Palazzolo Acreide scalda i motori per il 40° raduno di Alfa Romeo

La casa automobilistica del Biscione si prepara ad accogliere oltre 60 equipaggi provenienti da tutta l’Isola per il 40° raduno Alfa Romeo di Sicilia, previsto il 6 ottobre a Palazzo Acreide. Un’occasione per assistere a modelli rari e moderni di autovetture e godere delle bellezze del borgo patrimonio Unesco.

Il passato ed il presente che coesistono nella varietà di modelli automobilistici dalle linee uniche, riconoscibili dal celebre stemma circolare diviso verticalmente in due parti che ne ha fatto la storia: l’Alfa Romeo. Proprio alla casa automobilistica milanese, avente come slogan “La meccanica delle emozioni”, è dedicato il 40° raduno Alfa Romeo di Sicilia del 6 ottobre, la cui cornice sarà la Piazza del Popolo di Palazzolo Acreide, comune barocco patrimonio Unesco dal 2002 e recentemente in lizza per l’ambito titolo di Borgo più bello d’Italia. L’evento, organizzato dal Sicily Alfa Club e Alfa Romeo Fca con il patrocinio del Comune di Palazzolo Acreide, prevede l’arrivo di oltre 60 equipaggi provenienti da tutta la Sicilia. Un’ opportunità unica per gli amanti del settore, che desiderano assistere all’arrivo di pezzi unici, d’epoca e moderni, e visitare il borgo siciliano ricco di bellezze architettoniche.

A celebrare il grande raduno: Luca Dal Monte, direttore stampa e relazioni esterne Maserati, divenuto scrittore di grande fama che, per l’occasione, presenterà il suo nuovo libro “La congiura degli innocenti” nella Sala Verde del Palazzo Comunale con firma e vendita delle copie. Con lui, anche il dottore Antonino D’Anna, dell’editoria automobilistica e direttore della rivista bimestrale dedicata al mondo dell’Alfa Romeo “Il Garage dell’Alfista”. Grande soddisfazione, per un evento di tale portata, da parte del responsabile delle pubbliche relazioni Sicily Alfa Club, Cristian Lopes, per il quale la manifestazione rappresenta un’opportunità per mettere in luce le bellezze della Sicilia e assistere a vetture d’epoca e moderne, le cosiddette “Instant classic”. Nate da un progetto di Fca Heritage, con l’obiettivo di valorizzare le autovetture contemporanee di eccellenza che, grazie alle loro caratteristiche uniche, rappresentano un investimento nel tempo.

Arriva Cambiomarcia.com, l’Amazon delle Auto Usate

[AdSense-A]

 

Cambiomarcia.com ha inventato una nuova formula di vendita che prevede la figura professionale dell’Esperto Auto Cambiomarcia

Senza-titolo-5

Si chiama Cambiomarcia.com ed è nato in Romagna il primo e-commerce di auto usate dedicato esclusivamente ai privati e la storia della sua nascita è degna dei migliori film. Nel 2012 un ragazzo visionario di 27 anni, venditore di auto usate, ha un’idea che è convinto rivoluzionerà il mercato dell’auto, i suoi titolari altrettanto visionari sposano l’idea e decidono di investire 1 milione di euro nel progetto ed in 4 anni riescono a creare il primo e-commerce di auto usate. Ma non stiamo parlando solamente di un sito in cui puoi acquistare un’auto online e fartela spedire a casa, ma di una nuova concezione di commercio elettronico, un commercio basato soprattutto sulla trasparenza e sul contatto umano, non solo virtuale. Cambiomarcia.com ha infatti inventato una nuova formula di vendita che prevede la figura professionale dell’Esperto Auto Cambiomarcia, cioè un vero e proprio professionista del settore auto che aiuta sia gli acquirenti che i venditori in ogni fase della compravendita. Se fino ad oggi l’unico modo per realizzare il giusto valore di mercato della nostra auto usata è stato spendere tempo, energie e risorse nei classici e famosi siti di annunci come Subito.it o Autoscout24 con l’incognita ed il rischio della gestione della vendita, degli appuntamenti, dei pagamenti, ecc., da oggi basta contattare Cambiomarcia.com ed in 24 ore invieranno direttamente a casa nostra un Esperto che verificherà la vettura, la proporrà online nel migliore dei modi e gestirà la vendita fino a farci realizzare quanto desiderato garantendoci in ogni fase massima sicurezza e nessuna fatica. In pratica per vendere l’auto ci basterà un click dal divano e qualcuno di esperto e fidato lo farà al posto nostro. Il risultato? Venditori e acquirenti felici perché tutte le auto presenti su Cambiomarcia.com sono verificate dagli Esperti enon ci sarà più possibilità di incorrere nel classico annuncio civetta con bella descrizione che poi si rivela un bidone…e magari abbiamo fatto anche 100km per andare a vederla…..! Alla trasparenza di ogni annuncio aggiungiamoci anche 100 foto in FULL HD, Video in 4K, Chat con gli Esperti ed ecco che acquistare diventa molto più semplice e, se non bastasse, il sito include anche unaGaranzia guasti di 12 Mesi valida in tutta Europa e 7 giorni di Soddisfatti o Rimborsati! Sulla carta Cambiomarcia.com è una vera rivoluzione nel commercio delle auto usate, e le opinioni degli acquirenti e dei venditori felici e soddisfatti lo confermano. A tutti gli altri non resta che provare….

