CROCIERA DELLA LEGALITÀ Il mare e la navigazione a vela come strumenti di educazione, formazione, orientamento lavorativo e inclusione sociale

Conferenza stampa di presentazione e partenza. Sabato 7 Maggio 2016, ore 10, Circolo della Vela Bari – Molo Borbonico
alba-medRoma, 6 Maggio – Sabato 7 maggio alle 10 nella sede del Circolo della Vela Bari al Molo Borbonico (all’interno del porto commerciale) si terrà la conferenza stampa di presentazione della crociera della legalità organizzata nell’ambito del progetto ALBA MEDITERRANEA SAILING TEAM – MESSAGGERI DI LEGALITÀ, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, per promuovere la cultura e la pratica della legalità attraverso l’esperienza della navigazione a vela. La CROCIERA DELLA LEGALITA’ parte da Bari, e toccherà nel suo percorso Brindisi, San Foca, Otranto, S. M. di Leuca, Gallipoli, Porto Cesareo, e approderà a Taranto: otto tappe dal 7 al al 16 maggio, che saranno scandite da altrettanti interventi di animazione sui temi della legalità intesa quale pratica quotidiana e soggettiva, sviluppati in incontri tra i giovani componenti dell’equipaggio della barca di ALBA MEDITERANEA e gli studenti di almeno un istituto scolastico, di primo e/o di secondo grado, presso ciascun approdo. E’ l’imbarcazione “Idrusa” di Paolo Montefusco, campione mondiale di vela, a navigare per oltre 400 miglia con a bordo un equipaggio di ragazzi che stanno partecipando al percorso rieducativo di Alba Mediterranea. Obiettivo dell’iniziativa è contribuire a far percepire la legalità non come sistema normativo da imporre a pena di sanzioni, ma come codice interiorizzato che aiuti a sviluppare le potenzialità dell’individuo, accrescendo le sue capacità di essere un membro responsabile del proprio gruppo sociale.
 
Alla presentazione dell’iniziativa parteciperanno:
 
Cosimo Prisciano – Presidente Alba Mediterranea
 
Simonetta Lorusso
Presidente Circolo della Vela di Bari
 
Carmela Pagano
Prefetto di Bari
 
Antonio Decaro
Sindaco del Comune di Bari
 
Riccardo Greco
Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari
 
Francesca Perrini
Direttrice CGM – Centro Giustizia Minorile di Bari
 
Giuseppe Esposito
Direttore Generale – Fondazione Banca Nazionale delle Comunicazioni
 
Domenico De Michele
Ammiraglio Ispettore (CP) Guardia Costiera – Bari
 
Maurizio Muscarà
Comandante Reparto Operativo Aereonavale di Bari
 
Alberto Lategola
Presidente FIV – Federazione Italiana Vela – Ottava Zona – Puglia

L’Associazione Puglia – Montenegro promuove il programma di cooperazione transfrontaliera

Presidente Riccardo Di Matteo ha preso parte all’incontro che si è svolto a Bari e che ha coinvolto i Presidenti delle due Regioni italiane, Emiliano e Di Laura Frattura

11709489_1687899861425842_200238962725054880_nAndria, 7 Marzo 2016 –  Dato il ruolo fondamentale che la Puglia ricopre, insieme al Molise, nell’accompagnamento di Albania e Montenegro all’ingresso nell’Unione Europea, l’Associazione di Amicizia Puglia-Montenegro, nella persona del Presidente Riccardo Di Matteo ha preso parte all’incontro che si è svolto a Bari e che ha coinvolto i Presidenti delle due Regioni italiane, Emiliano e Di Laura Frattura. Obiettivo dell’incontro la presentazione del programma di cooperazione transfrontaliera (2014-2020) tra Italia, Albania e Montenegro, finanziato con circa 93 milioni di euro, al fine di accrescere la competitività delle piccole e medie imprese. Si tratta di obiettivi pienamente condivisi dall’Associazione, che da tempo si prodiga per valorizzare le bellezze e le possibilità offerte dal Montenegro e per offrire opportunità di collaborazione alle imprese montenegrine. Il Presidente Riccardo Di Matteo si impegna a sostenere e promuovere questi progetti, mettendo a disposizione le relazioni con istituzioni, municipalizzate ed imprese, non solo in Puglia ma in generale nei Balcani, costruite dall’Associazione nel suo anno di attività.

