Un vero ed intero Castello medievale a noleggio!

L’Hotel Castello di Petroia (PG), autentico maniero su una collina tra Gubbio e Perugia, con il suo immenso parco naturale è il luogo speciale per nozze da Signori, cene ed eventi.

image001Perugia, 16 settembre, 2015- Per festeggiare un evento importante ci sono tanti posti eleganti, lussuosi e scintillanti, ma è raro avere il privilegio di noleggiare un intero castello. Non un maniero artefatto, come spesso se ne trovano in giro per l’Italia, ma un autentico castello medievale dalla storia millenaria: la fortezza dove è nato il Federico da Montefeltro, che poi è diventato il duca di Urbino, uno dei più importanti signori del Rinascimento. L’Hotel Castello di Petroia si trova su una collina immersa nella natura umbra sulla strada provinciale che collega Gubbio con Perugia, ed ha le forme di unvero borgo medievale, impreziosito dalla torre del 1.100 e da un mastio con torrette di tiro. È qui che da almeno mille anni gli antichi signori festeggiavano i momenti più importanti della loro vita, danzando nei grandi saloni e sulla terrazza incastonata tra le strutture del borgo su un’ampia valle di boschi ed alberi secolari. Ed è qui che la vecchia torre è stata testimone degli attimi magici vissuti da tanti sposi, come nel caso del matrimonio di Pier Francesco Conte di Petroia e Donna Monalduza il 10 ottobre 1357. Le nozze in un vero castello medievale sono un sogno che si può realizzare. Lo staff si occupa di ogni dettaglio, a partire dalla scelta della chiesa o di prendere contatti con il Comune di Gubbio per il rito civile. Il parco naturale di 230 ettari che circonda l’imponente maniero e gli spazi verdi curati che avvolgono la piscina immersa tra gli ulivi possonodiventare il luogo speciale in cui allestire una cerimonia bucolica all’aperto. Ma le bellissime sale del castello: la sala Accomandugi al piano terra dagli arredi antichi e le luci soffuse, e la Sala Guidobaldo al piano nobile con camino del ‘300-‘400 e la vista sulla valle, sono l’ideale per pranzare o cenare con tutti gli invitati. Basta scegliere l’allestimento che si preferisce con gli esperti della fortezza. La stradina in pietra che attraversa il borgo medievale e che conduce alla torre e alla terrazza di notte si illumina di suggestive fiaccole ardenti. E lo Chef Andrea Laurenzi è pronto a consigliare ai promessi sposi il menu ideale, di carne o di pesce, ma sempre a base di prodotti freschi. Il cuoco è specialista della pasta fatta a mano ed ama mescolare tradizione e creatività. Può deliziare gli ospiti con le carni di Chianina che pascolano nella tenuta del maniero e con il tartufo appena raccolto dal cane Stella nel parco del castello. Mentre il maitre Paolo Belardi consiglia i vini umbri come il Montefalco o il Sagrantino Docg o italiani selezionati dalla cantina. L’atmosfera si fa fiabesca se lo sposo arriva su un elegante cavallo frisone dal manto nero e la criniera al vento (si possono noleggiare nel maneggio vicino all’hotel) e diventa speciale quando tutti gli invitati si ritirano nelle preziose 13 camere dai soffitti in legno e gli ambienti in pietra, mentre marito e moglie (ma non solo) si godono il privilegio di una vasca idromassaggio circolare per la prima notte di nozze o il soggiorno nella storica torre. L’intero Castello di Petroia si può noleggiare anche per cene e per altri eventi particolari. E può trasformarsi anche in un regalo speciale, grazie all’iniziativa “In dono un Sogno”, che permette di acquistare un buono regalo per un soggiorno, una cena nel maniero o una sorpresa personalizzata.

Spade e sapori nel Festival del Medioevo di Gubbio

Il Castello di Petroia (PG), vero maniero medievale dove è nato Federico da Montefeltro, ospita 2 eventi speciali durante la manifestazione che dal 30 settembre al 4 ottobre 2015 celebra il “tempo di mezzo”.

image001Perugia, 9 settembre, 2015-  Un autentico castello medievale, dalle mura millenarie, che appare come una visione su una collina che si apre al paesaggio umbro, sulla strada tra Perugia e Gubbio. Questo maniero – che si sviluppa come un borgo, dove spicca una vera torre del 1.100 e un mastio con torrette di tiro e che oggi è l’Hotel Castello di Petroia (PG) – è uno dei luoghi speciali del Festival del Medioevo, la manifestazione che dal 30 settembre al 4 ottobre 2015 trasforma Gubbio e il suo territorio (che conserva intatte architetture, palazzi storici e suggestioni medievali) in una dimensione in cui il tempo si è fermato al periodo che va dal 476 al 1492. In 5 giorni si potranno vivere 10 secoli di storia, viaggiando in un’escursione culturale affianco ad autori e scrittori studiosi del “tempo di mezzo”, mostre, mercati, spettacoli, cibi ed esibizioni, nella città più medievale che c’è. Il Castello di Petroia, che vanta l’orgoglio di aver dato i natali a Federico da Montefeltro, e che ha conservato identici gli ambienti e stanze che furono abitati dai signori del tempo (13 le regali camere per gli ospiti), come mainsponsor del Festival del Medioevo ha organizzato 2 eventi molto particolari che catapulteranno gli ospiti nella vera vita medievale. Degustando una cena a base di ricette frutto di ricerche sulla cucina del “mondo di mezzo”, preparate ad arte dallo Chef Andrea Laurenzi, giovedì 1° ottobre nell’atmosfera dalle candele soffuse della Sala degli Accomandugi – il ristorante che porta il nome della famiglia di Elisabetta, dama di compagnia della duchessa di Urbino, che rimasta incinta del duca Guido Antonio da Montefeltro fuggì a Petroia dove di nascosto diede alla luce il celebre Federico – ,cavalieri vestiti di armature si sfideranno in un duello di scherma storica. Oltre alla spettacolare sfida, sveleranno ai commensali tutte le tecniche e le armi usate in duelli cavallereschi italiani e tedeschi medievali e rinascimentali. L’evento “… e durante la cenaincrociaron le spade” costa 40 euro a persona. Sabato 3 ottobre invece i visitatori saranno gli ospiti d’onore di una cena storica nella Sala degli Accomandugi, Qui, in un’ambientazione autentica, saranno i protagonisti del “Ritorno a Petroia”, degustandopiatti dalle origini del XIII e XIV secolo, immersi nello spettacolo teatrale scritto ed interpretato dall’attore Giuseppe Brizi, con musiche e testi originali.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]