Mercato dell’auto: Italia è sul podio delle vendite in Europa

[AdSense-A]

 

A maggio 2016 il mercato italiano si piazza al terzo posto nel mercato europeo dopo la Germania  ed il Regno Unito

Senza-titolo-21

Il mercato italiano dell’auto ha chiuso il quinto mese di questo 2016 con un ottimo risultato di immatricolazioni. Complici il super ammortamento e la rinnovata fiducia delle famiglie, le vendite hanno registrato una fortissima crescita, consolidando i buoni traguardi raggiunti nei primi mesi dell’anno. Analizzando i dati per utilizzatore, si nota una crescita generalizzata: i privati passano dalle 90.000 vetture del maggio 2015 alle 110.000 dello stesso mese del 2016 con una variazione positiva del 21%; le società crescono del 35% immatricolando ben 29.487 veicoli rispetto ai 21.790 del maggio 2015; ottimo risultato anche per le vetture vendute alle società di noleggio lungo termine (www.noleggiosemplice.it) che, forti delle agevolazioni fiscali derivanti dal super ammortamento 2016, raggiungono le 26.745 vetture immatricolate (in crescita di quasi il 30% rispetto al 2015). Nel periodo gennaio-maggio 2016 la Motorizzazione ha in totale immatricolato 875.778 autovetture, con una crescita del 20,51% rispetto ai primi 5 mesi del 2015 durante il quale ne furono immatricolate 726.720 A maggio 2016, il mercato italiano con ben 187.631 veicoli si piazza al terzo posto nel mercato europeo dopo la Germania (286.931) ed il Regno Unito (203.585) e subito davanti alla Francia (175.831). Riprendiamo quindi un terzo gradino del podio temporaneo che era stato nostro per molti anni e ricominciamo a rappresentare una delle economie trainanti della comunità europea. Ormai la stima di 1 milione e ottocentomila vetture da noi fatta sembra molto realistica e potrebbe essere addirittura superata avvicinandoci così sempre di più a valori di immatricolazioni pre-crisi. Le tradizionali alimentazioni diesel e benzina restano le più importanti del mercato e cavalcano la crescita del periodo con, rispettivamente, un + 31,2% ed un + 35,7%. Continua invece la diminuzione delle vetture con alimentazione gassosa con circa 3.000 veicoli in meno rispetto al Maggio 2015 considerando il metano ed il GPL. Siamo fieri, infine, dell’ulteriore crescita registrata dalle vetture ibride che possono vantare ben 3.488 immatricolazioni ed unaumento del 60%. Sempre più case costruttrici stanno inserendo in gamma questo tipo di veicoli, preannunciando una sempre più forte affermazione di questa alimentazione altamente ecologica. Un mercato florido ed allo stesso tempo maturo in cui si avvantaggiano i nuovi concetti di mobilità affermatisi negli ultimi anni, un mercato dove l’ibrido ed il noleggio a lungo termine sembrano essere sempre più la linfa vitale di un rinnovamento economico e culturale, capace di portare il “Sistema Italia” verso nuovi ed importanti traguardi