Frodi: bene sequestro dei Nas a Bari, serve chiarezza in etichetta su latte importato

Il presidente della Cia Dino Scanavino: “In un momento in cui il rapporto fra il prezzo del latte alla stalla e il suo costo di produzione ha raggiunto livelli inaccettabili per gli allevatori non si può tollerare il mercato della contraffazione. Il comparto ha bisogno di stabilità e trasparenza”.

downloadBari, 20 gennaio – Bisogna lavorare sulla trasparenza assoluta, estendendo l’obbligo dell’indicazione di origine della materia prima in tutti i prodotti lattiero-caseari. Così la Cia-Agricoltori Italiani commenta l’operazione dei Carabinieri del Nas di Bari che hanno sequestrato 3 tonnellate e mezzo di cagliata di provenienza estera (tedesca e irlandese) in un caseificio della Murgia, in pessimo stato di conservazione e congelata senza corrette procedure. In un momento in cui il rapporto fra il prezzo del latte alla stalla e il suo costo di produzione ha raggiunto livelli inaccettabili per gli allevatori -spiega il presidente nazionale Dino Scanavino- non si può tollerare il mercato della contraffazione, le frodi di chi spaccia per mozzarella Made in Italy un prodotto realizzato con cagliata straniera, né tanto meno l’utilizzo di latte in polvere nella produzione di derivati. Il problema vero è conoscere l’origine del latte importato, che in Italia equivale a 8,6 milioni di tonnellate -sottolinea Scanavino-. Solo con un’etichetta chiara si possono tutelare i consumatori, consentendo loro di fare scelte d’acquisto realmente consapevoli, e al contempo si salvaguardano anche gli allevatori italiani, che ogni giorno lavorano per garantire la qualità e la salubrità del loro prodotto. Il settore lattiero-caseario è una colonna portante dell’economia agroalimentare nazionale con oltre 35mila aziende -ricorda il presidente della Cia-. Per questo bisogna dare la stabilità necessaria al comparto, innanzitutto definendo un “prezzo del latte” con un contratto semestrale o, al massimo, quadrimestrale, al fine di consentire agli allevatori di poter avviare la programmazione a medio termine.

Ecco le Guide 2016, il vademecum dell’enogastronomia del Sud

Parte la nuova stagione di Radici del Sud, l’evento che celebra e premia gli straordinari vini del sud Italia con nuovi progetti. Ad arricchire la serata le prelibatezze culinarie presentate dai grandi chef  e pizzaioli pugliesi abbinate alle migliori eccellenze enologiche

