Azerbaigian: delegazione parlamentare italiana per seguire elezioni

Il partito di Ilham Aliyev si aggiudica 71 seggi su 125 e si riconferma alla guida del paese caucasico
image4Bakù, 2 novembre – Su invito del Parlamento dell’Azerbaigian e dell’on. Azer Karimli, presidente Interparlamentare Azerbaigian-Italia, una delegazione di parlamentari italiani guidata dal sen. Sergio Divina si è recata a Baku a seguire le elezioni per il rinnovo del Parlamento del paese caucasico. Lo rende noto un comunicato dell’Interparlamentare di amicizia Italia-Azerbaigian presieduta dallo stesso Divina. Della delegazione italiana fanno parte oltre al senatore Divina, le senatrici Maria Rizzotti (Fi), Maria Spilabotte (Pd), i senatori Nunziante Consiglio (Lega), Hans Berger (SVP), l’on. Guido Galperti (Pd) e Fiorello Provera fondatore e primo presidente dell’Interparlamentare di amicizia tra i due paesi già’ europarlamentare.  Le elezioni per il rinnovo del parlamento dell’Azerbaigian si sono svolte ieri e hanno visto la schiacciante vittoria del partito del presidente in carica Ilham Aliyev con 71 seggi conquistati sui 125 che compongono l’assemblea del Paese caucasico. L’affluenza del voto è stata del 55,7%, ha riferito il presidente della Commissione elettorale, Mazakhir Panakhov.

Esteri, Sergio Divina incontra delegazione parlamentare dell’Azerbaijan presieduta dal on. Azay Guliyev

Grazie agli ottimi rapporti fra i due paesi l’Italia è oggi il primo partner commerciale dell’Azerbaijan con più di 8 miliardi di dollari di interscambi

 

qht_010415_05Roma, 2 aprile – Ieri il presidente del gruppo interparlamentare Italia-Azerbaijan sen. Sergio Divina, con i membri del rispettivo gruppo, ha incontrato una delegazione di sette parlamentari dell’Azerbaijan presieduta dal on. Azay Guliyev presidente del CSSN, membro dell’Amministrazione Presidenziale, vicepresidente della Commissione Affari Politici e Sicurezza dell’Assemblea Parlamentare azera. Grazie agli ottimi rapporti fra i due paesi l’Italia è oggi il primo partner commerciale dell’Azerbaijan con più di 8 miliardi di dollari di interscambi.
Si sono affrontati i temi scottanti dell’approvvigionamento energetico che con l’esecuzione del TAPP metterà il nostro paese al sicuro da mancate forniture nordafricane, e la questione Russo-Ukraina con tutti i risvolti negativi che implica per entrambi i paesi.
Il gas azero potrà arrivare in Italia solo se non verranno impediti i lavori nel leccese, dove i movimenti ambientalisti si stanno opponendo alla realizzazione del punto di consegna in località San Foca. I rapporti fra Italia e Azerbaijan proseguono da anni a livello interparlamentare nel migliore dei modi con scambi di opinioni e visite delle rispettive delegazioni che poi influiscono sui buoni rapporti governativi a vantaggio dei nostri rispettivi paesi.

Puglia, Azerbaigian apre le porte per accordi commerciali con Andria e Bari

Ambasciatore dell’Azerbaigian Vaqif Sadiqov in visita tra Andria e Bari ,“Per gli imprenditori pugliesi la nostra nazione è un’ottima piattaforma logistica per raggiungere mercati come Iran, Turchia e Russia meridionale”

Di Vincenzo De Gregorio

2Roma, 26 settembre – Una visita dall’alto valore politico ed economico quella effettuata tra il 22 e 23 settembre dall’Ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaigian in Puglia, al fine di approfondire le opportunità di collaborazione tra imprese locali e mercato azerbagiano in forte ascesa economica. S.E. Vaqif Sadiqov è stato prima ad Andria dove ha incontrato il Sindaco Nicola Giorgino e una nutrita rappresentanza di imprenditori della città, poi si è trasferito a Bari per salutare la nazionale femminile del suo Paese impegnata nei mondiali di pallavolo. La venuta in Puglia è stata coordinata dall’associazione interparlamentare Italia-Azerbaigian e curata in ogni dettaglio da Riccardo Di Matteo, imprenditore e membro della stessa associazione, presieduta dal senatore Sergio Divina (www.italiazerbaigian.org). “In Azerbaigian – ha spiegato l’Ambasciatore agli imprenditori presenti – la situazione è stabile sotto il profilo politico, quindi ci sono concrete possibilità di investimenti. La burocrazia non ostacola la creazione di nuove imprese, sia italiane che locali, visto che per mettere insieme tutte le carte necessarie, trovandosi gli organi preposti in un’unica sede, il tutto si risolve in tre soli giorni. Siamo una nazione con 10milioni di abitanti, quasi quanto la Svizzera, di cui un milione vive a Baku, la nostra capitale”. “L’Italia – ha proseguito – è il primo partner commerciale dell’Azerbaigian, con il Veneto in prima fila. Con la Puglia abbiamo una serie di affinità soprattutto culturali. Da noi si fa molta  attenzione all’importazione di materie prime di alta qualità e la vostra regione con l’olio extravergine d’oliva, il vino, i prodotti dell’ortofrutta e dell’agroalimentare, potrebbe trovare ampi spazi in termini di import-export”. “Visti gli enormi giacimenti di gas nel Mar Caspio, – ha concluso Vaqif Sadiqov – lo sviluppo economico del nostro paese è in crescita. Prima i soldi finivano tutti all’Urss, oggi, invece, potendoli gestire direttamente in una repubblica democratica, sono in fase di realizzazione tutta una serie di infrastrutture, ferroviarie e stradali, proprio per facilitare gli scambi commerciali. Per gli imprenditori pugliesi la nostra nazione è un’ottima piattaforma logistica per raggiungere mercati come Iran, Turchia e Russia meridionale e molti altri stati in ambito euro-asiatico. Non è escluso in questa prospettiva che la nostra compagnia di bandiera decida di istituire un volo diretto tra Bari e Baku”.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]