“Conosciamo il mondo delle api” il 18 Agosto a “Borgomarina Vetrina di Romagna”

[AdSense-A]

 

Protagonista Cesare Brusi la cui azienda è stata insignita del prestigioso riconoscimento di “Due gocce d’oro” per la produzione 2015

Senza-titolo-14

È in programma giovedì 18 agosto 2018, a Borgomarina Vetrina di Romagna una serata culturale dedicata a: “CONOSCIAMO IL MONDO DELLE API” Protagonista dell’iniziativa  sarà l’apicoltore Cesare Brusi, la cui azienda è stata insignita del prestigioso riconoscimento di “Due gocce d’oro” per la produzione 2015  L’iniziativa si svolgerà alle ore 21, a Cervia, nel Piazzale Maffei, antistante la Torre San Michele. L’ingresso è libero. L’apicoltore Cesare Brusi tratterà un argomento di grande attualità e farà il punto sull’attività di produzione per il 2016, che presenta varie difficoltà, dovute a diverse cause.  Il riconoscimento ottenuto dall’apicoltura di Cesare Brusi, di “due gocce d’oro”, è stato attribuito dall’Osservatorio Nazionale del Miele, che si è avvalso di vari laboratori e di 70 esperti. Le giurie di esperti hanno valutato le diverse cratteristiche sensoriali, organolettiche e di gusto dei vari tipi di miele esaminati. La produzione di Brusi è stata catalogata tra i Grandi mieli d’Italia” ed e stata quindi inserita tra le eccellenze di questa produzione. Su 956 aziende partecipanti in ambito nazionale c’è stata una selezione che ha portato all’attribuzione di 12 “Tre gocce d’oro”, 105 “Due gocce d’oro” e 207 “Una goccia d’oro”.  Il riconoscimento attribuito è motivo di soddisfazione e di orgoglio, non solo per Brusi, ma per la realtà cervese che vede riconoscere a un’azienda del suo territorio un prodotto di eccellenza della biodiversità naturale. L’iniziativa del 18 agosto condurrà i partecipanti a scoprire con dimostrazioni pratiche i segreti delle api, dell’alveare, i gusti, i sapori e gli odori di un prodotto che ha una storia plurimillenaria. Brusi metterà in evidenza  l’organizzazione  sociale complessa delle api, con ruoli ben definiti e compiti differenziati: ape regina, api operaie, fuchi, ecc. Un piccolo assaggio con la descrizione dei sapori e delle caratteristiche dei vari tipi di miele darà ai partecipanti l’impressione di essere apicoltori per un giorno- Non potrà non mancare un riferimento a come inserire il miele nell’ambito di un discorso di sana alimentazione, di corretta educazione alimentare, a cominciare dal dibattito in corso sulle merende per i bambini. Non potrà mancare un altro riferimento all’attualità,legato alle preoccupazioni che la scomparsa delle api costituisca un segnale d’allarme per l’equilibrio ambientale, per la nostra vita. Pensiamo solo al ruolo delle api nell’impollinazione. Nella loro attività di “bottinare”, di raccogliere nettare e polline dai fiori delle piante, le api svolgono una funzione importante di impollinazione incrociata,  necessaria per garantire una produzione di quantità e qualità. Senza api non ci sarebbe frutta nelle nostre tavole e l’agricoltura subirebbe un grave collasso, come del resto l’equilibrio ambientale.
Parlare di api, di un insetto in pericolo, significa anche parlare di noi, del nostro futuro.

Cristina Caboni ed il profumo delle api

Intervista all’autrice dei romanzi: “Il sentiero dei profumi” e “La custode del miele e delle api”

di Francesca Rossetti

Caboni1 ®CosimoMaffione

Foto di Cosimo Maffione

Roma, 18 novembre – Cristina Caboni è una giovane donna sarda che si occupa di apicoltura e coltivazione di rose e nel tempo libero scrive bellissimi romanzi, a lei la parola.

Chi è Cristina Caboni e come nasce la Sua passione per la scrittura?

Sono una donna come tante, madre, moglie, appassionata di libri, amante di fiori e natura. La lettura e le storie mi hanno sempre affascinata e un giorno ho sentito nascere dentro di me l’esigenza di raccontare quelle avventure che affollavano la mia mente.

Lei ha scritto due romanzi, “Il sentiero dei profumi” e “La custode del miele e delle api”: di che cosa parlano?

Il sentiero dei profumi è la storia di Elena. Una ragazza che cresce in una famiglia di profumieri e che ha una grande dote: creare il profumo giusto per ogni persona. Lei conosce tutte le essenze, le sa combinare e con esse comunica le emozioni. Elena è anche una donna sensibile e gentile, che nel suo percorso di vita lotta per trovare la felicità. La custode del miele e delle api invece è la storia di Angelica Senes. Un’apicoltrice itinerante che gira il mondo su un camper in compagnia del suo cane Lorenzo, e della gatta Pepita, e si sposta da un apiario all’altro risolvendo i problemi che incontra grazie alla sua innata capacità di comprendere le api. Una serie di vicissitudini la riporta ad Abbadulche, Acqua Dolce, il paese dove era nata. E là dovrà compiere una scelta di vita, e proteggere ciò per cui è stata chiamata.

Lei si occupa di apicoltura: sono romanzi autobiografici? Quali sono gli aspetti più interessanti di questa bellissima attività?

In realtà entrambi i romanzi sono nati dalla mia esperienza. Ma nessuno di essi è autobiografico. Con entrambe le protagoniste, Elena e Angelica condivido alcune passioni. L’amore per la natura, l’attenzione per il mondo che ci circonda, la capacità di sognare.

Lei segue anche la coltivazione delle rose: quante tipologie esistono, come nascono le nuove varietà e quali significati sono legati a ciascun colore?

Le mie sono rose inglesi. Quasi tutte di Austin. Le amo profondamente perché sono capaci di regalare grandi emozioni. Sono profumatissime, i loro petali hanno sfumature affascinanti, hanno una fioritura estremamente generosa e forme diverse. Dalle rampicanti a quelle piccolissime.

Lei si occupa di profumi ed essenze naturali: come si realizzano, da quali piante e fiori e quali sono i loro utilizzi?

Le tecniche per creare essenze sono complesse e molto diverse tra di loro. La distillazione è uno dei metodi più utilizzati, ma non è adatto per tutti i fiori. Consiglio agli appassionati di leggere Il sentiero dei profumi, dove in modo semplice Elena Rossini, la protagonista, ci parla dell’antica e splendida arte della profumeria.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]