Radici_Testata-Face#12E5F36-2Bari, 3 dicembre – Centonove i ristoranti, 91 le pizzerie e 72 i vini premiati recensiti. Sono questi i numeri protagonisti nelle tre guide 2016 di Radici, gli strumenti ideali per orientarsi tra i tanti ed eccellenti ristoranti e pizzerie della Puglia insieme alle sue eccellenze enologiche: Radici Wines, Radici Restaurants e Radici Pizzerias. Le guide saranno presentate mercoledì 9 dicembre alle ore 18.00 a Bitonto (Bari) presso il Convivium Sancti Nicolai in Piazza Cattedrale. Radici Wines, giunta alla sua VII edizione, offre il panorama dettagliato dell’affermata realtà del vino da vitigno autoctono del sud Italia attraverso foto e brevi racconti dei 72 vini vincitori di Radici del Sud 2015, il Salone del Vino Meridionale che negli anni ha saputo conquistare ammirazione e popolarità nel nostro paese e all’estero. Mentre la XIV edizione di Radici Restaurants (con 109 ristoranti recensiti di Puglia e dintorni) e la VI di Radici Pizzerias (con 91 pizzerie di Puglia recensite) racchiudono le nuove realtà della ristorazione pugliese. A fine presentazione saranno illustrate le novità della undicesima edizione di Radici del Sud, l’evento che celebra e premia gli straordinari vini del sud Italia (Bari dal 7 al 13 giugno 2016). Radici, in questo nuovo appuntamento, darà avvio al progetto che coinvolgerà le affermate realtà della ristorazione pugliese nell’offerta di una cucina sostenibile per offrire un servizio utile a chi ha la necessità di seguire una particolare dieta che tenga conto di intolleranze senza rinunciare ai piaceri della tavola. In collaborazione con medici nutrizionisti, gli chef che rendono onore alla gastronomia locale, appronteranno menù presto disponibili sulla tavola dei loro ristoranti capaci di andare incontro a chi pone alla base del proprio benessere un determinato regime alimentare e a chi ha bisogno di tenere d’occhio la portata calorica della propria dieta. Il progetto sarà presentato proprio martedì 9 dicembre in occasione dell’uscita delle nuove edizioni delle Guide di Radici  in cui, oltre ai curatori e ai recensori delle tre guide, interverranno Antonio Moschetta ricercatore, esperto di patologie metaboliche e infiammatorie, direttore scientifico dell’istituto oncologico di Bari e Pippo Amoruso, dietologo specialista in scienze dell’alimentazione. L’evento proseguirà dalle 20,30 nei locali interni e nel dehors dell’attiguo ristorante il Patriarca di Bitonto dove saranno servite le speciali pizze del pizzaiolo Alessandro Pastoressa e il panino della Città degli Ulivi proposto dallo chef Emanuele Natalizio. Oltre a loro in cucina, anche Rocco Violante del ristorante 900 di Bitetto, Cosimo Russo del ristorante Aqua di Porto Cesareo, Nicola Russo del ristorante Al primo Piano di Foggia e Stefano D’Onghia del ristorante Botteghe Antiche di Putignano. Gli chef offriranno alcuni piatti ispirati alle tradizioni ittiche e contadine tenendo conto del rapporto cibo-salute senza penalizzare il piacere e il gusto. Nel frattempo sarà possibile degustare presso i banchi d’assaggio circa 74 vini vincitori dello scorso Radici del Sud, che godranno nella relativa guida Radici Wines 2016 di uno spazio di approfondimento. Numerose le altre attività in programma, in Puglia e non solo, dedicate ai vini – già in programma approfondimenti sul Nero di Troia, Negroamaro, Primitivo e altri vitigni del Sud – e alla gastronomia, pianificate in un lungo calendario che terminerà con l’undicesima edizione di Radici del Sud (dal 7 al 13 giugno 2016).

Cantine Aperte a Natale in Puglia 2015

Domenica 6 dicembre vini di qualità e gustose idee regalo  in alcune delle cantine socie del Movimento Turismo del Vino Puglia

ImageProxyBari, 2 dicembre – Una domenica all’insegna dei vini qualità per gustose idee regalo in prossimità delle festività natalizie in alcune delle cantine socie del Movimento Turismo del Vino Puglia.  Ad aprire i battenti, il prossimo 6 dicembre, nella zona di Castel del Monte e della Bassa Murgia le aziende Tor De’ Falchi di Minervino Murge (Bt) e Cantina dei Fragni di Sammichele di Bari (Ba), che dalle 10 fino a sera, accoglieranno il popolo degli enoturisti in un clima di festa per far visitare gli impianti di produzione, degustare i vini di produzione e, nei corner appositamente allestiti, ammirare e acquistare vini e manufatti che daranno più gusto ai brindisi delle feste. Tante le iniziative correlate che saranno messe in atto dalle due aziende per stimolare il coinvolgimento dei visitatori. Gli ambienti geometrici “suprematisti” d’ispirazione avanguardista della cantina Tor De’ Falchi, (c.da San Girolamo Monte Lettieri sn | T. +39 334 5631352 | www.tordefalchi.com |GPS: 41.124778, 16.017361) accoglieranno a Minervino Murge per tutta la giornata  – dalle 10 alle 21 – i winelovers con visite guidate ai vigneti e all’azienda, degustazione gratuita dei vini di produzione, minicorsi sensoriali di degustazione e possibilità di abbinamento cibo-vino con prodotti tipici dell’Alta Murgia (a pagamento – costo euro 10). A Sammichele di Bari invece, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, Cantina dei Fragni (Contrada Procida | T. +39 080 8917359 / +39 3331381211 | www.cantinadeifragni.it | GPS: 40.869667, 16.966694 ) ospiterà tutti gli enoappassionati all’interno di Masseria Procida, antica masseria del Seicento incastonata in una magica macchia di fragni secolari, con visite guidate e degustazione gratuita dei vini di produzione. Una straordinaria giornata, dunque, che con l’approssimarsi del lungo ponte dell’Immacolata, consentirà a turisti, appassionati e curiosi di “gustare” gli inediti itinerari, scoprire le aziende e incontrare i produttori, assaggiando e acquistando i vini direttamente nei luoghi in cui nascono.