Falsi invalidi: Ilaria Piccolo, basta con permessi a chi non ha diritto, giro di vite

Ilaria Piccolo: “I casi si susseguono e lasciano sempre più allibiti e si tratta di un fenomeno che, tra controlli incrociati e segnalazioni, interessa almeno migliaia e migliaia di auto”

di Romolo Martelloni

inpasRoma, 18 aprile – “Neanche le nuove autorizzazioni europee, obbligatorie al momento del rinnovo dei vecchi permessi per le persone con disabilità, sono riuscite a debellare un fenomeno che, a Roma, è duro a morire: quello dei furbetti che ogni giorno utilizzano il talloncino (o la fotocopia) di qualche parente con invalidità per parcheggiare gratuitamente alla faccia di chi, invece, ne avrebbe diritto come le famiglie di ragazzi autistici con più’ di 18 anni, che ad oggi non sono contemplati dal servizio sanitario nazionale”. Lo scrive, in una nota, Ilaria Piccolo, consigliere uscente in Campidoglio ed esponente del Pd “per Giachetti”. Proprio prendendo spunto dagli,ultimi episodi,che hanno visto l’emarginazione di ragazzi autistici e l’appello di una associazione che denunciava come al compimento dei 18 anni questi ragazzi non sono più’ assistiti dal Ssn, Ilaria Piccolo fa l’esempio dei permessi per la circolazione rilasciati a falsi invalidi che, denuncia la Piccolo “senza alcuna coscienza e scrupolo continuano imperterriti a violare la legge”, e spiega come ancora  “i casi si susseguono e lasciano sempre più allibiti e si tratta di un fenomeno che, tra controlli incrociati e segnalazioni, interessa almeno migliaia e migliaia di auto con relativi conducenti cosa che più lascia perplessi è che i permessi per l’esercito dei falsi invalidi vede “arruolati” diversi professionisti insospettabili. Serve dunque e spero presto – conclude Ilaria Piccolo – un giro di vite e controlli incrociati tra tutte le forze di polizia e dei vigili urbani”.

Con Garanziaonline.it arriva la garanzia sull’ auto usata acquistata da un privato

Arriva anche in Italia un modello di garanzia sulle auto usate già ampiamente diffuso all’estero: da oggi tutte le compravendite di auto usate acquistate da privati potranno essere assicurate grazie a Garanziaonline.it

ImageProxyRoma, 6 aprile 2016 – Finalmente arriva anche in Italia la garanzia per le auto usate acquistate da privati. Da pochi giorni infatti anche chi compra da un privato può garantire l’auto tramite l’acquisto di una polizza assicurativa sui guasti dal sito www.garanziaonline.it, scegliendo tra quattro diversi livelli di coperture. In pochi passaggi tramite il sito è possibile ottenere subito un veloce preventivo personalizzato in base alla marca, modello, cilindrata, anzianità e potenza dell’auto oltre la possibilità di poter aggiungere servizi aggiuntivi come il soccorso stradale, l’auto sostitutiva, spese di albergo e diversi altri servizi. Garanziaonline.it nasce dall’iniziativa di Andrea De Sanctis, A.D. della Car Mobility Partner che, grazie all’accordo con la NOBIS Compagnia di Assicurazioni(sponsor del Chievo Verona in serie A), replica un modello già ampiamente diffuso all’estero, offrendo anche al consumatore italiano la possibilità di proteggere dagli imprevisti l’acquisto della sua nuova auto usata. In Italia il 60% delle compravendite di auto usate avviene tra privati. Comprando l’auto da un privato si riesce spesso a risparmiare, ma non tutti sanno che le compravendite tra privati non si applica la Garanzia Legale di Conformità (D.Lgs n.206 del 2005). La riparazione di eventuali guasti successivi all’acquisto rimane perciò a carico dell’acquirente con il rischio di veder vanificato il risparmio ottenuto.

Boom per CarAffinity.it: oltre 100.000 Annunci per il Social degli Annunci Auto

Maurizio Zorzetto: “noi chiediamo un’iscrizione obbligatoria e questo rappresenta un grande risparmio di tempo per i concessionari, ma soprattutto per il privato”.

