoghi ideali per una sosta ristoratrice. Come in un racconto di Guareschi, il percorso dei 10 Capitelli. Amati simboli di devozione popolare, una decina di capitelli hanno scandito in passato  la vita quotidiana della comunità rurale nell’Est veronese. Oggi, rinfrescati nell’aspetto, i dieci capitelli scandiscono anche un suggestivo itinerario podistico ad anello di 10 km,  percorribile tutto l’anno, che si snoda in piano e in collina tra viti e frutteti, nel Soave Classico, tra Monteforte e Soave. Cicloturismo. Chi ama la bici può consultare la mappa cicloturistica con i percorsi studiati da Fiab Verona. Tra gli itinerari suggeriti, diversi attraversano la Strada del Vino Soave . Contatto totale con la natura anche per chi sceglie di muoversi a cavallo: a questo proposito, il Centro Sportivo Equestre Country House Horse di Monteforte d’Alpone organizza delle passeggiate naturalistiche a cavallo adatte sia ai principianti sia a chi ha già un po’ di esperienza (età minima 16 anni). Possibili anche le passeggiate a cavallo in notturna (solo su prenotazione, info tel. 324.6615710). Tra le località della zona da visitare c’è senz’altro Soave, borgo medievale racchiuso da una triplice cinta muraria pressoché intatta, che risale fino ad arrivare all’omonimo Castello medievale (www.castellodisoave.com)h. Nel centro storico del paese, Bandiera Arancione TCI, lungo il corso principale, “sfilano” palazzi e chiese dal XIII al XV sec. A poca distanza da Soave, si trovano Monteforte d’Alpone, con il bel Palazzo Comunale di epoca napoleonica e il Palazzo Vescovile (XV sec.), con chiostro a duplice loggiato e Cazzano di Tramigna, nel cui centro c’è la sorgente del fiume Tramigna, chiamata il “lago della Mora”, dalla pregiata cultivar di ciliegie a cui la località ha dato il nome, la “Mora di Cazzano”. Altra meta interessante è Illasi, centro della valle omonima, dominata dalle rovine del Castello scaligero, ed in cui si trovano due belle ville del XVII secolo, Villa Carlotti Perez-Pompei e Villa Sagramoso Perez-Pompei, visibili dall’esterno. Da Illasi, in pochi minuti si arriva al paesino di Colognola ai Colli, dove c’è la bella pieve romanica di Santa Maria, risalente all’anno Mille. Soggiorno. Numerosi i B&B, gli agriturismi e gli hotel immersi nel verde delle colline oppure vicini ai borghi, prezzi a partire da 40 euro per la singola e 70 euro per la doppia, sempre con prima colazione. Maggiori info: Strada del vino Soave, tel. 045-7681407 www.stradadelvinosoave.com

 

 

 

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com