Maggiori informazioni su www.mtvpuglia.it ; sugli account Facebook, Twitter e Instagram del Movimento Turismo del Vino Puglia

Tre punti per la musica dal vivo in Europa

Assomusica consegna un documento programmatico alla Commissione Europea al Medimex di Bari

Assomusica al Medimex - consegna del documentoBari, 2 Novembre- “Lavorare insieme per raggiungere obiettivi comuni, in un’ottica europea”. Questo il messaggio lanciato da Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica, Associazione Italiana Organizzatori e Produttori spettacoli di musica dal vivo, al Medimex 2015, alla presenza di 15 esperti del settore, provenienti da 8 Paesi Europei. Il gruppo di lavoro ha discusso dei bisogni e delle necessità comuni del settore nei due giorni di lavoro e nei due panel organizzati da Assomusica, ed ha consegnato un primo documento programmatico di 3 punti alla Commissione Europea, nella persona di Alessandro Senesi – Vice Capo Unità della DG Cultura. Il documento è stato messo a punto nelle settimane subito precedenti l’evento e sarà alla base del futuro lavoro con le istituzioni europee. Il primo Panel, LA MUSICA DAL VIVO: RISORSA PER LA CITTA’, ha visto la partecipazione di Chris Garrit, NightMayor della città di Groningen (Olanda) e di Svanhildur Konráðsdóttir, Direttore del Dipartimento della Cultura e del Turismo della città di Reykjavík (Islanda), che hanno illustrato modelli di sviluppo e promozione della musica in Europa, portando all’attenzione dei presenti i propri case history, in grado di dimostrare come tali modelli possano influenzare positivamente la realtà economica e sociale delle città stesse.

Grande affluenza di pubblico anche per il secondo Panel, intitolato EUROPEAN LIVE MUSIC NETWORK, con la partecipazione di Alessandro Senesi, Deputy Head of unit – European Commission – Directorate General for Education and Culture, Directorate Culture and creativity – Creative Europe Programme – Culture Unit; Greg Parmley, Managing Director ILMC (Inghilterra); Georges Perot, Founder & Managing Director MESO Music Events(Grecia); Nicola Sinisi, Direttore Radio Rai (Italia); Peter Smidt, Manager at Buma Cultuur / Creative Director at Eurosonic  (Olanda); Manfred Tari, Managing Editor Pop100 (Germania); Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica (Italia) oltre a Audrey Renet, Live DMA (Francia); Francoise Jolivet , Attilio Perisssinotti, NEBM (Olanda); Aline Renet Prodiss (Francia); Nuno Saraiva, AMAEI (Portogallo); Kartsen Scholermann –  LivecKomm(Germania).

