Roma,Tavola Rotonda dell’associazione Ipathia su Donne Salute e Benessere

[AdSense-B]

La senatrice Pd Giuseppina Maturani presente all’incontro :” è fondamentale per la nostra società tutelare la salute delle donne”

Senza-titolo-1

“L’incontro di oggi è solo l’inizio di una serie di appuntamenti che per l’anno in corso la nostra associazione ha in programma per tutelare la salute delle donne”, – così Tiziana Primozich, presidente dell’associazione culturale Ipathia in apertura della tavola rotonda su Donne Salute e Benessere che si è tenuta il  6 maggio alle ore 17.00 presso l’Istituto Centrale per i beni sonori e audiovisivi (ICBSA) –Roma. L’impegno dell’associazione Ipathia va di pari passo con l’iniziativa del ministro della Salute Beatrice Lorenzin che il 22 aprile di quest’anno per la prima volta ha celebrato la Giornata Nazionale della Salute della Donna, evento pensato in ottemperanza  alle indicazioni dell’Equity Act, documento promosso dall’Oms, che inserisce il principio di equità nell’accesso e nell’appropriatezza delle cure, considerando l’individuo nella sua specificità e come appartenente ad un genere con caratteristiche ben definite e specifiche. In questo primo incontro, moderato dal Prof. Antonino Bagnato (Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma)  si sono trattati temi importanti e poco conosciuti, grazie alla partecipazione di alcuni docenti dell’Università La Sapienza e Tor Vergata di Roma. “ Sono qui con voi oggi, – ha spiegato la senatrice Giuseppina Maturani che svolge il suo lavoro istituzionale in commissione sanità, – per affermare ancora una volta quanto sia importante per la nostra società tutelare la salute delle donne. Molti passi sono stati fatti in questa direzione, ma molta strada ancora bisogna percorrere, perché la buona salute femminile rappresenta un investimento per la salute dell’intera popolazione”. I lavori, aperti dalla relazione scientifica sul pavimento pelvico e sulle malattie correlate del Prof. Angelo Filippini docente di Scienze Chirurgiche al Policlinico Umberto I di Roma, che ha descritto una patologia spesso sopportata in silenzio dalle pazienti donne, sono continuati con il Prof. Massimo Vergine( La Sapienza –  Policlinico Umberto I di Roma), che ha trattato il delicato problema della ricostruzione della mammella nei casi, purtroppo sempre più frequenti, di mastectomia dovuta a malattia oncologica. A seguire la prof. Di Renzo del Policlinico di Tor Vergata con una panoramica piuttosto ampia sulla corretta alimentazione e sui conseguenti stili di vita e patologie correlate. Nella seconda parte della tavola rotonda si è voluto dare spazio anche al diverso approccio, quello olistico, con cui molti appassionati affrontano i temi della salute. Fiorella Capuano, naturopata, ha fatto un’ampia relazione su rimedi naturali e malattia intesa come processo derivante da cattive abitudini alimentari e da stress. Tra le relatrici anche Emanuela Capozzi(Ass.ne Sibilla Tiburtina) con La Musicoterapia e Danza Terapia nell’evoluzione della maternità (gravidanza e depressione post parto), Felicia Maria Bagnato (Lega Italiana Diritti Umani di Roma), che ha sottolineato l’importanza della figura femminile nella società moderna e Enrica Verlini, presidente Criticalia, che ha espresso il vivo interesse dell’associazione da lei presieduta sui temi trattati. “Il nostro lavoro – ha detto la Verlini, -è quello di vigilare e pungolare le istituzioni affinchè siano messe in campo tutte le risorse per il raggiungimento degli obbiettivi: in questo caso la tutela e la prevenzione della salute delle donne”.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]