ImageProxyRoma, 4 aprile 2016 – È ormai un vero e proprio successo per carAffinity, la startup italiana dedicata alla compravendita di auto nuove e usate. Il social aperto poco più di cinque mesi fa conta già più di 100.000 annunci di vendita auto, 200.000 utenti e 5.000 concessionari registrati per un totale di oltre 100.000 annunci auto disponibili (www.caraffinity.it), una quantità di utenti registrati che è sinonimo e garanzia della qualità del progetto. Rispetto ad altri siti concorrenti è infatti obbligatorio registrarsi su carAffinity per poter vedere completamente gli annunci. Come ha sottolineato Maurizio Zorzetto, amministratore delegato di carAffinity all’Internet Motors svoltosi a Milano il 17 marzo scorso “a differenza di tutti gli altri marketplace italiani e non noi chiediamo un’iscrizione obbligatoria e questo rappresenta un grande risparmio di tempo per i concessionari, ma soprattutto per il privato”. Il progetto di carAffinity è sicuramente molto ambizioso, la volontà è infatti quella di guadagnarsi un ruolo da protagonista in un mercato, quello della compravendita di auto usate e nuove altamente competitivo ma ha tutte le carte in regola per avere successo grazie all’esperienza del team e alla solidità garantita da quattro gruppi di investitori: Andena, Bincot, Private Equity e Vela Imprese. La mission di carAffinity è proprio quella di differenziarsi dai portali concorrenti il cui modello di business è basato sulla vendita di abbonamenti ad autosaloni e concessionari focalizzandosi sulla profilazione di ogni singolo utente in modo da sottoporgli contenuti realmente centrati sulle sue necessità ed i suoi interessi. Oltre al portale di ricerca auto e vendita dell’usato carAffinity mette a disposizione della sua community, costantemente ingaggiata attraverso i principali social network, un magazine che quotidianamente informa i propri lettori attraverso schede tecniche altamente informative sui modelli di punta dei maggiori marchi, sulle ultime novità provenienti da fiere e saloni e sui nuovi modelli rilasciati in commercio, fornendo un servizio a 360° per tutti gli appassionati di motori. Oltre alle versioni desktop e mobile del sito web è stata lanciata anche l’innovativa applicazione carAffinity che garantisce una user experience gratificante già dal primo utilizzo. La semplicità dell’interfaccia nasconde però una complessa struttura tecnologica che rende possibile la somministrazione di contenuti customizzati per ogni singolo utente. CarAffinity nasce nel 2015 dalla collaborazione di un gruppo di imprenditori italiani attualmente competenti nel management societario e nello sviluppo di startup tecnologiche e innovative. Il consiglio di amministrazione è attualmente composto da Francesco Gori, Guido Carissimo e Maurizio Zorzetto, precedentemente direttore generale di un altro importante player dell’automotive, Autoscuot24, e fondatore di Meetic Italia. Per visionare gli annunci di auto nuove e usate basta andare sul sito web www.CarAffinity.it, dove è possibile trovare anche articoli e notizie sul mondo delle auto.

