Roma, “ Luce sull’ombra” per riconoscere i manipolatori emotivi

L’associazione ‘La volpe nascosta’  in Campidoglio il 7 novembre per un  incontro tematico su violenza psicologica e manipolazione mentale.

cinziaRoma, 13 ottobre – “ Luce sull’ombra” è il titolo del seminario in programma venerdì 7 Novembre  dalle ore 16.00 alle 19.00 presso la Sala del Carroccio in Campidoglio, promosso dall’associazione La volpe nascosta, incontro tematico su violenza psicologica e manipolazione mentale. Al centro della riflessione un ‘reato’ che non solo donne, ma anche moltissimi uomini che tendono ad accettare questa forma subdola di abuso, che molto spesso vede come vittime anche i minori che assistono a tali comportamenti.
La manipolazione emotiva segue un gradiente crescente di intensità e dannosità, attraverso la continua e sottile umiliazione e svalutazione della vittima, e nel tempo porta ad una perdita di autostima, fiducia e senso di identità nella persona che ne è fatta vittima, che si trova smarrita, confusa e preda di sentimenti contrastanti di colpa, vergogna e rabbia.
Si tratta di un vero e proprio omicidio dell’anima, in grado di provocare conseguenze anche molto gravi nella vittima: da un disturbo d’ansia crescente, ad attacchi di panico, senso di perdita di identità, sfiducia nelle proprie capacità, sensazione di perdita di valore personale fino a veri e propri episodi di depressione.
Purtroppo si tratta di un fenomeno sottostimato e ancora poco conosciuto, che vede ad oggi troppi esecutori impuniti e troppe vittime incomprese e per questo lasciate da sole ad affrontare un dolore ed un disagio senza nome. Riteniamo perciò assolutamente necessario avviare una politica di informazione e sensibilizzazione, e parallelamente iniziare a costruire servizi di consulenza ed assistenza mirati ad aiutare proprio le persone che ne subiscono – direttamente o indirettamente – le conseguenze. Spesso il crimine non viene denunciato perché proviene proprio dalle persone che più si amano e che si sentono, per tale ragione, autorizzate a continuare a delinquere.
Obiettivo del seminario è quello di contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica aiutando, al contempo, le vittime a riconoscere il fenomeno per potersene difendere autonomamente o chiedendo aiuto. Ciò non soltanto per tutelare se stesse e la propria integrità, ma anche per salvaguardare eventuali minori che, assistendo alla violenza su un genitore di riferimento, potrebbero, a loro volta un domani, divenire degli abusanti.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]