Gli Amici del Montenegro incontrano il Patriarca della Chiesa Ortodossa

Maria Satta e Riccardo Di Matteo:” il Montenegro ha radici storiche che ci appartengono, va supportato e messo in condizioni di sviluppare le sue potenzialità”

20160117_154020Roma, 18 gennaio – La consegna di un’icona rappresentante S.Nicola di Bari è stata  al centro dell’incontro tra Riccardo Di Matteo, presidente dell’Associazione di Amicizia Puglia Montenegro, e Sua Beatitudine Mihailo Patriarca della  Chiesa ortodossa montenegrina, avvenuto ieri a Roma. Un appuntamento fortemente voluto da Maria Satta dell’associazione nazionale Amici del Montenegro, che da anni ormai si occupa di mantenere vivo il rapporto tra il nostro Paese e il piccolo Stato al di là dell’Adriatico, che in tempi antichi rappresentava la porta di passaggio per accedere dall’occidente ad oriente. “ E’ da molti anni che gli Amici del Montenegro si prodigano per affiancare in varie iniziative questo piccolo Paese che tanto ha in comune con noi italiani e che, al di là delle guerre e dei regimi  che lo hanno impoverito, rappresenta una vera oasi ambientale ed una ricchezza storica ineguagliabile”, spiega Maria Satta sottolineando il fatto che “l’associazione nasce anche per mantenere viva nella memoria la figura della Regina Elena, moglie di Vittorio Emanuele III e figlia del Re Nicola di Montenegro,   che la storia ci ricorda essere stata donna caritatevole e sempre vicina al bisogno della povera gente.” “La scelta di regalare al Patriarca un quadro di San Nicola non è casuale, – ricorda Riccardo Di Matteo –  il santo protettore della città di Bari è infatti per motivi storici anche un Santo venerato dal rito ortodosso, e rappresenta quindi un ponte ideale tra chiesa cattolica e chiesa ortodossa. In un momento in cui la parola  ‘ integrazione ‘  è al centro dei dibattiti europei, uomini come San Nicola non possono che essere un esempio da seguire se vogliamo che il territorio europeo sia un luogo dove le diverse culture siano un punto di forza, di condivisione e crescita“. Tra gli argomenti affrontati durante l’incontro, tenuto conto che la figura del Patriarca in Montenegro è di grande autorevolezza per la popolazione così come per il mondo istituzionale, anche lo sviluppo imprenditoriale. In attesa che il Montenegro entri a pieno titolo in Europa, l’associazione di amicizia Puglia Montenegro intende trasferire tutto il know how di cui dispone per accelerare i tempi di sviluppo del piccolo Stato che affaccia di fronte la regione Puglia sull’Adriatico orientale. Il sodalizio tra Maria Satta e Riccardo Di Matteo è quindi teso anche ad accelerare i tempi di sviluppo economico e organizzazione in Montenegro , al fine di rendere l’economia montenegrina,  da lungo tempo intrappolata in conflitti di vario genere,  un’economia in crescita e competitiva, restituendo al paese dignità e assicurando ai suoi abitanti un futuro migliore.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]