La Top Ten 2015 del Noleggio a Lungo Termine

Gli Italiani preferiscono le Italiane

ImageProxyMilano, 16 marzo 2016 – Resi noti i risultati dei noleggi a lungo termine del 2015 in Italia. Secondo i dati diffusi da Noleggio Semplice in Italia la motorizzazione più scelta per il noleggio a lungo termine è il diesel e dai dati raccolti dall’UNRAE sembra che gli italiani applichino la logica del KM0 non solo nel settore alimentare ma anche nel settore automobilistico.  Nel 2015 il gruppo Fiat diventa la regina indiscussa delle case automobilistiche con un gran numero di immatricolazioni a società di Noleggio a Lungo Termine, la casa torinese vanta non solo il primo posto ma conquista ben 4 posizioni nella classifica delle 10 auto più noleggiate in Italia nel 2015. La classifica  Al decimo postosi piazza la Ford Fiesta, berlina di segmento b della casa statunitense pluripremiata per le sue motorizzazioni efficienti e per i suoi allestimenti hi-tech. Nono posto per Renault Captur, il crossover urbano dalle linee filanti che ha fatto breccia per le sue dimensioni compatte e per la sua agilità nelle manovre. Salendo i gradini della classifica troviamo 2 eccellenze tricolore, all’ottavo e al sesto posto approdano rispettivamente Fiat 500x e Jeep Renegade apprezzate soprattutto per la guida alta e per la briosità dei modelli, mentre al settimo posto è l’Audi A3 Sportback a dare filo da torcere alle concorrenti nostrane. Alla sua terza generazione, infatti, la compatta tedesca peso piuma conquista ancora, merito dei suoi motori dalle prestazioni ottimali, della sua attenzione all’ibrido e delle sue dotazioni tecnologiche intuitive e sicure. Si ritorna in Italia con la Fiat Panda in quinta posizione, citycar per antonomasia, il modello più venduto e più amato del made in Italy, riesce bene anche col Noleggio. Le forme arrotondate, l’ampia visibilità delle vetrate, allestimenti pensati per il vivere urbano, per il lavoro e per il tempo libero. Fiat Panda incarna lo stile di vita dell’italiano medio, adatta per le famiglie e soprattutto per i giovani, non c’è da stupirsi se continua ad avere consensi. Il quarto posto è occupato dalla cugina d’oltralpe, la Renault Clio, la berlinetta francese che fa innamorare a prima vista. Per la quarta edizione del modello, la Clio può vantare un appeal davvero seducente, motori dai consumi ridotti (basti pensare al 3 cilindri turbo Energy TCe 0.9 da 90 CV con lo Stop/Start capace di risparmiare il 21% dei consumi) e un anima tecno sempre connessa. Ai posti caldi della classifica le preferite dagli italiani. Terzo posto, medaglia di bronzo per il SUV nipponico, Nissan Qashqai, made in Japan alla sua seconda serie si conferma come successo anche per le interessanti novità di questa nuova veste. È Volkswagen a detenere la medaglia d’argento con la sua storica berlina Golf, segno che lo scandalo non ha scoraggiato gli acquirenti della penisola. Al primo posto, un orgoglio tutto Italiano, detiene l’oro per questo 2015 la Fiat 500L. I motivi della scelta? La versione Large della 500 fa proseliti soprattutto per le nuove motorizzazioni 1.3 e 1.6, per la praticità e per l’abitabilità del modello, le infinite possibilità di personalizzazione.

Smog: comitato salubrità aria, fermo auto palliativo, problemi da edifici malsani e canne fumarie

Claudio Del Medico Fasano: “La grossa responsabilità è assoggettabile agli edifici vecchi, malsani nonchè tecnologicamente inadeguati”

di Romolo Martelloni

imagesROMA, 30 dicembre – “il fermo delle auto o la circolazione a targhe alterne, sono un palliativo di bassissimo spessore tecnico-scientifico. E’ lo stesso risultato ottenuto curando l’influenza con una semplice aspirina: inefficace. Certamente togliere i fumi di scarico delle auto qualcosa otteniamo, a parte l’irritazione dei cittadini che per quell’auto pagano tasse e costi gestionali elevati, un modesto abbassamento dei valori inquinanti ma non basta”. Lo scrive, in una nota, il Presidente del Comitato Nazionale per la salubrità’ dell’aria, Claudio Del Medico Fasano. Scrive Fasano: “La grossa responsabilità, lo predichiamo da anni ed il Protocollo di Kyoto lo segnala da tempo, è assoggettabile agli edifici vecchi, malsani (costruiti con materiali tossici e invasi da gas Radonnonchè tecnologicamente inadeguati. Siamo giunti alle soglie del 2016 per verificare la situazione d’impotenza in cui gravano le amministrazioni comunali a causa del vuoto legislativo dei vari governi e ministeri per l’ambiente, su questo specifico tema. L’emergenza ambientale è seria e da non sottovalutare. Mentre nel quotidiano potremmo fare molto di più”.  I vari sindaci ed assessori sanno bene, ma evitano di dirlo alla popolazione, avverte Fasano “che le PM10 sono provocate soprattutto dall’emissione dei gas combusti derivanti dai riscaldamenti (abitazioni, scuole, luoghi di lavoro, aziende, ecc., quindi dagli edifici in genere) e che tali emissioni possono essere fortemente ridotte con dellesemplici ma determinanti integrazioni tecniche sugli edifici esistenti mentre per le nuove costruzioni andrebbero privilegiate, con norme più severe, quelle dotate di isolamenti e materiali totalmente ecologici in una “vera” Classe A+ non come spesso avviene, solo sulla carta. Non possiamo continuare a ristrutturare centinaia di vecchie case, edificate negli anni cinquanta quindi frutto di un’edilizia “povera” e non storica, peraltro a costi esagerati, che “mai” raggiungeranno livelli di impatto ambientale “zero” per abbattere l’inquinamento atmosferico dovuto proprio alla combustione necessaria per il loro riscaldamento”. Per non parlare infine della pubblica amministrazione. “Ci sono centinaia di uffici, anche direttamente gestiti dai bilanci comunali, regionali o statali che utilizzano ancora impianti centralizzati o malamente gestiti dal personale addetto – rileva Claudio Fasano – nei quali spesso  ritroviamo radiatori bollenti e finestre aperte; oltre che sprecare combustibile, quindi denaro dei cittadini, si crea inquinamento ambientale da PM10. Questi vecchi edifici peraltro agevolano l’ingresso del Gas Radioattivo Radon”. 