Al centro del Panel la musica dal vivo in Europa, con l’obiettivo comune di promuovere la collaborazione stretta tra gli operatori, al fine di favorire una legislazione adatta, raccogliere fondi e sviluppare programmi dedicati alla musica dal vivo. “La musica dal vivo in Europa”, sottolinea il Presidente di Assomusica, Vincenzo Spera, “si presenta come una realtà̀ differenziata e disomogenea, a livello legislativo nei diversi paesi, priva di una rete rappresentativa. Per questo stiamo promuovendo ‘European live music network’ che metta in rete tutte le associazioni europee che si occupano di musica dal vivo”.  “Con i rappresentanti degli altri Paesi – conclude il Presidente Spera – oggi abbiamo consegnato un primo documento rappresentativo delle esigenze comuni del settore alla Direzione Generale dell’Istruzione e Cultura della Commissione Europea. Il nostro impegno non finisce qui: contiamo di partecipare e portare il nostro manifesto alla conferenza di Londra, prevista a marzo, e a giugno a Cannes”.

 

Assomusica al Medimex di Bari

La musica dal vivo: risorsa per la città il 29 ottobre; European Live Music Network il 30 ottobre

image003Bari, 26 ottobre- Assomusica, associazione italiana organizzatori e produttori spettacoli di musica dal vivo, sarà presente nella Hall 1 del padiglione espositivo del Medimex 2015 con l’organizzazione di due Panel: il primo, giovedì 29 ottobre, dalle ore 18 alle 19, dal titolo LA MUSICA DAL VIVO: RISORSA PER LA CITTA’; il secondo, venerdì 30 ottobre, dalle ore 15 alle 16.30, dal titolo EUROPEAN LIVE MUSIC NETWORK. Nel Panel del 29 ottobre verranno presentati modelli di sviluppo e promozione della musica in Europa; due “case history” che illustrano come tali modelli possano influenzare positivamente la realtà economica e sociale delle città stesse: Il caso Olandese illustrato da Chris Garrit Sindaco della notte della città di Groningen. Il caso Islandese illustrato da Svanhildur Konráðsdóttir Direttore del Dipartimento di cultura e turismo della città di Reykjavík.

Relatori

Chris Garrit Night Mayor of the city of Groningen (Olanda)

 Svanhildur Konráðsdóttir Director of the department of culture and tourism at Reykjavík City (Islanda)

 Nel secondo Panel, EUROPEAN LIVE MUSIC NETWORK, si parlerà di come si presenta la musica dal vivo in Europa, ossia come una realtà estremamente frammentata e differenziata nei diversi paesi. C’è l’opportunità per tutti gli operatori e le associazioni europee di agire, uniti e motivati, per rappresentare gli interessi del settore della musica dal vivo presso le massime istituzioni Europee. Uno degli obiettivi di Assomusica è proprio quello di promuovere la collaborazione stretta tra gli operatori, come ad esempio riesce a fare benissimo il mondo del cinema e dell’audiovisivo, al fine di favorire una legislazione adatta, raccogliere fondi e sviluppare programmi dedicati alla musica dal vivo. Questo sforzo federativo di Assomusica ha incontrato un notevole interesse da parte di molti operatori in diversi paesi europei.

Relatori

Alessandro Senesi Deputy Head of unit European Commission Directorate General for Education and Culture  Directorate Culture and creativity Creative Europe Programme – Culture Unit

 Greg Parmley Managing Director ILMC (Inghilterra)

 Georges Perot Founder & Managing Director MESO Music Events (Grecia)

 Nicola Sinisi Direttore Radiofonia Rai (Italia)

 Vincenzo Spera Presidente Assomusica (Italia)

 

Tavolo tecnico

 Audrey Guerre Coordinator Live DMA (Francia)

 François Jolivet Membro del Consiglio di Fedelima (Francia)

 Nuno Saraiva Vice President AMAEI (Portogallo)

 Jeremy Davies Director of Root Music (Inghilterra)

 Peter Smidt Manager at Buma Cultuur /  Creative Director at Eurosonic  (Olanda)

 Attilio Perissinotti Membro del Consiglio di Network Europe (Olanda)

 Aline Renet Conseiller Stratégique & Relations Institutionnelles Prodiss (Francia)

 Karsten Schölermann Livekomm – Live Musik Kommission / Boardmember (Germania)

 Francesca Billi Euradia International – Responsabile progetti Europei (Spagna)

