Il 18 marzo la Lidu presenta ‘Intercity’ di Stefano Delle Cave

Saverio, Franco, Giancarlo, Samuj ed Elena, apparentemente così distanti, si ritrovano forse per caso, forse per fortuna, sullo stesso binario, su quello stesso Intercity che li condurrà verso la loro “terra promessa”.

 

Invito presentazione libro IntercityRoma, 16 marzo – Mercoledì 18 marzo, ore 18 – Piazza D’Ara Coeli 12, Roma presso la sede nazionale della LIDU sarà presentato il romanzo di Stefano Delle Cave ‘Intercity’. Rincorrere il flusso della vita contro il trascorrere inesorabile del tempo. Intercity, il romanzo scritto da Stefano Delle Cave, direttore di CNO-Webtv, è soprattutto questo: un omaggio all’esistenza senza se e senza ma, una lode all’Uomo in quanto essere dotato di un’anima, capace di amare, vivere e soprattutto sognare. Seguendo il percorso delle vite dei personaggi, che si snodano in un ritmo incalzante tra le pagine del libro, l’autore ricostruisce un ritratto fedele e a versi impietoso di vita contemporanea. Ed un tratto le storie di Saverio, Franco, Giancarlo, Samuj ed Elena, apparentemente così distanti, si ritrovano forse per caso, forse per fortuna, sullo stesso binario, su quello stesso Intercity che li condurrà verso la loro “terra promessa”. Quel treno Intercity diventa simbolo di aggregazione e d’integrazione quando, in una situazione di pericolo e bisogno, valori come la solidarietà e la mutua assistenza riescono a superare ogni ridicola barriera culturale, spesso all’origine di diversi conflitti. Così religione, etnia, sesso e rango sociale si annullano in un unico grande abbraccio per la vita. Tutti i personaggi sono accompagnati da un’antica folle passione per l’Arte, a volte repressa, altre volte sopita, ma che ridona quello slancio necessario a rimanere, ancora una volta, saldamente attaccati alla propria esistenza, gettando quell’ultima maschera d’ipocrisia, forse utile solo agli occhi del resto del mondo. L’uso magistrale del tempo cinematografico trasforma questo romanzo in un laboratorio di sperimentazione, dove la poesia si alterna al racconto in una commistione di generi volutamente lontana dai classici schemi letterari. “In fondo cos’era la vita se non una corsa contro il tempo che sta per scadere”, si chiede qualcuno nel romanzo. Proprio il tempo del viaggio, riecheggiato nelle vite di ogni singolo personaggio, diventa in questo modo utile pretesto per un percorso e un cammino interiore, simile ad un viaggio di formazione. Edito da Europa Edizione, Intercity è già stato presentato alla stampa lo scorso ottobre nella città di Napoli riscuotendo un ottimo successo. Nel corso di questa seconda presentazione, animata dal dibattito in sala di eminenti personalità del panorama culturale, politico e religioso, verranno anche letti alcuni passi del libro. All’evento prenderanno parte rappresentanti della comunità araba nel nostro Paese, come il direttore del Co-mai, dott. Foad Aodi, il direttore della LIDU (Lega Italiana dei diritti dell’Uomo) l’On. Alfredo Arpaia, la direttrice dell’INPEF (Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare) la dott.ssa Vincenza Palmieri, il regista e conduttore televisivo Anthony Peth.

 

Lidu, comitato giovani e Rete Fattorie Sociali uniti per combattere disagio sociale

Invito Tavola Rotonda Fattorie SocialiAgricoltura sociale è soluzione per reinserimento categorie svantaggiate: il lavoro rieduca i detenuti e li colloca a pieno titolo nel mondo produttivo