Smog. Comune, grazie ai milanesi che hanno compreso misura utile a contenere livelli di inquinanti

Dalle centraline dati sostanzialmente simili ai precedenti giorni festivi. Valutazioni solo dopo le tre giornate di blocco, ma si evita l’immissione di ulteriori inquinanti

Milano-smog-1Milano, 29 dicembre 2015 – L’Amministrazione comunale ringrazia i milanesi che ieri hanno dimostrato un grande senso civico, comprendendo l’importanza del blocco della circolazione privata quale misura d’emergenza di fronte agli alti livelli di smog in città. Certo, lo stop alle automobili ha provocato alcuni disagi ma Palazzo Marino ritiene sia stato un atto di grande responsabilità perché con tutta evidenza ha evitato l’immissione di ulteriori inquinanti in giornate caratterizzate da una particolare situazione metereologica che non facilita certo la dispersione degli stessi. I primi dati dell’Arpa relativi alla giornata di ieri restituiscono un quadro sostanzialmente simile alle giornate festive precedenti. Valutazioni più puntuali andranno ovviamente fatte a conclusione delle tre giornate di limitazione del traffico stabilite dall’ordinanza, ma la misura è stata già utile a contenere i livelli di inquinanti nell’aria in una fase di alta pressione. Domani l’Amministrazione comunale, avendo condiviso i dieci punti proposti dall’Anci, parteciperà al Ministero dell’Ambiente alla riunione indetta dal ministro Galletti per fare il punto sull’emergenza smog.

Lo rende noto l’Ufficio stampa del Comune di Milano.

Smog. Online l’ordinanza per lo stop alla circolazione dal 28 al 30 dicembre

Potranno circolare negli orari di blocco del traffico i veicoli elettrici, ibridi plug-in e ibridi range-extended, quelli del car sharing

C_4_foto_1429444_imageMilano, 27 dicembre 2015 – È online, sul sito del Comune di Milano, l’ordinanza con cui si predispone il blocco della circolazione dei veicoli privati nel territorio del Comune di Milano per le giornate di lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 dicembre, dalle ore 10 alle ore 16. Nell’ordinanza sono specificati i tratti di strada esclusi dal blocco alla circolazione (come quelli di collegamento tra il confine comunale e alcuni parcheggi periferici) e le deroghe ad alcune tipologie di veicoli. Tra queste, oltre ovviamente ai mezzi di soccorso, delle Forze dell’Ordine e a quelli pubblici, sono derogati – e dunque potranno circolare anche negli orari di blocco del traffico – i veicoli elettrici, ibridi plug-in e ibridi range-extended, quelli del car sharing e quelli con contrassegno per il trasporto di persone con disabilità o utilizzati per il trasposto di persone e animali sottoposti a terapie o esami indispensabili o dimessi da Ospedali e Case di cura (con adeguata documentazione). Inoltre, potranno circolare i veicoli di lavoratori se l’inizio o la fine del turno coincidono con orari in cui non sono disponibili i mezzi pubblici o se la sede di lavoro non ne è servita (con certificazione del datore di lavoro) e quelli privati se in arrivo o partenza da strutture ricettive (con documentazione) o se destinati o provenienti da scali aerei, ferroviari e marittimi (muniti di apposito biglietto di viaggio).

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]