 Manfred Tari Managing Editor Company name Pop100 (Germania)

 Malika Seguineau Director Prodisse (Francia)

 

Bridgestone: firmato al Mise accordo per riconversione impianto di Bari

Salvaguardati oltre 500 posti di lavoro

47257Roma, 5 ottobre 2015 – E’ stato raggiunto al Ministero dello Sviluppo economico l’accordo  per finalizzare l’implementazione del piano di conversione dello stabilimento di pneumatici per autovetture di Bridgestone Bari. All’incontro hanno partecipato rappresentanti della multinazionale giapponese, della Regione Puglia e dei sindacati. L’accordo, che consente di salvaguardare oltre 500 posti di lavoro, e’ stato firmato da tutte le parti coinvolte (azienda, sindacati nazionali e territoriali) e sarà sottoposto all’approvazione dei lavoratori dello stabilimento. Il Piano prevede la focalizzazione della produzione esclusivamente verso il segmento dei pneumatici general use e l’incremento della competitività dello stabilimento mediante la riduzione del costo di conversione nel suo complesso. L’intesa prevede che presso lo stabilimento di Bari saranno prodotti 3,6 milioni di pneumatici all’anno in condizioni di piena competitività con le altre entità di Bridgestone. “Il risultato e’ stato raggiunto grazie allo straordinario impegno dei lavoratori, delle loro organizzazioni e dell’intero gruppo dirigente dello stabilimento barese” ha commentato il Responsabile dell’Unità gestione vertenze del Mise Giampiero  Castano. “Abbiamo portato a termine un difficile lavoro per recuperare una fabbrica che Bridgestone aveva deciso di chiudere”.

Dall’Europa un supporto formale al settore della musica live, una vittoria per Assomusica

Sarà istituito un Forum permanente. Soddisfatto il Presidente Vincenzo Spera dopo l’incontro al “Reeper Bahn Festival” di Amburgo

 

Corinne Rigaud e Vincenzo Spera (Presidente Assomusica)Amburgo, 29 settembre, 2015- “È di fondamentale importanza la costituzione di un’efficace rete europea per affrontare tematiche prioritarie per players e paesi europei attivi nel settore degli eventi dal vivo”. Lo ha ribadito con forza il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera, in occasione dell’incontro che si è tenuto al “Reeper Bahn Festival” di Amburgo, ad un anno dall’inizio del lavoro con la Direzione Generale Educazione e Cultura della Commissione Europea. Dall’Europa, grazie all’apporto decisivo del Presidente Vincenzo Spera, è giunto un supporto formale per importanti iniziative di azione propositive, coese e federate, annunciando la costituzione di un Forum dedicato al settore, che si aprirà ufficialmente al “Midem” di Cannes, già dalla prossima edizione. Dopo l’incontro di Amburgo, alla volontà dei rappresentanti del settore, è possibile unire la ricettività istituzionale. Un altro importante traguardo dell’Associazione Italiana dei Produttori e Organizzatori di Spettacoli di Musica dal Vivo, che da anni si batte per un settore florido, che registra ben sette miliardi di euro di fatturato annui (in Europa e solo per la musica popolare contemporanea), una cifra di gran lunga superiore a quella del settore cinematografico, ma che non beneficia ad oggi di misure di sostegno e sviluppo adeguate. Il lavoro proseguirà al Medimex di Bari il 29 e 30 ottobre con due appuntamenti organizzati da Assomusica, cui parteciperanno i più importanti rappresentanti di Enti, Istituzioni e associazioni Europee del settore dello spettacolo dal vivo, nonché i cosiddetti “Sindaci della Notte” di alcune capitali della musica.