Roma, 1 novembre – Si è svolta a Roma, nella sede nazionale della Lidu in Piazza d’Ara Coeli 12, una tavola rotonda dal titolo ‘Fattorie Sociali : strumento di recupero delle categorie svantaggiate’, organizzata dal Comitato Lidu giovani, presieduto da Maria Vittoria Arpaia. Obiettivo dell’incontro creare una sinergia tra Rete Fattorie Sociali e comitato Lidu giovani, per dare forza alla proposta di legge presentata alla commissione agricoltura in tema di recupero delle categorie svantaggiate attraverso il lavoro nelle campagne. Il presidente nazionale della Rete Fattorie Sociali, Marco Berardo di Stefano ha mostrato in apertura lavori, un video sull’agricoltura sociale, punto di partenza per dimostrare come l’attività agricola può realizzare un reinserimento delle categorie svantaggiate nella società produttiva. “La terra da risposte efficaci ed istantanee. Siamo tutti uguali, bisogna integrarsi nel disagio” ha sostenuto Valeria Gamberini, assistente sociale e coordinatrice del progetto di inserimento lavorativo ‘Ortoemezzo’, presente all’incontro. Continue Reading

Provincia di Reggio Calabria, Antonio Eroi incontra i vertici della Lidu

antonio-eroiTra i temi affrontati con il presidente Alfredo Arpaia l’urgenza di indulto e amnistia, già ribadita da Giorgio Napolitano. Eroi chiede anche scarcerazione di Francesco Gangemi, giornalista 79enne condannato per reato di diffamazione

 Roma, 10 ottobre – “ Il messaggio alle Camere del presidente Giorgio Napolitano, che chiede con urgenza un provvedimento legislativo per risolvere la questione del  sovraffollamento carcerario, per cui l’Italia è stata sanzionata anche dalla Corte di Strasburgo, è un vero atto di coraggio che trova sponda favorevole e pieno appoggio da parte di tutti coloro che nel loro ruolo istituzionale perseguono da tempo la salvaguardia dei diritti umani” così Antonio Eroi, presidente del Consiglio provinciale di Reggio Calabria a margine di un incontro avvenuto ieri nella sede della Lidu onlus nazionale, durante il quale si è stretta un’intesa di collaborazione tra Lega Italiana dei diritti dell’Uomo e provincia di Reggio Calabria sui diritti fondamentali. Al centro del colloquio tra Eroi ed il presidente nazionale Lidu on. Alfredo Arpaia, la soluzione intravista da Giorgio Napolitano, già calendarizzata in Senato per il 15 ottobre su proposta dei senatori Compagna e Manconi, sull’opportunità di adottare indulto ed amnistia per avere poi il tempo di ridefinire gli ordinamenti che regolano il sistema carcerario. ”Appare, infatti, indispensabile avviare una decisa inversione di tendenza sui modelli che caratterizzano la detenzione, modificando radicalmente le condizioni di vita dei ristretti, offrendo loro reali opportunità di recupero” aveva detto il presidente Napolitano nel corso del discorso inviato alle Camere l’8 di ottobre. Continue Reading

La Lidu sul caso Shalabayeva: disattesi i diritti umani per interessi economici di lobby contrapposte

liduUna lettera ad Emma Bonino a firma dell’Associazione denuncia: lo Stato in crisi di sovranità mette a rischio i diritti umani a favore di potentati economici transnazionali.

Roma, 18 luglio – Mentre la mozione di sfiducia presentata dal M5S al Senato contro l’operato di Angelino Alfano sul caso di espulsione a danno di Alma Shalabanieva, la kazaka moglie del dissidente Mukhtar Ablyazov rimpatriata il 30 maggio scorso con la figlia Alua di soli sei anni, mette a rischio l’attuale Governo, la Lidu (Lega italiana diritti dell’uomo) solleva una questione di principio legata al significato più profondo della tutela dei diritti umani, intesi come cardine portante delle odierne democrazie. Non ci sta la Lidu e lo fa con una lettera rivolta ad Emma Bonino, ministro degli Esteri, e a Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica. “La Lidu rileva quanto, nell’attuale età globale, gli Stati nazionali non siano più in grado di garantire i diritti fondamentali che li connotano quali Stati liberi quando siano in gioco gli interessi d’assetti imprenditoriali transnazionali che dominano scenari più estesi dei territori sottoposti alla loro sovranità”, si legge nella lettera . Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]