A remi da Milano a Venezia, lungo l’antica idrovia del Po

Bisconti: “Con ‘reMIVEri’ si rilancia la tradizione del canottaggio milanese. Li seguiremo fino in Laguna’

0Milano, 21 aprile– Un antica idrovia, percorsa l’ultima volta nel 1927. È la Milano-Venezia lungo i Navigli, il Ticino, il Po e infine i canali navigabili che portano dal delta del grande fiume fino a San Marco. È ‘reMIVEri’, un viaggio a colpi di remi lungo 450 chilometri e che attraverserà 12 città e 3 regioni,  presentato oggi a Palazzo Marino e organizzato dalla Canottieri San Cristoforo e dal CUS Lombardia. L’equipaggio, otto canottieri su due armi di 12 metri, partiranno dalla Darsena il prossimo 16 maggio per arrivare a Venezia il 24, giusto in tempo per partecipare alla Vogalonga. Una manifestazione che ha l’obiettivo di far riscoprire la bellezza e il potenziale di Milano come città d’acqua inserendosi nel progetto di Expo 2015. “Un’idea bellissima – ha dichiarato l’assessora allo Sport Chiara Bisconti – capace di valorizzare uno sport nobile come il canottaggio che a Milano ha antiche e solide tradizioni e la riscoperta e la valorizzazione di un territorio unico. Li seguiremo, colpo su colpo, fino in Laguna. Siamo contenti di aver patrocinato questa manifestazione e faremo di tutto perché diventi una nuova tradizione milanese, da ripetere ogni anno”. Sette le tappe, alcune inframmezzate da un trasporto su ruote (rigorosamente a trazione umana) delle canoe per superare alcune chiuse, come per esempio quelle dei navigli milanesi fino a Pavia. La più lunga (da Revere a Bottrighe) sarà lunga 96 chilometri. Il viaggio di ‘reMIVEri’ ripercorrerà l’antico percorso che vedeva viaggiare chiatte e persone da Milano verso l’Adriatico. L’intento dell’impresa è anche quello di ridare nuova vita a una via d’acqua per troppo tempo rimasta dimenticata.

 

Carnevale. Milano, 130 eventi con artisti da tutto il mondo

Per la prima volta la sfilata dei carri attraverserà le vie del centro, 20 luoghi animati dal Milano Clown Festival e appuntamenti per bambini nelle zone

di Ram

20150216_90891_carnevaleMilano, 16 febbraio – Tradizione, presente, futuro. E tanti appuntamenti per i più piccoli. Il Carnevale Ambrosiano di quest’anno coniuga questi tre elementi nel segno di Expo e dei clown. “Una festa in tutta la città – ha dichiarato l’assessora al Tempo Libero, Benessere e Qualità della Vita Chiara Bisconti – con tante iniziative pensate per tutti. Anche quest’anno abbiamo scelto un Carnevale che prendesse forma dalle proposte e dalle idee di associazioni e artisti,  diffuso anche nelle zone. Per la prima volta la sfilata dei carri attraverserà le vie del centro mentre tante piazze si animeranno grazie al Milano Clown Festival. Arriveranno in città decine di artisti da tutto il mondo con oltre 130 eventi, tutti a ingresso libero. Anche quest’anno apriremo ai bambini Palazzo Marino nella giornata del sabato grasso, con spettacoli e animazioni. Saranno giorni di festa, buon divertimento a tutte e tutti”. La sfilata dei carri della FOM (Fondazione Oratori Milanesi) partirà sabato 21 alle ore 15 da Palestro per arrivare in piazza Beccaria. Si annuncia come la prima kermesse popolare targata ispirata all’Esposizione universale. Gli oratori infatti, storici protagonisti del ‘sabato grasso’, daranno vita agli elementi essenziali della cucina: pentole, forchette, cucchiai, fornelli, stoviglie di ogni genere prenderanno vita lungo il percorso della sfilata. Migliaia di spettatori vedranno così sfilare i più innovativi elettrodomestici, con avveniristiche soluzioni che cambieranno il futuro della gastronomia, della domotica e della robotica da cucina. Costumi  e carri della sfilata saranno realizzati interamente con materiale da recupero secondo lo stile che da quarant’anni gli oratori offrono alla città, accompagnando ogni Carnevale ambrosiano con una proposta educativa che prevede il coinvolgimento delle famiglie nella preparazione della festa, nella sensibilizzazione circa un tema, nella capacità di aggregare mettendo sempre in primo piano il protagonismo dei ragazzi. Da martedì a sabato il grande protagonista sarà il Milano Clown Festival, che si ripresenta in questa edizione 2015 festeggiando il suo decimo compleanno e animando più di 20 luoghi in tutta la città con esibizioni, performance, sorprese e un gran finale tutto da scoprire. Ventuno i luoghi della città attraversati dal festival, dal centro alla periferia, oltre 130 gli eventi tra teatro, proiezioni speciali, musica, incontri dedicati alla formazione,  giochi per bambini. Saranno ospiti artisti da Polonia, Spagna, Francia, Romania, Stati Uniti, Russia. In particolare, sarà ospite per la prima volta a Milano Anver The Eccentric, considerato uno dei più grandi clown al mondo.   E ancora le tante iniziative nelle varie zone, in gran parte dedicate ai bambini, i veri protagonisti del Carnevale. Non potevano mancare Cecco e Meneghina, le maschere tradizionali del carnevale ambrosiano, che riceveranno le ‘chiavi della città dall’assessore Bisconti.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]