La bellezza delle colline joniche domenica va in scena a Bari. Aperitivo Colline Joniche

Un racconto affidato alle testimonianze, alla ceramica artistica, all’eno-gastronomia e alla musica di Diodato

FortinoBari, 18 settembre, 2015- Mostrano la loro vera natura e il loro grande potenziale gli undici Comuni della provincia di Taranto (Carosino, Faggiano, Crispiano, Grottaglie, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Jonico e Statte), che sotto l’egida del GAL Colline Joniche dopo essersi presentati all’Esposizione Universale di Milano e alla Fiera del Levante, invitano il mondo a guardare ai loro territori che oggi si propongono come asse di sviluppo eco-sostenibile. Pratiche e dinamiche messe a punto in questi anni, dal turismo all’agricoltura, dalla mobilità sostenibile, ai processi di innovazione, aggregazione e ricerca, fino alla realizzazione di veri e propri prodotti di fruibilità territoriale, che dal prossimo 20 settembre e fino al 9 ottobre saranno valorizzate in una serie di appuntamenti di informazione, formazione, studio e promozione. Si comincia domenica prossima a Bari nell’ambito di una prima serata interamente dedicata al racconto. Al Fortino Sant’Antonio nella zona antica della città capoluogo, a partire dalle 19.00, i prodotti della terra, l’artigianato tipico del Consorzio Ceramisti di Grottaglie, le preparazioni gastronomiche della chef chiocciola Slow Food, Anna Maria Di Gregorio e le testimonianze dei protagonisti di questa rivoluzione green, parleranno del cammino delle Colline Joniche, ridefinite nell’ambito di questa iniziativa vere e proprie Terre in Movimento. Una svolta Green che a partire dalle “strade verdi” volute e ideate dal GAL interseca tradizione, cultura, storia, e tutela e valorizzazione delle risorse naturali, paesaggistiche e del patrimonio agroalimentare. Una serata, quella del 20, nata per rappresentare innanzitutto alla comunità pugliese l’altra faccia di un territorio che ha saputo organizzare la speranza, creare una rete di imprese, enti e associazioni e costruire finalmente un prodotto appetibile per il mercato – spiega Antonio Prota, presidente del GAL Colline Joniche. E’ il giusto riconoscimento ad un cammino compiuto insieme a tanti – dichiara Rocky Malatesta, direttore del GAL – e che incarna anche la modalità operativa che come Gruppo d’Azione Locale abbiamo voluto sviluppare per programmare un modello di sviluppo partecipato e che coinvolgesse tutte le comunità territoriali. Un racconto che meritava la giusta colonna sonora affidata per l’occasione al talento espressivo del cantautore Antonio Diodato, noto al grande pubblico per le sue numerose menzioni speciali al Festival di San Remo, al Premio Tenco e al Premio De Andrè, ma anche per il suo impegno sociale in favore della sua terra d’origine. E il titolo del suo ultimo album “A Ritrovar Bellezza” è in perfetta sintonia con il lavoro che abbiamo prodotto in questi anni – sottolinea il vice presidente del GAL, Francesco Donatelli – nel tentativo di far riemergere tutte le potenzialità di un territorio che aveva sposato la monocoltura industriale, ma che invece aveva e ha ancora tanto da offrire proprio in termini di bellezza, storia e patrimonio. La performance di Diodato sarà dunque un omaggio alla bellezza e segnerà la parte sonora di questo racconto, che proseguirà poi fino al 9 di ottobre in tappe caratterizzate da un programma di avvenimenti di varia natura: dalle tavole e laboratori di degustazione, alle giornate di approfondimento scientifico, fino al tour dei giornalisti nazionali nell’ambito del programma Discovering Puglia voluto dalla Regione. Si segnalano gli appuntamenti del 21 (Crispiano) e 26 settembre (Pulsano) e quello del 2 di ottobre (Grottaglie). In queste date si parlerà dei Cammini delle Colline Joniche tracciate da un recente studio e destinate ad entrare nel mercato del turismo slow proveniente dal nord Italia e dal nord Europa. Seguiranno anche programma di degustazioni e appuntamenti tecnici e formativi dedicati al mondo del turismo, delle associazioni e della cultura.

L’evento è promosso del Gal Colline Joniche e finanziato con Fondi FESR Regione Puglia 2007-2013 nell’ambito della Misura 421 Progetto di Cooperazione Transnazionale “T.E.I.net” – WP. 4 Partecipazione alla Realizzazione di eventi promozionali

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]